Traduci

martedì 24 maggio 2016

Partecipiamo al dolore di tutto il popolo siriano


Osservando quel che sta accadendo in Siria in queste ore, sarebbe legittimo aspettarsi un'indignazione almeno pari a quella degli attentati di Parigi e di Bruxelles, ma gli almeno 148 morti degli attentati perpetrati ad Aleppo, Latakia, Jableh, Tartous (che non sono 'roccaforti del regime' ma città plurietniche e recentemente rifugio di sfollati interni da luoghi invivibili), come pure il massacro della scorsa settimana degli inermi cittadini di al-Zara, non toccano le nostre coscienze allo stesso modo.

Del resto, perché aspettarselo?  Questo Occidente così attento ad occuparsi di pseudodiritti e a fare astratti proclami sulla pace e sulla fratellanza, non si accorge che tanta gente muore proprio per i propri errori e la propria insipienza nella gestione di questa guerra tra i Siriani e il resto del mondo.
Si ribadisce, anche nel documento  emesso ieri dal Consiglio Europeo, che si tratta di 'guerra civile' e che c'è un regime “che perpetra attacchi contro il suo stesso popolo”, ma quello che è sotto gli occhi di tutti è altro: c' è il Male che ormai è incontenibile, basti pensare al martellamento costante dei mortai dei terroristi sui quartieri cristiani di Aleppo, ai due missili jihadisti sulla casa di riposo per anziani nel Collegio di Terra Santa dei Francescani, alle 7 autobombe detonate da suicidi assassini, alla donna che fingendosi incinta ricorre al pronto soccorso e si fa esplodere.... 

Questo Male in ogni caso non nasce per una guerra di liberazione e aneliti di giustizia da parte di un popolo vessato e schiacciato da 'un regime criminale'. 
Come sovente denunciato da Patriarchi e Vescovi siriani, nasce per disegni geopolitici che sono altrove, calcoli e progetti che hanno favorito la nascita di Daesh e dei mille altri gruppi più o meno 'moderati', ma accomunati nel loro progetto di conquista e sottomissione e la conseguente estromissione dei Cristiani dalla Siria e dall'Iraq.

Davanti a tutto questo ci si aspetterebbe da parte della UE un soprassalto di coscienza che lenisca le sofferenze della popolazione siriana, abolendo le sanzioni comminate alla Siria già da 5 anni. Lo vorremmo con tutto il cuore ma non ci speriamo. La politica UE semplicemente non esiste, e la UE ed i suoi "governanti" forse si limitano ad eseguire ordini...
  In questo quadro tragico e oscuro, i cristiani continuano a ribadire cosa ci si aspetta dall'Occidente.  Questi pastori continuano a restare tra la propria gente adoperandosi in ogni modo per costruire un Medio Oriente più umano, più giusto, rispettoso e comprensivo delle identità.

Un lavoro incessante che ci verrà testimoniato anche in questi giorni da Fra  Ibrahim Alsabagh, Parroco nella parrocchia di San Francesco ad Aleppo, nel suo giro di testimonianze in Italia ( calendario in aggiornamento alla pagina Appuntamenti e Incontri ..... )
la Redazione di Ora pro Siria 

Fra Ibrahim: L’attacco al Collegio francescano per colpire civili, seminare caos e terrore

