Traduci

domenica 21 luglio 2024

La Siria rimarrà la culla delle civiltà

Trailer del film “Il giuramento di Ciriaco / The oath of Cyriac” di Olivier Bourgeois (Andorra, 2021; 73’).
Per la prima volta viene mostrata al pubblico l’opera di archeologi, operai e custodi che nel 2011 ha permesso di portare in salvo 24mila reperti sotto i bombardamenti e il tiro dei cecchini, consentendo la rinascita del museo di Aleppo, e scongiurando il disastro avvenuto al museo di Baghdad.
Il titolo del film-evento è un omaggio a Ciriaco d’Ancona, il più prolifico studioso delle antichità greche e romane del XV secolo, riconosciuto come uno dei padri fondatori dell'archeologia classica moderna.
Ciriaco d'Ancona aveva giurato a sé stesso di salvare le antichità condannate a scomparire. Proprio come hanno fatto i protagonisti del film.


L'ambasciata siriana a Cipro ha organizzato all'inizio di giugno un incontro culturale presso il Centro Culturale di Nicosia dal titolo: “ Nonostante il terrorismo… La Siria rimarrà la culla delle civiltà ”.
 È stato proiettato il film “ Il giuramento di Kriakos ”, che ha vinto più di 20 premi in festival internazionali, così come il film “ Il sangue delle palme ” sulla città storica e archeologica di Palmira.

 Erano presenti ambasciatori del mondo arabo, membri del corpo diplomatico e rappresentanti delle Chiese ortodossa e armena a Cipro . 

L'ex direttore del Louvre, André Parrot, sosteneva che ogni cittadino civile ha due patrie, la sua e la Siria!

Saluti da Qara - Syria- da Padre Daniel

martedì 16 luglio 2024

Ancora sulle ventilate aperture e ripresa dei rapporti tra Siria e Turchia

 

  Iniziamo dal 'Comunicato ufficiale del Ministero degli Affari esteri e degli Espatriati' 

In un momento in cui si prendono posizioni e si fanno dichiarazioni sulle relazioni tra Siria e Turchia, la Repubblica Araba Siriana desidera ribadire che ha sempre tenuto a fare una chiara distinzione tra i popoli, da un lato, e le politiche e le pratiche dei governi che hanno danneggiato la Siria e i loro stessi Stati, dall'altro, come dimostrato da fatti ed eventi. 

La Siria era e rimane fermamente convinta che gli interessi degli Stati risiedano in relazioni sane, non nel confronto o nell'ostilità. Ed è sulla base di tale convinzione che ha voluto trattare positivamente le varie iniziative proposte per migliorare le relazioni con questi Stati, così come le iniziative volte a correggere le relazioni turco-siriane. 

La Siria ritiene che l'esito di queste iniziative non sia un affare mediatico, ma piuttosto un processo preciso basato su fatti comprovati e costruito su principi definiti che regolano le relazioni tra i due Paesi. Un rapporto basato sul rispetto della sovranità, dell'indipendenza e dell'integrità territoriale e sulla risoluzione di qualsiasi minaccia alla sicurezza e alla stabilità nell'interesse di entrambi i Paesi e dei loro due popoli.

La Siria afferma che qualsiasi iniziativa in tal senso deve essere costruita su basi chiare per raggiungere e garantire i risultati desiderati, ovvero il ritorno delle relazioni tra i due Paesi al loro stato normale. Tra queste basi, la più importante è il ritiro delle forze illegalmente presenti sul territorio siriano e la lotta contro i gruppi terroristici che minacciano non solo la sicurezza della Siria, ma anche quella della Turchia.

La Siria esprime la sua considerazione e i suoi ringraziamenti ai Paesi fratelli e amici che stanno compiendo sforzi sinceri per correggere le relazioni turco-siriane e afferma che il ritorno a relazioni normali tra i due Paesi implica il ritorno alla situazione che prevaleva prima del 2011, che è il pilastro della sicurezza e della stabilità in entrambi i Paesi.

Damasco, 13 luglio 2024

Fonte: https://www.palestine-solidarite.fr/2024/07/14/communique-du-ministere-syrien-des-affaires-etrangeres-et-des-expatries/

La risposta del Presidente Al-Assad a un possibile incontro con il Presidente Erdogan

“L'incontro con il presidente Erdogan presuppone che abbiamo raggiunto una fase in cui la Turchia è pronta a ritirarsi completamente dal territorio siriano in modo chiaro e inequivocabile, a smettere di sostenere il terrorismo e a riportare la situazione a quella che era prima dell'inizio della guerra in Siria.

Questa è l'unica situazione che potrebbe portare a un incontro tra me ed Erdogan. Altrimenti, quale sarebbe l'importanza di un tale incontro e perché farlo se non porta a risultati definitivi riguardo alla guerra in Siria? Ora, a causa della guerra in Siria, del ruolo negativo della Turchia in questa guerra e dell'invasione del territorio siriano da parte dell'esercito turco, non è stato più possibile comunicare direttamente con la Turchia.

Per noi la Turchia è uno Stato occupante. Qui sta l'importanza del ruolo svolto dai Russi, dato che sono in contatto con la parte turca, che hanno un buon rapporto con la parte siriana e che abbiamo fiducia in loro. Hanno svolto il ruolo di mediatori per facilitare queste comunicazioni [tra le parti turca e siriana], ma nel quadro dei principi su cui si basa la diplomazia russa: il rispetto del diritto internazionale, il rispetto della sovranità degli Stati, il rifiuto del terrorismo, l'unità territoriale e la sovranità della Siria sul suo territorio, il ritiro delle forze straniere illegali presenti sul territorio siriano.

Nell'ambito di questi principi, tutto ciò che potrebbe cambiare il processo della guerra e portare alla sua fine, con la restituzione di tutti i diritti dei siriani, la restituzione dei territori occupati e il ripristino della piena sovranità dello Stato siriano, ci porta necessariamente a tentare l'esperimento, anche se a volte abbiamo poche speranze che porti a risultati concreti.

Infatti, non dobbiamo lasciar passare nessuna opportunità senza tentare, perché essa potrebbe, nonostante la scarsa speranza, contenere la soluzione.

È a questo che la Russia sta lavorando in collaborazione con la Siria, facendo dei tentativi che si aggiungono ad altri tentativi di dialogo, come sapete, a Ginevra o altrove; tutti questi tentativi sono finalizzati al ritorno della stabilità in Siria”.

