Traduci

domenica 12 febbraio 2017

La più grande sete di acqua e gasolio colpisce il popolo siriano



ALEPPO SENZA ACQUA DA 42 GIORNI! 

 "E' la più grande crisi idrica da molti anni.
La zona di alKafsa, vicino al fiume Eufrate, rimane sotto il controllo di Daesh che ha chiuso i canali che conducono l'acqua alla stazione di pompaggio di Aleppo.
 L'acqua si estrae solamente dai pozzi in città e la penuria di gasolio fa sì che i generatori per il pompaggio funzionino a orari sempre più ridotti.  Il generatore del quartiere dà 3 ore di elettricità invece che 10, allo stesso prezzo. 
 Non si trova metano per le case, le bombole del gas si reperiscono quasi solo al mercato nero; non si trova diesel per i generatori e per le vetture. 
 E purtroppo in questa situazione di bisogno prosperano le mafie e gli approfittatori!" 
                        messaggio da un amico aleppino


TUTTA LA SIRIA SENZA COMBUSTIBILE!

"L'embargo imposto dall'Occidente alla Siria sui prodotti petroliferi colpisce pesantemente tutte le città e province siriane. 
 Oltre a questo, ISIS ha dato fuoco a impianti petroliferi di Homs e ai gasdotti di Hayyan vicini a Palmyra.
 La crisi della benzina paralizza il traffico e ai distributori si creano code di 3 ore per i rifornimenti razionati. I taxi e i mezzi pubblici sono quasi fermi, per cui la gente si sposta a piedi per chilometri. 
 E' stato introdotto il razionamento elettrico, per cui nella giornata viene erogata energia per 5 volte solo per la durata di un'ora. 
I prezzi naturalmente sono lievitati..., il mercato nero fiorisce... 
 E fa ancora un gran freddo!
  Ma resistiamo! "
                 messaggio da un amico in Damasco 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.