Traduci

martedì 28 maggio 2019

I sogni turchi dell'annessione islamica di Idlib stanno per svanire


di Steven Sahiounie
trad. OraproSiria

Dal giorno in cui la guerra è iniziata nel marzo 2011 a Deraa, l'ideologia politica dell'Islam radicale è stata al centro della scena. Dall'inizio del conflitto siriano, i miliziani intendevano lottare per abolire il governo laico siriano, al fine di formare un nuovo governo retto dall' Islam radicale . Vedevano i loro vicini cristiani come "pagani" che dovevano essere massacrati. Non erano interessati alla libertà o alla democrazia; stavano combattendo per purificare la Siria da chiunque non fosse come loro.  [* N:d.T. :Riportiamo in calce lo stralcio di un articolo che testimonia l'angoscia anche dei Cristiani Siriaci, di fronte alle mire di espansione turche sul nord-est della Siria: gli Assiri temono di rivivere oggi il massacro di Seyfo del 1915, in cui gli ottomani cercarono di estirpare i Cristiani assiri, siriaci e caldei del Medio Oriente aramaico]

Erdogan, il leader turco, è stato incaricato dai suoi co-firmatari della NATO con il compito di essere il punto di transito dei jihadisti internazionali che si riversano per sostenere il fallito Esercito Libero Siriano (FSA), e la fonte di rifornimenti e armi per le forze “stivali a terra" sostenute dalla NATO , che provengono dai 4 angoli del globo. La Turchia ha beneficiato immensamente del flusso di armi, denaro, prodotti chimici, terroristi e dell'enorme quantità di aiuti umanitari che si riversavano per i profughi siriani.  

Erdogan non doveva preoccuparsi dei cittadini turchi che si lamentavano dell'islam radicale, perché il suo partito al governo AKP era basato sull'Islam duro e stava trasformando la Turchia secolare in un porto sicuro dei Fratelli Musulmani , e aveva la politica di silenziare le voci critiche.
Erdogan ha sviluppato un sogno di annessione della striscia settentrionale della Siria. Il suo sogno stava per realizzarsi, ma l'offensiva su Idlib è iniziata, e il suo sogno si sta trasformando in un incubo. Aveva sostenuto l'FSA e tutti i terroristi, che lui chiama "ribelli", indipendentemente dal fatto che fossero affiliati ad Al Qaeda e molti fossero associati all'ISIS. Ora sta inviando rinforzi a Idlib, fornendoli di armi sofisticate. Tuttavia, i terroristi che comanda non usano aerei, tranne i droni.   Un articolo recentemente firmato da un media filo-Erdogan, nel titolo si chiedeva se la Turchia avrebbe perso Idlib: il che dà l'impressione che il governo turco abbia ritenuto di avere diritto a Idlib e descrive chiaramente come il presidente turco vede il presidente siriano.

La popolazione civile di Idlib è dipinta dai media occidentali come timorosa dell'avanzata militare siriana e russa. Le nazioni della NATO all'ONU invocano sempre il nome dei civili di Idlib come se fossero tutti di un solo pensiero e che tutti volessero rimanere nelle mani dei terroristi. 
Selma (nome cambiato per motivi di sicurezza) ha telefonato a sua sorella a Latakia e le ha detto "Ogni volta che ascoltiamo carri armati, stiamo pregando che l'esercito venga a liberarci, i miei bambini e io abbiamo le nostre bandiere bianche pronte. Potremmo essere risparmiati, o potremmo morire nella battaglia, ma comunque finiremo per liberarci". La sorella di Selma ha raccontato storie di sofferenza, privazione e vita sotto la legge islamica. 
Selma ha raccontato come in passato la vita sotto l' FSA , sostenuto dall'America, fosse stata più facile da sopportare, tranne che essi estorcevano denaro e ottenevano un profitto dal loro potere. Tuttavia, con il passare degli anni, l' FSA si è dissolto e i jihadisti stranieri hanno ora il controllo di tutto. Non tutti parlano arabo e non praticano una religione riconoscibile, ma qualche nuovo culto fanatico che utilizza la paura per soggiogare i civili. Ogni ragazza o donna è un bersaglio sessuale  ambito.  Idlib non fa parte della Siria: è diventato uno stato islamico.

