Traduci

domenica 8 febbraio 2015

Roma: ​una mostra sulle devastazioni in Siria


nella splendida cornice romana della Basilica di Santa Maria in Cosmedin ("Bocca della verità"), l’esposizione 
sul patrimonio archeologico siriano, aperta tutti i giorni dalle ore 12.00 alle 18.00  fino al 14 febbraio. 
Chiusura domenica 15 febbraio quando alle ore 10.30 ci sarà la Messa per la Pace



OSSERVATORE ROMANO, 06 febbraio 2015
di Rossella Fabiani -

 La Siria è unica nel Vicino Oriente per l’abbondanza e la varietà delle testimonianze storiche e archeologiche. Dalle tombe monumentali di età sumerica ai possenti castelli dei crociati, dalle austere cattedrali bizantine alle moschee degli Omayyadi, dai templi ittiti in basalto nero ai marmi biancheggianti delle vie colonnate romane, la Siria conserva vaste e chiarissime tracce di quel caleidoscopio di culture che si sviluppò sul suo territorio dall’età della pietra all’evo moderno. Da qui emersero condottieri e dinastie che segnarono la storia, come i re di Ebla, Seleuco il grande, Diocleziano, Saladino.
Ma soprattutto la Siria da ben quattordici secoli significa un modello di convivenza pacifica tra le diverse confessioni religiose che abitano nel Paese. Un dialogo interreligioso, ma anche ecumenico che non si è mai interrotto sin dalle origini. Perché se la Palestina è la terra dove è nato Gesù, la Siria è stata la culla del primo cristianesimo con san Paolo sulla via di Damasco, la culla della vita monastica con san Simeone Stilita, sant’Ignazio, san Efrem, san Romano il Melode. Nella stessa Maaloula si parla ancora l’aramaico, la lingua di Gesù. Una accanto all’altra stanno la moschea con la chiesa, o meglio, le chiese: da quella melchita a quella ortodossa, da quella siriaca a quella armena. E tutto questo rischia di scomparire per sempre.

Oggi dopo quattro terribili anni di un conflitto che sta martoriando la Siria, più di un terzo dei cristiani — discendenti degli apostoli e dei Padri della Chiesa d’Oriente — hanno lasciato il Paese. Se spariscono, spariranno le radici della Chiesa e della civiltà occidentale. Ma la violenza della guerra sta costringendo anche a una riscrittura dei manuali di storia. Sono quasi trecento infatti i siti del patrimonio culturale siriano che sono stati toccati da un conflitto in cui lo scorso anno si sono inseriti i jihadisti dell’Is.

La devastazione è stata fotografata dai satelliti e monitorata dall’Unitar (United Nations Institute for Training and Research): le rovine greco-romane di Palmira, Dura-Europos sull’Eufrate e di Bosra, le città bizantine nella Siria del nord, la moschea Umayyad e la cittadella fortificata di Aleppo, il Krac des Cavaliers sono alcuni dei monumenti che le prossime generazioni potranno conoscere com’erano fino a quattro anni fa soltanto in fotografia.
La mostra fotografica promossa a Roma dalla comunità siriana in Italia in collaborazione con l’Associazione di volontariato europeo Sol.Id. e con il patrocinio del ministero del Turismo siriano, presso la basilica di Santa Maria in Cosmedin, la Chiesa cattolica greco-melchita retta dall’archimandrita Mtanious Haddad, documenta la distruzione che la furia del terrorismo ha inferto senza distinzione a luoghi storici e patrimoni dell’umanità.

Per misurare la devastazione, la mostra presenta foto di siti prima e dopo l’inizio della guerra. Immagini da Aleppo mostrano crateri grigi e montagne di macerie attorno alla celebre cittadella. Pesanti danni anche alla moschea Umayyad che ha perso il minareto dell’undicesimo secolo. Foto da Palmira e Dura-Europos mostrano i segni di vasti saccheggi, con il terreno punteggiato da scavi clandestini. La moschea al-Omari a Bosra risalente al vii secolo era la più antica moschea al mondo con il più antico minareto islamico che oggi non esiste più.

http://www.osservatoreromano.va/it/news/inventario-delle-macerie

Altre documentazioni: Directorate-General of Antiquities & Museums, DGAM Syria

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.