Traduci

martedì 27 maggio 2014

I cristiani di Kessab sollecitano il Papa a lavorare per la pace per aiutarli a tornare a casa

I cristiani siriani che sono fuggiti da un villaggio vicino al confine con la Turchia dopo che è stato catturato dai ribelli islamici, rifiutano di lasciare il paese e hanno invocato Papa Francesco di pregare per loro ed aiutarli a tornare a casa.


AINA, 26 maggio 2014

LATAKIA  (Reuters) 

Nel mese di marzo, i ribelli - tra cui combattenti di Al Qaeda-Nusra - avevano catturato il villaggio a maggioranza armena di Kessab nella provincia costiera di Latakia, roccaforte del presidente siriano Bashar al-Assad.
Migliaia di persone sono fuggite alla città di Latakia e hanno accusato i combattenti sunniti radicali di colpire i cristiani e dissacrare i luoghi santi. I ribelli hanno negato le accuse.

I cristiani intervistati da Reuters hanno detto che speravano che Papa Francesco, che ha visitato domenica Betlemme, tradizionale culla di Gesù, avrebbe pregato per la pace in Siria.

"La visita del Papa è quella di un santo, desideriamo che  lui continui a lavorare per la pace e pregare per la pace in Siria," ha detto Padre Miron Owadesyan .

Il papa argentino ha lanciato un appello urgente per porre fine alla guerra di Siria , proprio sabato all'inizio del suo primo viaggio in Terra Santa come pontefice.

Papa Francesco: «La pace non può essere comprata»... la pace è 
«un dono da accogliere con pazienza e costruire “in modo artigianale” 
con piccoli e grandi gesti che coinvolgono la nostra vita quotidiana. 
La via della pace è consolidata, se ci rendiamo conto che tutti abbiamo 
lo stesso sangue e siamo parte della razza umana; 
se non ci dimentichiamo che abbiamo un unico Padre celeste
 e che siamo tutti suoi figli, fatti a sua immagine e somiglianza».
Nei primi giorni dell'attacco su Kessab, più di 1.500 persone hanno cercato rifugio nella chiesa greco-ortodossa armena della Vergine Maria nella città di Latakia a 30 miglia (49 chilometri) di distanza.
La maggior parte di loro sono stati trasferiti e ora solamente circa 100 persone vivono nella chiesa  antica di 1.200 anni, sopravvivendo soprattutto con donazioni e sostegno da parte del governo.

Narik  Louisian, un sacerdote di Kessab, ha detto di sperare che il Papa voglia  usare la sua influenza per aiutare i cristiani in Medio Oriente che si sono sentiti minacciati dalla violenza e dai disordini politici.

"E' un nostro diritto come cristiani di vivere in Oriente, l'Oriente è la nostra terra ", ha detto. "Noi siamo una parte inseparabile della Terra Santa".

Tamar Minoknian, una casalinga di 40 anni, ha detto che chiede a Papa Francesco di aiutare i cristiani sfollati siriani a ritornare ai loro villaggi. "Vogliamo che ci aiuti affinchè ritorniamo alle nostre case. Non vogliamo aiuti, vogliamo solo tornare al nostro focolare.”

Latakia e la provincia limitrofa Tartous insieme formano il cuore mediterraneo della fede alawita - la setta di derivazione sciita di cui Assad è membro.

Molti alawiti sono rimasti fedeli al governo per tutta la durata dei tre anni del conflitto che ha ucciso almeno 160.000 persone.

La Comunità Cristiana di Siria, circa il 10 per cento della popolazione, è diffidente nei confronti del crescente potere dei gruppi islamisti all'interno del movimento ribelle, e solo una piccola percentuale di cristiani ha preso le armi.

"Non posso vivere al di fuori della Siria, siamo nati qui e moriremo qui",  ha detto a Reuters Nerneen Boinashikian, un uomo sulla cinquantina,  mentre stava preparando il pranzo. "Tutto ciò che vogliamo è tornare alle nostre case. Basta distruzione !".



Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.