L’obiettivo dei missili “era proprio quello di centrare la zona in cui sorge” il Collegio di Terra Santa, nei pressi del quale vi è anche “una caserma per giovani reclute” dell’esercito governativo. I gruppi jihadisti “vogliono colpire la popolazione e seminare il panico fra la gente”. Così p. Ibrahim Alsabagh, 44enne francescano, guardiano e parroco della parrocchia latina di san Francesco ad Aleppo, la “capitale del Nord” della Siria da settimane teatro di violenti combattimenti, descrive ad AsiaNews l’attacco al Collegio di Terra Santa ad Aleppo. È un messaggio in puro “stile terroristico”, avverte il sacerdote, in cui si vuole “colpire gli innocenti per lanciare un messaggio: o con noi jihadisti, altrimenti è la morte”. È evidente il proposito di alimentare “caos e terrore” fra la popolazione, “terrorizzando la gente: o con noi, oppure facciamo fuori tutti. E colpiscono gli innocenti prima dei militari”. 
La sera del 21 maggio scorso due missili lanciati dai jihadisti hanno colpito il Collegio di Terra Santa dei francescani ad Aleppo, causando un morto e due feriti gravi tra gli anziani che si erano rifugiati in questo luogo. La vittima, racconta il sacerdote, “è una donna di 94 anni che aveva cercato accoglienza” nel centro, per “sfuggire alle violenze della guerra”. Anche le altre due persone ferite “sono due donne, di circa 80 anni, ospiti” della Casa di riposo del Collegio dopo aver abbandonato nell’aprile 2015 il Centro di San Vincenzo de Paoli “quando è finito sotto attacco”. “Le anziane pensavano di essere al sicuro - commenta p. Ibrahim - e di morire in pace all’interno della Custodia, ma non è stato così”. 
Finora il centro, la scuola e il grande parco che la circonda erano stati uno dei luoghi più sicuri della città, risparmiati almeno in parte dalla violenza cieca di una guerra che ha causato in cinque anni 280mila morti. Nel Collegio vivevano una ventina di persone anziane che avevano le loro case bombardate. Era considerata “la zona quasi più sicura di Aleppo”, dove in cinque anni “erano caduti solo due o tre” razzi, prosegue p. Ibrahim, su un terreno “molto grande che prima fungeva da scuola” ed era “la più prestigiosa” di tutta la città. Nel tempo i militari governativi hanno requisito una parte per “costruire una caserma per giovani reclute”; tuttavia la zona “continuava a essere considerata tranquilla”, una sorta di “polmone verde di Aleppo”, l’unico spazio in cui le famiglie “potevano riunirsi e far respirare aria buona ai bambini”.  Un posto, aggiunge il sacerdote, dove andare per fare un campeggio, in cui “avevamo avviato lavori di restauro” per “accogliere” altre famiglie della città. Ad Aleppo i francescani hanno tre centri: la parrocchia san Francesco d’Assisi, colpita una volta, il convento di Er Ram, colpito già cinque volte, e il collegio di Terra Santa. “Ora - racconta p. Ibrahim - non vi è un solo centro ad essere stato risparmiato dalle bombe e dai missili”.
Nell’ultimo attacco i jihadisti hanno usato “un missile di un metro e mezzo”, non un semplice colpo di cannone, a conferma “della crescita del potenziale bellico” a disposizione dei movimenti estremisti filo-islamici. Il loro obiettivo, avverte il sacerdote, è colpire “le aree di Aleppo ovest” [sotto il controllo governativo], dove “si trovano le comunità cristiane”. 
Oggi, intanto, due città costiere siriane, Tartus e Jableh, nella provincia di Latakia, sulla costa mediterranea, roccaforte del governo di Damasco, sono state teatro oggi di una serie di attentati in simultanea, che hanno provocato almeno 100 morti, e oltre 120 feriti. Dietro gli attacchi vi sarebbero i miliziani dello Stato islamico (SI), che hanno rivendicato la carneficina attraverso l’agenzia di stampa Amaq, vicina al movimento jihadista. Obiettivo delle violenze gli “assembramenti di alawiti” delle due città; si tratta della stessa confessione islamica, minoritaria nel Paese, di cui fa parte anche lo stesso presidente siriano Bashar al-Assad.
La zona colpita, racconta p. Ibrahim, non vi sono solo alawiti ma pure cristiani, sunniti, sciiti. E poi vi è anche “la base russa sul Mediterraneo”, ecco perché questi attacchi sembrano più “un messaggio a Mosca che a Damasco”. I miliziani vogliono far capire che “possono arrivare dappertutto e seminare il caos”, grazie anche ad armi “sempre più sofisticate” a disposizione. Il dramma, conclude il sacerdote, è che “a pagare il prezzo”, degli attacchi bomba come dell’embargo e delle sanzioni, è sempre “la povera gente innocente”. 

