Traduci

martedì 4 dicembre 2012

Armeni di Siria: una nuova diaspora?

Nonostante il tentativo di restare neutrale nel conflitto, la comunità Armena siriana è stata gravemente colpita

 
 
 
Le abitazioni dei civili nel  quartiere armeno di Aleppo sono state prese di mira per tre volte nelle ultime settimane: demolite le strutture della scuola e dell'ospizio  
qui le foto

 



I resti della Chiesa Armena di Saint-Gevorg in Aleppo
qui le foto
http://www.armenews.com/article.php3?id_article=84185



 
RAPIMENTI
 
Hasake, Siria (AINA) - Almeno 3 assiri sono stati rapiti dai loro villaggi di recente in Hasake. Due delle vittime sono uomini giovani e i rapitori hanno chiesto un minimo di 100.000 USD in riscatto per ciascuno. La terza vittima è una ragazza di 17 anni, che è stata prelevata durante il percorso, dopo che 4 uomini, si crede curdi, avevano aggredito suo fratello di 16 anni , picchiato lui, e se ne sono andati con lei.

La violenza contro gli Assiri è nettamente aumentata negli ultimi 12 mesi, in gran parte perpetrata dalle milizie ribelli, in particolare dagli elementi jihadisti dei ribelli, nonostante il fatto che gli assiri avessero appoggiato la milizia ribelle (AINA 2012/10/27) .
 Il 15 novembre quattro missili hanno colpito il villaggio di Tel Nasri (AINA 2012/11/15).

 
 
L'Arcivescovo assiro di Aleppo ha rilasciato la seguente dichiarazione:
 
Noi condanniamo senza riserve e denunciamo l'escalation di queste manifestazioni degli armati, e tutti i tipi di bombardamenti ed esplosioni che non possono che portare più in profondità le ferite tra fratelli combattenti, in un circolo vizioso di violenza, devastazione e morte. Dobbiamo anche condannare e deplorare i continui  sequestri di persona, omicidi, demolizione di infrastrutture, dei patrimoni e le attività finalizzate al logoramento paralizzante dell'economia locale e nazionale. Lo status quo di questo conflitto è evidente e demoralizzante in quanto può solo diffondere la cultura dell' anarchia, il risentimento e la divisione, in una città che non ha mai sostenuto tale livello di violenza, distruzione e decimazione, nella sua storia. Fino a poco tempo fa, si conoscevano solo l'affetto, la tolleranza e una sana convivenza delle persone nella nostra città benedetta. E 'straziante assistere impotenti: la nostra amata città di Aleppo e in altre città siriane, villaggi e frazioni diventano campi di battaglia, e vediamo il loro annientamento sistematico.
"Nessuno può alzare la bandiera della vittoria sui cumuli di rovine di tale sacrilegio".
 
 
 
 LE CARE MEMORIE FERITE  
 
 
 La Chiesa armena "Martiri Genocide Memorial" in Der Zor, anche conosciuta come la chiesa Santi Martiri armena, è stata gravemente danneggiata a causa dei bombardamenti. Il livello inferiore del museo e memoriale, in cui sono conservati i resti delle vittime del genocidio armeno, sembra essere in rovina.
 

Der el-Zor è stata testimone di scontri tra i ribelli e l'esercito siriano dall'inizio del conflitto armato nel paese. Le poche famiglie armene che vivevano in città l'hanno lasciata mesi fa. Centinaia di migliaia di deportati armeni furono massacrati in Der Zor nell'estate del 1916.




Questa immagine, scattata da un giornalista tedesco e conservata negli archivi del Vaticano, documenta il massacro delle donne cristiane armene nel deserto di Deir ez-Zor - Siria , il 24/04/1915 durante il genocidio da parte dei soldati turchi.





Il portavoce della Prelatura armena di Aleppo Jirair Reyisian ha detto che le tensioni proseguono in ed intorno a Aleppo, che 4-5 bombe sono cadute vicino e intorno alla Chiesa  siriaca San Theotokos nel quartiere Villaner. Il portavoce  ha annunciato che la terza spedizione degli aiuti umanitari dall' Armenia,  campagna denominata "aiuta il tuo fratello", è già arrivata ed è stata distribuita tra gli abitanti armeni e non armeni in ed intorno a Aleppo.
  
 


 

"Proprio quando il regime di Assad vacilla , i cristiani saranno tra le più grandi vittime. Bombe ora sono collocate in aree cristiane, dove non vi è alcun obiettivo strategico o militare. Dove sono le voci delle principali chiese contemporanee? L'America e l'Europa non hanno offerto alcun aiuto per i cristiani, e mentre le chiese tradizionali rimangono in silenzio, il governo degli Stati Uniti e gli alleati occidentali stanno facendo peggiorare le cose."

qui l'articolo: The Syrian Revolution's Dire Threat to Christian http://www.aina.org/news/20121204101212.htm



Democrazia siriana, un sogno
 by Michael Swan, The Catholic Register

Saturday, 01 December 2012


Il Primate Armeno Ortodosso di Damasco vede poche speranze che la guerra civile siriana si concluda con un regime democratico al potere e si interroga sul sostegno occidentale ai gruppi ribelli.

