Traduci

domenica 3 marzo 2013

Quelle bandiere di Al-Qaeda sotto le mura del nostro monastero.....


Qara, 1 marzo 2013  

All'inizio del 2013 la pace in Siria è stata molto vicina. Tutti sembravano rendersi conto che le forze straniere in Siria hanno attuato un terribile gioco. Tutti sembravano d'accordo per fermare questo e per cercare una soluzione politica. E, d'un tratto, in Siria ora ci sono terroristi più pesantemente armati e anche i più fanatici del gruppo di Qara sono qui raccolti... L’altra notte li abbiamo visti dal nostro tetto con la loro bandiera nera. E mentre tutto il mondo guarda al Papa, i trafficanti di armi si radunano a Roma  per decidere di dare più armi ai ribelli siriani . Il mondo intero adesso è impazzito?


Cari amici,

Domenica, 24 febbraio 2013, la seconda Domenica di Quaresima è la Domenica delle reliquie.  Dal momento che il sacerdote bizantino Abouna Georges ancora una volta non può venire, si celebra la liturgia latina con canti bizantini,  come di consueto. Dato che durante la Quaresima non si  guardano DVD o la TV,  questa sera siamo tutti intenti alla "lectio divina", finito di leggere la Scrittura ci raduniamo a pregare. E' un modo in cui tutti possono partecipare. Strano è che “la rinuncia" diventi il contributo più prezioso. Durante la Quaresima ascoltiamo durante il pranzo alcune letture bibliche dall'Ufficio o  altri testi interessanti.
Mentre allunghiamo lo sguardo verso la fine della guerra, la sicurezza per il monastero non è migliorata. Possiamo ora e anche più tardi vedere dal tetto della nostra torre romana gli uomini di Al-Nousra (Al Qaeda), con una mitragliatrice nel loro SUV e una bandiera nera. Sono proprio lungo la strada per il monastero. Preparano un attacco o un suicidio? Noi siamo, per così dire faccia a faccia con loro, per fortuna da un’altezza di 45 metri. Per noi non è ancora venuto il tempo di partire. 





Nel frattempo ci godiamo qualche giorno di un sole estivo quasi raggiante durante il giorno, ma con un vento freddo. Che meravigliosa vista e che sensazione al mattino, quando è tranquillo. Sopra potete vedere il cielo con alcune nuvole bianche, da un lato, si innalzano le montagne con le cime ancora con un po' di neve, come una porzione di crema fresca; d'altra parte, il villaggio di Qara, inondato dalla luce. Si ha l'impressione di essere arrivati nel paradiso della più bella vacanza. Nel pomeriggio, poi, improvvisamente il vento soffia forte e arrivano anche i temporali, dove tutto è incerto e viene trascinato via.



Naturalmente, viviamo questi giorni colpiti dalla notizia che ha sorpreso il mondo delle dimissioni di Papa Benedetto XVI. Si sentono tutti i tipi di commenti. Che cosa grande è questo Papa! E le sue dimissioni chiariscono che c'è Qualcuno più grande di lui. Le più forti riflessioni, tuttavia, provengono proprio dal giovane teologo Joseph Ratzinger. L'anno dopo la violenta rivolta del maggio 1968, disse che “stiamo vivendo una situazione simile a quella dopo la Rivoluzione francese, che ha segnato la fine del Medioevo e l'inizio del tempo moderno”. Papa Pio VI fu prelevato dai soldati francesi nel 1799 e morì in esilio. I beni della Chiesa furono confiscati e gli ordini religiosi soppressi. La Chiesa continuerà,  dice J. Ratzinger, come una minoranza, semplice, povera e bisognosa. Lei perderà i suoi privilegi sociali e le enormi proprietà. Da questi catarsi dolorosa sorgerà una Chiesa spirituale che avrà al centro  l'esperienza della fede. E 44 anni dopo, il 2 febbraio 2013, egli dice, tuttavia, come Benedetto XVI, a 190 studenti provenienti da vari Seminari romani: "... l'albero della Chiesa non sta morendo, ma è in costante crescita, nonostante le gravi battute d'arresto .. . Il futuro appartiene a noi. Se un pessimismo falso dice che il cristianesimo ha fatto il suo tempo, beh, si ricomincia ... ".

