Traduci

sabato 26 ottobre 2013

"Eppure possiamo ancora vedere i segni di Dio , in questo inferno che è diventato Aleppo"





         Intervista a Claude Zerez di Aleppo


F.C.S.O. 18 ottobre 2013 

1 - Come vede il destino dei cristiani di Aleppo ?

Io sento che Dio , facendoci nascere in questa terra di Siria , aveva un piano per noi e su di noi e ci ha chiesto di continuare a portare la fiaccola della fede tramandata dai nostri antenati che furono sottoposti prima di noi alla sofferenza della persecuzione .

Ho appreso oggi che i cristiani di Yabroud " e Kalamoun sono stati costretti a pagare una " jizya " mensile ai " takfiristi " [ 1 ] .

Il pericolo che incombe è molto grande , e i consigli alla prudenza ci portano ad allontanarci da zone calde e persino a lasciare il paese in attesa di una soluzione alla guerra .
Molti martiri cristiani sono caduti . I nostri figli , i nostri soldati , le nostre donne , quasi tutte le famiglie sono colpite ... Inoltre , centinaia di famiglie cristiane hanno perso le loro case e si sono ritrovate in miseria , prese dalla fame o trascinate in perdizione .

Nonostante l'emigrazione di decine di migliaia di Cristiani siriani , ce ne saranno sempre, sappiamo che rimarranno qui sul posto e continueranno a brillare con la vivacità della loro fede , la luce di Cristo .


2 - Pensa che la sorte dei Cristiani di Aleppo sia diversa da quelli del resto della Siria ?

Credo che Aleppo sia la città che ha subito il maggior danno per la guerra , con la distruzione di più di metà della città , naturalmente , ma ora soprattutto per la carenza di molti beni essenziali per la vita quotidiana . Tuttavia, altre città , come ad esempio Raqqa , Tabqa , Yacoubieh e Maaloula sono state svuotate di ogni presenza cristiana con la distruzione di chiese e le stragi di famiglie cristiane ...

Dobbiamo riconoscere che la tentazione di lasciare la Siria oggi è grande, ma in Aleppo, sia i cristiani poveri , ma anche i membri della ricca borghesia , rimangono attaccati alla loro città. Coloro che restano sul posto possono sopravvivere solamente facendo affidamento sul supporto dei musulmani con i quali condividono il quartiere, la sofferenza e l' assedio della città , ma anche , e altrettanto, sui soldati dell'esercito arabo siriano .


3 - Qual è il sentimento che vi sostiene mentre siete assediati in Aleppo ?

La sensazione potrebbe essere la stessa che ha ispirato la mia nonna nel 1915 , quando gli Ottomani avevano assassinato 38 suoi familiari in Mardin in Turchia ... In quel periodo, sacerdoti e vescovi armeni sono stati uccisi dalle sciabole degli Ottomani . Il mio sentimento è un misto di preoccupazione , di fiducia in Dio , di vicinanza ai martiri ed in particolare a quelli dei primi tempi del cristianesimo . Sembra che la storia si ripeta 
Aleppo assediata, mancante dell'essenziale, ci porta sostanzialmente più vicini ai paesi più poveri , ai popoli dell'Africa soggetta ai capricci del clima , che a volte avevamo considerato con indifferenza . Ora, io non guardo più i poveri allo stesso modo!

Questa crisi che viviamo dentro di noi , ha portato a galla i bei momenti della nostra vita che avevamo vissuto prima dell'inizio della guerra, ma di cui noi ci lamentavamo a torto . Questi momenti sono stati, in realtà, così dolci ….


4 – Riesce a pregare nel cuore della violenza ? Che preghiera dice?

Al centro di questa violenza e con la perdita della nostra amata figlia , Pascale , la preghiera è diventata più profonda ,  si è sviluppato con Dio un vero rapporto che ci dà la fiducia e ci dà il riposo interiore, è la nostra boa in questo mare di violenza e di odio . Ogni giorno torno ad ascoltare le canzoni che mia figlia interpretava , soprattutto la preghiera bizantina dell'inno Akathistos e la Paraclicis della Beata Vergine.


5 - Riesce ancora a vedere i segni di Dio in questo inferno che è diventato Aleppo ?

Certamente: abbiamo visto preti, monaci e laici , pieni di buona volontà , organizzare programmi e attività per aiutare le famiglie completamente indigenti .

La paralisi e la difficoltà ad uscire di casa , hanno portato un' apertura di cuore . I rapporti tra vicini di casa sono cambiati . I vicini della stessa religione o di un altro edificio o del quartiere, alla fine son diventati come una grande famiglia. 
"L' umanità divina" , in mezzo alla violenza , sembra come il ritorno della natura in una città deserta, essa è tornata in tutta la sua forza e allora non si ha più paura di nulla . In Aleppo , possiamo dire che l' umanità divina  si è vista nella solidarietà , la simpatia e la fedeltà dei beduini , questa categoria sociale spesso vista da alcuni come incivile , ma il cui coraggio e lealtà ci hanno edificato durante la nostra prova .


6 - I giovani hanno ancora il gusto della preghiera ?

Ciò che ci preoccupa di più sono i giovani disoccupati che non hanno più chiaro il futuro e vivono in un vuoto spirituale . Ora anche molti giovani si sono allontanati dalla preghiera preferendo impegnarsi in vie che non sono altro che tanti vicoli ciechi umani : la milizie combattenti, l'esilio attraverso canali illegali , le droghe, ecc .


Se la preghiera ha perso terreno tra i giovani , i movimenti ecclesiali hanno però trovato un rinnovato interesse, come gli Scout, la JEC e UCS .


7 - Avete ancora il cuore di cantare in Aleppo ? Avete la forza di amare ?

