Traduci

venerdì 20 maggio 2016

Younan: "Dovete alzare la voce per dire ai vostri governi: si partecipa a un genocidio delle minoranze"


"L'Occidente sta alimentando le tragedie catastrofiche che si svolgono davanti ai nostri occhi. Abbiamo ripetuto molte volte che incitare alla violenza in Siria porta solo il caos; e il caos porta alla guerra civile, o viceversa. Il caos è il più grande nemico delle minoranze, in particolare della minoranza cristiana in Siria e in Iraq ".
Queste sono le dure parole che il Patriarca di Antiochia e della Chiesa siro-cattolica, Ignace Youssef III Younan, ha pronunciato in una recente intervista con  Aleteia.

Da:   L'Antidiplomatico

- Patriarca Younan, qual è la situazione attuale in Siria? Qual è l'esperienza della Chiesa in questa fase del conflitto?
- Il conflitto continua. Tutte le parti coinvolte hanno le loro armi e il loro sostegno.
 
Ma c'è una grande differenza tra le forze governative, che non sono del "regime", dal momento che la Siria ha un governo riconosciuto ed è membro delle Nazioni Unite, che vogliono difendere la loro gente, e le altre forze di opposizione, ribelli o rivoluzionari -come vogliamo fare riferimento a loro, che, purtroppo, stanno distruggendo il paese.

Pochi giorni fa, ho trascorso qualche tempo in Al-Qaryatain e Palmira e ho visto con i miei occhi la distruzione che si stava svolgendo in queste due città.
 
Sono andato a Al-Qaryatain perché lì ci sono due comunità, uno siro-ortodossa e la  parrocchia cattolica. Avevamo anche il monastero di San Elian, ora completamente distrutto. Entrambe le chiese, soprattutto quella ortodossa, sono state praticamente rase al suolo.
Poi sono andato a Palmyra, dove abbiamo avevamo una piccola chiesa che è stata distrutta insieme con la canonica.
 
Ora la comunità internazionale è preoccupata per i monumenti archeologici di Palmira, che sono famosi in tutto il mondo, ma per più di cinque anni, l'interesse per le vittime innocenti è stato piuttosto limitato.
Soprattutto ora, visto quello che sta accadendo ad Aleppo, è un fatto che ci rattrista molto.

 
- L'esodo che si sta sviluppando rappresenta una situazione molto difficile. La vostra comunità vede alcuna possibilità di rimanere lì o ...?
  - 
Questa è una ingiustizia non solo per la mia comunità, ma per tutti i siriani. È vero che i cristiani sono una minoranza. Abbiamo sofferto persecuzioni, abusi e le morti, come gli altri, ma siamo i più deboli e non abbiamo nemici, né nello Stato né fra i ribelli. Non simpatizziamo con coloro che stanno distruggendo il Paese e uccidendo il suo popolo.
 
Allo stesso tempo, consideriamo loro complici tutti coloro che hanno incitato queste bande terroristiche e i presunti ribelli , dal momento che, secondo la legge penale, chiunque incita all'omicidio deve essere incriminato, e subire la punizione.
 
E così ho detto di recente durante un incontro a Torino, dove ho parlato della complicità dei politici occidentali.
 
Chiaramente sapevano che incitare alla violenza per i benefici derivanti dalla vendita di petrolio e di armi avrebbe comportato la distruzione del paese.
  Presto mi recherò a Homs [ovest della Siria] per l'ordinazione del nostro nuovo vescovo. La situazione è stabile lì e si può andare perché la zona è sotto il controllo del governo, ma più ci si avvicina ad Aleppo, più le cose diventano difficili.
E noi non sappiamo che cosa accadrà nel prossimo futuro.

 
- Di fronte a questa tragedia, i nostri lettori ci chiedono cosa possono fare.
Se i vostri cari lettori in Occidente credono che i Paesi in cui vivono sono paesi democratici, allora dovete alzare la voce per dire ai vostri governi: state partecipando a un genocidio delle minoranze, in particolare la minoranza cristiana.
 
Perché il genocidio non significa solo l'uccisione di tutti i membri di una comunità, ma anche costringerli a fuggire dal loro Paese in altre parti del mondo, sradicandoli dalla patria dei loro antenati e distruggendo una cultura, una società e una tradizione religiosa.
 
