Traduci

martedì 27 novembre 2012

Non dimenticate Aleppo!

"Questa è la drammatica situazione della nostra missione ad Aleppo":


- 1.000.000 di profughi sono ad Aleppo

- Se non arrivano gli aiuti, i cristiani non potranno rimanere ad Aleppo e dovranno emigrare nei paesi vicini.

- Molte persone hanno perso la loro casa o l’hanno dovuta abbandonare a causa del conflitto.

- Molta gente è stata derubata (hanno perso tutto!)

- I centri di assistenza danno la precedenza ai mussulmani.

- Si avvicina l’inverno ed Aleppo è una città molto fredda.

- Ci sono molti bambini che sono rimasti senza famiglia.

- Gli spazi verdi della città inclusi i viali, e le grandi vie sono strapieni di gente, ci sono famiglie intere che dormono sotto le intemperie, e ci sono solo cartoni per coprirsi.

 - Solo nei giardini della città universitaria ci sono 7.000 profughi che dormono all’aria aperta.

- Gli ospedali non sono più autosufficenti; ai feriti d’arma da fuoco si aggiungono i malati a causa del freddo e a causa della mancanza di alimenti. 

- L’aria che si respira puzza per il fumo delle esplosioni e per l’accumulo dei rifiuti che non vengono trasportati via.


- Giorno dopo giorno, aumentano i sequestri e minacce in cambio di denaro per il rifornimento di armi (non sono notizie dei giornali, lo sappiamo per la testimonianza dei nostri stessi fedeli).


- La zona industriale nelle periferie della città è distrutta. Le fabbriche ed imprese sono state incendiate, bombardate e saccheggiate. Erano le uniche fonti di lavoro per migliaia di persone….
 

l'ospedale franco-siriano prima e dopo l'attacco dei miliziani



 

 

 

 "il prossimo potrei essere io!"

Aleppo 19.11. 2012

Carissimi,
 in questi giorni si sentono delle storie raccapriccianti! Quando la morte colpisce così da vicino, arriviamo ad un punto, ci rendiamo conto, che non possiamo evitare di pensarci. In un modo o nell'altro, tutti noi ci rendiamo conto che vogliamo evitare di pensare alla morte, fino a che succede un qualcosa di imprevisto che ci scuote e ci fa riflettere; la conclusione è inevitabile: "il prossimo potrei essere io!".
Una giovane di circa 30 anni, stava parlando al telefono, fuori nel balcone della sua casa nel quartiere cristiano di Aleppo. Le mancavano 3 giorni per sposarsi, dopo 10 anni di fidanzamento. Mentre parlava entusiasta, una pallottola vagante le attraversò le tempie. Stava forse finendo di organizzare i preparativi del suo matrimonio, sistemando tutto fino ai più piccoli dettagli affinchè tutto potesse essere perfetto. Chissà con che ansia, stava contando le poche ore che la separavano da quel giorno importante ! Purtroppo quel giorno per lei non sarebbe mai arrivato.
 Quotidianamente molta gente si accalca alle porte dei forni dove fanno il pane. Anche se la situazione è pericolosa bisogna mangiare ed il pane è uno degli alimenti più accessibili perchè è sovvenzionato. Il panettiere passa il pane attraverso una piccola finestra del forno che dà sulla strada. Una mattina, una donna come tante altre, aspettava il suo turno facendo la fila in un marciapiede per molte ore. Disgraziatamente un proiettile vagante la colpì entrando nella spalla trafiggendole il cuore e uscendo all'altezza dell'anca....forse anche lei stava pensando impazientemente a quante cose doveva fare a casa sua. Probabilmente pensava ai suoi figli che l'aspettavano per mangiare, o pensava a suo marito con il quale doveva fare la pace.....purtroppo non è tornata più a casa.
Quindi il susseguirsi degli avvenimenti ci porta ad una conclusione: "il prossimo potrei essere io!"....
In questo senso i cristiani della Siria ci danno un esempio istruttivo. Con semplicità comprendono che a Dio di tutto quello che sta succedendo non sfugge niente, e scoprono la Sua mano buona che ordina tutto per il bene di coloro che lo amano.
Quale miglior modo c’è per prepararsi alla morte?
Ciò che umanamente è molto triste e doloroso, appare diverso dal punto di vista della fede!



 

Il Vescovo caldeo Audo: il conflitto ha sfigurato Aleppo

 
Agenzia Fides 26/11/2012.
“Qui adesso tutto appare avvolto da un senso di rovina e decadenza” racconta all'Agenzia Fides Sua Ecc. Mons. Antoine Audo, Vescovo caldeo della metropoli.  I cinque centri Caritas della città assistono in maniera diretta 2.400 famiglie, distribuendo medicine, vestiti e beni alimentari. Nei giorni scorsi i sacerdoti e i volontari che cooperano nella rete Caritas si sono incontrati con Mons. Audo per studiare i programmi in vista dell'inverno. In quella che nel 2006 si era guadagnata il titolo di “Capitale culturale del mondo islamico”, il conflitto ha aperto le porte anche ai fantasmi del freddo, della fame e delle malattie.

 

IL VOSTRO AIUTO CONTA TANTISSIMO:

COME AIUTARE?

Con 200 € al mese possiamo aiutare per sostenere una famiglia per la durata di un mese (casa, cibo, medicine, vestiti, etc..)

Se è nelle vostre possibilità, vi preghiamo di aiutarci, la vostra piccola collaborazione è per noi importantissima. Tante piccole gocce formano un mare!

Dio non si lascia vincere in generosità!

Dio vi benedica.

P. David Fernandez, IVE Aleppo – Siria
 
 
Iniziativa dell'Ufficio delle Missioni ONLUS dell'Istituto del Verbo Encarnado (IVE)

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie