Traduci

mercoledì 12 febbraio 2014

Ad Aleppo , cristiani e musulmani , arabi , curdi e armeni stanno lavorando insieme


Incontro con il padre gesuita Mourad Abou - Seif , responsabile del Centro San Vartan di Aleppo


agenzia APIC , febbraio 2014



"La gente è davvero stanca della violenza. Vuole a tutti i costi che finisca, il paese è arretrato di almeno due generazioni! "

Direttore del Centro S. Vartan  in questa città di 2,5 milioni di abitanti , il giovane gesuita descrive il lavoro del Jesuit Refugee Service ( JRS ) ad Aleppo , di cui è responsabile . "Più di 200 giovani volontari provenienti da tutte le fedi e di tutte le etnie - arabi, curdi e armeni - collaborano senza difficoltà nel nostro centro per aiutare la Siria a superare questa crisi , in collaborazione con diverse altre organizzazioni umanitarie ," sottolinea padre Mourad fin dall'inizio.

Accoglienza degli sfollati
Mentre i combattimenti stavano sviluppandosi altrove in Siria , Aleppo era ancora abbastanza tranquilla fino all'inizio del 2012 , ma i ribelli si erano già stabiliti nei villaggi circostanti . Sfollati interni arrivavano ​​da Homs , Hama , Idleb e dai villaggi vicini . La situazione è peggiorata in città a metà luglio 2012. Il Centro St. Vartan -  fondato circa 100 anni fa per aiutare i profughi armeni - è situato nel quartiere popolare di " Midan " in Aleppo , attualmente sulla linea del fronte tra  truppe governative e ribelli . Colpito dai bombardamenti nel settembre 2012, il centro  San Vartan è stato evacuato ed è ora in rovina . Le sue attività sono state spostate nel Circolo cattolico del quartiere di al - Aziziyeh , noto per la sua famosa chiesa armena dei Quaranta Martiri e quelle delle comunità  maronita , cattolica romana e greco ortodossa.
I ribelli occupano una grande porzione di Aleppo , e c'è solo un punto di transito per gli scambi tra la zona del  governo e l'area della zona ribelle, per Bustan al- Qasr . Quando questo passaggio , che è molto frequentato , è bloccato , la città viene privata di ogni rifornimento. " Siamo stati circondati per un mese e mezzo , non passava niente . Il passaggio è molto pericoloso , molte persone sono state uccise , altre rapite . Ma la strada è ora stata resa sicura dall'esercito governativo " .

Contrario alla partizione del paese e alla divisione etnica e religiosa
In questo conflitto , fin dall'inizio , dice il religioso siriano , la posizione gesuiti è stata chiara : contro la violenza , contro la divisione del paese , contro la divisione etnica e settaria , contro la corruzione, per la democratizzazione , le riforme , la legittima richiesta di libertà ... Quando la crisi è iniziata nel 2012 ad Aleppo , i gesuiti hanno iniziato a lavorare con la popolazione locale . Sul terreno , la società civile si organizza.
All'inizio della crisi in Aleppo nel luglio 2012 , il JRS si occupava di 11 scuole pubbliche che ospitano sfollati interni . Si trattava di garantire ogni tipo di servizio , cibo, vestiti , medicine, ecc . , E le attività psicosociali soprattutto per donne e bambini . Queste scuole sono state svuotate all'inizio di quest'anno scolastico 2013-2014 per ospitare gli studenti .


La maggior parte delle persone che ricevono aiuto sono musulmane
" In un primo momento , abbiamo impiantato una cucina primitiva in una delle nostre scuole . Ci siamo subito resi conto che la cucina avrebbe avuto un ruolo importante in quanto tutto mostrava che gli eventi sarebbero durati . Così , nel settembre 2012, le Francescane Missionarie di Maria in Aleppo ci hanno accolto nel giardino del loro convento per installare la nostra cucina . Dopo altri tre mesi,  fornivamo 18.000 pasti giornalieri , 5.8 tonnellate di cibo ogni giorno , per le scuole e le moschee . Attualmente distribuiamo più di 4 tonnellate di cibo per i detenuti in cinque carceri e centri di detenzione del governo , per le case di riposo come la Saint-Vincent - de - Paul , che si prende cura degli anziani , così come per le case di riposo delle suore di Madre Teresa e Al Mabara al - Islamiya , un'organizzazione musulmana che aiuta anziani e disabili . "
Quest'ultima si occupa di 86 anziani e disabili che sono stati costretti ad abbandonare il loro centro a causa dei combattimenti , e sono stati accolti nel Centro Gesù Lavoratore , appartenente alla diocesi latina di Aleppo .
Le distribuzioni vanno anche ad associazioni ecclesiali che aiutano gli sfollati: la Chiesa greco-ortodossa Al Nabi Elias , la Chiesa armena ortodossa dello Spirito Santo e i Fratelli Maristi di Aleppo .

