Traduci

giovedì 11 aprile 2013

Diamo ai cristiani del Medio Oriente una speranza nella loro terra





La visita di Papa Benedetto XVI in Libano, aveva a suo tempo attirato i riflettori dell’attenzione internazionale sulla situazione dei cristiani che vivono nella regione medio orientale, il cui numero si è ridotto considerevolmente in questi ultimi anni, ma l’impatto è durato poco . Certo uno dei fattori della diminuzione dei cristiani in questa parte del mondo è dato dal fatto che la radicalizzazione dei musulmani, guidata dalla proliferazione delle moschee wahabite, li ha resi incapaci di convivere con persone di altre religioni. Tuttavia, sebbene sia vero che i cristiani subiscono discriminazioni in alcuni paesi musulmani, sono più spesso la violenza e le guerre, come oggi in Siria e in Iraq, e le crisi economiche, non l’oppressione, che li spingono a rimpolpare i ranghi della diaspora. E pur tuttavia il silenzio sulle loro condizioni sui media occidentali è, per usare un facile ossimoro, assordante.

Ciò anche oggi mentre le drammatiche vicende della Siria, in primis, ma anche l’onda integralista che cresce in Egitto li vede in prima linea come candidati all’esodo dalle loro terre natali che, non dimentichiamolo, sono state le terre dove la fede cristiana ha visto le sue origini, dall’Egitto che ha dato rifugio a Cristo bambino, alla Palestina e al Libano che ne hanno visto la predicazione e la resurrezione, alla Siria che vide la conversione di S. Paolo, all’Armenia che vide la prima conversione di una intera nazione.

Come altre minoranze nel mondo, i cristiani mediorientali sono stati i primi a soffrire ogniqualvolta i loro paesi sono stati invasi da forze straniere o devastati da conflitti interni, e sono fra coloro che sono più colpiti in tempi di crisi economica.

Più della metà degli 800.000 cristiani che risiedevano in Iraq prima dell’invasione americana del 2003 è fuggita. Tantissimi cristiani palestinesi, come i loro concittadini musulmani, sono stati cacciati dalla loro patria, e coloro che sono rimasti sono costretti a sopportare le difficoltà fisiche ed economiche della vita sotto l’occupazione israeliana. Decine di migliaia di cristiani libanesi sono fuggiti dai molteplici conflitti del loro paese, o hanno lasciato la loro patria per inseguire migliori opportunità economiche. Allo stesso modo,la Giordania ha perso circa il 20% dei suoi cristiani, sebbene la comunità cristiana giordana goda dei pieni diritti e dell’appoggio ufficiale delle autorità. E oggi tocca alle variegate comunità cristiane della Siria, ivi compresa quella caldea già profuga, valutare, nella disperazione, la dolorosa ipotesi di fuggire dalle propria terra.

Le conseguenze di questo massiccio esodo di esseri umani dalla regione si estendono molto al di là dell’ambito religioso. Tra le fila di questi rifugiati figurano alcuni tra i professionisti più istruiti del Medio Oriente, e la loro assenza ha contribuito al declino economico dei paesi che hanno abbandonato. Inoltre, l’emigrazione dei talenti accresce le possibilità di futura instabilità, rendendo il problema della fuga dei cervelli e dei conflitti una questione ciclica e ricorrente.

Un osservatorio sulla condizione dei cristiani in Medio Oriente per rompere la congiura del silenzio.
         La Chiesa da sempre con le parole del Papa, dei patriarchi, dei presuli e dei pastori orientali, incoraggia i cristiani rimasti a perseverare, a dispetto delle continue difficoltà che essi devono affrontare. Ma, ciò per cui più soffrono i nostri fratelli del Levante è l’impressione che noi cristiani d’occidente ci siamo dimenticati di loro, che anzi siamo solidali coi loro persecutori e con coloro che ne rendono drammatica l’esistenza. Questo traspare dagli accorati appelli che ci vengono dai nostri fratelli orientali per bocca dei loro patriarchi,tanto che sua Eminenza Bechara Boutrus Rai, patriarca di Antiochia dei Maroniti,ha ritenuto di farne oggetto di discussione, con un documento distribuito ai cardinali elettori, nelle congregazioni per il Conclave.