L' accordo russo-turco firmato a Sochi nel 2018 implicava che Erdogan avrebbe rimosso fisicamente i terroristi dai civili. L'accordo non è mai stato un cessate il fuoco o una zona di non conflitto: era uno strumento per assicurare che i civili disarmati non venissero danneggiati quando le forze russe e l'esercito arabo siriano (SAA) combatteranno per eliminare i terroristi collegati ad Al Qaeda.  Alla fine, non valeva la carta su cui era scritto, poiché Erdogan non ha fatto mai alcun tentativo di rimuovere i terroristi, e invece ha costruito numerosi avamposti all'interno di Idlib, quindi in effetti annettendo il territorio alla Turchia, e tutti con un coordinamento esplicito tra i gruppi allineati di Al Qaeda .  

Attualmente, l'esercito arabo siriano sotto il comando del generale Suhel Al-Hassan e della sua élite "Tiger Forces" sta spingendo in avanti nel tentativo di riguadagnare Idlib, liberare i civili e sterminare i terroristi. Questo crescendo è stato visto precedentemente in Bab Amro, East Aleppo e East Ghouta.  

Risoluzione 2249 del 2015 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: "Gli Stati membri delle Nazioni Unite sono chiamati a sradicare i paradisi stabiliti su Siria / Iraq dall'ISIL (Stato islamico / ISIS), dal Fronte di Al Nusra (affiliazione di AlQaeda in Siria) e" tutte le altre entità associate con Al Qaeda. ". 
Tutti gli occhi sono puntati su Idlib mentre si avvicina il finale.
http://inforos.ru/en/?module=news&action=view&id=92045



* Discendenti dei sopravvissuti del Seyfo: i cristiani siriaci si oppongono alla "zona sicura" turca in Siria
Le zone di confine tra Turchia e Siria sono punteggiate da piccole chiese cristiane siriache. Lo scorso autunno, i proiettili sono penetrati nel muro di una chiesa nel villaggio di Tel Jihan, nel nord-est della Siria, a soli quattrocentocinquanta metri dal confine turco. La gente del posto mi ha detto che non è un incidente isolato. I cristiani siriaci si riferiscono a se stessi come "discendenti di sopravvissuti". Molti dei loro antenati morirono nel massacro di Seyfo del 1915 in cui circa ottocentomila cristiani furono uccisi dagli Ottomani. L'evento ha ricevuto poca attenzione dagli studiosi, portando lo storico Joseph Yacoub a chiamarlo "genocidio nascosto". Questa comunità – che include cristiani siriaci, assiri, caldei e armeni - non ha dimenticato la persecuzione subita per mano degli ottomani un secolo fa. Ed è proprio questa esperienza il motivo della loro attuale opposizione al piano di Ankara di schierare le truppe turche a est dell'Eufrate. Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan sta cercando di definire il piano come una "zona cuscinetto" o "zona sicura". Per i siriani, è un altro intervento di una potenza straniera. Invece di indurre un senso di sicurezza, l'idea di schierare truppe turche in patria riaccende i ricordi del trauma subito dalla loro comunità.
 In contrasto con il genocidio armeno, il massacro di Seyfo del 1915 ha ricevuto pochissima attenzione dagli studiosi. In uno dei primi libri in lingua inglese sull'argomento, "Year of the Sword" pubblicato dalla Oxford University Press, lo storico Joseph Yacoub descrive le uccisioni di massa del 1915 come un "genocidio nascosto" che ha ucciso circa trecentomila persone. Era un periodo in cui "gli ottomani cercavano di estirpare i cristiani assiri, siriaci e caldei del Medio Oriente aramaico". Un altro libro dovrebbe essere pubblicato alla fine di questo mese dalla Harvard University Press, “Il genocidio dei trent'anni: La distruzione turca delle sue minoranze cristiane 1894-1924", di cui furono coautori Benny Morris e Dror Ze'Evi. Mentre anche i curdi sono stati perseguitati durante questo periodo, almeno una tribù curda ha collaborato con l'esercito ottomano nel prendere di mira le minoranze non musulmane della regione.
Virtualmente ogni famiglia cristiana nel nord-est della Siria ha un parente o un antenato che è stato direttamente colpito dalle atrocità ottomane. Il passaggio del trauma da una generazione all'altra è noto come trauma transgenerazionale. Se gli Stati Uniti sono d'accordo con il piano della Turchia di schierare truppe nella Siria nord-orientale, Washington potrebbe diventare complice della perpetuazione del trauma transgenerazionale tra la minoranza cristiana della Siria, anche se le truppe si astenessero dagli abusi commessi ad Afrin l'anno scorso....

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.