Damasco, 14 luglio 2024

Fonte: InfoSyrie.fr

  

Rimandiamo i lettori all'interessante articolo di Mikhael Awad apparso sul sito Mondialisation.ca il 5 luglio 2024 dal titolo : 

Quali sarebbero le ragioni della nuova apertura di Erdogan verso la Siria? 

con la possibile ipotesi di risposta :

"Pertanto, il problema più serio, che probabilmente giustifica questa ricerca di riconciliazione con il presidente siriano, è che gli Stati Uniti non stiano seriamente accelerando l’attuazione del loro vecchio/nuovo “ progetto per creare il Grande Kurdistan ”. Un progetto che è diventato una necessità urgente per gli Stati Uniti e le sue lobby globaliste, ora che Israele è diventato un fardello pesante e la sua capacità di proteggere i loro interessi è ormai inesistente.  Gli Stati Uniti non lasceranno la regione né accetteranno di essere sconfitti. Il loro ritiro significherebbe necessariamente il loro declino a livello globale, come è avvenuto con gli imperi che li hanno preceduti e che sono stati sconfitti per mancanza di progetti alternativi.    Il Grande Kurdistan è proprio il progetto alternativo degli Stati Uniti e dei globalisti. Un’alternativa a Israele che ha fallito e ha reso il suo dispiegamento militare navale costoso e inefficace, come nel caso della guerra contro gli Houthi yemeniti...."....

  Concludiamo con  l'articolo di Steven Sahiounie , apparso su Mideast Discourse sul cambiamento monumentale nella politica del Qatar verso il ripristino dei legami diplomatici con la Siria (traduzione da Google).

L'emiro del Qatar, Tamim al Thani, ha recentemente dichiarato di sostenere le proteste di piazza a Idlib, dove la gente protesta contro il governo dittatoriale del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham (HTS).
Ciò segna un cambiamento monumentale nella politica del Qatar e forse il primo passo verso il ripristino dei legami diplomatici con la Siria.


A partire dal 2011, con la guerra condotta dall'amministrazione Obama tra Stati Uniti e NATO in Siria per un cambio di regime, il Qatar è stato un alleato stretto e leale degli Stati Uniti ed è stato utilizzato come finanziatore dei vari gruppi terroristici insediati in Turchia e trasportati attraverso il confine fino a Idlib.


Lo sceicco Hamad bin Jassim bin Jaber bin Mohammed bin Thani Al Thani, ex Primo Ministro del Qatar e Ministro degli Esteri fino al 2013, ha rilasciato un'intervista in cui ha ammesso che il Qatar ha fornito il denaro per finanziare i terroristi in Siria mentre attaccavano il popolo e lo Stato siriani. Ha chiarito che il denaro consegnato era sanzionato e amministrato dagli Stati Uniti in Turchia. Il Qatar non stava lavorando da solo, ma sotto una partnership strettamente controllata con il governo degli Stati Uniti.


Nel 2017, il presidente Trump ha chiuso l' operazione Timber Sycamore della CIA , che gestiva il fallito progetto di rovesciare il governo siriano.


Il Qatar sta ora voltando le spalle ai terroristi che occupano Idlib. Mohamed al-Julani è il leader di HTS. È siriano, cresciuto in Arabia Saudita, ha combattuto con Al Qaeda in Iraq contro gli Stati Uniti, si è alleato con il fondatore dell'ISIS Baghdadi, è arrivato in Siria dall'Iraq per sviluppare Jibhat al-Nusra, la branca di Al Qaeda in Siria.


Una volta che Jibhat al-Nusra è diventato un gruppo terroristico fuorilegge, Julani ha cambiato il nome in HTS per preservare il suo sostegno da Washington, DC. Anche se gli Stati Uniti hanno una taglia di 10 milioni di dollari sulla sua testa emessa dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, è al sicuro e protetto a Idlib, dove i giornalisti americani lo hanno visitato per interviste, in cui ha indossato un abito e una cravatta, desiderando presentarsi come un terrorista di ispirazione occidentale su cui gli Stati Uniti possono contare.
Quando l'esercito arabo siriano e l'esercito russo sparavano un proiettile verso i terroristi a Idlib, gli Stati Uniti lo denunciavano come un attacco a civili innocenti. Ciò ha mantenuto Julani al sicuro e protetto, e responsabile degli aiuti umanitari in arrivo attraverso il confine dalla Turchia. Gli aiuti provenivano dall'ONU e da varie organizzazioni benefiche internazionali. Mentre i 3 milioni di persone che vivono a Idlib non sono tutti terroristi, tutti gli aiuti passano attraverso le mani di Julani e dei suoi scagnozzi . Se ti inchini a Julani, ottieni la tua quota di razioni, ma se ti sei lamentato, ti viene negata. Coloro che sono tagliati fuori dagli aiuti possono acquistare le loro provviste da Julani nel suo Hamra Shopping Mall, che ha costruito a Idlib, dove vende tutti gli aiuti in eccesso inviati a Idlib.


I civili di Idlib sono scesi in piazza per protestare contro il governo di HTS . Molte persone sono state arrestate da HTS, alcune torturate e altre uccise. La gente chiede che Julani se ne vada.

Chiedono libertà e un'amministrazione equa. Le varie agenzie di aiuti si sono lamentate del fatto che HTS non consentirà alcun programma gratuito per le donne, come l'apprendimento di competenze occupabili . Alle donne lì non è consentito cercare lavoro, tranne in luoghi riservati alle sole donne. HTS governa con una rigida forma di legge islamica, che interpreta a proprio vantaggio.
Arabia Saudita e Siria hanno stabilito relazioni normali e complete, con uno scambio di ambasciatori. Al vertice della Lega araba di maggio in Bahrein, il principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohamed bin Salman (MBS), ha incontrato personalmente il presidente siriano Bashar al-Assad. Si sono incontrati anche al precedente vertice della Lega araba in Arabia Saudita.


MBS ha annunciato di recente un finanziamento umanitario all'ONU per riparare 17 ospedali in Siria, danneggiati dal terremoto di magnitudo 7.8 che ha causato la morte di 10mila persone.