Anche nei momenti difficili durante le minacce americane di colpire la Siria , mentre il mondo temeva la terza guerra mondiale , i siriani hanno continuato a vivere normalmente . La vita continua ed i momenti di gioia esistono ancora in occasione di matrimoni , di incontri in famiglia o tra amici . Ciò non impedisce l'ansia o che l'angoscia continui a regnare nei cuori.


8 - Che preghiere consiglierebbe agli amici dei Cristiani di Siria , che vivono lontano da voi ?

Non abbiamo una preghiera specifica da consigliare . La cosa importante è pregare , anche una semplice preghiera .


9  - Può citarci la preghiera che trova più bella nei vostri riti greco-melkita cattolico , greco-ortodosso , maronita , siro-cattolico , siro-ortodosso?

Tra i greco - melchiti cattolici e i greco-ortodossi , quella che può essere descritta come la più bella preghiera  è la preghiera recitata dai fedeli nella Chiesa di Santa Sofia , quando invocavano la Vergine Maria  alla vigilia dell'assedio di Costantinopoli da parte degli Ottomani نحن عبيدك يا ​​والدة الأله : " O Madre di Dio , siamo i tuoi servitori , chiediamo dei segni di vittoria , o invincibile protettrice . Offriamo il nostro ringraziamento a Te salvatrice dai pericoli . Ma, poichè sei invincibile, ci libererai da ogni tipo di pericolo . Quindi dovremo piangere e gioire , o sposa senza sposo" . افرحي يا عروسة لا عريس لها " .

Per i maroniti questa bella preghiera , " يا ام الله يا حنونة : O Madre di Dio , o dolce , o tesoro di grazia e di soccorso, abbi pietà di noi e dei nostri morti . Anche se il tuo corpo è lontano , o Vergine nostra Madre, le tue preghiere ci riuniscono e restano con noi e ci proteggono . Intercedi presso tuo Figlio per perdonarci i nostri peccati con la sua tenerezza . Non ci abbandonare " ...

I Siriani [ siriaci ] cattolici e ortodossi pregano السهرانة [Al Sahranah ] "Colei che veglia" : "Aprici la porta dell'amore , benedetta e santa Madre di Dio: contando su di te noi saremo esauditi e salvati da ogni pericolo. Tu sei la "salvezza" di tutti i cristiani " ...


10 - Secondo lei, nella storia , che cosa ha portato la preghiera alla Siria e al suo popolo ?



I Padri della Chiesa d'Oriente con Sant'Efrem,  Romano il Melode di Homs , san Giovanni Damasceno , San Basilio il Grande, San Gregorio di Nissa , San Giovanni Crisostomo detto "Bocca d'Oro" , S. Marone, e poi monaci , eremiti e stiliti come S. Simeone il Vecchio e coloro che lo seguirono , ci hanno lasciato bellissime preghiere di grande ricchezza, purtroppo ignorate dai fedeli stessi . Forse questa crisi siriana farà aprire gli occhi dei Cristiani circa il loro patrimonio di invocazione e li renderà consapevoli della necessità di mettere la preghiera del loro padre sulle loro labbra , e su quelle dei loro figli .


11  - A parte la preghiera , che tipo di aiuto vi aspettate dall'estero ?

Ci auguriamo che i popoli delle nazioni occidentali mostrino ai loro dirigenti politici gli errori di giudizio e di orientamento. I governi occidentali hanno seguito una via ingiusta e disumana . Con la loro politica sbilanciata  hanno ucciso la nozione di giustizia , come si può aspettare che la gente vi creda ancora ? Il loro discorso sulla tutela delle minoranze in Occidente si è rivelato un discorso menzognero . Sessanta anni di comunismo non l'hanno avuto vinta sulla fede russa . Due secoli di rivoluzione francese e la sua cattiva influenza sugli altri paesi del mondo non faranno scomparire la vocazione cristiana delle persone che non possono vivere senza un Dio vicino a loro, confortante e compassionevole . I Cristiani in Medio Oriente non sono altro che un membro di questo corpo ecclesiale tutto intero.


Infine , l'aiuto spirituale non è senza supporto materiale . Cosa può fare un fragile corpo malato non adeguatamente attrezzato ? Intorno a noi , vi è un urgente bisogno di aiuto per la sussistenza minima. 
Siatene certi,  non è il capriccio alimentare che è in pericolo , ma quel che è carente adesso è il cibo vitale . Se un adulto può sopportare meglio la mancanza , se è in grado di trovare cibo anche nelle avversità , questo non è il caso dei bambini , degli anziani, delle donne fragili , ecc .... 
Grazie per tutti i buoni propositi con cui vorrete soccorrerci.

[ 1 ] Coloro che rifiutano ogni presenza non musulmana in " terra dell'Islam ".

http://www.fcsartheorient.com/nouvelles-d-orient/arrive-t-onencoreavoirdessignesdedieudanscetenferquestdevenualep



AGGIORNAMENTO DA ALEPPO IL 26 -10 POMERIGGIO 

Nella notte il quartiere di Midane è stato attaccato da 2mila miliziani Takfiristi , che hanno preso possesso del Convento dei Gesuiti San Vartan. Grande panico nel quartiere cristiano  di  Sulaymanieh che si trova subito oltre la linea del fuoco, dove l'armata governativa combatte accanitamente contro i ribelli: i cristiani chiedono preghiere perchè sia risparmiata ad Aleppo la sorte dei cristiani di SADAD , ostaggi dei ribelli e assediati senza rifornimenti. 

leggi su: 
http://www.leveilleurdeninive.com/2013/10/alep-le-couvent-saint-vartan-des.html

Salvate SADAD!

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie