Traduci

sabato 24 maggio 2014

Papa Francesco in Giordania: «È urgente una soluzione pacifica alla crisi siriana»


"Al termine di questo incontro, rinnovo l’auspicio che prevalgano la ragione e la moderazione e, con l’aiuto della comunità internazionale, la Siria ritrovi la via della pace. Dio converta i violenti e coloro che hanno progetti di guerra, che fabbricano e vendono le armi, e rafforzi i cuori e le menti degli operatori di pace e li ricompensi con ogni benedizione. Che il Signore benedica tutti voi!"

La radice del male è nella cupidità del denaro” che c’è in chi è attivo “nella fabbrica e nella vendita delle armi”, ha detto Jorge Mario Bergoglio parlando a braccio, in italiano, nel discorso agli assistiti dalla Caritas giordana: “Questo ci deve ...fare pensare su chi c’è dietro chi dà a tutti quelli che sono in conflitto le armi per continuare i conflitti. Pensiamo e dal nostro cuore preghiamo per questa povera gente criminale perché si converta”.

Discorso del Papa al luogo del battesimo di Gesù (24.05.2014)


Stimate Autorità, Eccellenze, cari fratelli e sorelle,

Nel mio pellegrinaggio ho voluto fortemente incontrare voi che, a causa di sanguinosi conflitti, avete dovuto lasciare le vostre case e la vostra Patria e avete trovato rifugio nella ospitale terra di Giordania; e al tempo stesso voi, cari giovani, che sperimentate il peso di qualche limite fisico.
Il luogo in cui ci troviamo ci ricorda il battesimo di Gesù. Venendo qui al Giordano a farsi battezzare da Giovanni, Egli mostra la sua umiltà e la condivisione della condizione umana: si abbassa fino a noi e con il suo amore ci restituisce la dignità e ci dona la salvezza. Ci colpisce sempre questa umiltà di Gesù, il suo chinarsi sulle ferite umane per risanarle, su tutte le ferite. E a nostra volta siamo profondamente toccati dai drammi e dalle ferite del nostro tempo, in modo speciale da quelle provocate dai conflitti ancora aperti in Medio Oriente. 


Penso in primo luogo alla amata Siria, lacerata da una lotta fratricida che dura da ormai tre anni e ha già mietuto innumerevoli vittime, costringendo milioni di persone a farsi profughi ed esuli in altri Paesi. Tutti vogliamo la pace. La radice del male è l’odio, la cupidità. Cosa si nasconde dietro a questo male? Chi dà a tutti quelli che sono in conflitto le armi per continuare il conflitto? Dobbiamo fermarci a pensare a questo, e nonostante tutto cercare nel  nostro cuore  una parola da dire anche a questa gente criminale, in fondo povera gente, perché si converta. Chiediamo che il Signore rafforzi i cuori e le menti degli operatori di pace e li ricompensi con ogni benedizione. 

Ringrazio le Autorità e il popolo giordano per la generosa accoglienza di un numero elevatissimo di profughi provenienti dalla Siria e dall’Iraq, ed estendo il mio grazie a tutti coloro che prestano la loro opera di assistenza e di solidarietà verso i rifugiati. Penso anche all’opera di carità svolta da istituzioni della Chiesa come Caritas Giordania e altre che, assistendo i bisognosi senza distinzione di fede religiosa, appartenenza etnica o ideologica, manifestano lo splendore del volto caritatevole di Gesù che è misericordioso. Dio Onnipotente e Clemente benedica tutti voi e ogni vostro sforzo nell’alleviare le sofferenze causate dalla guerra!
Mi rivolgo alla comunità internazionale perché non lasci sola la Giordania tanto accogliente e coraggiosa nel far fronte all’emergenza umanitaria derivante dall’arrivo sul suo territorio di un numero così elevato di profughi, ma continui e incrementi la sua azione di sostegno e di aiuto. 