MBS ha anche inviato pezzi di ricambio per gli aerei commerciali della Syrian Air, che avevano sofferto a causa delle sanzioni statunitensi e a cui Washington aveva impedito di mantenere la propria sicurezza. Di recente, i primissimi aerei siriani hanno iniziato a volare in Arabia Saudita per la prima volta in 12 anni, per compiere il pellegrinaggio dell'Haj.


Il 30 maggio, il leader dell'Iraq ha detto che spera di annunciare presto una normalizzazione Turchia-Siria. La Turchia, come il Qatar, ha sostenuto i vari gruppi terroristici in Siria in cooperazione con gli Stati Uniti.
Anche la Turchia ha cambiato posizione e sta cercando un modo per uscire da Idlib e dalle altre aree che occupa in Siria, in preparazione di un re-set con Damasco.


I rapporti tra gli USA e Ankara sono rimasti tesi dopo che gli USA hanno stretto una partnership con le Forze di difesa siriane (SDF). La Turchia considera le SDF come una branca del PKK, il gruppo terroristico internazionale fuorilegge che ha ucciso 30.000 persone in tre decenni, mentre desiderava stabilire uno Stato curdo.
Le SDF stanno pianificando di tenere elezioni l'11 giugno nel tentativo di ottenere il sostegno occidentale per uno Stato curdo. Erdogan ha dichiarato che la Turchia non permetterà mai che ciò accada.


Se le SDF deponessero le armi, potrebbero riparare i loro rapporti con Damasco e, allo stesso tempo, la Turchia potrebbe ritirare le sue forze di occupazione dalla Siria. Con la Turchia fuori dalla Siria, il loro processo di normalizzazione potrebbe iniziare.
Quando le SDF avranno riparato i loro rapporti interrotti con Damasco e la minaccia turca non esisterà più, allora l'esercito statunitense potrà ritirare la sua forza di occupazione di 900 uomini dalla Siria.

Di recente, il generale Mazloum, leader delle SDF, ha affermato che i problemi tra curdi e Damasco sono problemi interni e ha messo in guardia contro qualsiasi ingerenza straniera, in particolare da parte della Turchia.


La situazione sta cambiando rapidamente in Siria. L'economia è crollata, con un tasso di inflazione superiore al 100% nell'ultimo anno a causa delle paralizzanti sanzioni statunitensi. Poiché l'esercito statunitense sta occupando il più grande giacimento di petrolio e gas in Siria, ciò impedisce la produzione di elettricità per la rete nazionale e i siriani vivono con tre ore di elettricità al giorno.


Le sanzioni statunitensi impediscono l'importazione di alcuni dei medicinali più essenziali, poiché le aziende mediche occidentali temono di incorrere nelle sanzioni statunitensi e hanno creato una cultura di eccessiva conformità, che priva i cittadini siriani di medicinali salvavita e forniture mediche.

I campi di battaglia sono rimasti in silenzio per anni e il silenzio si è trasformato in uno status quo, in cui la politica estera americana e turca ha impedito una risoluzione del conflitto che ha distrutto vite umane e ha provocato la più grande migrazione umana della storia recente, mentre i siriani cercano lavoro all'estero.


Turchia, Arabia Saudita e Qatar hanno tutti svolto ruoli significativi assegnati loro dal Dipartimento di Stato americano sotto l'amministrazione Obama. C'è una luce alla fine del tunnel con l'inversione di rotta delle politiche nei confronti della Siria, e Qatar e Turchia sono destinati a svolgere ruoli importanti nel processo di ripresa in Siria. Questi capovolgimenti sono anche significativi in ​​quanto segnano un cambiamento nelle relazioni tra gli Stati Uniti e diversi paesi della regione. Questo fa parte del "Nuovo Medio Oriente" che Washington ha invocato, ma il ruolo svolto dagli Stati Uniti li ha lasciati perdenti.

Fonte: https://mideastdiscourse.com/2024/06/03/syria-on-the-brink-of-recovery-as-qatar-and-turkey-change-their-policies/

sabato 13 luglio 2024

'Ribellione dei ribelli' sponsorizzati da Turchia nel Nord della Siria

 

di Mauro Indelicato da INSIDEOVER

Bandiere turche date alle fiamme, blindati dell’esercito di Ankara assaltati e oggetto del lancio di pietre e ordigni rudimentali: lo scenario descritto non appartiene a quello delle fasi più calde dello scontro tra turchi e curdi. Al contrario, il contesto in questione riguarda il Nord della Siria. Proprio le regioni cioè che diversi anni sono controllate quasi direttamente da Ankara.

Centinaia di siriani hanno assaltato postazioni turche, con il governo di Erdogan costretto a emanare una nota urgente in cui si ordina l’evacuazione dei funzionari turchi presenti nel cantone di Afrin, a Nord di Aleppo, e in alcune aree della provincia di Idlib.

La Turchia e il Nord della Siria

Per comprendere al meglio cosa sta accadendo, occorre fare un passo indietro e ricordare il motivo per cui dei blindati e dei mezzi di Ankara sono presenti all’interno di questa parte del territorio siriano. La Siria, come ben noto, sta affrontando una dura 'guerra civile' dal 2011 e il presidente turco Erdogan, già dai primi mesi di conflitto, ha sostenuto attivamente i gruppi definiti ribelli che hanno imbracciato le armi contro il governo del presidente Assad.

Una mossa che però si è rivelata un boomerang: lo sfaldamento dello Stato siriano nel Nord del Paese, nelle zone cioè confinanti con la Turchia, ha portato al rafforzamento dei curdi siriani i quali hanno iniziato a controllare vaste porzioni di territorio lungo le frontiere turche. Non solo, ma la guerra ha anche comportato per Ankara l’afflusso massiccio e incontrollabile di milioni di profughi

Nel 2016, a seguito del riavvicinamento tra Erdogan e Putin, con quest’ultimo primo sponsor di Assad, si è giunti a un compromesso: la Turchia non avrebbe più lavorato per abbattere il potere del presidente siriano, in cambio Mosca ha concesso l’opportunità a Erdogan di entrare in territorio siriano in funzione anti curda. Ankara ha così sostenuto e armato interi gruppi di ribelli, spesso riconducibili alla galassia islamista, i quali hanno solidificato il proprio potere nelle aree settentrionali della Siria. Si tratta di formazioni che non hanno la forza di creare veri e propri apparati amministrativi, Erdogan ha così inviato soldati, poliziotti e funzionari per controllare il territorio in possesso dei suoi alleati.

