Traduci

mercoledì 23 aprile 2014

Chi ha paura delle elezioni in Siria?

Le elezioni siriane e il villaggio in cui si parla la lingua di Gesù



da: Piccole Note
23 aprile 2014, festa di San Giorgio

Assad annuncia le prossime elezioni siriane: si terranno il 3 giugno. L’opposizione parla di «buffonata», di elezioni farsa e via dicendo. Né potrebbe essere altrimenti.  Ma, nonostante le critiche, si terranno ed è probabile, così stimano anche gli oppositori di Assad, che sanciranno una vittoria dell’attuale presidente. 
Né, anche in questo caso, potrebbe essere altrimenti: il popolo siriano conosce i limiti di Assad e i tanti limiti del suo governo. 

A Raqqa ISIL punisce : fumava in pubblico!
Ma in questi anni ha conosciuto bene anche i suoi oppositori, ovvero quei personaggi che da Londra e da altri Stati Esteri parlano di democrazia e di libertà, mentre sul terreno affidano il trionfo di questi alti ideali ai tagliagole di Al Qaeda i quali, imbottiti di Captagon – una droga sintetizzata nei laboratori Nato che non fa sentire dolore e privazioni e rende capaci delle efferatezze più inaudite – ammazzano nelle maniere più fantasiose islamici e cristiani che da secoli convivevano pacificamente in questo Paese.

Ma al di là del teatrino della propaganda, è interessante il luogo scelto da Assad per dare questo annuncio: il monastero di Maalula, un villaggio nel quale si parla ancora l’aramaico, la lingua di Gesù. 
Assad si è fatto riprendere dalla Tv di Stato mentre visitava il monastero accompagnato da alcuni esponenti della comunità cristiana locale. Era il giorno di Pasqua e questo filmato, al di là delle polemiche suscitate, ha mostrato al mondo, tramite la Tv di Stato siriana, la devastazione portata all’edificio cristiano dai miliziani di Al Nusra che l’avevano occupato. Mossa a effetto, certo, ma favorita da chi quel luogo l’ha distrutto, rapendo le suore che vi si trovavano e portando morte all’intorno.
 Con questa uscita, Assad vuole accreditarsi come difensore delle minoranze, spiegano i giornali occidentali, e dare al mondo un’immagine positiva, contraria a quella ritagliata su di lui dalla propaganda occidentale. 
Resta il fatto che quando i miliziani di Al Qaeda presero Maalula nessun uomo politico dell’Occidente ebbe a dire una sola parola per deprecare l’accaduto, né per condannare le atrocità di cui si stavano macchiando i ribelli, che si aggiungevano alle innumerevoli commesse in precedenza. 

Così questo accreditamento di Assad suona più verosimile dell’ipocrisia di tante autorevoli voci occidentali che oggi si dicono scandalizzate dalla propaganda di regime.



Ma al di là,  le immagini del monastero devastato che sono andate in onda sulla Tv siriana hanno riportato alla memoria una testimonianza da Maalula pubblicata sul nostro sito, che invitiamo, chi non l’avesse letta, a leggere. Perché racconta molto più di altre cronache quanto si sta consumando in Siria.



Gregorio III: è un vero crimine di guerra la distruzione delle chiese di Maaloula


Asia News, 22/04/2014 
di Fady Noun

Il Patriarca ha visitato il villaggio di Maaloula, ripreso dall'esercito al fronte islamico al-Nosra. "Ci si è presentato uno spettacolo apocalittico". L'Occidente assiste "con indifferenza criminale" alla distruzione della Siria. 

