Traduci

giovedì 27 febbraio 2014

TESTIMONIANZA : "Cristiani e musulmani moderati si sentono devastati. Sono raschiati fino all'osso "

Nella "Notte dei Testimoni" organizzata da AED - Aiuto alla Chiesa che Soffre- dal 24 al 28 marzo '14 si  susseguiranno veglie di preghiere e di testimonianze per i cristiani discriminati e uccisi per la loro fede. Tra i testimoni suor Raghida.




 Suor Raghida Al Khouri, in una intervista con l'AED  risponde dolcemente. Ma anche con un velo di tristezza in gola. Evoca la situazione siriana  con discrezione e la sua famiglia con modestia.




"Si mettono tappi per le orecchie ai bambini"

Intervista di Raphaelle Villemain per AED

Ci può ripercorrere il suo cammino personale?
Sono nata a Damasco, in una famiglia di sette figli, ho ricevuto una educazione umana  e cristiana distinta nella fede cattolica. Ho perso mio padre che  amavo tanto quando avevo 14 anni. Custodisco la sua rettitudine, la giustizia e l’ affetto. Ho studiato scienze dell’educazione  a Beirut. E in parallelo, sono entrata presso le Suore della Carità di Besançon, comunità creata nel 1799 dalla Franche-Comtoise  Giovanna Antida Touret. Ho vissuto la guerra libanese ( quanto siriana), nella preghiera e nella accettazione, come una missione che il Signore mi ha chiesto di assumere. Ho ricoperto diversi incarichi, tra cui quello di  insegnante e preside in Libano. Tra il 2005 e il 2008, sono stata inviata in Siria, dove ho guidato la scuola del Patriarcato greco-cattolico di Damasco, e contemporaneamente ero responsabile della comunità. Nel 2008, fui trasferita a Nizza, dove sono assistente responsabile diocesana della ASP (Cappellania pubblica istruzione) e della  pastorale degli studenti.

Come vive l'attuale distanza dai suoi cari?
Torno al mio paese ogni anno per vedere la mia famiglia che è a Damasco (tranne nel 2011 e il 2012). Con gli eventi in corso in Siria, mi sento abbastanza sola. Ogni giorno li chiamo. Ho bisogno di sapere che sono vivi. Siamo in contatto via skype o telefono. La situazione sta peggiorando di giorno in giorno. Penso, come molti, che la pace sembra pura utopia. Eppure io credo che l'utopia di oggi può diventare la realtà di domani, se ci crediamo veramente a livello nazionale ed internazionale, e se, per costruirla, tutti noi ci investiamo tutto il nostro cuore,  tutta la nostra intelligenza . Nulla è impossibile a chi implora con fervore e chiede sinceramente.

Qual è la loro vita quotidiana?
Tutti gridano: " Da dove ci verrà soccorso? ". La loro vita quotidiana è drammatica. Sono tornata da Damasco il 4 maggio. E' impossibile dormire bene. Si sentono costantemente aerei, colpi di arma da fuoco, blindati. Si mettono tappi per le orecchie ai bambini. Quasi tutte le persone indossano il nero, le famiglie sono in lutto. Paradossalmente, la gente è diventata bulimica. Vivono nello stress, la paura, costantemente all'erta. Hanno paura dei sequestri di persona e della cattura di ostaggi (contro riscatti o esecuzioni). Così rimangono a casa a guardare la TV, mangiano, dormono, sono inattivi, ingrassano. La salute generale si deteriora. Sono tutti sull'orlo della depressione. Alcuni hanno cominciato a bere e fumare. Mi chiedono consiglio. Cosa posso dire? Dire loro di restare o andarsene? Dove? In quale paese? Come? Da clandestini, attraverso un contrabbandiere? Perché l'Europa non rilascia visti, sotto qualsiasi pretesto? E con che mezzi? Far parte degli immigrati, degli  irregolari, respinti alla frontiera?

Come è il morale in generale?
Vivono il momento presente, un minuto dopo l'altro. Appena rimbomba troppo, si domandano come se ne andranno, come prepararsi per la partenza. Ma, dato quello che sentono circa la vita dei migranti e dei rifugiati, si dicono che preferiscono morire nel loro paese. Ciò non impedisce di preparare il loro passaporto e quello dei loro figli. Poiché non ci sono più ambasciate europee a Damasco per ottenere un visto, è obbligatorio  andare in Libano. Lì, l'amministrazione richiede almeno 30.000 € di garanzia per persona per il supporto in caso di malattia, rimpatrio, ecc ... il che fa sì  che la maggior parte delle persone rinunci. Due dei miei fratelli dichiarano chiaramente che non andranno mai via e che, se dovessero morire presto, sarà sul suolo siriano. Gli altri sono in discernimento.


