Traduci

domenica 13 gennaio 2013

Estorsione, settarismo si diffondono nella Siria settentrionale senza legge

La perdita di controllo del regime siriano sulle zone settentrionali ha creato un vuoto di potere che alimenta estorsione e  settarismo, esponendo i civili ai criminali e agli estremisti: il racconto dei residenti e degli attivisti. I Cristiani in trappola



 Una preoccupazione di molti dei residenti sono i posti di blocco presidiati da milizie armate di appartenenza sconosciuta.
  "Siamo passati attraverso molti punti di controllo dell’ Esercito Siriano Libero (FSA) nei villaggi sulla strada da Homs a Hama senza alcun problema. Ma fuori Saraqeb, ci siamo ritrovati in un posto di blocco strano", ha detto un testimone a AFP, dando il suo nome solo come "Mark ".

 "Di solito la ricerca dei ribelli è per i soldati, ma questa volta era diverso. Tre uomini armati sono saliti a bordo del bus e ha detto ai cristiani di alzare la mano."
 A nove uomini cristiani, tra cui sette armeni, è stato ordinato di scendere dal bus, mentre gli uomini armati controllavano i Documenti di Identità, secondo Mark, che è stato scambiato come assistente del conducente e risparmiato dagli interrogatori.
A un uomo curdo che ha cercato di intervenire "Scendi. Sei troppo con Bashar ", hanno detto , riferendosi al presidente siriano Bashar al-Assad.
 Mark, 26 anni, ha detto che un uomo barbuto che indossava un abito tradizionale è salito a bordo del bus e ha ordinato alle donne senza velo per coprire i capelli, chiamandole puttane.
 "Indicò una donna che indossava una croce e le disse di consegnarla. L'ha afferrata e ha cominciato a  calpestarla."
 A quel punto una donna velata è intervenuta: "Figlio mio, non abbiamo mai usato parlare o pensare in questo modo in Siria. Queste persone sono i nostri vicini e non hanno nulla a che fare con la politica.".
 "Tu non conosci queste persone. Sono kuffar (infedeli)," ribatté.
 Dal suo punto di osservazione, Mark ha detto di aver visto gli uomini armati fermare un altro autobus e tirare fuori due donne per i capelli.
 Un attivista siriano per i diritti, che ha parlato a condizione di anonimato temendo ritorsioni, ha detto che gli uomini armati erano membri della formazione estrema islamista Al-Nusra .
 "Al-Nousra è responsabile. Hanno preso gli uomini perché erano cristiani e il curdo, perché ha protestato per quello che stavano facendo." 


Il giorno dopo, un uomo sulla sessantina è stato liberato e inviato a Aleppo, malmenato, per garantire un riscatto di 3,3 milioni di lire siriane ($ 48.000 / € 37.000), solo per avviare i negoziati per la liberazione degli uomini rimasti.
 Gli fu detto che gli ostaggi, tra cui suo figlio, sarebbero stati uccisi se la richiesta non fosse stata soddisfatta.
 Una fonte informativa nella comunità armena di Aleppo ha detto che i negoziati erano in corso per ottenere il rilascio del gruppo, che a loro avviso si otterrà da Jund Allah, o "soldati di Dio", che è vicino a Al-Nousra.
 Gli uomini sono stati trattenuti in Taftanaz, a circa 15 chilometri (nove miglia) a nord di Saraqeb, ha detto l'attivista per i diritti.
 Gli osservatori dicono che, mentre l'estorsione è diventata dilagante in Siria, anche il settarismo è in ascesa in un paese a maggioranza sunnita nettamente diviso dal regime al potere, che è dominato dalla comunità di minoranza alawita di Assad.
 L'attivista per i diritti ha detto che i combattenti islamici stanno diventando sempre più influenti nelle zone di fuori del controllo del regime. "Queste persone sono molto pericolose per la rivoluzione siriana, perché non capiscono cosa sia la democrazia. Non è per questo che sono qui ... vogliono solo combattere la kuffar". Ha previsto uno scontro tra la FSA e Al-Nusra frontale, il gruppo dominante islamista, nelle prossime settimane.
 Altri dicono che, mentre una dimensione islamista esiste, non deve essere sopravvalutata, soprattutto quando appare a fianco della criminalità.
 "Alcuni gruppi armati sono rivoluzionari, altri gruppi armati sono solo criminali, e alcuni rivoluzionari usano metodi criminali," ha detto l’attivista della opposizione Abu Hisham di Aleppo alla AFP.
 "Non si tratta di religione, questo è business", ha detto un membro della comunità armena di Aleppo. "Sanno che i cristiani hanno il denaro e pagheranno", ha detto, parlando in condizione di anonimato, aggiungendo che Saraqeb è noto per i sequestri di persona. "Chiaramente c'è un colore islamista nella rivoluzione, ma questa non è tutta la storia."
 Dopo gli attacchi contro posti di blocco dell'esercito regolare in Saraqeb , è apparso un video pubblicato su Internet per mostrare l’esecuzione dei soldati che si erano arresi da parte dei combattenti dell'opposizione
 Per i siriani ordinari, la distinzione tra ladri e islamisti è irrilevante.

Maria, una vicina di casa di uno degli ostaggi dei bus, ha detto che stava progettando di lasciare Aleppo prima del rapimento. "Non riesco a dormire la notte a causa del rimbombo dei colpi di mortaio. Ho programmato di andare a Latakia (sulla costa), ma dopo il rapimento ho paura di viaggiare ovunque."
 Anche la strada per l'aeroporto di Aleppo è troppo rischiosa. "Siamo intrappolati in una prigione."



Una comunità cristiana intrappolata e ridotta allo stremo a Nord di Aleppo

Circa mille fedeli cristiani, fra greco-ortodossi e cattolici latini, sono intrappolati nel piccolo villaggio di Yaakoubieh, tutto cristiano, a Nord di Aleppo. Ridotti allo stremo, senza cibo, senza elettricità, in mancanza dei beni di prima necessità, si trovano nel bel mezzo di pesanti combattimenti fra forze lealiste e gruppi di opposizione. Sono impossibilitati a lasciare il villaggio e “sono in condizioni disastrose, dove rischiano l’estinzione”.
.......
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=40737&lan=ita

Le minacce  si estendono anche ai tre sacerdoti  del villaggio,  Padre Jallouf, parroco cattolico di Qnayeh,  Padre Rizk, sacerdote greco-ortodosso di Jdaydeh ed il curato armeno-ortodosso di Ya'coubieh.


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.