7 commenti:

  1. perchè vi ostinate a difendere un regime dittatoriale e sanguinario?
    Nessuno difende l'Isis, una banda di criminali senza nessuna religione. Ma per favore non difendete il regime degli Assad. Sono più di 40 anni che spadroneggia nel paese adesso basta è giunto anche il loro momento di essere cacciati. Chiediamo pace, democrazia e giustizia per il popolo siriano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pubblichiamo questo commento perchè sia visibile a tutti a quale livello di disumanità può giungere la partigianeria politica : come si può giustificare il massacro di 180 civili e il ferimento di centinaia di innocenti , colpevoli solo di abitare nelle zone sotto controllo del 'regime' ? La Siria non avrà mai pace, democrazia e giustizia coltivando questo odio settario e che annienta l'altro... Se per cacciare Assad si giunge ad approvare queste azioni , ISIS non è nulla di differente ...

      Elimina
    2. nessun folle approverebbe queste azioni. Nessun folle che conosce la realtà siriana potrà mai dire che Assad è la soluzione. Troviamo una via civile e umana per dare pace a questo paese martoriato da un regimo totalitario che per non aver scommesso sulla democrazia lo ha gettato nelle mani di volgari saccheggiatori e criminali.
      Un milione di volte NO ad Assad e No ai miliziani dell'ISIS.

      Elimina
  2. Io penso piuttosto che il nostro occidente purtroppo non abbia ancora capito nulla del Medio Oriente e nella fattispecie della Siria: noi abbiamo una certa visione della democrazia e pensiamo che sia un abito adatto a tutte le taglie e per tutte le occasioni. E' ora di capire che non è così: in una società multietnica e con una pluralità di fedi, dove l'Islam è maggioranza (con tutte le divisioni al proprio interno) un governo laico senza un minimo di autoritarismo non potrebbe esistere. Lo abbiamo visto in Egitto una volta andati al potere i Fratelli Musulmani, oppure in Libia e in Iraq una volta fatti fuori i dittatori. Stanno meglio adesso? Stanno meglio?!!!
    Io credo che se tutti i Patriarchi e i Vescovi della Siria e dell'Iraq mi dicono che l'occidente sta sbagliando a sostenere i ribelli, io ci credo. Ci credo perché loro vivono sulla loro pelle tutta la barbarie del nuovo che avanza. Nuovo che non sarà una democrazia, ma una teocrazia dispotica, dove per i Cristiani non ci sarà più spazio. E allora finiamola col mantra "Assad se ne deve andare"! Il destino della Siria lasciamolo scegliere ai Siriani!
    ...e i Siriani non sono quello zero virgola rappresentato dall'ESL. Guardiamo in faccia alla realtà: chi combatte contro i Siriani sono combattenti stranieri di qualche decina di nazioni diverse che sono sovvenzionati, armati e sponsorizzati da USA, Qatar, Turchia, Arabia Saudita che hanno un solo interesse: spartirsi la Siria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La democrezia è democrazia e basta.
      Non scegliamo il male minore, scegliamo la libertà dal regime totalitario e sanguinario di Assad e dal terrore dell'ISIS. Scegliamo la democrazia che è la più bella forma di governo che esista.
      Non scendiamo a compromessi. Il popolo siriano ha diritto a qualcosa di meglio di Assad e dell'Isis.