 La distruzione delle chiese di Maaloula è stata definita "un vero crimine di guerra" dal patriarca di Antiochia dei greco-melchiti cattolici Gregorio III Laham, che domenica ha potuto visitare lo storico villaggio cristiano, riconquistato dall'esercito siriano al Fronte islamico al-Nosra.
"E' il mistero dell'iniquità che si vede all'opera", ha detto ancora, non trovando parole abbastanza forti per tradurre i sui sentimenti davanti allo spettacolo di desolazione che gli si è offerto. "E' la devastazione del Tempio, il mistero dell'iniquità", ha ripetuto in un colloquio telefonico da Beirut, la sera della sua visita.
Il Patriarca greco-cattolico ha visitato il villaggio insieme con il patriarca greco-ortodosso Youhanna Yazigi e con i rappresentanti del patriarcato siriaco-ortodosso, armeno-ortodosso e siriaco-cattolico, accompagnati da alcuni giornalisti e da uomini della sicurezza. E poco dopo ha anche reso visita al capo di Stato siriano, anch'egli in visita al villaggio.
"Ci si è presentato uno spettacolo apocalittico. Altre chiese sono state distrutte in Siria, ma io non ho mai visto cose così. Ho pianto e ho cercato inutilmente un momento di solitudine per pregare. Sono affranto", ha detto ancora il prelato.
"Le quattro chiese storiche di Maaloula sono state colpite. La nostra chiesa parrocchiale, dedicata a san Giorgio, è crivellata di colpi. La cupola del convento è lesionata in due punti. Le mura sono sventrate dalle cannonate. Alcune parti del convento rischiano di crollare e debbono essere ricostruite. Le icone sono sparse a terra, sporcate o rubate. Attualmente è del tutto inabitabile".

 "Nel convento dei santi Sarkis e Bakhos (nella foto), lo storico altare pagano, convertito in altare cristiano, il solo di tale tipo, è rotto in due".

Lo stesso spettacolo di devastazione si offre agli sguardi nelle chiese di sant'Elia e santa Tecla, del patriarcato greco-ortodosso.
A giudizio di Gregorio III, la devastazione di Maaloula è "un crimine organizzato" e "un vero crimine di guerra".
La Carta di Londra (1946) definisce crimini di guerra "il saccheggio di beni pubblici o privati, distruzione senza motivo di città e villaggi, o la devastazione non giustificata da esigenze militari".
"Non c'è - dice ancora il Patriarca - alcuna giustificazione militare al vandalismo che c'è stato. Si ha l'impressione che fosse un vandalismo comandato". E perché aver fatto delle nostre chiese delle posizioni trincerate?- per tentare di darsi una spiegazione di tutte queste distruzioni.

Con amarezza, Gregorio III accusa il mondo occidentale di essere cieco sulla verità della guerra in Siria. Secondo lui, non si è assolutamente di fronte a una "guerra siriana" o a una "guerra civile". Certo, c'è una parte del conflitto che oppone i musulmani tra loro, ma non è una guerra islamo-cristiana. E' un crimine organizzato.

Sul piano della sicurezza, la popolazione di Maaloula può sognare di tornare, sostiene il Patriarca, malgrado l'incertezza sulla situazione delle infrastrutture (elettricità, acqua, telefoni). Egli aggiunge che alcuni giovani stanno tornando, per ispezionare le case e studiare la possibilità di rientro.
Ma Gregorio III attira l'attenzione sulla difficoltà che si avrà a riparare il legame sociale tra i cristiani di Maaloula e la popolazione musulmana. Alcune famiglie del villaggio si sono schierate con i ribelli islamisti e la ricostruzione della fiducia pone effettivamente dei problemi. Molti giovani non vogliono una riconciliazione superficiale, degli "abbracci ipocriti".
La Chiesa ha il dovere di impedire che tutta la popolazione musulmana sia assimilata a ciò che alcuni hanno fatto. I cristiani non devono vivere in un ghetto, dice, in sostanza, Gregorio III.
A suo avviso il vero complotto è là. Mira a lacerare il tessuto sociale della società siriana, nella quale non c'è mai stata discordia tra islamici e cristiani. E insiste sulla barbarie di comportamenti che, ai suoi occhi, non si spiegano che nella volontà di distruzione della Siria "profonda".

