Traduci

lunedì 19 novembre 2012

Le vittime, siamo noi, il popolo!

"Le vittime, siamo noi, il popolo! Non è più il tempo di cercare il colpevole ... Occorre  chiamare  alla pace senza condizioni ": una posizione condivisa dal Patriarca Gregorio III e da Monsignor Pascal Gollnisch, direttore generale di L'Oeuvre d'Orient


Incontro di Mons. Pascal Gollnisch, direttore generale della "Oeuvre d'Orient", con il Patriarca di Antiochia e di tutto l'Oriente, di Alessandria e di Gerusalemme, Gregorio III, e con rappresentanti delle Chiese del Medio Oriente, e il vice-rettore dell'Istituto Cattolico di Parigi.
 
Mons. Gollnisch ha ricordato che "Oeuvre d'Orient non è né l'ONU né la NATO né l'UNHCR, ma è preoccupata per la situazione dei cristiani in Siria. Essa opera nella misura delle sue capacità, attraverso l'assistenza pratica, ma anche prendendo la parola in Francia " nei media, presso i politici.
 
Egli ha sottolineato i 6 punti che guidano l'atteggiamento  dell’Œuvre d’Orient sulla questione della Siria:
- Essere accanto ai cristiani sul posto. Ci teniamo in contatto per telefono, per posta. Inoltriamo i vostri messaggi, le vostre parole, le vostre azioni.
 
- L'assistenza agli sfollati, ai rifugiati, come abbiamo fatto per i cristiani in Iraq.
 
- Garantire un migliore equilibrio di informazioni. Siamo ben consapevoli delle difficoltà dell' informazione, a volte troppo unilaterale. Ci sforziamo di dare voce ad altre voci, di trasmettere altre visioni più vicino alla realtà locale .
Essere consapevoli del carattere internazionale del conflitto e delle difficoltà che questo comporta.
 - Richiamare
sulla complessità della situazione per porre fine alla dualità dei ribelli buoni contro un esercito del male.
 - Appellare
 alla pace senza condizioni. Non si possono più imporre condizioni quando vi sono migliaia di morti, occorre fermare le armi.


Per S.B. Grégoire III  "La guerra è il momento in cui c'è più menzogne ​​e più ipocrisia. Oggi nessuno ha una soluzione. Questo è il grande problema. Dobbiamo parlare con Una Voce. L'Europa deve avere meno ingerenza negli affari del Medio Oriente e tutti noi dobbiamo chiamare alla riconciliazione. Dobbiamo essere sensibili alle vittime e al carnefice, ci ha detto il Papa durante la sua visita in Libano. Non c'è più tempo di cercare il colpevole. Le vittime siamo noi, il popolo. Parlare solo dei cristiani non è giusto, noi siamo cittadini, vogliamo la pace in Siria per tutti i cittadini. "
Ci sono molti esempi di solidarietà tra cristiani e musulmani alawiti o sunniti, "i cristiani sono un catalizzatore. Dobbiamo sottolineare il loro ruolo di agenti di pace all'interno della Siria e in tutto il mondo (...). L'Islam ha molte correnti, noi non dobbiamo avere alcun odio o paura, ma camminare insieme. Grazie a "Oeuvre d'Orient", che è un catalizzatore di queste idee ", ha aggiunto il Patriarca.
"Il governo ha preso le nostre scuole, non abbiamo mai ricevuto soldi, noi siamo liberi. Siamo il riferimento locale (...). Noi siamo per la stabilità, per la laicità. Non siamo né pro né contro il regime ", dice, aggiungendo: "La Francia deve sapere che le siamo affezionati e  non dimentichi che essa aveva un mandato in Siria, che ha dato la laicità come lo ha dato all'impero ottomano. "
http://www.zenit.org/article-32473?l=french

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.