Traduci

lunedì 13 giugno 2016

Due anni di occupazione ISIS. Dichiarazioni dei Patriarchi

Una dichiarazione congiunta sull'occupazione da parte di ISIS dei villaggi assiri nel nord dell'Iraq è stata promulgata dal Patriarca siro-ortodosso e dal Patriarca siro-cattolico. La dichiarazione definisce le azioni di ISIS "un atto criminale, che equivale ad un genocidio etnico-religioso".
ISIS ha catturato Mosul il 10 giugno 2014 e si è espanso nella Piana di Ninive, una roccaforte assira, nel nord Iraq, il 7 agosto, obbligando quasi 200.000 Assiri ad abbandonare le loro case e villaggi. ISIS ha anche distrutto chiese assire, monasteri e siti archeologici.

Ecco il testo della dichiarazione:
Due anni da quando è stato strappato il nostro Popolo proveniente da Mosul e dalla Piana di Ninive: la ferita dell' emigrazione forzata sanguina ancora.
Due anni sono passati dallo sradicamento del nostro popolo siriaco dalla terra dei nostri antenati a Mosul e la piana di Ninive, seguendo l'atto criminale, che equivale ad un genocidio etnico-religioso, commesso da ISIS e altri gruppi terroristici che considerano infedeli tutti coloro che non condividono la loro religione o non credono nelle loro dottrine confessionali.
Il 10 giugno 2014, il nostro popolo è stato costretto a lasciare Mosul. Alla vigilia del 7 agosto dello stesso anno, lo sradicamento è continuato e la nostra gente è stata costretta a lasciare Qaraqosh, Bartelly, Bahzani, Bashiqa, Telosqof, Al-Qosh, Karamlis, e altri villaggi e città della piana di Ninive. Sono diventati rifugiati e senza casa nella regione del Kurdistan iracheno e dei paesi vicini del Libano, Giordania e Turchia.
Oggi, due anni dopo la calamità che si è abbattuta sulle nostre persone, i paesiche hanno potere decisionale e la comunità internazionale rimangono silenziosi e inerti verso la pulizia etnica di un popolo storico che ha fondato la civiltà della zona. Noi siamo i discendenti dei martiri che hanno difeso la loro fede, la terra e l'onore. Hanno testimoniato fino al punto di versare il proprio sangue per la loro causa.
Accogliamo con favore la decisione di alcuni paesi di riconoscere questi atti di terrorismo come un genocidio contro i cristiani e le altre minoranze etniche e religiose. Tuttavia, denunciamo con forza l'assenza di azioni effettive da parte della comunità internazionale e del governo iracheno per intensificare la liberazione di Mosul e dei villaggi della Piana di Ninive dai gruppi terroristici. Hanno distrutto le nostre chiese e monasteri, in particolare del monastero di S. Behnam e Sarah in cui è stata bombardata la tomba del santo. Hanno rubato le proprietà e i beni del nostro popolo, diffondendo le tenebre della morte, distruzione e degrado morale.
Come padri spirituali di questo popolo, i nostri cuori sono stati trafitti dal dolore e gli occhi si sono riempiti di lacrime ogni volta che abbiamo visitato, insieme e separatamente, i nostri figli sfollati che si sono stabiliti nelle città e cittadine della regione del Kurdistan in Iraq. Abbiamo visto la loro sofferenza e la mancanza dei più basilari elementi necessari per una vita dignitosa, vale a dire l'alloggio, il lavoro, l'assistenza sanitaria o l'istruzione per i bambini. Ringraziamo il Governo della Regione del Kurdistan in Iraq per i suoi sforzi per offrire i servizi di base in questi tempi difficili. Noi, allo stesso modo riaffermiamo la nostra richiesta per la liberazione immediata di Mosul e della Piana di Ninive e il ritorno dei nostri figli e figlie alla loro terra e case. Essi dovrebbero godere di sicurezza e stabilità, nonché le condizioni di vita che assicurino la loro dignità e li aiutino a ristabilire la loro fiducia nel loro paese e la loro speranza in un futuro luminoso.
Quindi, diciamo ai nostri figli spirituali che sono stati costretti a lasciare le loro case e comunità:
Siamo con voi in ogni momento, vi esortiamo a rimanere la lampada che brilla nel buio di questa tribolazione, per il ritorno alle vostre case presto. Confidiamo nella promessa del Signore che Egli rimarrà in mezzo alla sua Chiesa e Lei non cadrà mai.
Non perdete la fede, incoraggiatevi e rimanete saldi nel Signore Gesù Cristo che ci invita a non avere paura, dicendo: «Coraggio, io ho vinto il mondo" (Giovanni 16: 33). 
10 giugno 2016
Ignatius Aphrem II 
Syriac Orthodox Patriarch of Antioch and All the East


Ignatius Youssef III Younan 
Syriac Catholic Patriarch of Antioch


(trad. OpS)   http://www.aina.org/news/20160612033007.htm


Dichiarazione in occasione del secondo anniversario dell'occupazione di Mosul da Daesh (SI)

del Patriarca Louis Raphael Sako
Con tristezza, dolore e preoccupazione, celebriamo il secondo anniversario della tragedia che ha colpito la popolazione di Mosul: l'occupazione della città da parte dei jihadisti dello Stato Islamico (Daesh), avvenuta 10 Giugno 2014, seguita dall'esodo della sua popolazione e soprattutto i cristiani, e dall'esodo degli abitanti della Piana di Ninive due mesi più tardi. Ci ricordiamo anche tutto ciò che è stato fatto per sradicare la loro cultura, la loro storia e la loro memoria.

Davanti a questi eventi crudeli e spaventosi, continuiamo a credere che la soluzione deve venire dal "dentro", vale a dire dagli iracheni stessi, che mettano da parte le loro differenze e cambino il loro modo di pensare ed agiscano per trovare una reale volontà politica di riconciliazione, adottando una visione chiara  e un piano di riforma sistematica per risolvere i problemi.
Questa guerra non è una guerra tra musulmani e cristiani, ma copre lotte, in nome della religione, per il potere e il denaro. Sono tanti i legami tra cristiani, musulmani e seguaci di altre religioni: questi sono storici, e le differenze sono naturali perché  "Dio ci ha creato diversi".  

Pertanto, faccio appello a tutti - nel corso del mese di digiuno del Ramadan per i musulmani, e in questo anno di misericordia per i cristiani - a non indulgere in sedizioni confessionali, a non dilaniarsi l'un l'altro, né ad essere presi dalla paura. Invito tutti a mantenere la fede, la pazienza e la speranza, unificare le forze e cooperare per liberare le città, raggiungere la pace, la sicurezza e l'uguaglianza per tutti.
Ai cristiani che sono colpiti in modo particolare, desidero indirizzare un messaggio: li invito ad essere solidali con la loro gente, a restare radicati alla loro terra e continuare la loro gloriosa storia e la loro missione con coraggio, promuovendo la cooperazione e la coesistenza armoniosa con i loro concittadini.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.