Traduci

martedì 23 agosto 2016

L'unico ospedale al lavoro a sud ed est di Aleppo ...: quello del Monastero!

Monastero di Qara, 20 agosto 2016

Giovedi 11 agosto 2016 la squadra di assistenza umanitaria del Monastero di Saint-Jacques il Mutilato a Qara (MSJM) ha trasportato le scorte di aiuti umanitari da Homs fino ai sobborghi di Aleppo per gli sfollati (IDP) che erano fuggiti dalla periferia sud-occidentale di Aleppo alla periferia sud-est della città. Il convoglio ha portato acqua pulita e 1.000 confezioni di cibo d'emergenza offerto da DORCAS Intl.  MSJM ha anche portato vestiti e forniture mediche per l'Hospitainer (ospedale mobile) installato nel campo di Al-Nayrab.
Il convoglio di tre camion è andato a Homs, Al Mishrafe, Salamiyye, Isriya, Khanasar, Al-Safirah, Al-Nayrab. Questa missione comportava diverse sfide, soprattutto la sicurezza. Ma dopo aver valutato con il nostro agente sul terreno ad Aleppo, signor Amjad Jisri, la possibilità di dare un aiuto d'urgenza ha superato le preoccupazioni per la sicurezza.

La situazione di emergenza: Mentre gli sfollati che inondano il centro di Aleppo hanno ricevuto assistenza da agenzie delle Nazioni Unite e dalle ONG con una buona scorta di prodotti alimentari e non alimentari, gli sfollati da Aleppo alla periferia (rif Halab) sono stati privati ​​di tutto. Infatti, a causa dell'assedio, le agenzie delle Nazioni Unite e le ONG non sono state in grado di attraversare dal centro di Aleppo verso la campagna e nessuno ha osato avventurarsi nei sobborghi di Aleppo dichiarati zona la guerra, nè sono venute da Homs e altrove. Questo è il motivo per cui il nostro team di MSJM sentiva che era nostro dovere di muoverci rapidamente e senza ritardi, vista l'emergenza umanitaria. Con l'aiuto di alcuni dei nostri partner, come la Mezzaluna Rossa di Al-Safirah e Al-Nayrab abbiamo potuto subito entrare in contatto diretto con il punto di distribuzione / raccolta degli sfollati.

Il nostro primo punto di distribuzione era nella scuola nazionale di Al-Safirah, dove abbiamo iniziato a distribuire i nostri pacchi alimentari a circa 150 sfollati dalla zona 1070 (il complesso residenziale a sud-ovest di Aleppo che è stato recentemente attaccato) e Hamadaniya. Abbiamo notato che i bambini della zona 1070 che abbiamo potuto osservare avevano del sangue secco sulla pelle e piaghe, il che significa che non hanno mai avuto la possibilità di essere assistiti da un team di medici.

Continuando la distribuzione: ci siamo trasferiti rapidamente al campo di Al-Nayrab per riparare l'ospedale mobile con l'installazione di un nuovo generatore e portare viveri, un sistema di alimentazione di emergenza, dieci nuovi letti. A causa dell'afflusso di sfollati, il campo di Al-Nayrab era molto più affollato. E abbiamo visto che essi hanno subito perdite reali, come i civili presi di mira da cecchini e raggiunti in diverse parti del corpo.

In terzo luogo, siamo passati a Djibrine, un campo per i vecchi e nuovi sfollati. Mahmoud Amer è il presidente della squadra di emergenza per Jibreen. Abbiamo notato che la maggior parte delle persone è analfabeta, non in grado di leggere, scrivere, o anche precisare il loro nome. Così si è dovuto intingere nell'inchiostro le dita delle persone per le liste di distribuzione iniziali. Parlavano una forma insolita di arabo. A Jibreen il nostro gruppo ha visitato le loro case e ha visto che vivono privi di tutto : i bambini dormono sul pavimento, sono senza scarpe, in situazioni di indigenza totale.