Siamo Chiese sui iuris, cioè, radicate con una nostra storia, anche se non siamo molto grandi. La situazione è orrenda.
 
Quindi, i vostri lettori devono capire che non dovrebbero accettare ciò che dicono i mass media o i politici che abusano del loro potere.
Non è più accettabile o ammissibile che si chiudano gli occhi davanti alle  atrocità che vengono consentite nel XXI secolo. Perché l'indifferenza ci rattrista e ci fa soffrire ancora di più.

-
Bisogna riconoscere l'intervento di Putin?
 
- I russi hanno preso molto più seriamente l'aiuto alla Siria, in difficoltà e divisa da molto tempo. Quando sono stato a Palmira, erano i russi che difendevano i siti archeologici.
 C
iò che ha fatto la Russia nel mese di settembre vale molto di più di quello che l'Occidente ha fatto negli ultimi due anni.
 
Abbiamo un altro esempio di ciò in Iraq, che, secondo gli USA e gli altri occidentali, è un paese che si sta muovendo verso la democrazia. Ma allora, perché non aiutare veramente a sconfiggere il sedicente Stato Islamico?
 
Essi hanno parlato di fermare o eliminare questo califfato del  terrore. In effetti, l'opportunismo dilagante esistente è ora palese. E solo noi cristiani indifesi, siamo intrappolati nel mezzo tra Daesh e l'opportunismo occidentale.

 
- I nostri lettori, soprattutto perché la nostra edizione è in arabo, ponevano questa domanda:  Molte persone non hanno capito il gesto di Papa Francesco di portare 12 musulmani a Roma il suo volo di ritorno dalla Grecia. Molti dei nostri lettori ci hanno detto: "Siamo cristiani e nessuno ci aiuta" ... Come rispondiamo?
 
- Capisco la posizione di queste persone e la loro ansia, e capisco che ci sono momenti in cui la carità cristiana non si comprende del tutto.
 
Per me, Papa Francesco è il successore di Pietro, il capo della Chiesa cattolica universale e, sollecitato dalla carità del Vangelo, ha voluto mostrare al mondo che il cristianesimo non discrimina a causa della  religione, razza o colore della pelle.
 
D'altra parte, posso capire perfettamente coloro che si chiedono circa i motivi di quanto accaduto, e se incontrassi  il Papa gli direi: "Santo Padre, tirar fuori 12 siriani tra tutti quelli che annegano nella sofferenza non risolve il problema. Preferiamo che Sua Santità prenda una decisione vera e propria".
 
Credo che il Papa abbia incontrato il Vice Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Il Papa deve dire chiaramente che le politiche adottate dai politici occidentali sono assolutamente ingiuste e vanno contro la carità e la giustizia.

Avrebbero potuto gradualmente riformare i sistemi di governo. Non è possibile esportare quelle che sono chiamate "democrazie occidentali" in Paesi in cui c'è ancora un amalgama di religione e Stato.
Questa fusione esiste in tutti i paesi del Medio Oriente, ad eccezione del Libano, e significa che non si avrà mai una vera democrazia, continuando questa fusione di religione e Stato, perché sappiamo che nell'Islam il Corano viene letto e interpretato letteralmente.
Pertanto, alcuni dicono "questa è la nostra religione", ma non dimenticate che ci sono versi intrisi di violenza e di incitamento alla violenza.  E in aggiunta, ogni gruppo comprende questi versi come ritiene, perché non c'è nessuna autorità religiosa definitiva per impedirlo.
Qui ci troviamo di fronte un problema di esegesi, e ci sono alcune cose che devono essere comprese correttamente.
E così, un risultato è che ci troviamo di fronte un autonominato Stato Islamico che continua a commettere atrocità nel nome dell'Islam. Interpretano la religione come vogliono.

Non tutti i musulmani sono terroristi, ma per disgrazia, finora i terroristi del XXI secolo sono musulmani. Dobbiamo dirlo con chiarezza, chiediamo ai nostri fratelli musulmani di essere vigili. Personalmente, ho sempre detto che i discorsi nelle moschee dovrebbero essere appelli per la coesistenza e la pace, e non accuse di infedeltà rivolte alle altre religioni.
...
  è possibile continuare la lettura dell'intervista (in spagnolo)  qui: 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.