Traduci

mercoledì 29 gennaio 2014

I ribelli siriani cercano di distruggere il monastero di Sednaya

29 gennaio '14: è in atto il sesto attacco contro la santa città di Sednaya





Orthodoxie- 27 gennaio 2014

In Siria , nonostante i colloqui di "Ginevra 2" i ribelli siriani non danno l'impressione di voler il cessate il fuoco , secondo le informazioni del primo canale della televisione russa .
 I loro obiettivi sono chiese e monasteri ortodossi , nei quali cercano un rifugio  donne e bambini. Questo è il modo per combattere il regime di Bashar al- Assad, dicono i ribelli  . 
Negli ultimi  due anni , i ribelli stanno ripetutamente cercando di prendere il monastero situato in cima alla collina .
 È esistito fin dal VI secolo e , per la prima volta nella sua storia , è da così a lungo sotto assedio . La strada che conduce alla chiesa  assorbe i colpi. 
" I banditi hanno cominciato l'assalto all'alba . In primo luogo hanno fatto saltare le porte e hanno sparato colpi di mortaio nel cortile del monastero . Se non ci fossero muri in pietra , ci sarebbero stati molti morti " , ha detto l'abate del monastero dei Cherubini , il padre Nectaire. 
 I combattenti del  gruppo di autodifesa hanno fermato  i ribelli davanti alla clausura del monastero . La battaglia è durata sei ore e poi , dopo aver lasciato i cadaveri , gli attaccanti si sono ritirati . Ora hanno preso una piccola città a tre miglia di distanza . 
"A un certo punto , sembrava che non saremmo riusciti a tenere il monastero . C'erano 300 ribelli, e hanno attaccato da più parti . Una guarnigione che è venuta  dalla città ci ha salvato " , racconta  Samir , un combattente di un gruppo di auto-difesa .
 La città di Sednaya si trova ai piedi della collina su cui si trova il monastero . La maggioranza della popolazione è cristiana . Samir è un musulmano , ma difende il monastero ortodosso . Se non ci fosse stato il suo plotone , in cui ci sono cristiani e musulmani , il destino della città siriana di Maaoula si sarebbe ripetuto . 


I ribelli , presenti in questa città fino ad ora , hanno danneggiato tutte le chiese cristiane.
 " Il monastero cristiano è un obiettivo per i ribelli . Quante volte hanno tirato sulla statua di Gesù Cristo , con ogni sorta di proiettili , al solo scopo di distruggerlo . In questo modo , dicono che stanno combattendo il governo di Assad ", ha affermato , indignato , padre Nectaire . Allo stesso modo , chiese e monasteri di Sednaya sono sotto il fuoco . Sono vigiliati, ma non li possono proteggere dal fuoco.
 Esplosioni di mortai interessano anche il convento femminile della Madre di Dio . 

« Non capisco perché , mentre si svolgono i  colloqui in Svizzera , i ribelli non hanno smesso di colpire . Perché impedire ai fedeli di venire al nostro monastero?  E perché, dopo essere esistito da quasi 1500 anni , il convento è ora minacciato? " chiede la sorella Parasceve , una monaca del convento . 

Di lasciare il loro monastero dove è conservata una delle quattro icone dipinte , secondo la tradizione , dall'Apostolo Luca , le suore non sono disposte, anche se i ribelli entrassero in città . 
Ma gli orfani che sono accolti nelle mura del convento sono stati spostati in un luogo più sicuro.



            

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.