Traduci

mercoledì 23 gennaio 2019

In Siria, l'educazione religiosa sta 'aiutando a guarire le ferite spirituali della guerra'


Aiuto alla Chiesa che Soffre

LA CHIESA DI ALTIP, nel distretto di Bab Al-Sebaa, appena a sud del Vecchio Quartiere di Homs, in Siria, è un centro di formazione sia sociale che pastorale. "Molti anni fa era una scuola cattolica, ma poi il governo ha vietato tutte le scuole non statali. Da allora lo abbiamo usato come centro di catechesi, dando istruzione religiosa a giovani e adulti; teniamo anche eventi sociali e giornate sportive qui ", dice suor Samia Syiej, che è responsabile del coordinamento della catechesi per un gruppo di bambini che si preparano per la confermazione.

Suor Samia appartiene alle Suore del Sacro Cuore, una congregazione fondata in Siria e guidata dalla spiritualità ignaziana: "Abbiamo 12 case in tutta la Siria. Sono anche coinvolta nel lavoro pastorale con bambini handicappati. La nostra congregazione è molto attiva e perseguiamo una serie di iniziative, sia pastorali che sociali ".
Suor Samia indica il punto esatto in cui sono cadute le bombe. Dice: "Le famiglie locali ci hanno aiutato a riparare due sezioni del tetto della chiesa che sono state distrutte dal bombardamento. Ma oltre al resto, quello che dobbiamo fare ora è aiutare a riparare non solo il danno esterno, ma soprattutto il danno nei cuori delle persone. Sono una religiosa e la mia prima responsabilità è di dare testimonianza spiritualmente e aiutare le persone. Questo è ciò che mi muove. Abbiamo vissuto la guerra e l'abbiamo vista da vicino. La catechesi è importante per aiutare a guarire le ferite spirituali della guerra".

Lavorando al fianco di Suor Samia ci sono un certo numero di studenti universitari che si dividono tra i diversi gruppi di catechesi e aiutano attivamente in questo apostolato.
"Sono molto consapevole che devo la mia vita a Dio e alle preghiere di persone come Suor Samia", dice un giovane che è attualmente disoccupato. Prestava servizio nell'esercito siriano, che è richiesto a tutti gli uomini abili. Durante un'imboscata fu catturato da un gruppo ribelle e tenuto prigioniero per mesi. Tutti presumevano che fosse morto, ma miracolosamente riuscì a fuggire. "Ringrazio Dio e ringrazio le suore per non aver mai rinunciato a pregare per me. Sono così grato a loro oggi e così ora le sto aiutando come catechista ".
"Non abbiamo mai smesso di offrire il nostro aiuto e le nostre preghiere. Tutto viene fatto attraverso la collaborazione di sacerdoti, religiosi e laici. Lavoriamo tutti insieme per organizzare queste attività e, grazie a Dio, abbiamo alcuni giovani molto attivi ", dice suor Samia.
In Siria, la Chiesa è viva, nonostante più di 7 anni di guerra. I sacerdoti e i religiosi presenti nel Paese sono diventati motivo di speranza.  Suor Samia lavora anche in una casa per bambini con handicap mentali. Dice: "Abbiamo sempre realizzato progetti con l'aiuto di ACS, anche durante i momenti più sanguinosi della guerra. I bambini e gli adulti hanno spesso bisogno di una parola di speranza e vogliono diventare più forti nella loro fede. I bambini vengono in chiesa e possono anche essere molto esigenti. Durante l'estate, ad esempio, abbiamo tenuto un certo numero di campi giovanili, che hanno dato nuova speranza a molte persone. Questo è ciò che ci motiva ".
Nel 2018, l'Aiuto alla Chiesa che Soffre ha finanziato diverse dozzine di programmi pastorali a beneficio dei giovani e dei bambini in tutta la Siria.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.