Dilemma  ...
Non c’è più alcun luogo che sia sicuro, neanche nelle campagne. Parte degli aiuti inviati non  arriva  a destinazione.  E’ venduta nel passaggio. La corruzione ha infiammato i prezzi, mentre tutto il sistema sanitario e delle infrastrutture socio-economiche è abbattuto. I farmaci sono stati rubati. Di contro, un certo numero di persone che erano andate a cercare rifugio in Libano o in Giordania è rientrato. Esse preferiscono essere a casa nell’ insicurezza piuttosto che ammassate nei campi, subire l'umiliazione, con la scabbia, i pidocchi, malattie ecc. I nostri fratelli vivono l'Apocalisse! E' sufficiente avere pietà del loro smarrimento? Come aiutarli?  Questa è la domanda che mi pongo ogni momento ...

Lei ha parlato al raduno Diaconia a Lourdes, ma il microfono le è stato ritirato rapidamente. Che cosa è accaduto?
In Francia, c'è una vera incomprensione e disinformazione sulla situazione attuale. Ogni volta che ascolto le informazioni qui, le cose sono unilaterali e mal spiegate. I canali informativi parlano come uno che ripete una recitazione importata, copia e incolla che non ha alcun rapporto con la realtà. Penso che gli organizzatori hanno avuto paura di un conflitto davanti alla  mia esposizione. 
Ci deve essere una parola di verità, una parola di fede. Si deve dire che come i nostri fratelli soffrono. Tutti i nostri fratelli siriani, ma soprattutto i cristiani, si sentono abbandonati. Dobbiamo ricordare che noi pensiamo a loro, li portiamo nelle nostre preghiere. I cristiani sono una piccola minoranza. Si sentono minacciati perché sono contro la violenza, e là, la neutralità non è accettata. Neppure  tra i musulmani. Uno Sheikh è stato assassinato il 21 marzo 2013 a Damasco perché era un uomo di grande integrità, moderato, lontano da ogni estremismo distruttivo, Mohammad Saeed Al Ramadan Bouti.

Lei da che parte sta?
Io sono dalla parte della giustizia e della pace. Un cristiano non può pensare in termini di violenza. Se uno ama il proprio paese, non  può stare dalla parte di coloro che sostengono la violenza. Nell’ opposizione al regime, le cose vengono fatte senza controllo e senza gerarchie . Una parte dell'opposizione è delusa perché è stata recuperata dagli islamisti. Occorre servire la riconciliazione tra le due parti, e ridare dignità ad ogni individuo. Non possiamo continuare a inviare armi e denaro, si deve andare alla democrazia in modo umano , civile e non violento.

Lei sente un vero e proprio degrado nella risoluzione del conflitto?
Non si è imparato niente dalla storia. Guardate l'Iraq. La situazione non è migliorata. Guardate la Libia. La democrazia è arrivata? In Egitto, la situazione è sempre più critica per i moderati. Quando sono tornata in Siria dopo 20 anni di assenza, nel 2005, c’era un grande balzo in avanti, economico, sociale, culturale, educativo. Le persone viaggiavano giorno e notte, in modo sicuro. Le classi medie possedevano un’ auto, le ragazze potevano vestirsi come volevano senza essere molestate. Oggi sono in maniche lunghe e non indossano gioielli. Tutto deve essere ricostruito. 
Nel 21 ° secolo, è impensabile usare la violenza per raggiungere la democrazia. Oggi, io scelgo per una rivoluzione pacifica basata sul dialogo e la negoziazione.

Qual è il ruolo della fede?
Mio fratello, che è un tassista, continua a lavorare per guadagnarsi il pane. Ogni mattina, egli si affida al Signore e si fa il segno della croce quando esce di casa. Quando torna,  rende grazie per essere sano e salvo. Ero a Damasco al momento della Pasqua ortodossa. E' stato triste da piangere. Non c'era gioia sui  volti. Il governo aveva sconsigliato raduni. Di solito le chiese sono piene e si fanno processioni per le strade. Quest'anno, alcune persone si sono fermate timidamente con rami di ulivo. Le persone sono in un dilemma permanente tra andare e stare, tra  fiducia e disperazione. Penso, con tutti coloro che come me credono, che il Signore è con noi. Egli ci farà giustizia. Seguendo il percorso della Croce e la Croce, ci sarà la risurrezione. Prego per tutte le persone, specialmente coloro che hanno il potere e che dirigono il tutto. Che il Signore li  illumini. Siamo sicuri che Egli ci libererà. Ed Egli ci accoglierà  se è l'ora della nostra morte.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.