Gli scontri tra siriani e turchi

A partire da sabato però, sia da Afrin che da alcune aree della provincia di Idlib, sono arrivate immagini di battaglie urbane ingaggiate dai combattenti siriani proprio contro i turchi. I soldati di Ankara sono stati colti di sorpresa e hanno dovuto improvvisamente organizzarsi per difendere le postazioni e, in certi casi, anche abbandonare alcune aree sotto il loro controllo. Particolarmente significativo che gli scontri più importanti siano avvenuti ad Afrin: cantone in maggioranza curda prima della guerra, qui gran parte dei miliziani presenti sono stati direttamente armati e addestrati dai turchi e vengono ancora oggi finanziati per fronteggiare la mai domata guerriglia curda.

Al momento è difficile capire quali sono le sigle ribelli che hanno ingaggiato gli scontri contro i turchi. Nei video, alcuni combattenti indossano le divise del Free Syrian Army (Fsa) sostenuto dalla Turchia, altri invece non hanno uniformi addosso ma appaiono ben addestrati nell’uso di armi e ordigni. Non si tratterebbe quindi di civili, bensì di quegli stessi miliziani appoggiati da Erdogan.

Un delicato equilibrio

Ma qual è l’origine degli scontri? Inizialmente tutto era stato ricollegato alle frasi di Erdogan che, nei giorni precedenti all’inizio dei disordini, aveva annunciato l’avvio di una fase di normalizzazione dei rapporti con il governo di Assad. In realtà, come fatto notare dalla stampa turca, tutto è partito dalla stessa Turchia. Qui la scorsa settimana sono scoppiate rivolte contro i rifugiati siriani. In alcuni casi, come ad esempio a Kayseri, è partita una vera “caccia” alle famiglie siriane. Con tanto di auto, case e negozi appartenenti ai siriani dati alle fiamme. Il motivo di questa ondata di scontri anti-migranti, secondo la ricostruzione fatta dalle agenzie turche, è da ricercare nella notizia dell’arresto di un rifugiato siriano per molestie sessuali contro una bimba sua connazionale di sette anni. Il fatto è avvenuto sempre a Kayseri e, subito dopo la scoperta dell’abuso, sui social e per strada la situazione è sfuggita di mano. 

Dall’altra parte del confine, dunque, i siriani hanno reagito scagliandosi contro soldati ma anche civili e funzionari turchi. Erdogan teme adesso l’implosione dei delicati equilibri interni e di quelli legati al Nord della Siria. Sul fronte interno infatti, in tanti stanno accusando il presidente di essere responsabile di un’immigrazione siriana giudicata fuori controllo. In Siria invece, il leader turco teme ora di perdere il controllo delle regioni in cui ha sostenuto l’opposizione.

Non è un caso se le autorità di Ankara hanno reagito arrestando più di 400 persone accusate dei saccheggi e delle violenze contro i rifugiati siriani. Lo stesso Erdogan ha parlato di “odio e xenofobia inaccettabili”: segno della volontà di mostrare, al di là del confine, di aver già punito chi ha commesso violenze contro i migranti.

https://it.insideover.com/guerra/guai-pesanti-per-erdogan-nel-pentolone-siriano.html

giovedì 4 luglio 2024

Memorie di Siria. Damasco 1997

bottega di ramai a Damasco- 1894

Di Maria Antonietta Carta

Luoghi incontrati per caso mi sfidano coi loro silenzi e con le loro penombre che custodiscono storie. E io mi lascio attirare. 

Sono le tre del pomeriggio e la calura agostana avvolge Damasco, s’insinua nelle pietre degli edifici, nell’asfalto, nelle foglie delle svettanti palme del quartiere Abu Rummane e nell’acqua del fiume Barada. Le mie gambe si trascinano nella città estenuata per il torrido splendore del sole. Finalmente arrivo a un suq quasi deserto. Devo trovare un regalo da spedire domani in Italia per l’anniversario di nozze dei miei genitori, e ho pensato di donargli per l’occasione - o imporgli? - un pezzetto del mio mondo lontano dal loro. 

Ecco la bottega di un ramaio, forse l’unica bottega di ramaio a Damasco che non conosco, benché vi sia passata davanti molte volte. Adesso sembra invitarmi a entrare. Ancora stordita dalla camminata nell’abbacinante solleone, varco la soglia. La stanza è un tacito vuoto buio e io mi smarrisco in quest’oscurità quieta, finché un rumore  mi fa tornare alla realtà. Gli occhi ancora ciechi non riescono a capire, ma immaginando il ramaio al lavoro saluto voltandomi verso il rumore.

La pace sia su di te. – dico.

Su di te sia la pace. – risponde una voce. Poi torna il silenzio. Un silenzio che giunge dalla corte assopita, dall’aria affaticata, da tutta la città in attesa del soffio di brezza che la sera dell’oasi porta sempre con sé. I miei occhi stanno tornando a vedere e la bottega, che riceve soltanto una luce fioca dalla porta d’ingresso, mi appare adesso velata di penombra. Riesco a scorgere il ramaio che siede su uno sgabello basso in fondo alla stanza. Mi avvicino. L’uomo, anziano, ma di un’età indefinibile, ha il capo chino su un grande vassoio di rame che le sue mani, mani attente, preparano per l’incisione. Solleva la testa e mi rivolge uno sguardo distratto o forse indifferente o forse un poco infastidito. Non sembra ciarliero. Strano! Gli artigiani damasceni sono di solito loquaci e accoglienti. Neppure io mi sento di ottimo umore. Sono stanca, disidratata, impolverata.

Poco a poco la penombra fresca, che il tenue riverbero dei metalli rende ancora più accogliente e riposante, mi ristora. Comincio a cercare tra l’infinità di oggetti accatastati sul pavimento o appesi alle pareti fino al soffitto: incensieri, bracieri, aspersori per l’acqua di rose, caffettiere e boccali dalle forme soavi, piatti e vassoi arabescati. Osservandone le decorazioni mi lascio prendere da uno dei miei giochi preferiti: cercare simboli, scoprire linguaggi che traducono fedi o speranze.