Dopo, volevamo fornire i rimanenti 300 pacchi alla Mezzaluna Rossa in Al-Safirah, ma questa volta in un'altra scuola. Ma poiché nuovi sfollati sono arrivati ​​dalla zona 1070 e Ramusa, e poiché era tardi abbiamo dovuto partire. Così abbiamo lasciato i nostri 300 pacchi dietro la promessa del responsabile che la prova di consegna sarebbe arrivata entro 24 ore tramite corriere. Alle 18.30 così abbiamo lasciato Jibreen e dopo aver percorso circa 40 km sulla strada di Isriya, abbiamo ricevuto una telefonata che ci informava che la strada era stata tagliata dai terroristi, lo Stato islamico aveva preso il controllo di una parte della strada dalle colline circostanti. Abbiamo dovuto girare indietro e tornare di notte ad Aleppo, senza nessun albergo o posto. 
Fra Raffaele e il nostro autista Abu Ali sono stati ospitati nell' ospedale di Al-Nayrab. La gente di Al-Nayrab ha aperto per noi la casa di una donna che ci ha accolti per la notte (erano le 11 e siamo stati trattati così gentilmente, come dei re, preparando un pasto per noi come se fossero le 9 di mattina! Abbiamo dormito sul pavimento, come la gente del posto). Al mattino, abbiamo sentito che questa parte del Khanassir era sicuro, e abbiamo proceduto a una distribuzione prima di partire. Non sapevamo come la situazione si sarebbe evoluta.
In quel momento abbiamo sentito le bombe e bombardamenti tutto intorno, fumo e agitazione, esplosioni, si trattava di una situazione di pericolo in tutto il luogo. Quindi posso dire che il nostro team è stato coraggioso e totalmente dedicato ad assistere le esigenze fondamentali della vita di questa popolazione emarginata.


Ciò che c'era nei pacchi alimentari :

I 1000 pacchi alimentari sono stati riempiti con grissini secchi (di Kaak), cracker, Halawa ( burro di sesamo dolce), carne in scatola e tonno, formaggio, marmellata, con piatti preparati con i fagioli e hommous. Tutti i destinatari sono stati molto contenti e i nostri partner nella regione vogliono farci tornare.


Valutazione: Anche se siamo venuti con un sacco di aiuti, non siamo riusciti a fornire aiuti per tutti. Così abbiamo fatto una valutazione sulla situazione degli sfollati. Sulla mappa la stella rossa è l'Ospedale mobile, le stelle blu sono i luoghi in cui abbiamo distribuito gli ultimi pacchi alimentari , e le stelle verdi sono luoghi in cui abbiamo fatto valutazioni direttamente con i team o tramite i rapporti dei nostri partner. Oggi, in questi luoghi oltre 7.500 famiglie sono distribuite nelle scuole o in altre strutture, prive ​​di molti beni di base.
La situazione medica è molto difficile, perché l'ospedale mobile e un mal fornito Centro della Mezzaluna Rossa sono gli unici riferimenti medici in tutta questa regione, con 400.000 o 500.000 persone.
Venerdì 12, dopo aver completato con successo la distribuzione, siamo tornati per la stessa via, con una certa apprensione per la situazione in Khanassir, ma grazie a Dio tutto era normale.
Quello che abbiamo scoperto è che queste persone non hanno gli elementi basilari di sopravvivenza: 1 emergenza cibo ; 2. non hanno cucina, sono senza elettricità, senza fuoco, senza utensili da cucina ; fino che questi siano forniti, la cosa migliore è procurare per loro ciò che noi chiamiamo "pacchi di cibo di emergenza e l'acqua."
Ora il nostro prossimo convoglio sarà per 500 famiglie. Abbiamo ricevuto un'offerta di finanziamenti da una ONG americana chiamata "Preemptive Love Coalition". In questi pacchi, noi aggiungeremo il latte con alcuni oggetti non alimentari, come i prodotti sanitari per le signore, candele e sapone.
Quindi, ciò che è più importante per queste persone sono pacchi di emergenza alimentare e di emergenza non alimentare. Lo shampoo non è necessario, basta il normale sapone. Asciugamani e assorbenti igienici. Alcuni farmaci sono assolutamente indispensabili per le malattie croniche. Chiederemo alle agenzie delle Nazioni Unite con cui lavoriamo di aiutarci a mettere in atto una buona soluzione per i servizi medici che mancano in queste zone.
Abbiamo visto bambini che dormono sul pavimento. Ma perché la stagione è buona, non chiediamo materassi . Ma se vi fossero materassi, naturalmente sono i benvenuti. Queste popolazioni provengono ​​dalla zona 1070 e da Hamidaniya. 
Alcune famiglie hanno fino a 12-14 bambini, a volte con più mogli a causa della pratica della poligamia. 

GRAZIE DORCAS INTERNATIONALIS per i pacchi di emergenza alimentare: una straordinaria iniziativa! GRAZIE OCHA, UNFPA, DORCAS & CORDAID per le apparecchiature mediche PER il nostro OSPEDALE MOBILE di Al-Nayrab!
    ( trad. OpS) 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.