Traduci

venerdì 2 giugno 2017

Siria: mutilati, disabili permanenti e paralitici, la faccia nascosta del conflitto

Mentre giunge la conferma che l'Unione europea ha deciso di estendere fino al primo giugno 2018 le sanzioni contro la Siria, che colpiscono pesantemente anche il settore medico - assistenziale siriano (https://sputniknews.com/middleeast/201705151053638433-sanctions-almost-destroyed-syrian-medical-industry/  e  Syria sanctions indirectly hit children's cancer treatment), invitiamo alla lettura di alcune testimonianze.  Qui rimandiamo alla prima.

AsiaNews, 1 giugno 2017

Secondo l’organizzazione umanitaria Handicap International sono oltre 300mila le persone in Siria ferite a vario titolo nel contesto del conflitto [in atto dal marzo 2011] e bisognose di cure. Molte di queste hanno subito danni permanenti e disabilità di lungo corso che si ripercuoteranno sul resto della loro vita, stravolgendone la qualità. 
Molti siriani - ad oggi non si hanno cifre precise al riguardo - feriti in questi anni di guerra hanno subito infermità permanenti, alle quali non si è in grado di rispondere con cure mediche adeguate e un necessario percorso riabilitativo. Con sei anni di conflitto alle spalle, gli ospedali del Paese scarseggiano in apparecchiature mediche, mancano i farmaci di base e dottori specializzati per le varie patologie. Molte di queste strutture in difficoltà si sono viste costrette a dimettere troppo presto i pazienti, per far fronte alle nuove - e continue - emergenze in arrivo. 
Alcune fonti, non confermate, parlano di diverse migliaia di persone paralizzate o mutilate, anche se il numero esatto di gente con disabilità permanenti resta sconosciuto. Lo scorso anno la Caritas, attraverso i progetti avviati a Damasco, ha aiutato oltre 115 persone affette da disabilità, fornendo loro sedie a rotelle, forniture mediche, operazioni chirurgiche e medicine. Solo lo scorso anno l’ente caritativo cristiano ha sostenuto 213 famiglie nella capitale con portatori di handicap al loro interno, garantendo cibo, generi di prima necessità e anche l’istruzione di base. Sono una delle nostre “priorità”, conferma Caritas Siria. 
Questa è l’altra faccia della guerra, che i media purtroppo tendono a tenere nascosta perché non fa notizia. Una faccia che assume i contorni e la fisionomia di Georgette, che combatte ogni giorno la sua battaglia contro le lacrime, la disperazione, gridando a gran voce: “Cerco di essere forte, ma credo di avere tutto il diritto di essere debole alle volte… ne ho tutto il diritto…”. 
La storia di Georgette, colpita da un cecchino tornando da un battesimo. “Senza Cristo sarei crollata molto tempo fa”:  http://www.asianews.it/notizie-it/Caritas-Siria:-mutilati,-disabili-permanenti-e-paralitici,-la-faccia-nascosta-del-conflitto-40907.htm 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.