Ecco degli zig-zag che disegnano l’acqua: principio di ogni cosa. Ecco la rosetta di Astarte: fonte della vita divina, linfa della natura e della donna. Ecco volute intrecciate: oceano primordiale, mare metafisico. Ecco la pianta e la croce: sigilli universali. Ecco spirali: l’essenza dell’Universo, labirinto del cosmo o dello spirito, principio e fine, vita e morte. Ecco fiori di loto: porte che introducono all’ignoto. E ancora e ancora segni arcaici mai completamente svelati. Ecco il nome di Dio, tracciato con ricercate calligrafie che diventano un solenne tributo all’insondabile. Potrei trovarmi in una bottega di tanti secoli fa. Una di quelle botteghe di ex-voto che prosperavano in prossimità degli antichi luoghi di culto. Non finiranno mai di affascinarmi questi disegni forse nati con l’uomo e che in questa parte della terra, spesso, sembrano essere, ancora, inconsapevolmente chiari. Il ramaio inizia a incidere il vassoio. Io seguito a vagare nella costellazione di simboli scolpiti nel rame, commentando a voce alta. «Nemmeno mi sente.» penso, vedendolo sempre intento al suo lavoro. Invece, a un tratto egli solleva la testa e si mette a osservarmi. Adesso si alza, si avvicina, cerca tra un mucchio di ciotole di rame. Cerca a lungo, senza impazienza finché senza impazienza ne raccoglie una delicatamente, come se si trattasse di un oggetto troppo fragile e infinitamente prezioso. Si volta e me la mostra sollecitando la mia attenzione con lo sguardo. Senza dire una parola. La ciotola nelle sue mani è una di quelle che si adoperano negli hammam per rovesciarsi addosso acqua fresca, quando il vapore cocente diventa insopportabile e il corpo ansia un poco di refrigerio. Appena comprende che sono attenta, la colpisce con il bulino e onde, onde morbide di suoni limpidi, si spandono nella stanza muta, mi avvolgono, mi conducono lontano. Lontano dai pensieri. Per un tempo lunghissimo. Poi, svaniscono.

È una ciotola dei jinn. – mi confida il ramaio, nel nuovo silenzio.

Ah! I jinn. – dico io senza sorprendermi.

Da quando, anni fa, cominciai a occuparmi di cultura popolare, addentrandomi nel mare sconfinato delle fiabe e delle leggende siriane, l’anima di questa regione del mondo sembra condurmi spesso, a mia insaputa, presso quelli che mi diverto a chiamare i suoi archivi viventi. Nelle città, nei villaggi, negli accampamenti dei nomadi, accanto a siti antichi e presso le rive dell’Eufrate e dell’Oronte ho incontrato persone che sembravano attendermi per raccontarmi storie.

Nel mio quartiere, quando ero bambino, c’erano il palazzo e l’hammam del re dei jinn. Li hanno distrutti per fare case nuove. Non resta quasi niente. Se l’Unesco l’avesse saputo, forse li avrebbe protetti. – mi dice il ramaio, con la disarmante innocenza di un bimbo ancora innocente. E la sua voce rivela il rimpianto per il vecchio quartiere della sua infanzia.

Io non ho paura dei jinn – continua – neanche di notte quando i jinn escono da sotto terra, si mettono a girare per casa e si arrabbiano se li disturbi. Bene! Io mi alzo al buio tranquillamente. Entro in bagno e in cucina senza temere. Gli hammam e tutti i luoghi in cui vi è dell’acqua sono affollati di jinn durante la notte, quando gli uomini dormono. Lo sai? Succede anche che, talvolta, mentre lavoro non trovo un utensile che un momento prima avevo in mano. Non perdo tempo a cercarlo. Sarebbe inutile. So che l’hanno preso loro. Evidentemente ne hanno bisogno. O vogliono giocarci. So che lo rimetteranno al suo posto, quando vorranno rendermelo.

Il ramaio ha smesso di parlare e aspetta. Aspetta, lo so, che anch’io gli confidi qualcosa.

Capita anche a me con una penna o un foglio di carta o un libro. Talvolta scompaiono proprio quando ne ho bisogno. Erano davanti a me e d’improvviso svaniti! Prima impazzivo a cercare. Poi ho imparato a fare come te: mi prendo una tregua – gli dico, pensando divertita ai miei invisibili e dispettosi folletti della distrazione. O dell’immaginazione? Forse i jinn m’infastidiscono ma anche mi aiutano, quando mi arriva un’idea che stavo aspettando di avere.

Mi diresti un racconto di jinn? – chiedo. Glielo chiedo con voce rispettosa perché, da queste parti, i jinn, buoni e cattivi, sono davvero, per fede, vivi e veri. Creature a cui si deve riguardo. Esseri che bisogna lasciare tranquilli o temere. Arcani a cui bisogna testimoniare lo stesso timore sacro che un tempo tutti gli uomini dovevano avere per la Natura e per il mondo dell’immaginazione. Lo stesso mondo nel quale forse, inconsapevoli, siamo tutti immersi?

Sì. – mi risponde indicandomi una seggiola e mettendo da parte il suo vassoio, perché raccontare una storia significa oltrepassare una soglia, iniziare un viaggio, celebrare un rito, e richiede dedicazione assoluta. 

Banconota siriana del 1977 con l'immagine della moschea degli Omayyadi  e l'effigie di un ramaio che incide con il bulino un grande vassoio di rame  

«Un re di un regno antichissimo ha quattro figli: tre femmine e un maschio» 

Il numero: l'essenza di tutta la realtà, le Madri, penso, lasciandomi attrarre dalla storia. 

Il ramaio vede svegliarsi la mia curiosità e i suoi occhi approvano.

Va bene? – mi chiede.

Si, si, vai avanti – dico, ed egli riprende il suo racconto. 

«Per il figlio del re, sorella mia, arriva il tempo del matrimonio. Gli trovano una bellissima ragazza. Si preparano le nozze. La ragazza va all’hammam, dove la massaggiano con unguenti, le colorano le dita e i capelli con la henna, le mettono un abito bello.»


La rossa henna la proteggerà dagli spiriti invidiosi.


«Si fanno le nozze con una grande festa. Cento montoni arrostiti, dolci, datteri.»


A me tornano in mente alcuni versi dell’Epopea di Gilgamesh, incisi in una tavoletta cuneiforme nella Mesopotamia di 5.000 anni fa. ‘’E t’innamorasti d’Ishullanu, giardiniere di tuo padre, che a sporte ti portava i datteri, e ogni giorno una splendida mensa t’imbandiva.’’