Perciò dal nostro circolo è partita l’idea (subito raccolta da realtà cattoliche di varie regioni italiane) di costituire un Osservatorio sulle condizioni dei Cristiani nel Medio Oriente, per cercare di rompere la congiura del silenzio e promuovere, nei cristiani e negli uomini di buona volontà del nostro paese, la consapevolezza che le soluzioni richieste per far sì che questa comunità minoritaria non abbandoni i propri paesi di origine sono rimedi che andrebbero a beneficio di tutti i popoli della regione: la risoluzione dei conflitti, il raggiungimento della pace, e lo sviluppo economico.

di Massimo Granata


La presenza cristiana in un ambiente teocratico 


Conferenza del Card. Béchara Boutros RAI all' Institut Catholique Paris - 10 aprile 2013, all'interno del Convegno : « Christ et César, quelle parole publique des Eglises ? »

"Da un lato, la primavera araba è una rivolta reale contro sistemi totalitari. Pertanto, dei gruppi che sono stati precedentemente emarginati o perseguitati hanno potuto emergere a favore di un certo pluralismo democratico e cercano di lavorare in modo più efficace per una libertà di cittadinanza equa e rispettosa, e il diritto alla differenza. Il diritto dei popoli di decidere da soli il proprio destino trova così la sua prospettiva.. D'altro lato, più oscuro, il crollo dei sistemi totalitari ha aperto la strada all'estremismo islamico a volte con la scusa di adozione della democrazia e riforme politiche. Ma in realtà è l'anarchia, il caos, la violenza, il terrorismo e la guerra. In Siria non si riesce più a comprendere lo scopo della violenza e della guerra tra i belligeranti. Noi vediamo solo le stragi, la distruzione e l'emigrazione dei cittadini. Gli Stati di Oriente e Occidente non fanno che fomentare la guerra senza alcun appello alle parti in conflitto a favore della pace, del dialogo e dei negoziati. Noi sosteniamo che la riforma politica e la democrazia deve essere opera delle popolazioni interessate, secondo le loro aspirazioni. In questi paesi, la maggioranza cosiddetta "silenziosa" deve essere in grado di esprimersi liberamente. La moderazione è una necessità

I cristiani , come in passato, in cui sono stati i pionieri della rinascita arabaparte integrante della vita culturale, economica e scientifica delle diverse civiltà della regione, vogliono oggi, ancora e sempre, condividere con i musulmani le loro esperienze apportando il proprio contributo specifico. E' a causa di Gesù che il cristiano è sensibile alla dignità della persona umana e alla libertà religiosa che ne deriva. E' per l'amore per Dio e per l'umanità, glorificando così la doppia natura di Cristo e l'amore per la vita eterna, che i cristiani hanno costruito scuole, ospedali e istituti di tutti i tipi in cui vengono ricevuti tutti, senza discriminazioni  (cfr Mt 25, 31ss.). E' per queste ragioni che i cristiani prestano particolare attenzione ai diritti fondamentali della persona umana. Affermare pertanto che questi diritti sono i diritti dell'uomo cristiano non è giusto. Sono semplicemente i diritti esigiti dalla dignità di ogni persona umana e tutti i cittadini, indipendentemente dalle origini, le credenze religiose e le scelte politiche "(Ecclesia in Medio Oriente, n. 25).

http://www.bkerkelb.org/french/index.php?option=com_content&view=article&id=409:conference-du-card-bechara-boutros-rai-institut-catholique-colloque-iseo-avril-2013-&catid=46:homilies&Itemid=71


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.