E rinnovo il mio più accorato appello per la pace in Siria. Cessino le violenze e venga rispettato il diritto umanitario, garantendo la necessaria assistenza alla popolazione sofferente! Si abbandoni da parte di tutti la pretesa di lasciare alle armi la soluzione dei problemi e si ritorni alla via del negoziato. La soluzione, infatti, può venire unicamente dal dialogo e dalla moderazione, dalla compassione per chi soffre, dalla ricerca di una soluzione politica e dal senso di responsabilità verso i fratelli.

A voi giovani chiedo di unirvi alla mia preghiera per la pace. Potete farlo anche offrendo a Dio le vostre fatiche quotidiane, e così la vostra preghiera diventa particolarmente preziosa ed efficace. E vi incoraggio a collaborare, col vostro impegno e la vostra sensibilità, alla costruzione di una società rispettosa dei più deboli, dei malati, dei bambini, degli anziani. Pur nelle difficoltà della vita, siate segno di speranza. Voi siete nel cuore di Dio e voi siete nelle mie preghiere, e vi ringrazio per la vostra calorosa e gioiosa numerosa presenza.


http://popefrancisholyland2014.lpj.org/it/2014/05/24/discorso-del-papa-al-luogo-del-battesimo-di-gesu-24-05-2014/


Primo appuntamento di Francesco ad Amman, l'incontro con le autorità giordane: «Ho profondo rispetto e stima per la comunità musulmana». Appello per la libertà religiosa. Il re Abdallah: «Lei è diventato la coscienza del mondo intero»

Vatican Insider 
24 maggio 2014

di Andrea Tornielli


Le prime parole del Papa in Terra Santa sono un ringraziamento per la Giordania accogliente con i profughi, e per la cessazione del conflitto in Siria. Francesco è stato accolto al palazzo reale di Amman da re Abdallah bin Al Hussein - l'unico sovrano ad essere già stato ricevuto per due volte dal Pontefice in Vaticano - e dalla regina Rania. Dopo l'incontro privato e i saluti alla famiglia reale, il Papa ha parlato a trecento autorità del regno, tra le quali erano compresi i leader religiosi.

Abdallah ha accolto il Papa dicendogli: «Santo Padre, lei ha impegnato se stesso nel dialogo, specialmente con l'Islam. Oltre a essere il successore di san Pietro, lei è diventato la coscienza del mondo intero».

«Questo Paese - ha detto Francesco - presta generosa accoglienza a una grande quantità di rifugiati palestinesi, iracheni e provenienti da altre aree di crisi, in particolare dalla vicina Siria, sconvolta da un conflitto che dura da troppo tempo. Tale accoglienza merita la stima e il sostegno della comunità internazionale». Il Papa ha ricordato l'impegno della Chiesa attraverso Caritas Giordania.

Ed è quindi tornato a chiedere la fine delle violenze in Siria e la pace fra israeliani e palestinesi.
«Si rende quanto mai necessaria e urgente - ha spiegato - una soluzione pacifica alla crisi siriana, nonché una giusta soluzione al conflitto israeliano-palestinese».
Francesco ha anche espresso «profondo rispetto e stima per la comunità musulmana».

Francesco ha rivolto un saluto alle comunità cristiane, «presenti nel Paese fin dall'età apostolica», che «pur essendo oggi numericamente minoritarie, hanno modo di svolgere una qualificata e apprezzata azione in campo educativo e sanitario, mediante scuole e ospedali, e possono professare con tranquillità la loro fede, nel rispetto della libertà religiosa, che è un fondamentale diritto umano e che auspico vivamente venga tenuto in grande considerazione in ogni parte del Medio Oriente e del mondo intero...».

La libertà religiosa, ha spiegato il Pontefice «comporta» anche «la libertà di scegliere la religione che si crede essere vera e di manifestare pubblicamente la propria credenza».

http://vaticaninsider.lastampa.it/nel-mondo/dettaglio-articolo/articolo/terra-santa-34295/

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.