Traduci

sabato 24 gennaio 2015

Attentato a Homs: "i giovani sono stati deliberatamente presi di mira", si affligge padre Hilal

Dopo un sanguinoso attacco terroristico  avvenuto mercoledì 21 gennaio 2015 a Homs, il padre gesuita Ziad Hilal deplora l’assenza di reazione  internazionale e chiama alla preghiera per la Siria.



Dopo il sanguinoso attentato terroristico a Homs del 21 gennaio 2015, il padre gesuita siriano Ziad Hilal si rammarica che le vittime dell'attentato siano stati soprattutto dei giovani.

"La maggior parte delle vittime erano studenti universitari, i giovani che non avevano ancora lasciato Homs.  Che messaggio manda ora questo attentato? Penso che essi siano stati presi di mira in modo deliberato", ha detto questo giovedì 22 gennaio Padre Ziad al ACS. 

Un'autobomba è esplosa mercoledì a mezzogiorno in una strada affollata nel centro della città. Secondo le informazioni a disposizione del Padre Ziad, 15 persone sono state uccise. E più di 50 sono rimaste ferite, alcune gravemente. 
C'erano anche ragazzi cristiani, sia tra i morti che tra i feriti:






Homs: 17 morti e 60 feriti, che l'Occidente non ha nemmeno menzionato, come l'attentato di "ribelli" che il 1 ottobre scorso uccise 48 bambini della scuola elementare

"L'attentato è avvenuto vicino alla nostra chiesa e al nostro centro di assistenza. Non sappiamo chi c'è dietro tutto questo. Ma è una tragedia. Le immagini dell'attacco sono terribili. Visitiamo le famiglie delle vittime e cerchiamo di confortarle. Ma cosa possiamo dire in questa situazione? Tutti noi, noi stessi, siamo profondamente rattristati e preoccupati. »


Padre Ziad ha domandato di pregare per questo paese devastato dalla guerra. "Chiedo a tutti, in particolare ai benefattori di Aiuto alla Chiesa che Soffre di pregare per la Siria, in particolare per le vittime di questo tragico attentato e le loro famiglie."
Padre Ziad si è mostrato ferito dalla mancanza di risposta da parte della comunità internazionale. "Dove è la reazione del mondo? Dopo gli attentati di Parigi, ognuno ha lo sguardo diretto verso la Francia. E qui? Non mi sembra che nessuno si sia espresso. Nessuno si muove. Il silenzio completo. La Siria e la sofferenza quotidiana della sua gente sono dimenticate. »



Homs è la terza più grande città  della Siria. Questa città di importanza strategica è stata contesa per molti anni tra il governo e l'opposizione. Dallo scorso anno, Homs è di nuovo sotto il controllo del governo siriano, ma continua ad essere percossa da attentati. Recentemente, nel mese di ottobre 2014, più di 50 persone sono morte in un doppio attentato con autobombe. A causa dei combattimenti, negli ultimi anni, una gran parte della popolazione della città, tra cui più di 80.000 cristiani sono stati costretti a lasciare le loro case. Si stima che più di 200.000 persone sono state uccise dall'inizio della guerra siriana.




L'ACS offre supporto alla Siria da anni, in particolare al lavoro umanitario di Padre Ziad per le persone in difficoltà a Homs e dintorni.
Sotto la supervisione di Padre Ziad diverse strutture  distribuiscono cibo, prodotti per l'igiene e l'abbigliamento a migliaia di persone, indipendentemente dalla loro religione o impegno politico.

Dall'inizio della guerra, nel marzo 2011,  l'ACS ha inviato aiuti per un totale di 4,15 milioni di euro al popolo della Siria e ai rifugiati siriani nei Paesi confinanti.

 (traduzione dal francese di  FMG)
http://www.aed-france.org/actualite/syrie-attentat-a-homs-des-jeunes-ont-ete-deliberement-vises/

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.