Traduci

martedì 28 febbraio 2012

Le parole dell’ Arcivescovo Jean-Clement Jeanbart: parole dolorasamente sconosciute

da VietatoParlare.it   



Un’interessante intervista del metropolita cattolico di Aleppo, può essere utile perché l’informazione si sta chiudendo come è accaduto sulla Libia.
(Il video l’ho messo per far capire chi è mons Jean-Clement Jeanbart, non c’entra con l’intervista del 5 febbraio, ma il video mi è piaciuto, è molto bello, questa è la vita!
La vita che non interessa a nessuno durante i giochi di guerra. Proprio mentre si invoca il diritto umanitario)

Arcivescovo Jean-Clement Jeanbart, Metropolitan Greco Melchita Cattolico Aleppo
“I media internazionali non figurino correttamente la realtà siriana, si stanno aggiungendo benzina sul fuoco …”.
Arcivescovo Jean-Clement Jeanbart, contattato da Apic all’inizio di questa settimana, ha detto che i cristiani siriani vivono nella paura. L’Arcivescovo Greco Melchita Cattolico di Aleppo, la seconda città più grande vicino al confine con la Turchia, le paure per il futuro delle minoranze in Siria e l’istituzione di un regime nelle mani degli islamisti.
Secondo le informazioni raccolte sul posto, decine di cristiani sono stati uccisi dai ribelli a Homs, provocando l’esodo di alcuni quartieri. “Ora le persone vengono uccise in pieno giorno, rapita da banditi che chiedono riscatti alti … Prima, abbiamo avuto la sicurezza. Oggi, tra quei cristiani che hanno i mezzi e il denaro stanno lasciando “, ha detto al APIC, sottolineando che la situazione è attualmente calma in Aleppo.


Un dialogo che è in ritardo

Arcivescovo Jeanbart ritiene che solo un dialogo sincero potrebbe salvare il paese dal disastro, ma le riforme annunciate dal regime al potere è ancora carente e l’opposizione si rifiuta di negoziare. Il Metropolita di Aleppo è rimbalzato contro i media internazionali, dicendo che sono la stragrande maggioranza contro il regime siriano, e troppo spesso diffuse notizie false sulla realtà del suo paese.
Così, sulla base di informazioni pubblicate dal giornalista Georges Malbrunot, Le Figaro, ha sottolineato che il grande giornalista francese Gilles Jacquier, colpito da schegge in Homs, Mercoledì 11 gennaio è stato ucciso dai ribelli. “Hanno sparato ad un pro-Assad. L’origine e la direzione delle riprese sono chiare. ” Da questo esempio si osserva che propaganda mediatica si scatena tra i media nelle mani del regime a Damasco, avversari e con sede a Londra araba satellitare Al-Jazeera e Al-Arabyia, che inoltrano le loro parole.

Fieramente denunciato

“Nessuno in questi mezzi di comunicazione sta parlando l’infiltrazione di estremisti in Siria e mercenari provenienti dalla Turchia, Iraq, Giordania, Libia, Pakistan, Afghanistan dell’ex … Da fuori, vediamo la West è la rabbia e il lavoro contro il nostro Presidente e dell’Arredamento gruppi armati islamici che vengono a seminare terrore e morte in alcune zone del paese. Purtroppo, migliaia di civili innocenti e militari, almeno 2.000 soldati, poliziotti, civili ordinarie – sono stati vittime di odio e di ostilità di questi gruppi. Essi sono stati spesso brutalmente torturati, mutilati e uccisi. “

E ‘vero, ammette il vescovo Jeanbart, la stragrande maggioranza dei siriani ei cristiani in primo luogo, richiedono profonde riforme e cambiamenti significativi nel governo del paese, “in primo luogo l’eliminazione di un solo partito e di una dittatura la democrazia costruita su una vera libertà che rispetta i diritti inalienabili di tutti e di ciascuno “.
“Ma è anche vero che pochissimi siriani vogliono un cambiamento drammatico che potrebbe precipitare il paese in un bagno di sangue, una disastrosa e una desolazione grande vuoto.”

Aleppo / Homs, 4 Febbraio 2012

1 commento:

  1. Ascoltiamo la voce dei Cristiani presenti e operosi nella carità in Siria!

    http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=38528&lan=ita

    RispondiElimina

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.