Traduci

sabato 8 dicembre 2012

VITA QUOTIDIANA IN UN MONASTERO DENTRO LA GUERRA



Domenica 25 novembre - Sabato 1 Dicembre 2012

 Cari amici, Internet è stata interrotta per diversi giorni, ma eccoci di nuovo qui.

Il 27 novembre nella liturgia bizantina si celebra San Giacomo il Mutilato, ampiamente venerato in Siria. Si tratta di un santo martire dal quarto secolo, vissuto come cristiano alla corte persiana, pienamente adeguato alla vita pagana e che mantenne le più alte funzioni fino a quando non decise di tornare fedele alla sua fede cristiana. Ebbe una terribile punizione che doveva servire come esempio in tutto l'Impero: fu a poco a poco tagliato a pezzi, mentre pregava per l'unità della Chiesa in Oriente e Occidente, Nord e Sud. E questa è l’ispirazione del nostro monastero dedicato a Mar Yakub (= santo Jacob). Oggi è una festa vera e propria, con la Liturgia di una Domenica. Per due anni sono venuti qui il Nunzio apostolico, due vescovi, alcune badesse, vicari e sacerdoti ortodossi e di rito cattolico .
Era una grande festa con tanti amici e ospiti. Che differenza oggi.
E tuttavia, no: il Patriarca ha telefonato per congratularsi con noi. Abouna Georges è venuto con diverse persone, tra gli altri una giovane famiglia con un bambino. Noi, i due sacerdoti, indossavamo splendidi paramenti e la liturgia era grandiosa. Dopo, la consacrazione del pane e del vino. Tutti sono stati unti con olio, hanno baciato la croce, a tutti è stato dato un pezzo di pane e l’hanno immerso nel vino. Poi, nell'atrio sono state eseguite canzoni ed ha trovato posto anche di nuovo la festa, culminata in un finale nel pomeriggio.
E la sera, sì, un altro grande film: la vita di S. Antonio di Padova.
 Durante la cena, le sorelle, conosciute soprattutto per l’eccellente cibo, hanno fatto una proposta originale. Ognuno dovrebbe specificare un piatto speciale che lui / lei vorrebbe avere per la festa di Natale. Inizialmente ci hanno sbalordito, ma presto hanno cominciato a piovere proposte. Mi ricorda la profezia di Isaia 25, 6-10 “ Egli preparerà una festa con cibo squisito e vini deliziosi per tutti i popoli”, anche se sarà qualcosa di diverso.
Ciò aveva permesso al popolo di Israele, assorbito dalla sua miseria in esilio o dal vagare nel deserto, di sperare migliori prospettive...

Speriamo e preghiamo che questa miseria, una volta per tutte, cessi.


