Traduci

lunedì 14 marzo 2016

5 anni di sofferenza e di menzogne: LETTERA APERTA di Padre Daniel ai Governanti Occidentali

Nell'anniversario infausto dei 5 anni della 'rivoluzione siriana' , padre Daniel scrive dal Monastero di Mar Yacub in Qara una 'Lettera aperta' al Signor D. Reynders, Ministro belga degli Affari Esteri 

La riproponiamo ai governanti di ITALIA e di tutti paesi occidental



Deir Mar Yakub, Qâra, Siria - 11 marzo 2016

Eccellenza,
Sono un belga residente in Siria, mi riferisco a Lei, onorato ministro del nostro amato paese, per fornirVi informazioni sulla mia situazione e inoltre per chiederVi di continuare a collaborare alla nostra protezione e anche alla protezione del popolo siriano.
Nel 2010, io, padre Daniel Maes, sacerdote norbertino dell’ abbazia Fiamminga Postel-Mol sono venuto in Siria, al servizio della comunità religiosa di Mar Yakub in Qâra, Qalamoun. Ero arrivato con molti pregiudizi e sospetti. Il contatto con la popolazione e il paese, tuttavia, mi ha fatto subire uno shock culturale.
È vero, le libertà individuali e politiche in Siria non sembravano molto grandi e neanche così importanti (nel frattempo ci sono stati grandi cambiamenti come la creazione di un sistema pluripartitico). Ma dall’altra parte c’era una società armoniosa composta di molti gruppi religiosi ed etnici diversi , che già da secoli convivevano in pace. Inoltre c'era l'ospitalità orientale generosa e una sicurezza molto grande, che non abbiamo mai conosciuto nel nostro paese. Furti e violenze erano praticamente inesistenti. Il paese non aveva nessun debito e non c’era nessun senzatetto. Al contrario, centinaia di migliaia di rifugiati dai paesi circostanti erano stati accolti e anche mantenuti come se fossero veri cittadini. Per di più, la vita quotidiana era anche molto economica, come anche gli alimenti. Le scuole, le università e gli ospedali erano tutti gratis, anche per noi stranieri che appartenevamo ad una comunità monastica siriana, come noi stessi abbiamo sperimentato.
Nel frattempo era scoppiata una guerra terribile. Con i nostri occhi abbiamo visto come stranieri (non Siriani) hanno organizzato manifestazioni di protesta contro il governo. Questi hanno fotografato e filmato le loro stesse manifestazioni, che in seguito sono stati riprese e distribuite - dalla stazione TV  Al Jazeera in Qatar – e cosi in tutto il mondo con il falso messaggio che il popolo siriano si stava ribellando contro una dittatura. Questi stranieri hanno poi invitato i giovani del nostro villaggio ad unirsi a loro. Ci sono stati attentati e omicidi nelle cerchie sunnite e cristiane per dare l'impressione che si trattasse di una vendetta simile ad una guerra civile interna. 
Nonostante questi tentativi di provocare odio e caos, il popolo siriano è rimasto unito. Come una famiglia unita, i siriani hanno protestato contro i gruppi terroristici stranieri e contro i paesi che li supportano. Centinaia di migliaia di persone innocenti sono stati uccise, tra cui molti soldati del governo e uomini della sicurezza. Scuole, ospedali e infrastrutture sono state rase al suolo. Diversi milioni di cittadini sono fuggiti all'estero. La maggior parte tuttavia sono fuggiti nel paese stesso verso le zone che sono protette dall'esercito. 
Infatti, il governo aveva deciso di non proteggere i suoi pozzi di petrolio nel deserto, ma aveva messo come priorità assoluta la protezione dei cittadini. 

 Nel novembre 2013 anche noi siamo stati il bersaglio di attacchi armati. Gli attacchi e bombardamenti , intorno a noi, di decine di migliaia di uomini armati pesantemente erano così gravi che, umanamente parlando, non c’era nessuna possibilità di scampare alla morte e alla devastazione. Grazie a Dio, la nostra intera comunità è stata salvata in modo miracoloso e fino ad oggi è rimasta illesa, insieme al popolo di Qâra, grazie all'esercito. 

