Traduci

sabato 26 maggio 2018

Aiuto umanitario a Ghouta orientale - Monastero Mar Yakub

‘They know that we know they are liars, they keep lying’: West's war propaganda on Ghouta crescendos
La Ghouta orientale è una vasta regione intorno a Damasco, la cui città più importante è Douma. Per anni è stata una base in cui migliaia di terroristi hanno imposto violentemente la legge della Sharia alla popolazione praticamente in ostaggio. È piena di corridoi sotterranei che spesso furono scavati da civili innocenti. Nel monastero di Mar Yakub ci siamo presi cura per alcune settimane di una madre e un bambino che sono stati rinchiusi in una prigione sotterranea a East Goutha per due anni. Durante la guerra, i terroristi di quella regione spararono quasi ogni giorno bombe alla cieca sulla parte densamente abitata e libera di Damasco. All'inizio del 2018, quel terrorismo è stato orribilmente esteso in modo da far piovere quasi costantemente bombe sulla capitale siriana. A quel punto, l'esercito siriano prese una decisione che annunciava la fine della violenza terroristica. I soldati siriani hanno liberato East Ghouta in un solo mese. I terroristi furono uccisi o scortati a Idlib e Jarablous sul confine turco. Immediatamente dopo la liberazione, il 13 marzo 2018, il monastero di Mar Yakub iniziò i lavori di soccorso nella Ghouta orientale. Quello che segue è una breve panoramica degli aiuti umanitari che il monastero di Mar Yakub fornisce alla popolazione.

Il nostro convento, in collaborazione con Preemptive Love Coalition, fornisce assistenza a dieci campi profughi intorno a Damasco, dove oggi vengono accuditi circa 52.000 rifugiati provenienti dalla Ghouta orientale (all'inizio di marzo 2018 erano circa 90.000 persone). La stessa Ghouta orientale è stata quasi completamente distrutta dopo 7 anni di terrore e dopo la liberazione dell'esercito siriano che è stato costretto a risolvere la situazione con attacchi aerei (circa il 95% degli edifici sono in macerie). Non ci sono più terroristi ISIS. Eppure ci sono ancora case o appartamenti che sono più o meno abitabili. Ci sono persone che hanno scelto di rimanere lì invece di andare nei campi profughi. Anche il nostro monastero li aiuta. Il servizio di soccorso ha vari livelli:
  1. Medico: abbiamo due hospitainers e tre ambulanze che vanno da un campo all'altro per aiutare la gente. Abbiamo medici specializzati in medicina generale, ginecologia e operazioni. Ora c'è una domanda per dentisti e pediatri. I medici sono assistiti da infermiere. Ogni mese assistono 40.000 persone malate. Qualche volta un medico era costretto a prendersi cura di 700 pazienti al giorno all'inizio della liberazione di East Ghouta (un giorno che poteva durare fino a 16 ore)!  Oggi, ora che l'organizzazione sta migliorando, i medici si prendono cura di 200-300 pazienti al giorno. La maggior parte dei medici è fuggita all'estero durante la guerra. Siamo perciò costretti a dare ai medici siriani ancora disponibili un'alta retribuzione mensile per spostarsi quotidianamente a Est-Ghouta, sotto il pericolo ancora reale. Va detto che il nostro monastero è l'unica organizzazione che ha medici sul posto. La Mezzaluna Rossa e altre organizzazioni hanno a disposizione infermieri e medicine, ma nessun dottore. Mar Yakub fornisce anche medicinali ai rifugiati, in particolare contro il diabete, l'ipertensione e le malattie cardiache (questo riguarda principalmente i farmaci che devono essere assunti ogni giorno).
  2. Cibo: a Dweir (un campo profughi) diamo cibo a 10.500 persone al giorno. A Douma (la capitale della Ghouta orientale) 4000 persone ricevono un pasto caldo ogni giorno. Nel nostro monastero abbiamo un caseificio dove vengono preparati ogni giorno centinaia di chili di yogurt (600 kg) per le cucine di Damasco. Quelle cucine vengono ora ampliate e presto una tonnellata di yogurt al giorno non sarà più sufficiente (i siriani mangiano yogurt senza zucchero quasi ogni pasto).
  3. Distribuzioni: abbiamo distribuito pannolini e latte per bambini per 3000 bambini. Inoltre, 10.000 persone hanno ricevuto un kit di salute . Abbiamo distribuito vestiti per donne, uomini e bambini, oltre a materassi e cuscini.
  4. Alloggio: Nel campo profughi di Feiha il monastero ha fornito servizi igienici mobili, lavandini e docce. Abbiamo anche piazzato una recinzione per proteggere il campo profughi.
  5. Aiuto psicologico: sotto la guida di uno psichiatra con due impiegati, il monastero fornisce anche un aiuto psicologico ai rifugiati traumatizzati.
Questa è solo una foto della situazione a Damasco. 
(Vedi il servizio di Alex Thomson per Channel 4 “It was hell”… “We were the living dead”  https://www.channel4.com/news/inside-ghouta-as-syrian-government-fully-controls-damascus-for-the-first-time-in-seven-years)

          

In tutta la Siria, circa 700 persone ora sono impiegate come lavoratori a pagamento nel nome del monastero. Ogni giorno 100.000 siriani ricevono un pasto caldo grazie al monastero. Qualche giorno fa il governatore della provincia di Damasco ha dichiarato in una riunione: "A East Ghouta la Mezzaluna Rossa (l'equivalente della Croce Rossa) ha tentato, ma la squadra di Mar Yakub ha ottenuto i risultati migliori".  Altri hanno testimoniato: "Le persone di Mar Yakub hanno un cuore, puoi vedere che lavorano con tutta la loro anima". 
Questa è la bellezza della nostra squadra. Anche se abbiamo meno risorse rispetto alle grandi organizzazioni, puoi vedere che sono tutte distribuite senza riserve. 
Cristo dice: "Dare è meglio che ricevere"
La stragrande maggioranza della nostra squadra è musulmana. Eppure le giacche che indossano sono decorate con una grande croce. È la gioia di Cristo che portano a chi è nel bisogno. Siamo eternamente grati a Madre Agnès Mariam per il suo incessante lavoro per il popolo siriano. È lei che ha creato questa squadra.  Organizzazioni umanitarie internazionali come UNFPA, Partners, LDS-Charties, Preemtive Love Coalition e altri hanno trovato in lei una persona affidabile per aiutare i siriani. Per le organizzazioni occidentali, è molto importante avere una persona fidata sul posto che conosca la cultura e le esigenze della popolazione locale e chi abbia intuizioni per creare grandi progetti.
Per il prossimo futuro, speriamo di aprire un centro per assistere persone disabili (persone che hanno perso gli arti sotto le bombe).  Vogliamo anche organizzare corsi di formazione per i bambini nei campi profughi.  Infine, abbiamo bisogno di dentisti, una sala per i raggi X e un laboratorio per eseguire esami delle urine e del sangue.

Fratel Jean del Monastero Mar Yakub, Qara

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.