Venerdì, 7 Dicembre 2012

Abbiamo celebrato la prima Domenica di Avvento per la maggior parte in rito latino .
Poiché il sole splendeva meravigliosamente, abbiamo avuto il coraggio di prendere il pasto al sole in cortile. E' stato poi ripulito da grandi e piccoli, che vi hanno giocato.
E la sera abbiamo visto un film di Charlie Chaplin, con un forte messaggio sociale. Poi il bambini sono andati a dormire. Stavamo guardando un DVD dal titolo "Una nuova Pentecoste ", ma siamo stati di colpo sorpresi dai bambini che dicevano che era caduto qualcosa.
Non l’avevamo notato. In effetti, nel villaggio era in corso una grossa battaglia tra i due gruppi di opposizione, che sono reciprocamente divisi. Grosse esplosioni sono state sentite. Non è stato superfluo tornare nella notte a guardare. Il combattimento aveva luogo, ora, intorno al convento. Ci ha dato una certa sensazione di ansia.
Ognuno ha preso il materiale necessario per andar in basso a dormire. Le suore e i bambini nelle grotte, noi nel refettorio. Alla fine abbiamo più o meno dormito bene ed al mattino c’era calma.
Tuttavia, non è semplice iniziare in questo modo l’Avvento e di solito si hanno aspettative diverse in proposito… Il giorno successivo si è dimostrato che realmente d'ora in poi bisognerà osservare la massima cautela. Sarà pertanto provvisoriamente spostato il dormitorio, giù dalla torre, e alla sera nei locali non ci sarà nessuna illuminazione. Ci sono più porte chiuse durante il giorno. Non è il caso di specificare altro su questo, ma in realtà è necessario per la nostra sicurezza.
Tuttavia, si può godere di altre cose più importanti.
 Martedì era la festa di Santa Barbara, martire, che fu decapitata da suo padre perché era fervente cristiana, era vergine e tale voleva restare. Qui questa festa è molto celebrata, in particolare dai bambini.
Celebrazione di Santa Barbara dei bambini di Maalula
 Quella sera i bambini erano travestiti e c’erano alcuni giochi, mentre piccoli sacchetti volavano intorno. Naturalmente ci sono stati tutti i tipi di scherzi : scatole belle di caramelle che contenevano le patate ordinarie… grande delusione! Poi sono seguiti i dolci al forno preparati dalle suore. Martedì è stata una vera festa. Tutti vestiti come il Santo o Patrono preferito. L'intenzione era di rendere per così dire presenti tutti questi Santi, di cui rappresentavamo anche la vita in modo dettagliato. Nel corso degli anni, tutti i tipi di indumenti sono stati conservati sotto i sedili collocati lungo il refettorio. Ognuno ha fatto le prove dopo la sua ricerca, utilizzando le sorelle più creative. Alcuni "santi" hanno avuto davvero una bella riuscita …
Nelle due serate successive, sono stati messi in scena: Antonio l'eremita, il re Davide, Giovanni della Croce, Francesco, Norberto, Charbel Maklouf, Nostra Signora di Fatima, Rita, Ildegarda di Bingen, Giovanna d'Arco, Benedetto ... Essi non ci possono rimproverare di esserci divertiti, perché in questo condizioni di tensione si può un po’ più facilmente fermare l'impatto. Prevenire è meglio che curare!
Mentre l'insicurezza qui sta solo aumentando, lo scenario globale sta cambiando…
"C’è ancora una lunga strada per le patate novelle", come i contadini usavano dire, ma c'è speranza a lungo termine. L'Occidente continua la sua politica di auto-distruzione con i suoi tamburi di guerra in cui continua a credere e con i famosi missili Patriot stanziati in Turchia, al confine con la Siria. Dopo che i coraggiosi belgi hanno fatto del loro meglio per la Libia, aiutandone la distruzione, sono ora gli olandesi a pianificare missili Patriot come una minaccia da usare contro la Siria… Sono così preoccupati per il popolo Siriano!
Invece di inviare un carico di bocce di formaggio…
Giovedi, 6 dicembre è festa di San Nicola, che si celebra sia nell’Oriente che nell’Occidente. Inoltre è il compleanno di uno dei membri della prima ora. Ci sono diversi sketches preparati. Sebbene qui sia in vigore la separazione tra i fratelli e le sorelle al di fuori del pasti in comune, preghiere e ricreazioni piuttosto rigide, oggi è tutto organizzato, concordato e scambiato vicendevolmente, mentre il lavoro va avanti.
Non potendo uscire, i fratelli sono ora presi da molti lavori di restauro e di riparazione su edifici all'interno .
Se la guerra dura a lungo, qui dentro sarà tutto rinnovato.

In breve, per rispondere alle vostre preoccupazioni per noi: non si è vissuto tutto troppo pesantemente. L’ Eucaristia è più festosa del solito. Inoltre, abbiamo due intenzioni speciali per preghiere ferventi, due casi di cui abbiamo ricevuto richiesta, per la gioia di tutti.
E dopo una semplice cena potremo sviluppare i nostri corsi. Anche solo una festa in costume è un grande evento: fratelli e sorelle che si travestono e viceversa. Il comportamento ordinario dell'anno è raffigurato in modo che tutti possano ridere di cuore, prima da bambini poi da adulti. E poi è arrivato Sinterklaas, in abiti impressionanti e con la sua saggezza sorprendente e Black Peter. Ha cercato uno dei bambini nel suo sacco, ma dopo una battaglia reale tra celesti e terrestri sono stati questi ultimi a ottenere ancora una brillante vittoria.
  E così siamo tornati nella sfera della nostra prigione familiare in una piacevole giornata trascorsa nella situazione di triste-guerra in Siria.

Padre Daniel Maes, Qara


CHIUNQUE ABBIA PRODOTTO QUESTO VIDEO, TESTIMONIA CHE
- ATTRAVERSO LA MANIPOLAZIONE DELL'INNOCENZA DEI BAMBINI -
IN QUESTA GUERRA SI E' PERSO OGNI CONNOTATO UMANO 
Il video  mostra diversi bambini che annunciano la formazione del più piccolo battaglione: al-Ghuta al-Sharkia, battaglione di al-Rahman, nella campagna di Damasco, il 05/12/2012

1 commento:

  1. Grazie a voi dell'ottimo lavoro di informazione che state facendo in questo periodo per quanto riguarda la vicenda Siriana. Posso solamente testimoniare con un ricordo perfettamente concorde con l'articolo e dello spirito che si respira in quell'angolo di Paradiso che è appunto il monastero Mar Yakub di Qara data la mia passata sosta per 3 settimane nel 2010. Penso che in certi momenti certo non è l'uomo che possa risolvere le controversie, ma solamente l'Illuminazione e la mano di Dio può far finire la questione nel minor tempo e nel modo più indolore possibile.
    Rimaniamo uniti nella preghiera per il monastero e per la Siria.

    Emanuele

    RispondiElimina

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie