Traduci

mercoledì 13 febbraio 2013

Volevano ucciderci perché eravamo cristiani. Ci chiamano Cafri [gli infedeli]


Dentro l'attuale guerra civile siriana, la comunità cristiana della Siria è oggetto di crescente minaccia da jihadisti stranieri e radicali musulmani che sempre più hanno un ruolo importante nella ribellione contro il presidente Bashar al-Assad.

di Kim Sengupta - The Independent

Nella guerra in corso, hanno cercato di rimanere neutrali. Ma nonostante questo, molti sono ora di fronte alla persecuzione e alla morte. 
La rossa Mitsubishi Lancer GT con il suo "andare più veloce"  era fonte di grande orgoglio per Hamlig Bedrosian. Era l'unica del suo genere in città, correva per le strade con ruggiti lunghi, oggetto di ammirazione e di invidia tra i suoi amici di Aleppo. L'auto può essere stata la ragione per cui è stato teso un agguato al ventitreenne studente, preso in ostaggio insieme ad un'amica, mentre erano in viaggio verso un complesso commerciale. I combattenti rivoluzionari con kalashnikov che li hanno portati via hanno sottoposto Mr Bedrosian - bendato e legato - a pestaggi selvaggi e minacce di esecuzione prima che la coppia fosse finalmente liberata in cambio di un riscatto.
Oppure ci può essere un altro motivo per l'attacco: sono stati presi di mira dai ribelli sunniti perché erano cristiani. 
Il signor Bedrosian non ha aspettato molto per scoprirlo, fuggendo - insieme a suo fratello - per il Libano. Altri della comunità siro-armena li hanno seguiti, abbandonando le loro case.
La famiglia Haddad non ha dubbi sul perché hanno dovuto fuggire da Homs. "Abbiamo lasciato la Siria perché stavano cercando di ucciderci", ha detto la diciottenne Noura Haddad. Ora  sta con dei parenti nella città di Zahle nella valle della Bekaa. "Volevano ucciderci perché eravamo cristiani. Ci chiamavano Cafri, anche i bambini piccoli dicevano queste cose. Coloro che sono stati i nostri vicini  erano improvvisamente contro di noi."
Alla fine, quando siamo scappati, siamo passati attraverso balconi. Non abbiamo neanche avuto il coraggio di uscire per la strada di fronte alla nostra casa. Ho tenuto il contatto con i pochi amici cristiani rimasti a casa, ma non posso più parlare ai miei amici musulmani . Mi dispiace molto per questo.
Il signor Bedrosian e la sig.ra Haddad sono tra le migliaia di persone che hanno lasciato la Siria dove in 20 mesi la guerra civile diventa sempre più feroce e sempre più settaria. La prospettiva di riconciliazione tra gli alawiti, da cui proviene la classe dirigente, e la stragrande maggioranza dell'opposizione sunnita, diventa sempre più remota. 
Ma ora sono i cristiani, che hanno in gran parte cercato di rimanere neutrali, che si trovano a ricevere abusi e attacchi. Per molti, la scelta è tra lasciare il Paese o rischiare un futuro incerto e pericoloso.
Alcuni nella Chiesa sono convinti di sapere di chi è la colpa - non solo per coloro che effettuano la persecuzione, ma quelli che  incoraggiano che accada. Per Mons. Issam John Darwish di Furrzol, Zahle e nella Bekaa, la responsabilità per gli attacchi  è per "un afflusso di jihadisti nelle file dei ribelli negli ultimi sei, sette mesi.  C'è, come in tante simili situazioni  in Medio Oriente, lo spettro di una "mano invisibile". "Penso che la situazione viene manipolata dagli Stati Uniti e forse Israele - vogliono che questo accada", ha insistito.
Archbishop John Darwish
L'Arcivescovo e altri come lui ritengono che ci sia una mancanza di comprensione in Europa di ciò che  i cristiani della zona stanno attraversando. Parlando alla sua diocesi, ha continuato: "Ho evidenziato questo con i funzionari in Occidente, devono portare la pace! I jihadisti non si fermeranno qui, la guerra si diffonderà in Europa. Che ne sarà dell'Inghilterra tra dieci o 15 anni.?"

