Traduci

lunedì 22 luglio 2013

Il nunzio a Damasco, mons. Mario Zenari: l’unica soluzione è quella politica

 5mila morti al mese: ormai alla gente  non interessa più né di stare da una parte né di stare dall’altra. L’unico desiderio è di vivere.




dal sito Radio Vaticana


 Mons Zenari:  Ogni giorno che passa l’impressione di tutti è che questa crisi, anziché risolversi, si complichi sempre di più. E’ una situazione che si complica anche per la presenza di combattenti venuti da fuori, da altri Paesi, che militano o in favore di una parte o in favore di un’altra. Credo che le parti in conflitto debbano veramente e concretamente convincersi che l’unica soluzione è la soluzione politica. Non ci sono altre soluzioni di forza o militari.

D. – Crede che la comunità internazionale stia facendo abbastanza per porre fine a questo sanguinoso conflitto?
 R. – Alle volte dà l’impressione di essere un po’ stanca. Credo che dovrebbe continuare questa attenzione a trovare una soluzione; dovrebbe essere più presente e essere continua perché ogni giorno che passa la situazione diventa più impressionante. Le ultime statistiche delle agenzie delle Nazioni Unite parlano di circa cinquemila persone che muoiono ogni mese, di seimila persone che ogni giorno fuggono dal Paese, di un milione e ottocentomila rifugiati. E’ il numero più alto di rifugiati dopo la crisi del conflitto in Rwanda. 
Senza dire poi della situazione umanitaria, che è molto grave, anche a causa di molte restrizioni per fare arrivare gli aiuti di agenzie umanitarie alle popolazioni più colpite. Ad Aleppo, per esempio, abbiamo vissuto, una decina di giorni fa, una situazione molto critica: per alcuni giorni è stata accerchiata e lì era un problema, le agenzie umanitarie non riuscivano a portare aiuti di prima necessità. Più in generale, si fa sentire sempre di più una penuria di generi alimentari, medicinali, generi di prima necessità. Pensiamo, per esempio, al latte. Qualche religiosa mi diceva: conosciamo bambini che a malapena riescono a mangiare una volta al giorno. Questa situazione se perdura diventerà sempre peggiore. Si vede veramente come la guerra sia la fabbrica di innumerevoli miserie. La guerra produce innumerevoli miserie, soprattutto la guerra civile.


D. – Quali sono gli umori, i sentimenti della popolazione siriana?
 R. – Ormai la gente è stufa, non interessa più né di stare da una parte né di stare dall’altra. L’unico desiderio è di vivere. Questo è ciò che i siriani desiderano: poter vivere e poter tornare alla normalità. 
Vorrei ricordare, soprattutto in questo momento del Ramadan, che è il mese più importante per la maggioranza della popolazione siriana: è il terzo Ramadan che si vive in questa situazione ed è anche il peggiore. Di solito, alla sera, dopo il calar del sole, le famiglie si ritrovano attorno a una tavola, prima del conflitto bene imbandita e quindi la gioia, l’intimità famigliare, attorno a questa tavola ben fornita: oggi, purtroppo, in questo Ramadan, quest’anno, in molte famiglie regna la tristezza più che la gioia perché o hanno perduto familiari in questo conflitto e che cosa possono offrire? Cosa c’è sulla tavola, sulla mensa di tante famiglie? C’è poco o niente. Quindi, direi di sentirci solidali con questi nostri amici che festeggiano il Ramadan in una situazione abbastanza provata e talvolta triste. 
Anche i nostri cristiani si pongono la domanda: perché c’è capitata questa prova? Direi in generale che trovano una risposta nella fede. Quindi, nelle chiese, le liturgie sono ben partecipate, perché la gente sente che in questo momento di prova può trovare un aiuto nella fede, un aiuto nella preghiera, nell’ascolto della Parola di Dio.

Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013/07/21/guerra_in_siria._il_nunzio:_5mila_morti_al_mese,_l%E2%80%99unica_soluzione_%C3%A8/it1-712259

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.