 In questo tempo di attesa, abbiamo deciso di rispondere alla richiesta del cardinale Bertone di pregare di più per la Chiesa e il nuovo Papa. Abbiamo un programma specifico che ogni giorno prevede tempi di silenzio, di preghiera e di culto, più intensi dal Venerdì alle preghiere di Pasqua. Il giorno allora si svolge così: 2 ore di preghiera al mattino e 2 ore nel pomeriggio, accanto a una lettura spirituale e quattro ore di lavoro ordinario. Il pranzo sarà consumato in cella. Giovedi si comincia: con una giornata tranquilla, un giorno di digiuno e  una giornata di preghiera e di culto. Poi c'è sempre un giorno di silenzio, il digiuno, la preghiera e l'amorosa adorazione. Anche se in Quaresima non guardiamo la TV o film , abbiamo tutte le notizie sulla pubblica ultima udienza del Mercoledì del Papa, che è stata massicciamente partecipata. Egli ha tenuto un discorso pieno di speranza. Ringrazia tutti e dice che si rende conto che si tratta di una decisione difficile rinunciare all'esercizio del suo ufficio, ma che le sue forze sono diminuite. Egli dice che la nave della Chiesa è di Dio e non affonderà, e lui ha sempre saputo che la Chiesa non era sua, ma la Chiesa è di Dio. Egli aggiunge che non tornerà a una vita privata, ma che egli rimane nella vita della Chiesa, nella preghiera e nel pensiero.

 Il nostro sito Internet è stato piratato da mesi e  siamo bloccati: il video, povero e bellissimo (30 '), che i frati avevano già preparato per il Natale, non è installato.
Sulla situazione in Siria io do questo messaggio:


Da due anni la Siria è nell'occhio di un uragano. Morte e distruzione non sono causati da una forza cieca della natura, ma da un disastro morale, da dominatori del mondo e  potenze mondiali che in Siria vogliono insediare i propri interessi. Per loro la vita del popolo siriano e la sovranità di questo Paese non ha nessun valore. I loro interessi sono di primaria importanza. Terribili attentati perpetrati dai terroristi, con decine di morti e feriti , e dalla stampa occidentale  elencati con compiacenza.  Non è nostro compito attraversare la Siria per interrompere gli attacchi terroristici e impedire di crollare nel caos che permetterà che ciascuno persegua i propri interessi.  Ma questa è una negazione radicale dei fondamenti della solidarietà e della pace: Robert Schuman, padre dell'Europa, ha costruito l'Unione Europea non solo per i suoi stessi Paesi, ma l’ ha anche intesa come un servizio a tutta la famiglia umana.

Anche tu puoi aiutare a smascherare questa follia e fermarla.

Nel frattempo i terroristi si radunano nel nostro villaggio di Qara. Sul tetto della torre romana del nostro monastero Mar Yakub, noi vediamo gruppi  di Al-Nousra con bandiere nere:  sembrano andare altrove per perpetrare attacchi.

I popoli che fanno spade, possono anche fare vomeri. Le persone che possono distruggere un Paese lo possono anche costruire. Nel prossimo futuro, il popolo siriano sarà lasciato dietro alle spalle, sanguinante come uno  gravemente ferito lungo la strada. Tu girerai l’angolo ? O sarai quello straniero, che si fa  "prossimo" per il popolo siriano che soffre?

Cominciamo la ricostruzione della Siria! Siate creativi e generosi. Se avete una  famiglia, parenti o amici in Siria, cercate di aiutarli. E perché non organizzare fraternità  tra la vostra città o paese, con una città o villaggio in Siria? Perché non entrare in fraternità spirituale tra la vostra parrocchia, la comunità religiosa, la vostra abbazia ... con una parrocchia o comunità religiosa o associazione cristiana in Siria?

 E’ immediatamente dare nuova vitalità alla vostra vita. 
In questo modo, un parroco francese ha già intrapreso la  fraternizzazione con la nostra comunità, e noi con loro, per la gioia di entrambi.
Sei religioso? Prega tutti i giorni che in Siria una pace duratura possa presto prevalere.
Vuoi con un gesto concreto dare un contributo? 
Vuoi sostenerci finanziariamente?, allora lavoreremo con il sacerdote bizantino in Qara, Georges Louis, e i cristiani della diocesi di Homs, per aiutare i bisognosi, di tutte le differenti confessioni, come abbiamo sempre fatto fino ad ora. 
Vi ringrazio,


Pater Daniël Maes o.praem., Mar Yakub, Qâra, Syrië 


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.