«Musica, giostre di cavalieri, e danze. Gli sposi entrano in casa. Lui prende la ragazza e la fa sua. Però, questo figlio del re del regno antichissimo sogna una nuova vita. Si! Una nuova vita. Una vita in un altro Paese. E appena arriva l’alba, lascia la casa del padre con sua moglie per cercare un’altra terra. Viaggiano per molte Lune. Cavalcano a lungo nella steppa cercando il luogo adatto. Finché un giorno Dio li fa giungere al posto giusto. Ci sono le palme e un pozzo e un mare d’erba. L’oasi! Sia benedetto l’Altissimo! Il figlio del re ferma il suo cavallo e dice:

Ecco il Paradiso! Questa sarà la nostra patria.

Va bene, o mio signore. – dice sua moglie.

Piantano la tenda. Cenano. Si mettono a dormire nella loro casa.»


La casa di lana bruna. La dimora dell’errante

«Da questo momento, il figlio del re vive una nuova vita. Ogni giorno si alza all’alba e va a caccia nella steppa con il suo falcone. Torna al tramonto. Presto, però, desidera conoscere altri luoghi. Ricomincia il viaggio. Percorrono molte piste. Finché, un giorno, giungono a un accampamento.»


Che ne pensi, sorella mia? Beviamo una tazza di tè? – mi chiede il ramaio.

Beviamola, fratello.

Il tè dolce e denso ha il colore del sole al tramonto e odora di cannella. Lo sorseggiamo in silenzio dai piccoli bicchieri di vetro così caldo che brucia le dita, e intanto il mio sguardo vagabonda tra i metalli scolpiti. I muezzin chiamano alla preghiera del vespro.

Allaaah u-Akbar, Allaaaah u-Akbar!

Dio è il più Grande, Dio è il più Grande!

La salmodia si leva in volo dai minareti, aleggia nell’aria, ridiscende sulla città. Le voci oranti sembrano arrivare da ogni parte. Per rispondere al richiamo, il ramaio posa il bicchiere sopra un minuscolo banchetto traballante, passa le mani, nel gesto di un lavacro rituale, sul suo volto intenso di credente e rivolge i palmi verso il cielo:

Nel nome di Dio Benevolo e Misericordioso. – dice. Poi recita i sette versetti della fatiha. Il Padre Nostro dell’Islam.


La lode spetta a Dio il Signore dei mondi,

Il Benevolo, il Misericordioso,

Re del giorno del Giudizio.

Te solo adoriamo. Te solo invochiamo a nostro soccorso.

Guida i nostri passi verso il retto sentiero.

Il sentiero di coloro verso i quali sei stato benevolo,

Che non hanno meritato la tua ira, che non hanno deviato.

Amin. Conclude. Così sia.


Il canto dei muezzin risale verso il cielo e si dissolve. Il tè è ormai tiepido.

Dov’eravamo rimasti? Chiede il ramaio

Il figlio del re e sua moglie arrivano a un accampamento. – rispondo.

Ah, sì, sì.


« Il figlio del re e sua moglie arrivano a un accampamento. Sono accolti con tutti gli onori dovuti agli ospiti. Gli porgono cibo e acqua. Quel giorno l’accampamento è in festa. I cavalieri giostrano, le donne danzano. Anche la moglie del figlio del re entra nella danza.»


La danza è il teatro dei miti e dei misteri.

il viaggio attraverso il labirinto

L’incessante turbinio del mondo.


«Il figlio del re dice a sua moglie: – Vado a caccia. Tu divertiti. Qui sarai al sicuro. – È ancora giorno e la luce illumina ogni cosa, ma appena egli si allontana, sull’accampamento discende una nube nera. È una nube portata da un tornado. Una nube tenebrosa che abbuia e sconquassa il mondo! Oh Dio! Che il Signore misericordioso ci risparmi una simile sventura! Tutto accade in un istante. È giorno, ma fa buio come di notte. Una notte di furia che annienta l’accampamento. Tutto accade in un istante: giorno e notte insieme. Poi, torna il sereno, ma ogni cosa è distrutta. Si! Ogni cosa è distrutta. E la moglie del figlio del re non c’è più! È scomparsa! Tutti la cercano. Invano. Torna anche il figlio del re e vede quella devastazione. Vede i nomadi annichiliti, ma sua moglie non c’è!

Dov’è mia moglie? – chiede.

È venuto l’uragano e l’ha portata via. – gli dicono.

Come?! Impossibile.

Per Dio! È la verità. Nessun essere vivente si è avvicinato al nostro accampamento. – gli rispondono.

Andrò a cercarla. – dice il figlio del re. – La cercherò nelle quattro regioni del mondo, se necessario.

Torniamo adesso nel regno antico, e vediamo cosa vi accade.

Un giorno arriva uno straniero, vede la sorella maggiore del figlio del re, gli piace, la chiede in moglie, si fanno le nozze e la porta via. Il giorno dopo arriva un altro straniero, s’innamora della seconda sorella, vuole sposarla, si fanno le nozze e la porta via.

Il terzo giorno passa da lì un altro straniero, vede la terza sorella, gli piace, la chiede in moglie, si fanno le nozze e la porta via.»


Tre è il numero magico delle fiabe e dei sentieri che conducono al mondo invisibile.


«Adesso, torniamo dal figlio del re che cerca sua moglie. Cammina e cammina, finché arriva in un Paese sconosciuto. Cerca, cerca, e arriva in un giardino. Nel mezzo del giardino c’è un palazzo. E chi vedono i suoi occhi? La sorella maggiore!

Cara sorella! Che cosa fai qui?! – le chiede, sorpreso.

Ho sposato il re dei Venti. Questo è il suo regno. E tu, caro fratello? Cosa ti porta da queste parti?

Ho perso mia moglie e la cerco. – dice il fratello. Mentre si scambiano queste informazioni si ode un fragore che fa tremare la terra.

Presto! Devi nasconderti! Arriva mio marito, che mangia carne umana. – dice la principessa al fratello, e lo nasconde in un armadio. Entrato in casa il re dei Venti dice:

Sento odore di carne umana.

Non c’è nessuno. – dice sua moglie.

Ti assicuro che c’è una creatura umana. – dice il re dei Venti. La poverina deve confessare:

Signore, in verità c’è mio fratello dentro l’armadio.

Come! Il mio caro cognato ci visita e tu lo nascondi?

Avevo paura che l’avresti mangiato.

