Traduci

domenica 22 giugno 2014

Voci dalla Siria dopo le elezioni


Nell’ultima settimana prima delle elezioni c’è stata una recrudescenza di aggressioni e minacce intimidatorie da parte dei jihadisti, sostenuti da America ed Europa (ahimè, c’è proprio da vergognarsi : non solo hanno rinnovato l’appoggio in denaro, ecc, ma addirittura hanno vietato ai Siriani rifugiati all’estero di andare a votare per il loro paese).
Aleppo sta molto molto male, adesso la prendono di mira anche con missili, il quartiere Midan specialmente, perché c’è una grossa comunità armena. Ci dicono che erano entrati a migliaia dalle frontiere per bloccare e impedire le votazioni, attaccando specie dal fronte con la Turchia, cioè su Lattakia e Idlib. Martedì, giorno fatidico, qui non volava una mosca. Tutti i negozi chiusi, sospesa ogni attività lavorativa, tutti erano impegnati a svolgere il loro dovere civico, e solo quello. La gente era calma e concentrata, conscia della sua responsabilità verso tutti i Siriani, ma anche di fronte al mondo intero, specialmente quello che …conta (e che già ha dichiarato di voler invalidare queste votazioni). Si è sentita qualche raffica per aria ( qui si spara sempre: quando c’è un morto, per onorare il morto ; quando parla il presidente , per manifestare la propria soddisfazione; quando c’è  qualche evento civile, per dire la propria partecipazione…). A sera, ho sentito nel villaggio canti e danze con il  tipico tamburello, cosa diversa dalle altre sere in cui si sentivano canti patriottici, inneggianti alla Siria (sì, è stata la loro preparazione alle votazioni). Sono rimasta stupita, perché non c’era nessun matrimonio in programma…Ma l’indomani vedendo la faccia radiosa del nostro vicino, ho capito meglio. In questo evento finalmente i Siriani hanno potuto, anche i più deboli ed inermi, dire la loro, prendere in mano il loro destino, affermare la loro volontà, la loro esistenza stessa, in faccia a chi vorrebbe negare loro il diritto a vivere, ad essere un popolo sovrano, in grado di prendere il suo posto nella storia del Medio Oriente. 
Di fatto, di tutti quanti sono coinvolti in queste trattative di pace che finiscono sempre in fallimenti, quanti di loro agiscono negli interessi reali di questo popolo ?  Con evidente fierezza X ci ha comunicato che tutta la Siria ha votato, tranne la provincia di Raqqa, che è completamente in mano ai jihadisti; che tutti, persino ad Aleppo, hanno espresso il loro voto. E che anche per chi poteva essere bloccato da voleri avversi, si è trovato il modo di raggiungerlo per permettergli di esprimere il suo voto (per esempio sono stati creati seggi elettorali alla frontiera col Libano, dato che era stato detto che chi fosse rientrato in Siria per votare avrebbe perduto il permesso di residenza . Anche all’aeroporto di Damasco sono stati istituiti seggi, per quelli che arrivavano in volo e se ne andavano subito dopo aver votato, come è capitato con 4 aerei pieni di siriani provenienti dal Kwait , e varie altre piccole e grandi trovate, per dare il più possibile a tutti gli aventi diritto la possibilità di dire la loro) .
In quest’ultima notte è esplosa la gioia. Canti e danze dappertutto, le sparatorie augurali hanno ceduto il posto a mortaretti e fuochi d’artificio. Si vocifera di gente che cantando sparge riso sui camion dei militari, di altri camion (pieni di gente che suona), che si spostano da un paesino all’altro, si sta entrando quasi nella leggenda… La gente è felice, nonostante tutti i morti, tutte le devastazioni morali e materiali. Tutta l’incertezza per l’avvenire si arrende di fronte a questo fatto : la Siria è unita e vuole procedere unita, con il capo che si è liberamente scelta.
Dati pubblicati dall’Ansa : 73,42 % di affluenza alle urne, 88% hanno votato per il presidente. Ma ormai i dati sono a disposizione di tutti. Y commenta con gli occhi luccicanti : “Hanno votato per Assad 10 milioni e 700mila siriani !”. Ma sapeste quanto è bello vedersi intorno facce fiere e contente. 
Preghiamo che questa quasi unanimità faccia ritrovare ai siriani ciò che si temeva perduto, cioè la fiducia e la convivenza tra genti diverse che si riconoscono tutte in una stessa patria.   

S.M. da Tartous  



Sono passati più di tre anni dall'inizio della crisi siriana. Ora lo stato siriano ha vinto contro tante pressioni che derivavano dall’Occidente e dai paesi dei petro dollari, come l’intervento armato, la divisione settaria del paese. Ha potuto pure stabilire una certa sicurezza in varie zone del paese, e sta vincendo nelle sensibili battaglie contro i fanatici islamisti (ISIS – Fronte Al-nusra – Il fronte islamico…).