      Elimina
    2. Voglio fare salve le sue buone intenzioni e riconosco che i suoi sono alti ideali che detti in quel modo molti potrebbero fare propri, ma...
      Sarei tentato di instaurare tutto un discorso sulla "democrazia" come la intendiamo noi occidentali, ma non basterebbe lo spazio di una risposta su questo blog. Mi vien solo da dire che la democrazia in molti casi, anche da noi in occidente rimane solo un bel vestito da cerimonia e nulla più. I comportamenti delle elites che ci governano svuotano completamente di significato questa parola, sicchè crediamo di decidere chi ci governa, mentre tutte le decisioni, dalle candidature elettorali ai programmi dei partiti vengono decisi spesso in circoli ristretti e segreti controllati da governi a loro volta controllati da potentissime lobbies mondialiste che dettano ormai l'agenda del globo. Troppo lungo il discorso comunque.
      Venendo alla Siria e a Bashar Al Assad.. lui non è sicuramente un santo, ma nessun governante lo è! Però dal momento in cui ha preso il potere, ha fatto per il proprio Paese molto più di quello che i detrattori gli riconoscono. Tuttavia nella storia siriana, che varrebbe la pena riprendere in mano, occorre riconoscere che fino allo scoppio della "ribellione per la democrazia", in Siria tutte le minoranze non islamiche e le varie fazioni dell'Islam sono state ugualmente tutelate. Questo fino a 5 anni fa..
      Riguardo all'affermazione su Assad che non ha scommesso sulla democrazia, piuttosto che contestarla personalmente preferisco sempre guardare alla realtà. Realtà che è fatta di persone che a vario titolo hanno gravi responsabilità nei confronti della popolazione, quali sono tutti i patriarchi delle varie Chiese cristiane. Loro sanno quel che accadrebbe nel momento stesso in cui Assad venisse deposto o fuggisse (cosa che lui ha escluso come altamente disonorevole e irresponsabile): la Siria andrebbe incontro a una balcanizzazione e a una serie di conflitti per la presa del potere in stile libico, con serissime implicazioni a livello terroristico anche per l'Europa tutta. La realtà siriana poi è fatta anche di un parlamento eletto, con una opposizione che ha libertà di parola e di critica, come tutte le opposizioni. Su questo la inviterei a leggere l'intervista alla parlamentare Maria Saadeh a questo link:
      http://www.tempi.it/se-i-ribelli-avessero-a-cuore-il-popolo-siriano-non-permetterebbero-ai-terroristi-di-massacrarlo#.V03X_fmLQYs
      Ma poi mi chiedo... sono Stati democratici quelli che supportano i ribelli e i terroristi con i loro soldi? Lo è l'Arabia Saudita? Lo è il Qatar? Gli Emirati del golfo? La Turchia è realmente democratica? La Siria è solo un boccone che questi squali confinanti vorrebbero papparsi non appena non avesse più un esercito e un governo. Siamo realisti e guardiamo a quel che chiede la gente che ci vive (che non sono quelli dell'osservatorio dell'opposizione che sta a Londra)! L'idealismo deve coniugarsi con il realismo, altrimenti si fanno solo danni e tragedie. Le rivoluzioni nella storia del mondo non hanno mai creato qualcosa di meglio rispetto a quello che preesisteva, ma morti a milioni.. questi sì.

      Elimina
  3. In realtà la democrazia intesa come mero governo della maggioranza è uno strumento ambivalente e come affermano tutti i testi di dottriuna dello stato, per garantire la pace sociale, deve essere ancorata a saldi valori laici di riferimento, altrimenti rischia di divenire una scommessa molto pericolosa. Non dimentichiamo che fascismo e nazismo sono entrambi andati al potere sfruttando la legge dei numeri. Lo stesso discorso deve essere fatto per i paesi medio-orientali a maggioranza islamica che sono appiattiti tra fondamentalismo e dittature di vario tipo . La siria non fa eccezione, una transizione democratica del paese che molti indossano come slogan non può avere l'esito del fondamentalismo sunnita che non è solo quello dell'Isis, ma anche della maggioranza delle forze di oppozizione presenti, tranne che di quelle curde.

    RispondiElimina

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.