Madre Agnese-Mariam, che è di origine palestinese e libanese, è in un tour internazionale ed è venuta a parlare in Gran Bretagna. Lei ritiene che i combattenti dell'opposizione hanno cacciato 80.000 cristiani solo  dalla regione di Homs  e lei stessa è scappata dopo essere stata avvertita che era l'obiettivo del rapimento. "Aggressivi, bande armate che hanno voluto paralizzare la vita comunitaria, sequestrando persone, con la decapitazione, portando il terrore anche alle scuole", ha detto, sostenendo che molti di loro sono affiliati ad "al-Qaeda e con sfondi di Fratellanza musulmana". Solo uno su 20 sono siriani, gli altri provengono da una vasta gamma di Stati, dalla Gran Bretagna al Pakistan, da Cecenia e Nord Africa, dice. Molti sono veterani di Iraq e Afghanistan, e ora "la loro causa viene riciclata per uccidere siriani". 
L'organizzazione "Syrian Christians for Democracy " ha sottolineato che molti cristiani hanno avuto un ruolo nel movimento di protesta contro il presidente siriano Bashar al-Assad e il suo regime e alcuni avevano pagato con la vita di conseguenza. Ma ci sono anche quelli che, come il signor Bedrosian, che aveva sostenuto la riforma,  poi si sono trovati di essere vittime di ribelli.  In qualità di studente presso l'Università di Aleppo in un paese senza mezzi di informazione liberi , in un primo momento ha accettato la propaganda del regime che i manifestanti erano terroristi. "Ma poi ho visto i reports diramati dall'opposizione, ho visto quello che la gente di Assad  stava facendo, le cose brutali e ho cominciato a sostenere le proteste," ha detto. 
"La mia amica e io siamo stati portati in una villa nella periferia di Aleppo dopo che siamo stati catturati [nel quartiere Anadan]. Venivo picchiato con i calci dei fucili, pugni e calci. Nessuno degli uomini che ci avevano preso era straniero, erano tutti siriani ed è stato uno di loro che è stato davvero violento. Mi hanno accusato di combattere per il regime, ma ho detto loro che ero un Armeno Siriano -.. non volevamo combattere da nessuna delle due parti,  ho anche detto loro che avevo preso parte a marce all'Università. Ma hanno detto che saremmo stati uccisi a meno che il denaro fosse pagato per la ragazza e per me. "

I rapitori hanno chiamato i genitori del signor Bedrosdian e sono arrivati al cellulare di sua madre - che aveva come suoneria una canzone in lode di Bashar al-Assad: il regime riceve, in generale, più sostegno nella vecchia generazione. Questo gli ha ottenuto un altro pestaggio, ma il riscatto è stato consegnato da suo padre, mercanteggiato fino a $ 12.000, e la coppia è stata liberata. I rapitori hanno tenuto la macchina. 
La prima cosa che il signor Bedrosian ha fatto al ritorno a casa è stato  di cambiare la suoneria di sua madre.
Lo storico souk di Aleppo devastato 

Due mesi fa, il mercato coperto di Aleppo risalente al 14 ° secolo,  è stata bruciato. Il regime ed i ribelli si sono addossati la colpa l'un l'altro, mentre il Souk al-Medina, uno dei migliori esempi del suo genere in tutto il Medio Oriente, è in rovina. Jiraryr Terzian, un commerciante di gioielli, è stato uno delle decine che hanno perso il loro negozio quel giorno. Ora è a Beirut con la sua famiglia siriana armena, la loro casa chiusa a chiave si trova in uno dei quartieri cristiani invasi settimana scorsa da combattenti rivoluzionari. "L'attività è stata avviata da mio nonno 60 anni fa e speravo che i miei figli avrebbero continuato dopo  di me. La storia della mia famiglia è in Aleppo e non ci piace lasciarla. Penso che entrambe le parti sono in errore in ciò che sta accadendo. Il nostro Paese viene distrutto. 
Il fatto è che si può ritornare se vince Assad.   Non mi piace dire questo, non vogliamo che il regime rimanga così com'è, ma  sarà più sicuro sotto di lui . "
Un altro rifugiato cristiano, che vuole essere conosciuto come Boutros, dice di sapere che cosa accadrà quando i rivoluzionari prenderanno il sopravvento. Nella sua città natale, Qusayr, i ribelli erano, egli li conosce, sunniti locali, non stranieri. «Ma ci hanno detto che dobbiamo combattere con loro contro il governo. Quando ci siamo rifiutati hanno cominciato a minacciarci e insultarci . Hanno iniziato a uccidere i cristiani. Mathew Kasouha è stato il primo che hanno ucciso. Era un uomo buono". I cristiani locali hanno preso le armi dopo un po', ha detto Boutros, e nel marzo c'è stata una "resa dei conti". 
Altri cristiani sono stati uccisi ed egli è fuggito in Libano.

http://www.independent.co.uk/news/world/middle-east/the-plight-of-syrias-christians-we-left-homs-because-they-were-trying-to-kill-us-8274710.html

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.