Ormai è tempo che il presidente Bashar Al-Assad, dopo la sua vittoria nelle elezioni presidenziali, debba pensare con il nuovo governo che formera’ tra poco ad un' altra battaglia. La battaglia contro la poverta’, contro la corruzione, contro lo sfruttamento del cittadino da parte dei  “coccodrilli commercianti”. La metà del popolo siriano e’ disoccupata ed il 50 % dell’altra metà non riesce ad arrivare alla fine del mese… siamo in questa situazione da anni…. I siriani temono di non potere più resistere davanti alla fame…c'e’ un detto siriano che dice: “nessuno muore dalla fame” forse perchè stavamo cosi bene prima della Guerra, ma ora credetemi c'è della gente che muore veramente dalla fame… 
I prezzi sono volati in aria, e migliaia di famiglie mangiano la carne una volta al mese, e tante altre non mangiano la frutta perche’ talmente cara… Il prezzo del latte e’ aumentato del 600% (da 20 s.p al kilo a 120 s.p)… allora immaginate quanto costa un kilo di formaggio normale (700 s.p). Attualmente lo stipendio medio di uno che lavora nello stato e’ 30.000 s.p (150 euro) e basterebbe per 20 giorni (a comperare solo cibo) sapendo che una famiglia media in Siria consiste di Padre, Madre, 3 figli … non voglio parlare delle bollette ... elettrica, dell’acqua, del telefono, e non parlo dei vestiti per i bambini, e neanche della retta per la scuola … Secondo me la vera battaglia ora e’ contro la malavita, contro il nemico nascosto nella società che si chiama POVERTA’… il grande Imam Ali dice : 'se la povertà fosse un uomo lo avrei ucciso'.
Io capisco tutte le difficolta’ che il governo attualmente affronta, ma quando la pancia ha tanta fame il cervello non ragiona più… soprattutto quando vedi che una certa classe di gente sta diventando troppo piena di soldi grazie a questa guerra. Se all’inizio del 2011 una piccola parte del popolo siriano e’ uscita contro il governo di Assad perchè economicamente era scontenta, ora più della metà del popolo siriano e’ scontenta… 
   La gente è andata a votare con la speranza che Assad porti non solo la sicurezza ma anche per migliorare la vita economica del cittadino siriano. Ora Assad ha la battaglia più dura in assoluto. Una battaglia che non richiede armi... Sì, vi sono le NGO che aiutano, ma questo tipo di aiuto sembra come una medicina per calmare il dolore... tutte le  NGO ti danno cibo, abiti... ma non offrono un lavoro che ti permette di vivere degnamente... 
Si ricomincerà veramente la vita del Paese quando si inizierà a creare dei posti di lavoro e quando il presidente inizierà a pulire il paese dalla corruzione... quando di comincerà a dare più libertà soprattutto ai media locali e meno controllo sul cittadino...
I fratellini Anton Hajjar e Michael, giocavano
sul balcone di casa nel quartiere Jaramana:
uccisi da un razzo dei ribelli

La situazione di Damasco ogni giorno è critica perchè i ribelli buttano colpi di mortaio su di noi. E la vita sta diventando sempre più difficile... la gente e' molto stanca..., c'è tristezza... 
Samaan da Damasco







    Le elezioni presidenziali in Siria vanno analizzate, non condannate a priori






    Appunti, 19-06-14
    di Mario Villani


    Si è votato in Afghanistan, elezioni presidenziali, primo turno il 14 aprile e secondo il 14 giugno......

    Si è votato in Ucraina, elezioni presidenziali. Anche in questo caso le elezioni, per i nostri media mainstream, sono state “democratiche ed un passo significativo verso la normalizzazione della situazione”......

     Si è votato in Siria, elezioni presidenziali. Il 3 giugno undici milioni seicentomila Siriani (su quindici milioni e mezzo che ne avevano diritto) si sono recati alle urne ed hanno riconfermato, dandogli l'88% dei suffragi, Bashar Assad come capo dello stato. Le condizioni in cui si è votato non sono state molto diverse da quelle dei due Paesi prima citati: parte del territorio occupato, violenze diffuse, scarsità di controlli. In questo caso però i media occidentali hanno assunto un atteggiamento ben diverso, bollando le elezioni con termini come “farsa”, “inganno”, “presa in giro della democrazia”. In questo modo, oltretutto, si sono risparmiati la necessità di svolgere un minimo di analisi sui risultati emersi dalle urne..... 

      LEGGI L'ARTICOLO QUI:  

    2 commenti:

    1. Il giorno 24 giugno 2014, San Giovanni Battista, nella Grotta della natività di Betlemme, la prima messa nella Mangiatoia è stata dedicata ai fratellini Anton e Michele, accogliendo una specifica richiesta della madre. Il sacerdote officiante ha detto ai presenti che la famiglia Hajjar avrebbe voluto venire in pellegrinaggio in Terra Santa. Il Signore ha voluto con se i due fratellini prima che questo potesse avvenire. Pregate voi per noi adesso, da quel Cielo che vi ha accolto, Fratellini Santi. M.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Chiediamo con tanta fede ai santi fratellini e a tutte le piccole vittime innocenti di questa sofferenza senza fine , di pregare per la pace dell'amata Siria!

        Elimina

    Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

    Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.