Traduci

domenica 9 ottobre 2016

L'accorato appello dell'arcivescovo cattolico greco-melkita di Aleppo, mons. Jean-Clément Jeanbart

Questo è ciò che accade ad ALEPPO  

 "Il mondo intero è terrorizzato alla vista dell'immagine di Aleppo che i mass media in questi ultimi giorni vi hanno rappresentato. Molti dei nostri amici all'estero sono preoccupati e vogliono sentirlo da noi. 

Viviamo momenti tragici della nostra storia e ciò che accade continua a far soffrire Aleppo e gli Aleppini che da più di cinque anni non hanno potuto avere pace, talmente sono stati assillati e massacrati dai gruppi armati venuti da ogni parte del mondo, per condurre una sedicente guerra santa, in un paese governato (secondo loro) da atei e da infedeli!
Da cinque anni a questa parte i terroristi dettano legge, là dove le autorità civili del paese non arrivano ad essere presenti. Hanno seminato dovunque il terrore, ucciso decine di migliaia di innocenti, distrutto migliaia di fabbriche, i commerci e le istituzioni dei servizi pubblici, saccheggiato le abitazioni e rubato senza preoccupazione alcuna i beni del paese e dei cittadini.
Hanno fatto un sacco di vittime innocenti, rapito e brutalmente assassinato innumerevoli persone pacifiche, tra suore, sacerdoti e anche vescovi.
Questo continua ancora oggi: questa mattina una dozzina di obici sono caduti in due delle nostre aree residenziali causando ulteriore distruzione e in un caso, facendo numerosi morti e feriti.
Alcune battaglie infuriano nelle periferie della città, i ribelli del fronte "Al-Nusra" provano a riprendere posizione nelle zone considerate come strategiche, spopolate quasi totalmente e quasi interamente distrutte, che occupavano fino allo scorso giugno nella periferia della città. Immagini di questi luoghi di desolazione totale sono diffuse largamente dalle catene di televisione. E' là che le grandi battaglie in corso hanno luogo attualmente.
Abbiamo messo grandi speranze sul cessate il fuoco deciso tre settimane fa, sperando che potesse consentire la pacificazione seguita da una riconciliazione nazionale e di una ripresa della vita normale nel paese!
Purtroppo questa tregua, indebolita dalle continue violazioni degli avversari radicali, è stata ufficialmente rotta in questi ultimi giorni, dopo i raid inaspettati della coalizione alleata dei ribelli a Deir-El-Zor.
Questi raid hanno raggiunto una base militare dell'esercito siriano e ucciso più di 90 soldati nelle loro caserme, per non parlare del numero non dichiarato di feriti. E' così che si possono fermare i combattimenti? 
Per questo speriamo e contiamo sulla grazia di Dio, l'unica capace di svegliare la coscienza dei grandi decisori. Lo spettacolo terrificante di ciò che accade ha di che scuotere ogni uomo che rispetta la sacralità della vita umana. Così se il signor Staffan de Mistura riesce a rilanciare il processo di pace già avviato, possiamo sperare in una schiarita e forse anche dei risultati concreti di pacificazione, preliminare indispensabile alle basi del dialogo tanto auspicato.
La cosa più difficile per i cristiani che sono attualmente presenti ad Aleppo sarebbe la prospettiva di dover vivere, mattina e sera, nell'ansietà per questa situazione di insicurezza destabilizzante e di incertezza sconcertante. Hanno paura dell'indomani, l'avvenire dei loro bambini li preoccupa enormemente. Immaginare che un giorno uno stato musulmano integralista verrebbe imposto a loro, è per essi un incubo insopportabile.
È per questo che ci rivolgiamo ai nostri fratelli in Francia e in tutto l'Occidente, e vi preghiamo di aiutarci a far sì che questo non accada. Non stiamo chiedendo a voi di fare la guerra per noi, ma solo di porre fine alle pretese ingiuste dei vostri alleati che ci vogliono imporre leggi antiquate, insopportabili per un uomo del XXI secolo che vuole essere libero di scegliere la sua cultura, il suo stile di vita e la sua fede.
Facciamo appello ai nostri fratelli in Francia di pregare per noi e perché tutte le donne e tutti gli uomini francesi preoccupati della dignità dell'essere umano ed innamorati della libertà, vengano in nostro soccorso per sottrarre il nostro caro Paese dal baratro del regime fondamentalista in cui si cerca di immergerci. Per favore, aiutateci a continuare a vivere dignitosamente su questa terra benedetta che ci ha visti nascere e crescere!"
Aleppo, 28 settembre 2016                                                                                                                   + Jean-Clément JEANBART,  Arcivescovo di Aleppo

2 commenti:

  1. La Siria deve essere salvata e la Chiesa può dare un grande contributo ma per farlo deve prendere una posizione meno equidistante e condannare chiaramente l'appoggio che Stati Uniti e NATO danno ai terroristi, appoggio che nascondono sotto la foglia di fico del sostegno ai “ribelli moderati”. Le possibilità di uno scontro tra Russia e USA si fanno sempre più alte. Il ruolo della Chiesa può rivelarsi fondamentale nello scongiurare una guerra. Però un intervento del Papa a difesa dei popoli e della cristianità tutta, necessita che venga espressa la chiara adesione alla posizione dei cristiani di Aleppo che denunciano la volontà delle potenze occidentali di fomentare lo scontro religioso ed etnico e cancellare la millenaria presenza cristiana dall'area, e sostengono l’azione del governo di Damasco, la cui sovranità va difesa mettendo in evidenza la necessità del rispetto del diritto internazionale.

    RispondiElimina
  2. Condivido tutto quello che dice, ma dubito che Sua Santità arrivi ad esprimere un giudizio preciso come quello che lei sollecita. Ho l'impressione che il Papa abbia un gruppo di consiglieri non esattamente su questa linea e di conseguenza anche i suoi interventi, encomiabili nelle intenzioni, purtroppo non vadano nel senso auspicato dalla maggioranza dei vescovi siriani e nemmeno della stragrande maggioranza della popolazione, sia cristiana che musulmana. La gente vuole che la guerra finisca, ma non a qualsiasi condizione. Mi sembra che l'arcivescovo Jeanbart, qui abbia evidenziato chiaramente quali sono i timori della popolazione.
    Un interessante articolo al proposito è stato pubblicato oggi sul blog VIETATO PARLARE.
    Trascrivo il link:
    http://www.vietatoparlare.it/alla-siria-niente-piu-male-la-compassione-accompagnata-unassenza-giudizio-2/

    RispondiElimina

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.