Assistenza medica e sociale
Il progetto  del JRS ha installato un Centro Medico a Faysal Street. Questo centro riceve i civili malati , tra 120 e 140 visite al giorno . Nella loro casa dello Studente , le Suore di S. Giuseppe dell'Apparizione hanno accolto anche il JRS per installare il loro centro psicosociale che si rivolge a quasi 750 bambini , per un programma di tre mesi .
Il JRS ha istituito corsi di alfabetizzazione o di ri - alfabetizzazione per i giovani che hanno abbandonato precocemente la scuola e alcuni adulti . Organizza anche attività per le donne, tra cui artigianato e ricami , che permettono loro di guadagnare un po' di soldi . Un programma di tutoraggio aiuta i bambini nei loro studi , fino al brevetto e diploma. Tutte queste azioni hanno il sostegno finanziario delle organizzazioni umanitarie e della Chiesa a livello internazionale .


Associazioni umanitarie cristiane e  musulmane lavorano mano nella mano.
Padre Mourad dice che ad Aleppo associazioni umanitarie cristiane e musulmane lavorano mano nella mano . La maggior parte delle persone che ricevono aiuto sono musulmani fuggiti dai loro villaggi a causa dei combattimenti . Quanto ai cristiani che ricevono questo aiuto , sono per la maggior parte delle famiglie economicamente colpite dal conflitto . Il JRS si occupa attualmente di 8.000 famiglie che ricevono aiuti sotto forma di "panieri" contenenti cibo, vestiti , utensili per la casa e la cucina , pure materassi. "Nel corso di quest'anno , ci sono 14.000 famiglie da aiutare . "Questa è una grande speranza se permettiamo che queste associazioni abbiano spazio per agire. Non ci sono due blocchi che sarebbero opposti , musulmani contro i cristiani . Fin dall'inizio , abbiamo lavorato insieme . Molte volte noi non sappiamo chi è cristiano e chi è un musulmano !

Sacerdoti e vescovi rapiti: nessuna notizia
Alla domanda circa la sorte di sacerdoti e vescovi rapiti all'inizio dello scorso anno dai miliziani islamisti , Padre Mourad non ha informazioni affidabili . Vicino ad Aleppo , due vescovi e due sacerdoti - il Vescovo Georges Yohanna Ibrahim , vescovo siro- ortodosso , e Mons. Boulos al- Yazigi , vescovo greco-ortodosso rapiti nei pressi del confine con la Turchia il 22 aprile , e dei Padri Michel Kayyal ( armeno cattolico) , a Maher Mahfouz ( greco-ortodosso ) , rapiti a febbraio 2013 , sono nelle mani di un gruppo di fanatici .
Nessun segno di vita neppure del gesuita italiano Padre Paolo Dall'Oglio , disperso dopo il suo rapimento da parte di un gruppo islamico il 30 luglio.

Anche se non ci sono statistiche precise , si ritiene che dei circa 120.000 cristiani della città , 70.000 sono rimasti in Aleppo ... per ora .
I più ricchi , chi ha paura di essere rapito per ottenere un riscatto - medici , imprenditori , commercianti - se ne sono già andati . Molti rapimenti sono semplici reati comuni , data la mancanza di forze di polizia in molti luoghi .

Dopo il suo noviziato in Egitto , il giovane Murad Abu Seif , originario del sud della Siria , ha completato il suo percorso di filosofia - teologia al Centre Sèvres , della facoltà dei Gesuiti di Parigi, fino al 2004 , prima di ottenere un dottorato in " Counselling e Spiritualità " presso la Facoltà di Scienze umane al Saint Paul University di Ottawa . Ordinato sacerdote nell' agosto 2009 a Damasco , si trova in Aleppo da 5 anni . Dapprima si è occupato dei rifugiati iracheni in fuga dai disordini del paese limitrofo. Il JRS che egli dirige ad Aleppo  è venuto in loro aiuto soprattutto in collaborazione con la Mezzaluna Rossa Araba Siriana ( SARC ) e l'UNHCR . Il loro numero ad Aleppo aveva superato 30.000. A causa degli eventi in Siria , questi rifugiati sono per lo più ripartiti all'inizio del 2012 . Alcuni sono tornati in Iraq , altri hanno cercato rifugio a Damasco o in altri paesi. Il JRS è presente in Siria dal 2008 , dapprima a Damasco e Aleppo , per assistere i rifugiati dall'Iraq . Prima della guerra in Siria , il paese ha ospitato un milione di musulmani e cristiani provenienti dai paesi limitrofi . L'organizzazione ha una sede anche a Homs .
    
  (traduzione FMG)

http://www.kipa-apic.ch/index.php?PHPSESSID=ouslajr9n1d1jjt09qu3139d17&pw=&na=0,0,0,0,f&ki=251470

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.