Traduci

sabato 11 marzo 2017

L'Industria dei Diritti Umani al servizio dell'imperialismo


di Margaret Kimberley
15 febbraio, 2017

Quando le Organizzazioni dei cosiddetti Diritti Umani sono finanziate dall’un per cento, esse sicuramente riflettono le priorità e le prevenzioni dei loro influenti sponsor. Pertanto, Amnesty International è una vitale fonte della propaganda di guerra a favore degli interventi imperialisti USA in Medio Oriente e altrove. Il loro "rapporto" di un presunto "macello umano" ad opera dal regime siriano è l'ultimo episodio di una campagna volta a giustificare l’intervento degli Stati Uniti in Medio Oriente.

L'umanità ha un disperato bisogno di individui e organizzazioni che alzino la voce per il suo diritto a vivere libera dal rischio della violenza di Stato. Invece, abbiamo un’Industria dei Diritti Umani, che parla per i potenti e racconta menzogne per giustificare le loro aggressioni. Amnesty International e Human Rights Watch sono al vertice di questa lista infame. Hanno il modello e la prassi per fornire una copertura al cambiamento di regime ordito dagli Stati Uniti, dai partner della NATO e dalle monarchie del Golfo, come l'Arabia Saudita.
Amnesty International ha recentemente pubblicato un rapporto dal titolo ‘’ Mattatoio umano: impiccagioni di massa e sterminio nella prigione di Saydnaya in Siria", in cui si sostiene che il governo siriano abbia ucciso tra le 5000 e le 13.000 persone in un periodo di cinque anni. Il rapporto si basa su fonti anonime fuori dalla Siria, per sentito dire, e sull'uso discutibile di foto satellitari, che evoca la performance di Colin Powell alle Nazioni Unite nel 2003. Si fa un ampio uso di termini iperbolici quali ‘’mattatoio" e "sterminio", ma mancano le prove sulle gravi accuse proferite.

Pochi giorni dopo, Human Rights Watch si è unito al gruppo che denuncia il governo siriano per l’impiego di gas clorino contro civili in fuga da Aleppo. Ancora una volta, le argomentazioni sono state supportate da scarse indicazioni del fatto: soltanto fango, gettato contro un muro con la speranza che un poco di esso resti attaccato. Era stato invece il Fronte al-Nusra ad aggredire i profughi di Aleppo mentre tentavano di raggiungere le linee dell'esercito siriano. Un giorno esce un rapporto su esecuzioni capitali, il giorno dopo sull’impiego di armi chimiche, le barrel bombs il giorno successivo e così via.

Queste organizzazioni fasulle non dicono mai che la catastrofe umanitaria in Siria è stata provocata dall'intervento occidentale e dai loro alleati jihadisti tagliatori di teste.
La guerra non è finita, ma il governo e i suoi alleati stanno vincendo. Saranno loro a determinare il futuro della Siria. La Russia, la Turchia e l'Iran hanno convocato i negoziati di pace tra il governo e l'opposizione, ed è per questo che i tentativi di gettare discredito andranno avanti.

A partire dal 2011, gli Stati Uniti usano un sistema collaudato per imporre l’imperialismo. Si accusa un leader straniero di essere un tiranno che terrorizza la sua nazione. Ed ecco le argomentazioni per zittire le critiche: si compra il consenso dei mass media e dei politici cinici, e infine arriva la morte attraverso i cosiddetti salvatori. Ci sono nove milioni di rifugiati siriani proprio a causa della collusione tra l'Occidente e le alleate monarchie del Golfo. Hanno causato loro la sofferenza della popolazione civile, e soltanto la determinazione dei Siriani e l'aiuto dei loro alleati hanno impedito che si ripetesse la fine della Libia.

Ora che i jihadisti sono in fuga e il loro sostenitore turco sembra forse aver cambiato bandiera, la festa è finita. Ma gli imperialisti non andranno via tranquillamente. Ecco perché Human Rights Watch e Amnesty International riappaiono al momento cruciale. 

Il nuovo presidente Donald Trump è una totale incognita. Durante la campagna elettorale, ha affermato che non avrebbe sostenuto un cambio di regime, ma la sua personalità e la sua politica sono imprevedibili. Non è mai chiaro cosa intenda dire o voglia. Il suo staff è altrettanto dilettantistico, e la direzione della politica estera americana è ancora un mistero. Un giorno vuole migliorare le relazioni con la Russia e il giorno successivo fa l’inutile richiesta di restituire la Crimea ai signori neonazisti. Ma repubblicani e democratici del partito della guerra non lasciano alcun dubbio sui loro piani. Essi non rinunciano alla lotta per l’egemonia ed hanno bisogno di tutta la credibilità possibile. Per fornire la propaganda, Amnesty International e Human Rights Watch intervengono tempestivamente.
Se fossero stati davvero seri nell’obiettivo dichiarato di dare voce ai maltrattati, avrebbero usato le loro ampie risorse per criticare gli Stati Uniti a livello nazionale e mondiale. Quando il presidente George Bush istigò l'invasione dell’Iraq nel 1991, hanno ripetuto la favola dei soldati che uccidevano i neonati nelle incubatrici. Non hanno mai spiegato né si sono scusati per le loro azioni. Hanno continuato la loro orribile collaborazione nel 2011, fornendo all'amministrazione Obama una copertura per l’attacco e la distruzione della Libia.

Nessuna organizzazione denuncerà lo stato carcerario americano, il peggiore del mondo. Essi potrebbero criticare il pattugliamento dei nuovi schiavi, che uccide tre persone ogni giorno. Potrebbero chiedere perché gli Stati Uniti hanno un implicito diritto di decidere che la Libia o la Siria o la Somalia possono essere distrutti e le loro popolazioni costrette a patire. Ma affrontare questi temi andrebbe contro la loro vera missione: creare le condizioni necessarie per consentire agli Stati Uniti di commettere aggressioni senza il timore di una opinione pubblica contraria. Amnesty International e Human Rights Watch non sono amichevoli con tutti i Popoli del mondo. Se la prendono con i deboli e con i bersagli dell’attacco imperialista. Mentono in nome di coloro che violano massicciamente i diritti umani. Nonostante abbiano giocato un ruolo di primo piano nel disastro siriano, gli Stati Uniti sono stati invitati come osservatori ai prossimi colloqui di pace. Amnesty International e Human Rights Watch intervengono per fare in modo che, se l'amministrazione Trump dovesse partecipare, non ci sia alcun cambiamento di cui doversi impensierire. L’industria dei Diritti Umani è sicuramente dalla parte dei malvagi e delle loro sporche azioni.

Margaret Kimberley 

La colonna di Margaret Kimberley, Freedom Rider, appare settimanalmente nel Black Agenda Report, dove lavora come redattore e giornalista.  Ha anche un blog: freedomrider.blogspot.com.

   Trad. Maria Antonietta Carta

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.