Traduci

martedì 21 gennaio 2014

Un punto di vista di un Marine : Mantenere la Siria secolare , pluralista e libera da ribelli stranieri



di Brad Hoff
Global Research, January 19, 2014

Solo un paio di importanti giornali del mondo si sono presi la briga di riferire regolarmente sulla condizione delle diverse minoranze religiose ed etniche della Siria che vivono nelle zone controllate dai ribelli . The Daily Star e Al- Akhbar giornali libanesi hanno operato una copertura costante degli armeni di Siria , curdi , iracheni , drusi , cristiani , e ismailiti - e le minacce che queste comunità affrontano nelle regioni della Siria tenute dall'opposizione... Leggi le ultime notizie di Al - Akhbar dei due uomini di affari armeni cristiani che hanno osato restare nel nord della Siria , nel tentativo di mantenere il  sostentamento della loro famiglia in una zona ribelle controllata . Sono stati arrestati , costretti a convertirsi , ammazzati con proiettili alla testa , e hanno loro negato la sepoltura .


L'opposizione siriana è stato venduta al mondo dalla stampa occidentale mainstream fin dal primo giorno del conflitto in Siria come rappresentante della democrazia , della libertà e di un futuro pluralista per una nuova Siria . Ma l'ultimo paio di anni testimonia il contrario . Chiunque abbia effettivamente trascorso del tempo in Siria prima del conflitto sa che la Siria baathista è sempre stata l'unica nella regione per l'alto grado di libertà che esercitano le minoranze .


Ho visto personalmente il modo pubblico in cui le minoranze religiose ed etniche della Siria tranquillamente si adattano nella società siriana . Si può vedere croci ovunque in quasi ogni centro urbano siriano , o sentire funzioni religiose trasmesse attraverso gli altoparlanti in concorrenza con la chiamata alla preghiera musulmana eco dalle moschee vicine . La stella multicolore dei drusi è visibile nella periferia di Damasco e in tutti i villaggi nel sud del paese . Ogni visitatore di Aleppo nota subito la presenza pubblica armena con i caratteri Armeni in bella mostra in luoghi di mercato .


Nella regione di Hauran , si può visitare un enorme monumento, sponsorizzato di recente dal governo, con la costruzione al patriarca dei drusi Sultan al - Atrash , che notoriamente ha detto: "La religione è per Dio , la Patria è per tutti ". 
 Nelle decine di hotel intorno alla città di Damasco centro , si incontrano fattorini curdi che sono fieri di raccontare ai visitatori della loro identità curda . Una delle più grandi statue di Cristo nel mondo, è stata recentemente eretta sopra l'antico borgo di Saidnaya . Il monastero ortodosso che si trova alla sua base è stato, negli ultimi mesi , il destinatario di attacchi con razzi da parte degli insorti ribelli che sperano di ottenere il controllo della montagna che domina i villaggi circostanti .


Parlando di Saidnaya , in una delle mie visite a metà degli anni 2000 sono rimasto scioccato nel vedere la copertura speciale multimediale su SANA - Stazione telegiornale nazionale della Siria - di un miracolo riportato, collegato al villaggio del 6 ° secolo del Monastero di Nostra Signore di Saidnaya . Un uomo musulmano saudita ricco è stato aggredito e derubato mentre guidava per visitare il monastero cristiano ( venerato anche tra i musulmani della zona come luogo di guarigione spirituale ) . La gola dell'uomo è stata tagliata ed è stato rinchiuso nella parte posteriore della sua auto e lasciato morire . Quando la polizia lo ha trovato , l'uomo ha giurato che la Vergine Maria è venuta da lui , gli ha curato la gola tagliata , e lo ha guarito lì sul posto . La storia ha fatto notizia in prima serata nazionale. Forse l'aspetto più miracoloso dell'episodio per me è stato il fatto che la storia di un miracolo collegato a un villaggio cristiano è andato in onda sulle notizie nazionali in un paese che è 70-75% musulmano sunnita .


