Traduci

mercoledì 18 dicembre 2013

L'Esercito Siriano Libero è finito?


Nella Siria settentrionale nuove geometrie tra i ribelli

Terrasanta.net | 13 dicembre 2013


 - Tra i ribelli della Siria settentrionale cresce pericolosamente la componente islamista e rimpicciolisce quella laica. Al punto da convincere le potenze occidentali di chiudere il rubinetto degli aiuti militari. Secondo la Bbc, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna avrebbero deciso di sospendere l’invio di materiale bellico «non letale» (ogni genere di equipaggiamento militare escluse le armi pesanti) ai ribelli che combattono il regime di Bashar al Assad nel Nord della Siria. L’Occidente non può permettersi il rischio di sostenere involontariamente chi punta a trasformare la Siria in uno stato islamico.

Già da diversi giorni si è capito che il Libero esercito siriano, la parte «laica» delle forze combattenti antagoniste al regime, ha perso il suo ruolo di guida nel fronte di opposizione. Il 22 novembre scorso, infatti si è costituito un nuovo Fronte islamico anti-Assad, una coalizione che riunisce sette differenti gruppi armati prima divisi tra loro (Ahrar al-Sham, Jaysh al-Islam, Suqour al-Sham, Liwa al-Tawhid, Liwa al-Haqq, Ansar al-Sham e il Fronte islamico curdo) e che può così contare su 45 mila miliziani: più di quelli in servizio nel Libero esercito siriano (circa 30 mila) o tra le fila degli estremisti vicini ad al-Qaeda e allo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (circa 12 mila).
L’opposizione armata ad Assad si trova così divisa in tre grandi gruppi, in lotta tra loro per la leadership. Una lotta che ha le sue ripercussioni anche nei campi di raccolta per i profughi siriani nei Paesi vicini. Secondo quanto pubblica il quotidiano libanese al-Akhbar, ad esempio, la città di Ersal, nella valle della Bekaa, in Libano, accoglie oggi circa 80 mila profughi. Ma verrebbe scelta come meta soprattutto dai fuggitivi in sintonia con le posizioni del Libero esercito siriano, i cui emissari in questo momento comandano nell’area.
Il Fronte islamico nato da poco si dipinge come indipendente da ogni altro gruppo politico e si propone di far cadere Assad e di instaurare uno stato islamico confessionale.
Pur distinguendosi da al-Qaeda e dai gruppi più estremisti, questa nuova formazione ha deciso di ritirarsi dal Consiglio militare supremo del Libero esercito siriano, dimostrando di agire in autonomia dallo schieramento «laico». Anche per dimostrare in fondo chi comanda tra i ribelli, quattro giorni fa i miliziani del Fronte islamico hanno occupato le basi e i magazzini del Libero esercito siriano, nella cittadina di Bab al-Hawa, nella provincia nord-occidentale di Idlib. Nei magazzini erano stipate armi ed equipaggiamenti militari di provenienza americana (inclusi ordigni anti-aerei e missili anti-blindati) arrivati in Siria attraverso il confine turco. I miliziani del Fronte islamico hanno issato la propria bandiera al posto di quella del Libero esercito, chiedendo al personale di abbandonare la base. Questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, convincendo Stati Uniti e Gran Bretagna ad annunciare la fine degli aiuti.

Fino ad oggi gli Usa avrebbero provveduto i ribelli siriani con equipaggiamento «non letale» per quasi 190 milioni di euro (ufficialmente spesi in razioni di cibo, medicinali, materiale di comunicazioni e veicoli); la Gran Bretagna avrebbe provveduto per 24 milioni di euro (per veicoli, generatori, kit per depurare l’acqua ed equipaggiamento contro la guerra chimica).
Gli Stati Uniti hanno comunque assicurato che l’aiuto «non letale» ai ribelli, interrotto nelle regioni del Nord della Siria, continuerà per i ribelli che operano nel Sud, attraverso il confine con la Giordania.

http://www.terrasanta.net/tsx/articolo.jsp?wi_number=5841&wi_codseq=SI001 &language=it

Drammatiche testimonianze dalla Valle dell'Oronte nel nord della Siria

Terrasanta.net | 16 dicembre 2013

- Le notizie che filtrano dalla Siria settentrionale negli ultimi giorni confermano il rafforzamento sul terreno delle forze islamiste venute a combattere dall’estero.
Nel Nord del Paese, sfuggito al controllo delle forze governative, si indebolisce la presenza della componente più laica antagonista al regime di Bashar al-Assad, a vantaggio degli elementi estremisti più o meno contigui ad al-Qaeda.
Testimonianze dirette provenienti dalla Valle del fiume Oronte, punteggiata di villaggi - come Knayeh, Yacoubieh, Jdeideh, Ghassanieh - fino ad oggi interamente o prevalentemente cristiani, confermano che i gruppi estremisti hanno assunto il pieno controllo del territorio e che lo governano come un «emirato».
La situazione è particolarmente desolante e pericolosa per i cristiani, ai quali è stato imposto di far sparire croci e statue e di far tacere le campane. Le donne possono presentarsi in pubblico solo a viso (o, quanto meno, a capo) coperto.

Chi contravviene alle disposizioni incorre nelle sanzioni previste dalle più rigide norme religiose musulmane. L’obiettivo sembra essere chiaro: indurre la popolazione cristiana ad andarsene. L’alternativa è restare e rischiare la pelle.

http://www.terrasanta.net/tsx/articolo.jsp?wi_number=5852&wi_codseq=SI001 &language=it


Alla fine, Londra e Washington danno ragione a Mosca


La Bussola Quotidiana 
di Gianandrea Gaiani13-12-2013 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.