"Il novanta per cento di questi gruppi rivoluzionari sono dei criminali, in realtà," ha detto il Vescovo Armash Nalbandian a “The Catholic Register”.
 Il londinese Osservatorio Siriano per i Diritti Umani ha riferito il 22 novembre che in 20 mesi di guerra il numero di morti in Siria aveva raggiunto almeno 40.000, di cui più di 28.000 civili e circa 10.000 soldati.
"A volte è difficile capire come i paesi occidentali sostengano la democrazia in Siria se stanno solo sostenendo una unica parte in questo conflitto", ha detto Nalbandian.
Il vescovo è in tournée tra le comunità di espatriati armeni in America del Nord per chiedere donazioni attraverso i canali della Chiesa. Una delle agenzie di Chiesa più efficaci che lavorano con i siriani sfollati è stato il Catholic Near East Welfare Association, conosciuta come la Pontificia Opera Missionaria in Medio Oriente, ha detto Nalbandian.

 Gran parte degli aiuti del governo è diretta ai rifugiati in Turchia e Giordania, lasciando alle Chiese di cercare di prendersi cura di un numero uguale di persone sfollate dalle loro case all'interno della Siria, ha detto Nalbandian.
 "L'economia non funziona più. Tutti hanno perso il posto di lavoro. Nessuno può guadagnarsi il pane quotidiano ", ha spiegato il vescovo. "Questo è il grande problema e la grande missione della Chiesa". Lo sforzo è stato ecumenico e interreligioso, con le Chiese in stretta collaborazione con la Organizzazione della Mezzaluna Rossa.
 "E' così importante, questa unità che abbiamo in Siria", ha detto. "Abbiamo una vita ecumenica molto buona tra le Chiese in Siria. Si tratta di un grande aiuto e sostegno sapere che le Chiese Cristiane di tutto il mondo sono unite a noi. "
 Circa il nove per cento, su 24 milioni di abitanti della Siria, sono cristiani, divisi tra le nove differenti confessioni : Ortodossa, Cattolica e altre.
 "Ci consideriamo come portatori e protettori della tradizione Cristiana in Siria", ha detto Nalbandian.
 Anche se le Chiese lavorano insieme su aiuti di emergenza, la strada per una stabile, democratica Siria sembra molto incerta. Nalbandian ha partecipato in qualità di osservatore Ortodosso, al Sinodo Vaticano sul Medio Oriente e ritiene che il Sinodo ha fatto bene a identificare la democrazia come la migliore speranza per la sopravvivenza delle comunità Cristiane della regione.
 "Purtroppo, non abbiamo questa formazione o comprensione della democrazia in Siria. Se la si confronta con la storia Europea e se si considera che l'evoluzione democratica iniziata con o dopo la Rivoluzione Francese, ha richiesto molti anni, molti decenni per avere la democrazia che si ha nei paesi Occidentali ", ha detto. "non si può dire che la democrazia sarà stabilita in Siria con la forza o in pochi giorni o in pochi mesi."
Dovrebbe essere il compito delle Potenze Occidentali  incoraggiare il dialogo sulla democrazia che coinvolga tutte le 17 comunità religiose in Siria. Politicamente l'Occidente dovrebbe sostenere una pace negoziata tra il governo e i gruppi ribelli.

 "Noi non abbiamo dialogo, purtroppo. Il problema è che devo sapere chi sono le parti. Una parte è il governo, e io so chi è al governo. So chi sono i ministri e i sindaci delle città. Dall'altra parte, noi non sappiamo chi sono i leader. Io non so chi è responsabile in modo da poter avviare un dialogo con lui ", ha detto Nalbandian.
 I Cristiani non necessariamente sostengono il regime baathista della famiglia Assad, che ha preso il potere in un colpo di stato militare nel 1963. Il Generale Hafez al-Assad alla fine è emerso come il presidente nel 1970. Suo figlio, Bashar al-Assad, gli successe nel 2000. La famiglia Assad emerge dalla minoranza della comunità alawita e ha fondato la sua legittimità politica in gran parte sulla tutela delle principali minoranze confessionali, nel quadro di un regime laico, nominalmente socialista.
 "Se il regime di Assad o di qualche altro regime sosterrà le minoranze, nessuno lo sa", ha detto Nalbandian. "Oggi l'unica garanzia è quello di avere un governo, per avere stabilità nel paese."


 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.