Traduci

giovedì 25 ottobre 2012

Padre Fadi Jamil Haddad torturato e assassinato a Damasco

LE PAROLE NON BASTANO PER DESCRIVERE L'ORRORE CHE SI CONSUMA IN SIRIA

Agenzia Fides 25/10/2012


Il funerale è previsto oggi , 25 ottobre, alle h.15
Il cadavere del sacerdote greco ortodosso p. Fadi Jamil Haddad, parroco della chiesa di Sant’Elia a Qatana, è stato ritrovato oggi nel quartiere di Jaramana (Nord di Damasco) non lontano dal luogo dove era stato rapito, il 19 ottobre, da un gruppo armato non identificato (vedi Fides 24/10/2012). La conferma a Fides un confratello greco-ortodosso di p. Haddad, chiedendo l’anonimato. “Il suo corpo era orrendamente torturato: gli è stato fatto lo scalpo e cavati gli occhi”, racconta a Fides fra le lacrime. “E’ un atto puramente terroristico. P. Haddad è un martire della nostra chiesa”.Sulle responsabilità del terribile atto è in corso un rimpallo di responsabilità fra le forze di opposizione (che accusano le milizie filo regime) e le autorità governative, che accusano le bande armate nella galassia della ribellione armata.
Secondo fonti di Fides, i sequestratori avevano chiesto alla famiglia del prete e alla sua chiesa un riscatto di 50 milioni di sterline siriane (oltre 550mila euro). E’ stato però impossibile trovare il denaro e soddisfare questa esosa richiesta. Una fonte di Fides stigmatizza “la terribile pratica, presente da mesi in questa guerra sporca, di sequestrare e poi uccidere civili innocenti”.
Fra le diverse comunità cristiane presenti in Siria, quella greco-ortodossa è la più ampia (conta circa 500mila fedeli) ed è concentrata principalmente nella parte occidentale del paese e a Damasco.

http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=40177&lan=ita

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.