Fallo uscire. – Il principe esce dal suo nascondiglio.

Come mai da queste parti? – gli chiede il re dei Venti.

Ho perso mia moglie, e la cerco.

Raccontami la tua storia. – dice il re dei Venti e il figlio del re racconta la sua storia.

Povero te! Da ciò che mi hai detto deduco che ti attendono prove terribili. Il rapitore di tua moglie è il Signore dalle tre gambe, il re dei jinn infedeli, l’imperatore del Mondo – dice il re dei Venti.

Lo cercherò per liberarla. – dice il figlio del re.

Sei pazzo? Nessuna creatura umana può riuscirci. Nessuna creatura è più forte di lui, ma se proprio sei deciso a continuare nella tua impresa ti accompagno da mio fratello, che è il re dei Mari e anche tuo cognato. – gli dice il re dei Venti. E lo porta in un Paese sconosciuto. Lì, cammina e cammina il figlio del re arriva a un giardino dove trova la seconda sorella, che gli chiede:

Come mai da queste parti, caro fratello?

Hanno rapito mia moglie e la cerco. – risponde. In quel momento, si sente un muggito spaventoso!

È mio marito! Il re dei Mari, che mangia carne umana! – dice la principessa a suo fratello e lo nasconde in un armadio. In verità, appena entra in casa, il re dei Mari dice:

Moglie! Sento odore di carne umana.

No. Ti sbagli. Non c’è nessuno. – dice la principessa.

Invece sì, c’è un uomo.

No.

Sì. – e va a finire che il re dei Mari trova il figlio del re, ma non lo mangia; anzi, gli fa una grande accoglienza.

Come potrei nuocere al fratello di mia moglie! – dice.

Cosa ti ha portato da noi, caro? – gli chiede.

L’imperatore del Mondo ha preso mia moglie e devo liberarla. - dice il figlio del re.

Se il re dalle tre gambe ha rapito tua moglie, nessuno può portargliela via, ma se tu vuoi, ti accompagno da mio fratello, il re delle Aquile, che è anche tuo cognato. Dopo averlo sentito, deciderai se continuare o no.

Va bene. – dice il figlio del re. E il re dei Mari lo conduce in un Paese sconosciuto, dove trova un giardino che ha al centro un palazzo. Nel giardino trova la terza sorella, che gli chiede:

Caro fratello, come mai da queste parti?

L’imperatore del Mondo ha preso la mia sposa e io cerco il suo regno per liberarla. – risponde. In quel momento sopra di loro il cielo comincia a tremare.

Arriva mio marito! Il re delle Aquile, che mangia carne umana. – gli dice la sorella, e lo nasconde nell’armadio. Tutto accade come le altre due volte.

La tua è un’impresa impossibile. Nessuno può vincere l’imperatore del Mondo, però, se lo desideri, ti porto alle frontiere del suo regno. Di più non posso. Ma devi fare attenzione! Appena trovi tua moglie, fuggite senza mai fermarvi e senza mai voltarvi. – dice il re delle Aquile.

Va bene. – dice il figlio del re. E il re delle Aquile lo porta ai confini del mondo. Alla porta di una grotta.»


La porta che introduce al regno nascosto. Il Paese delle ombre


«– Da qui si passa nel regno del re dei jinn infedeli, l’imperatore del Mondo. – dice il re delle Aquile. E se ne va. I figlio del re entra nella grotta, cammina e cammina finché arriva a un luogo desolato. E cosa vedono i suoi occhi? Un palazzo che sembra nascere dalle viscere della terra! É' il palazzo in cui l’imperatore del Mondo ha imprigionato la principessa. Entra e la trova legata con la testa in giù. Devi sapere che l’imperatore del Mondo l’ha legata in questo modo perché non vuole fare all’amore con lui. Il figlio del re la libera e insieme corrono a rifugiarsi nel Paese del re delle Aquile.

Vedi che sono riuscito? – dice il figlio del re a suo cognato.

Correte senza fermarvi e non dovete mai voltarvi. - lo avverte il re delle Aquile. Corrono. Corrono a lungo. Corrono finché la paura di essere ripresi non li fa voltare e l’imperatore del Mondo li raggiunge.

Credevate di farla franca, poveri stupidi? – dice. Poi afferra il figlio del re, lo scaglia verso il cielo e gli porta via la moglie. Il corpo del figlio del re ricade a terra in venti pezzi. Un domestico del palazzo del re delle Aquile, passando di lì, vede i pezzi del corpo del principe e informa la padrona. Lei chiede aiuto al marito, che le dice:

Portali e bagnali alla sorgente della vita. – Nella sorgente della vita, tutti i pezzi del corpo tornano a unirsi tra loro e il figlio del re risuscita. Esce vivo dall’acqua. Vivo!

Vado a riprendere mia moglie. – dice il figlio del re.

L’imperatore del Mondo ti ucciderà, fratello! – lo avverte sua sorella.

Sono pronto a tentare l’impossibile. – le risponde.

Quando arriva nel regno proibito, l’imperatore del Mondo è a caccia. Il figlio de re libera sua moglie e insieme fuggono via. Questa volta corrono senza mai voltarsi fino al regno del re dei Venti.

Mi raccomando! Correte senza mai fermarvi. – li avverte il re dei Venti. Essi corrono, corrono finché, troppo stanchi, si fermano per riposare all’ombra di un albero. E lì trovano ad aspettarli l’imperatore del Mondo!

Credevate davvero di potervi salvare? – dice l’imperatore del Mondo, che scaglia il figlio del re verso il cielo e si riprende la principessa. Il corpo del figlio del re cade al suolo in venti pezzi. Un abitante del palazzo, passando di lì, vede tutto e ne informa la padrona. Lei chiede aiuto al marito e anche il re dei Venti consiglia di bagnarli alla sorgente della vita. Il principe risuscita per la seconda volta. Il re dei Venti gli dice:

C’è una sola maniera per riuscire nell’impresa. Potresti farcela, ma devi trovare lo spirito dell’imperatore del Mondo. Fai cosi: dì a tua moglie di essere cortese con lui e di farsi rivelare dove lo nasconde. Appena saprete dove si trova, cercate di rubarglielo. – Il figlio del re torna dalla moglie, le racconta tutto e lei, quella sera stessa, dice all’imperatore del Mondo:

Caro! Sarò tua, ma a una condizione.

Quale?