L’intervento russo tempestivo - su richiesta del governo siriano - ha portato una profonda modifica e ha combattuto finalmente in modo esperto tutti i tipi di gruppi terroristici, per il quale il popolo siriano è, e rimane ancora molto grato. Questo dà speranza. Tuttavia, migliaia di jihadisti stranieri, armati, addestrati e pagati continuano ad arrivare in Siria per provare a rompere ancora la strenua resistenza del popolo.
Ora sperimentiamo  la più grande crisi umanitaria dopo la seconda guerra mondiale. Noi stiamo cercando di contribuire a queste sfide e aiutare tutti i bisognosi. La nostra comunità ha organizzato tre centri : in Damasco, Tartous e qui nel monastero, da dove partono gli aiuti. 
Due settimane fa, abbiamo anche potuto offrire aiuto nella città di Aleppo – la città più colpita della Siria - con più di 8.500 pacchi di alimenti, con un'ambulanza e con un quarto "hopitainer", che consiste in un ospedale mobile estremamente costoso. Proprio per quello, Madre Agnes-Mariam, fondatrice e superiora di questo monastero, ha recentemente ricevuto a Mosca, a nome della Comunità, l'importante premio “Femida” per la pace e per la giustizia.  
Possiamo continuare a fornire l'assistenza solo grazie al generoso sostegno dei nostri numerosi benefattori, di alcune organizzazioni internazionali e di paesi come l’Olanda, che sono disposti a sostenerci per aiutare le persone più bisognose, indifferenti alla loro appartenenza religiosa o etnica.

Con grande fiducia, ci rivolgiamo a Lei per chiederVi di non farVi ingannare dalle bugie e manipolazioni dei mass media, ma Vi chiediamo di riconoscere coraggiosamente ciò che realmente accade in Siria. Non dimentichiamo i recenti esempi tragici. Sulla base di gravi menzogne sono già stati massacrati popoli e distrutti interi paesi. Alcune grandi potenze hanno voluto impadronirsi del petrolio, dell'oro, delle banche e dei depositi di armi. Anche il nostro paese belga ha contribuito a destabilizzare alcuni paesi, dove oggi c’è un caos totale. Si tratta di azioni illegali e disumane. E perchè ?

La Siria è un paese sovrano, la culla delle civiltà più antiche e culla della preziosa fede cristiana . La Siria ha un governo legittimo e un presidente legittimamente eletto dalla stragrande maggioranza del popolo con le sue varie comunità religiose e gruppi etnici. Nessuna legge internazionale può giustificare alcuna interferenza straniera in Siria. La decisione sul futuro o sul governo della Siria riguarda solo i Siriani stessi. 
Sulla base di bugie grossolane, Lei collaborerà  ad uccidere e distruggere ulteriormente questo popolo, contro ogni diritto internazionale e contro la dignità umana? 
I campi dei rifugiati devono diventare ancora più grandi? 
Volete buttare un intero popolo in una miseria senza speranza solo perché le superpotenze vogliono costruire un “pipeline” e vogliono anche impadronirsi del petrolio, del gas e altre ricchezze naturali e vogliono conquistare il territorio della Siria per la sua posizione molto strategica?
Pace e sicurezza per questo popolo richiedono il riconoscimento dell'inviolabilità del suo territorio, della sua indipendenza, della sua unità nazionale e dell’identità culturale. 
Inoltre, una tregua fragile momentanea deve essere rotta da nuovi interventi illegali militari?

Eccellenza, uno statista degno e capace si prepara per il futuro; uno statista degno e capace rispetta il diritto internazionale e la sovranità di altri paesi; uno statista degno e capace vuole che anche il  proprio paese sia rispettato e uno statista degno e capace serve il suo popolo (la parola latina “minister” significa “servitore).
Eccellenza, siate coraggioso, prendete contatto con il governo siriano, ripristinate le relazioni diplomatiche e rimuovete immediatamente tutte le sanzioni contro il popolo siriano, perché sono niente altro che terrorismo economico, offrite generosamente il vostro aiuto e il sostegno a nome del popolo belga.
Chi serve invece gli interessi delle potenze straniere per trascinare altri popoli nella miseria più profonda, è un leader terrorista, è anche indegno di essere chiamato uno statista.
Possiamo chiederVi di non schierarVi dalla parte degli assassini, ma dalla parte delle vittime innocenti? 
 E’ questo che noi, il popolo siriano e tantissimi uomini di buona volontà in Belgio e altrove, si aspettano da Lei. Per questo, noi Vi saremo molto grati e il futuro Vi ricorderà e Vi onorerà come uno statista degno.
Vorrete accettare non solo il nostro grido d’allarme ma anche i nostri rispettosi saluti,

  Padre Daniel Maes (da Postel-Mol)  

  ( trad A. Wilking) 


Ci permettiamo di suggerire ai nostri lettori di rileggere alcune delle testimonianze dell'indimenticabile monsignor Giuseppe Nazzaro sulla realtà dei fatti e sul significato della 'rivoluzione siriana':

Testimonianza di Mons. Nazzaro : La Primavera Siriana - dai prodromi al Califfato


  

6 commenti:

  1. Non ci sto. Un prete non può dire una tale menzogna. Il popolo siriano non ha eletto il suo Presidente. E' stato eletto con la violenza e le torture, con la paura delle prigioni del regime dove entri e non ne esci più. Ma Lei ha mai assistito ad una "Libera" elezione?Io si e di LIBERO non c'è proprio niente altrimenti non si capisce come possa vincere con il 99% sia il padre che il figlio per oltre 45 anni. Per favore un po' di onestà e di verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quale beneficio ha portato al popolo siriano la 'rivoluzione per la libertà? 5 anni di rivoluzione violenta hanno distrutto un paese, milioni di persone sfollate... estremisti religiosi hanno fomentato l'odio e continuano a seminare discordia perchè non si raggiunga soluzione pacifica interna .... a beneficio di quali paesi esterni accanirsi nel settarismo?