A sostegno di ciò che sostiene, egli indica l'atroce morte, davanti a testimoni, di un fornaio di Adra, una borgata vicino a Damasco. Lo sventurato è stato gettato, vivo e insieme con i suoi figli nel forno nel quale aveva appena cotto il pane per i combattenti islamisti.

Gregorio III denuncia "l'indifferenza criminale con la quale il mondo occidentale, col falso pretesto della difesa della democrazia, continua ad assistere a questo spettacolo di distruzione. Bisogna assolutamente impedire che il virus dell'odio si diffonda", conclude, dopo aver ricordato che ancora non si hanno notizie dei sei abitanti di Maaloula rapiti, come dei vescovi greco-ortodosso e siriaco-ortodosso di Aleppo, scomparsi da più di un anno.

http://www.asianews.it/notizie-it/Gregorio-III,-%C3%A8-un-vero-crimine-di-guerra-la-distruzione-delle-chiese-di-Maaloula-30883.html
Assad annuncia le prossime elezioni siriane: si terranno il 3 giugno. L’opposizione parla di «buffonata», di elezioni farsa e via dicendo. Né potrebbe essere altrimenti. Ma, nonostante le critiche, si terranno ed è probabile, così stimano anche gli oppositori di Assad, che sanciranno una vittoria dell’attuale presidente. Né, anche in questo caso, potrebbe essere altrimenti: il popolo siriano conosce i limiti di Assad e i tanti limiti del suo governo. Ma in questi anni ha conosciuto bene anche i suoi oppositori, ovvero quei personaggi che da Londra e da altri Stati Esteri parlano di democrazia e di libertà, mentre sul terreno affidano il trionfo di questi alti ideali ai tagliagole di Al Qaeda i quali, imbottiti di Captagon – una droga sintetizzata nei laboratori Nato che non fa sentire dolore e privazioni e rende capaci delle efferatezze più inaudite – ammazzano nelle maniere più fantasiose islamici e cristiani che da secoli convivevano pacificamente in questo Paese.
Ma al di là del teatrino della propaganda, è interessante il luogo scelto da Assad per dare questo annuncio: il monastero di Maalula, un villaggio nel quale si parla ancora l’aramaico, la lingua di Gesù. Assad si è fatto riprendere dalla Tv di Stato mentre visitava il monastero accompagnato da alcuni esponenti della comunità cristiana locale. Era il giorno di Pasqua e questo filmato, al di là delle polemiche suscitate, ha mostrato al mondo, tramite la Tv di Stato siriana, la devastazione portata all’edificio cristiano dai miliziani di Al Nusra che l’avevano occupato. Mossa a effetto, certo, ma favorita da chi quel luogo l’ha distrutto, rapendo le suore che vi si trovavano e portando morte all’intorno.
Con questa uscita, Assad vuole accreditarsi come difensore delle minoranze, spiegano i giornali occidentali, e dare al mondo un’immagine positiva, contraria a quella ritagliata su di lui dalla propaganda occidentale. Resta il fatto che quando i miliziani di Al Qaeda presero Maalula nessun uomo politico dell’Occidente ebbe a dire una sola parola per deprecare l’accaduto, né per condannare le atrocità di cui si stavano macchiando i ribelli, che si aggiungevano alle innumerevoli commesse in precedenza. Così questo accreditamento di Assad suona più verosimile dell’ipocrisia di tante autorevoli voci occidentali che oggi si dicono scandalizzate dalla propaganda di regime.
Ma al di là, le immagini del monastero devastato che sono andate in onda sulla Tv siriana hanno riportato alla memoria una testimonianza da Maalula pubblicata sul nostro sito, che invitiamo, chi non l’avesse letta, a leggere. Perché racconta molto più di altre cronache quanto si sta consumando in Siria.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.