Devi dirmi dove si trova il tuo spirito.

È qui – dice l’imperatore del Mondo, mostrandole un armadietto. L’indomani, appena l’imperatore del Mondo esce per andare a caccia, lei coglie dei fiori e ne orna l’armadietto.

Che cosa hai fatto! – le chiede l’imperatore del Mondo, al suo ritorno, vedendo quei fiori.

Ti amo e voglio prendermi cura del tuo spirito.

Quanto sei sciocca! Davvero credi che potrei lasciare indifeso il mio spirito? Però, adesso so che mi ami e voglio rivelarti un segreto. Il mio spirito è custodito da un maiale. Si trova nella sua pancia. Questo maiale è quasi invulnerabile. Può morire soltanto se si colpisce un neo che ha sulla faccia.»


Il neo! La macchia oscura. Il segno del disfacimento.


«Informato dalla moglie, il figlio del re trova il maiale, colpisce il neo con una freccia, uccide il maiale, gli apre la pancia e trova una scatola.»


Nelle fiabe, le scatole racchiudono prove difficili.


«Dentro la scatola ne trova un’altra, e dentro la seconda un’altra ancora! E un’altra e un’altra, fino a sette. Sette scatole una dentro l’altra! Sorella, potresti mai indovinare cosa trova in fondo all’ultima scatola? Un verme!»


Il verme, l’infima degradazione. E il rinnovamento


«Il figlio del re del regno antico lo prende, e cerca di schiacciarlo con le sue mani, ma il verme non muore. Allora lo mette in tasca e torna al palazzo. Torna anche l’imperatore del Mondo che sembra mezzo morto.

Non sto bene. – dice gettandosi sul letto.

Vuoi una tisana? – gli chiede la principessa.

Voglio soltanto dormire. – dice lui.

Va bene caro. – dice la principessa.

Il figlio del re schiaccia ancora il verme, ma l’imperatore del Mondo non muore. Allora, fugge con sua moglie. Corrono senza fermarsi e senza voltarsi mai fino al regno del re dei Mari.

Che cosa succede? – chiede il re dei Mari, vedendoli arrivare. Il figlio del re del regno antico racconta tutto.

Stai attento a non perdere il verme! L’imperatore del Mondo guarirebbe.

Non lo perderò. – dice il figlio del re, ma sua moglie, curiosa, per osservarlo meglio prende il verme in mano. Questo le sfugge e si getta nel mare. Appena il verme entra nell’acqua, l’imperatore del Mondo si alza dal letto guarito, li raggiunge per la terza volta, uccide e fa a pezzi il figlio del re, e gli porta via la moglie. Intanto, un pesce trova il verme e lo mangia. Ma il re dei Mari pesca il pesce che ha mangiato il verme. Il re dei Mari trova il verme nella pancia del pesce e lo rende a suo cognato, che risuscitato ancora una volta alla sorgente della vita torna al palazzo dell’imperatore del Mondo per riprendersi la moglie.

Dov’è il mio spirito? – chiede l’imperatore del Mondo appena lo vede.

Nella mia mano. – dice il figlio del re.

Rendimi lo spirito e tieniti pure tua moglie. – gli dice l’imperatore del Mondo.

Va bene. – concede il figlio del re, ma mentre glielo porge il verme cade a terra! Il verme cade a terra poi entra in una gamba dell’imperatore del Mondo. L’imperatore del Mondo muore. Il figlio del re e sua moglie se ne vanno.»


Il ramaio ha smesso di raccontare.

Termina così? – gli chiedo. Proprio come quando, da bambina, esortavo mia madre a raccontarmi epiloghi più esaurienti, che preparassero il commiato dalla fiaba; che mi riconducessero il più lentamente possibile alla realtà.

Si. – dice il ramaio.

Chi è l’imperatore del Mondo secondo te?

Mia cara, chissà! Ognuno vede o crede quel che gli conviene. – conclude riprendendo in mano il vassoio a cui lavorava quando sono entrata nella bottega e che aveva messo da parte per raccontarmi la storia. Lo osserva attentamente il suo vassoio, poi ricomincia a inciderlo. Io riprendo a cercare il regalo per i miei genitori. Vedo un vassoio con il bordo decorato da due anelli. Uno, dorato, è scolpito con piccolissimi crescenti lunari che al loro interno hanno una minuscola losanga con un punto e affiancata da due triangoli. L’altro, argenteo, racchiude una miriade di piccolissime spirali. Dal centro del vassoio nascono dodici grandi petali, color dell’oro e dell’argento, che creano, alternandosi, due rosette a sei petali. I petali argentati recano piccoli poligoni in rilievo che formano un intricato labirinto. I petali d’oro, che racchiudono al loro interno foglie e fiori minuscoli, sembrano giardini. Le due rosette sono immerse in un campo di fiori di loto. È un oggetto troppo esagerato, troppo complicato. Ne guardo altri molto più semplici. Come piacciono a me. Li ammiro, ma torno al vassoio con le due rosette gemelle che brillano come il sole e come la luna illuminata dal sole. Lo compro. Il ramaio e io ci congediamo.

Bkhatrak. Col tuo permesso – lo saluto

Maasalameh. Addio. – mi risponde.

Prima di allontanarmi, osservo ancora una volta le sue mani che scolpiscono il metallo. Sta disegnando delle lettere alfabetiche: aleif…lam…lam…ha… Allah: Dio in arabo. Forse, inciderà nel rame una formula apotropaica. O forse una preghiera.

Tornando a casa, passo davanti alla moschea Suleimanyeh, con le sue numerose cupole e i sottili minareti svettanti. Il sole a Occidente é quasi nascosto dal Jebel Qassium, che sovrasta la città e dove, secondo una leggenda, Caino uccise Abele. Più in alto la luna appena nata quasi si confonde con il cielo ancora azzurro, che però si sta preparando ad accogliere il crepuscolo vespertino. Quanto è lontana questa luna diafana come un bioccolo rotondo di nuvola leggera! É percettibile appena nella luce del sole che se ne va, ma fra poco splendidamente argentea essa adornerà la notte sopra Damasco. E, forse, fra qualche respiro, il nero tornado che abbuia e sconquassa il mondo, e che in questa sventurata regione si chiama guerra, tornerà per ingoiarsi tutto questo. Poi tutto ricomincerà. Forse. 

Note:

1) Ballo sardo.

2) Danza del ventre.