Traduci

venerdì 2 marzo 2012

Notizie dei cristiani di Homs e Hama, Siria

Dal Monastero di S. Giacomo

Per memoria e per la storia

25 Gennaio 2012

I cristiani della diocesi di Homs, Hama e Yabroud sono bene integrati nel tessuto sociale, come cittadini a pieno titolo. Prima di questi avvenimenti che insanguinano la Siria, menzionare la propria confessione religiosa era solo  inopportuno. Oggi non è più così. Il conflitto in corso si è trasformato, da una rivendicazione popolare di libertà e democrazia, in una rivoluzione islamista.

Venerdì 20 gennaio lo slogan fatidico è stato pronunciato dai comitati di coordinamento della rivoluzione: “Il popolo vuole dichiarare la Jihad!” Fino ad oggi noi cristiani non siamo stati oggetto di una persecuzione “diretta”. I cristiani erano vittime delle violenze che colpivano tutta la popolazione che partecipa alla vita civile. Oggi sembra che il dato stia cambiando. Come se la tendenza che covava fosse diventata ormai una consegna. Il futuro lo dirà. Resta il fatto che quelle di cui vi portiamo a conoscenza sono aggressioni dal carattere ormai francamente anticristiano.

1 – Oggi 25 gennaio Padre Basilios Nassar, curato greco ortodosso del villaggio di Kafarbohom, provincia di Hama, è stato ucciso da alcuni insorti mentre recava aiuto ad un uomo aggredito dagli insorti nella via Jarajima di Hama. E’ la prima volta, dall’inizio dell’insurrezione, che un prete è l’obiettivo della violenza cieca che è diventata l’arma temibile di una insurrezione sempre più manipolata.
Abbiamo ricevuto diverse telefonate da parte di amici preti che erano inquieti.
Questo assassinio è allarmante. Conferma il timore di vedere la rivoluzione siriana trasformarsi in un conflitto confessionale. Sotto la copertura di una rivendicazione di libertà e democrazia, gli insorti si rivelano essere degli islamisti che attaccano civili innocenti, in un processo di discriminazione religiosa.

2 – Ieri mattina il figlio dell’emiro islamista di Yabroud, il signor Khadra, aspettava in strada, insieme ad altri tre uomini armati, il maggiore cristiano Zafer Karam Issa, 30 anni, sposato da un anno, davanti alla sua abitazione. Lo hanno ucciso sparando su di lui un centinaio di colpi d’arma da fuoco che ne hanno crivellato il corpo e sono fuggiti.
I funerali si sono svolti oggi all’una, con la partecipazione del villaggio turbato. Il curato di Yabroud, R.P. Georges Haddad, ha pronunciato parole ispirate: “Dio è amore e misericordia. Incita l’uomo ad amare il suo prossimo e a non voltargli le spalle. Noi ci rivolgiamo a quelli che si sono eretti come giudici supremi dei loro fratelli, che si arrogano il diritto di condannare a morte un essere umano. Essi gridano falsi slogan e mettono il paese a ferro e fuoco. Zafer, da buon soldato fedele alla sua patria, avrebbe voluto morire in uno scontro col nemico per liberare il Golan. E’ stato ucciso da chi? E perché? Da un fratello, nel suo villaggio, davanti alla sua casa. Torniamo in noi e riflettiamo sulla strada che abbiamo imboccato. La nostra esistenza si fonda sull’amore e l’accettazione dell’altro. Non lasciamo che gli stranieri ci impongano dei comportamenti che istillano sfiducia, odio e divisione. Noi tendiamo le nostre mani in segno di riconciliazione con tutti: quelli vicini e quelli lontani. Che il sangue dei nostri martiri porti al nostro caro paese la pace e un domani migliore”

3 – In  settimana, il giovane cristiano Khairo Kassouha, di 24 anni, è stato anche lui ucciso uscendo da casa a Kusayr.

4 – Padre Mayas Abboud, rettore del piccolo seminario dei greci cattolici a Damasco, ci ha raccontato di essere stato contattato ieri dalla vedova del martire Nidal Arbache, un autista di taxi recentemente ucciso dagli insorti. Dalal Louis Arbache gli ha detto al telefono: “Caro padre, qui a Kusayr siamo esposti alla prepotenza degli insorti che qui dettano legge. Noi ci aspettiamo ogni sorta di violenza. Non abbiamo niente e nessuno che ci protegga. La supplico padre, consideri questo come un testamento. Se dovesse capitarmi qualcosa di brutto, le affido mio figlio, si prenda cura di lui. Tutta la nostra famiglia è minacciata dalle bande armate”.

5 – Ci riferiscono anche che André Arbache, marito di Virginie Louis Arbache, è stato sequestrato la settimana scorsa. Non si sa niente di lui. La famiglia teme il peggio.

6 – Sempre a Kusayr, un cugino di padre Louka, curato di Nebek, racconta questo: “Rientravo a Kusayr, quando sono stato controllato dagli insorti ad una rotatoria della città. Mi hanno chiesto i documenti e mi hanno fatto attendere due ore per verificare se il mio nome fosse inserito nelle liste diramate dai comitati di coordinamento della rivoluzione che sono oramai diventati organi pseudo-giudiziari. Se il mio nome fosse stato inserito, sarei stato ucciso sul posto come fanno con gli altri.

7 – A Homs la lista del Governatore si allunga. Vi sono più di 230 cristiani che sono stati abbattuti. Molti sono stati sequestrati. Spesso gli insorti chiedono un riscatto che varia da 20.000 a 40.000 dollari per persona.

8 – In alcuni quartieri misti, come Bab Sbah o Hamidiyeh a Homs, l’80% degli abitanti cristiani sono partiti e si sono stabiliti presso amici o parenti nelle regioni della Valle dei cristiani. I cristiani di Hama e della sua provincia fanno lo stesso. Il fenomeno è progressivo ma implacabile.

Madre Agnès-Mariam de la Croix
Testo originale: qui
Traduzione tratta da http://www.cp-madonnadellegrazie.it/

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.