Questo è un lato della Siria noto solo a coloro che vi hanno trascorso una notevole quantità di tempo. Purtroppo , la narrazione standard del conflitto in Siria è stata costruita dai giornalisti , esperti e politici che hanno appena  messo piede all'interno della Siria , se non del tutto . Questo è il motivo per cui , anche a parte la sciocca singolare dipendenza dalle fonti dei ribelli per le informazioni , sottili ma estremamente significativi errori sono fatti anche con i fatti fondamentali della società siriana e della storia . Testate enormemente influenti come il New York Times , Washington Post , CNN o di routine, identificano il regime come " sciita " - o , alternativamente , Assad come " pro- sciita " . Da questo, si costruiscono e si super-sottolineano i loro resoconti di " sciiti contro sunniti " e di guerra civile settaria .


Chi non conosce nulla circa l'identità e la fede esoterica alawita sa che è per niente vicina allo sciismo , qualunque siano le radici storiche . La stretta relazione della Siria con l'Iran è , ed è sempre stata , una questione di convenienza , come parte di un " asse della resistenza" auto- immaginato. Questo ha poco a che fare con i legami religiosi e l'identità sciiti .


Durante l'invasione israeliana nel 2006 del sud del Libano , stavo camminando attraverso il settore cristiano della Città Vecchia di Damasco . Sono passato davanti alla finestra di un panificio cristiano al primo piano e ho visto grandi torte di Hezbollah . Le torte erano decorate di verde e giallo AK- 47 e col pugno emblema di Hezbollah smaltato in glassa , così come di piccole immagini di una nave da guerra israeliana che brucia . Le torte stavano commemorando il recente successo dell'attacco drone di Hezbollah su una nave da guerra israeliana di stanza al largo della costa libanese. Che un fornaio cristiano facesse una tale torta non aveva nulla a che fare con l'essere "pro - sciita " - ma era una sensazione condivisa e una identità di " resistenza" . L'idea che Assad ( o il suo regime ) è sciita , con una presunta missione pro - sciita ha sede nell'ignoranza e disinformazione .


Sulla base della mia esperienza di vita in Siria , dei miei numerosi contatti con siriani all'interno del paese e all'estero , e il mio legame personale con la tragedia che ha colpito un paese bellissimo , sono venuto ad una conclusione certa :

La lotta in Siria è tra coloro che vogliono continuare l'identità pluralista e laica della Siria - coloro che vogliono garantire un elevato grado di libertà sociali e religiose personali , e quelli che vogliono erigere la legge sunnita fanatica sul modello di uno stato di polizia religioso talebano o Saudita . Questi ultimi, tra i cittadini siriani reali ( in contrapposizione al flusso della massa di combattenti stranieri ) , sono in minoranza , e questo significa che l'attuale "opposizione ribelle" è in realtà una rivolta terrorista aggressiva ( e questo era molto prima di quanto i maggiori esperti dei media potranno mai riconoscere ) . Purtroppo , questa insurrezione è resa forte solo attraverso i suoi significativi sostegni saudita - del Qatar , e il supporto e finanziamento della NATO . Dico tutto questo nel pieno riconoscimento che ci sono stati veri delitti e delle mancanze del regime .


Gli esperti occidentali non sanno cosa fare circa il continuare a rimanere al potere di Assad - una realtà contraria ad ogni loro previsione circa la sua scomparsa immediata che veniva preconizzata ogni pochi mesi nel corso degli ultimi due anni . Dal momento che sono loro che hanno tentato di inquadrare la narrazione in termini puramente settari , essi dovrebbero chiedersi : perché non ha Damasco , con la sua popolazione chiaramente a maggioranza sunnita , gettato via il dittatore " odiato " ?


La risposta è semplice . La maggior parte dei siriani , sia sunniti, sciiti , alawiti , cristiani , curdi , Ismaili , sono individui sani di mente - che hanno visto come è la vita sotto l' "alternativa" . Essi riconoscono che esiste una vera identità nazionale siriana , e va oltre la semplice fedeltà alla cricca dominante attuale che sembra essere al potere , ma in Siria c'è una società levantina pluralista che non vuole modellarsi sull' Arabia Saudita.


Brad Hoff ha servito come marine nel periodo 2000-2004 presso la sede del Battaglione , Quantico . Dopo il servizio militare ha vissuto , studiato e viaggiato in tutta la Siria tra 2004-2010 . Attualmente insegna in Texas .

      traduzione FMG
http://www.globalresearch.ca/one-marines-view-keep-syria-secular-pluralistic-and-free-of-foreign-insurgents/5365458

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.