      Elimina
    2. Mi piacerebbe sapere come fa a giudicare come bugiardo un sacerdote che è in Siria dal 2010 ed ha vissuto tutta la vicenda di questa guerra assurda ed ha assistito anche alle ultime elezioni. Certo per essere ammessi a candidarsi bisogna passare sotto il giudizio di una commissione che ne scarta parecchi a priori: è una legge chiaramente studiata per favorire la rielezione del governo al potere. Posso comunque capire che usando i nostri criteri occidentali vedere percentuali plebiscitarie per Assad e per il partito Ba'ath possa infastidire e far pensare a coercizione nell'espletamento del voto. Tuttavia nelle ultime consultazioni gli osservatori internazionali non hanno denunciato brogli di una qualche gravità, quindi dobbiamo considerare Assad il legittimo presidente dei Siriani.
      Del resto pensare ai questi Paesi con forte presenza islamica di diversa osservanza (Sunniti, Sciti, Sufi, Drusi, Alawiti..) e di rilevanti minoranze cristiane a una democrazia sul modello occidentale non è ancora possibile: questo avrebbe solo l'esito di portare al potere le componenti Islamiche più integraliste e quel che accadrebbe dopo sarebbe l'abolizione della costituzione laica e l'instaurazione della Sharia e l'impossibilità di un ritorno allo stato precedente di una legale rappresentanza parlamentare. Le minoranze sarebbero spazzate via e costrette ad andarsene. Saddam Hussein e il colonnello Gheddafi, non sono stati dei leader da prendere a modello, ma a loro modo tenevano insieme tutte le anime del Paese. Quel che è successo dopo il Iraq e in Libia lo vediamo ancora adesso.
      E' successo anche in Egitto con l'estromissione di Mubarak e l'elezione di Morsi (disordini, Chiese bruciate, Copti martirizzati..): per ristabilire un minimo di vivibilità per tutti è stato necessario imprigionare Morsi e dichiarare illegale il governo dei fratelli Musulmani.
      Mi chiedo: è più onesto chi ha a cuore la vita della propria gente (come padre Daniel) o lei che getta fango su una persona senza conoscerla e senza conoscere il suo lavoro quotidiano e la sua dedizione? Il moralismo di chi pensa in astratto in queste situazioni è molto peggiore di chi pensa alla vita concreta della gente distrutta da una guerra che solo gli occidentali hanno avuto il coraggio di chiamare "civile" mentre esistono prove provate che sono gli interessi internazionali di stati come Turchia, Arabia Saudita, Qatar, USA ad aver generato questa carneficina!!
      Mi sento di ringraziare Padre Daniel per l'affetto e la dedizione al popolo Siriano che dimostra anche in questo scritto.

      Elimina
    3. Anonimo15 marzo 2016 18:12.

      Le elezioni presidenziali in Siria del 2014 si sono tenute il 3 giugno.

      Risultati
      Candidati Liste Voti %
      Bashar al-Assad Partito Ba'th 10.319.723 92,20
      Hassan al-Nouri INAC 500.279 4,47
      Maher Hajjar Indipendente 372.301 3,33
      Totale 11.192.303


      https://it.wikipedia.org/wiki/Elezioni_presidenziali_in_Siria_del_2014

      Elimina
    4. Quel personaggio che si firma Anonimo è un vero mentitore ed emissario di chi ha distrutto la Siria. Le parole di Padre De Maes corrispondono ai racconti che ho ricevuto da un miio amico archimandrita patriarcale di rito greco melchita, siriano e conoscitore del presidente Assad.

      Elimina
  2. Caro Anonimo, ognuno a casa sua ha il diritto di conquistarsi la democrazia che vuole e la sua libertà con mezzi pacifici e senza interferenze armate esterne. Dove noi occidentali siamo intervenuti , non abbiamo fatto che peggiorare le cose. Siamo daccordo con questo? Bene, lo sa chi si è occupato di portare la democrazia in Siria? Sono stati i sauditi, etc... non c'è altro di aggiungere.

    RispondiElimina

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.