Traduci

mercoledì 24 luglio 2013

"Io offro la mia vita di tutto cuore per la pace"

Rivelazioni sull'offerta di Padre François de l'Enfant Jésus Mourad



da Zenit.org 



Una e-mail del 13 luglio, di cui si tace la fonte  per non metterla  in pericolo, ci ha inviato queste luci sul martirio di Padre Francesco Mourad, accaduto in Siria, a Ghassanié, domenica 23 giugno, all'età di 49 anni.



Il P. Francesco, dopo diversi tentativi di vita religiosa e monastica ( tra altri presso i Francescani e la Trappa di  Latroun, in  Libano)  aveva fondato, sotto l'obbedienza del vescovo siro cattolico di Hassaké Monsignor Behnam Hindo, un monastero a San Simeone Stilita. La costruzione aveva da poco avuto inizio quando ha dovuto lasciare il luogo  per precauzione. Ha ricominciato più  tardi, ma con lo stesso risultato dopo pochi mesi. Alla fine ha costruito un monastero vicino a Ghassanié, a nord ovest di Aleppo, vicino al confine turco. Questo monastero è stato inaugurato nel mese di agosto 2010.
Pochi mesi fa, questo monastero è stato  invaso e saccheggiato dall'esercito libero che ha preso tutto - perfino le porte - e devastato. Il P. Francesco allora si è rifugiato alla Parrocchia latina di Ghassanié tenuta dai Francescani.
Padre Francesco amava molto – oltre alla Santa piccola Therese - Fr Charles de Foucauld: ha vissuto la stessa situazione di solitudine e di fallimento, ed è morto come lui, di una morte violenta.
La sua povera madre è crollata. Aveva già perso un figlio e una figlia e un nipote morto di cancro circa un anno fa.

I suoi  ultimi  SMS

Regolarmente, Padre Francesco inviava messaggi a delle religiose per le quali a volte andava a dire messa. Ecco l'ultimo, del 1 ° giugno 2013, l'inizio del mese del Sacro Cuore:
"Care Sorelle, quando comprendiamo l'ampiezza e la preziosità che rappresenta l'amore nella nostra vita consacrata all’Amore stesso, ci è facile comprendere la profondità e il mistero della sofferenza che ci porta a sua volta  alla comprensione del Cristo Crocifisso. Egli  ci ha insegnato che l'amore ha un sinonimo chiamato sofferenza. Padre François di Gesù Bambino Mourad ".

Scoppi di voci  e colpi da fuoco

Ecco la testimonianza  che le  Suore del Rosario, che custodiscono la  Parrocchia  di Ghassanié dopo che la loro scuola è stata saccheggiata, hanno  dato della sua morte, durante la Messa celebrata il 25 giugno nella cattedrale siro-cattolica di Aleppo  per il defunto Fra Francesco.

Le Sorelle hanno udito grida e colpi di arma da fuoco. Sembra che gli aggressori avessero chiesto qualcosa a Padre Francesco. Quest'ultimo ha rifiutato, lo hanno ucciso. Erano già entrati in canonica ieri, l’avevano minacciato poi  se ne erano andati. Molte cose non sono chiare in questo dramma. Tutto non può probabilmente essere detto. Ma quel che è certo è che P. Francesco di Gesù Bambino è morto martire, nel pieno senso cristiano della parola.

Ecco alcuni estratti da lettere che P. Francesco aveva inviato nei mesi scorsi all'arcivescovo Behnan Hindo, vescovo siro cattolico di Hassaké (il Vescovo Hindo aveva sotto la propria giurisdizione il monastero di San Simeone fondato da Padre Francesco). Esse mostrano che il Padre era consapevole del pericolo, ma che egli "offriva  la sua vita con tutto il cuore per la Pace." Queste lettere sono state comunicate in una emissione del canale della TV cattolica libanese, Téle-Lumière.
"La testimonianza di Padre Francesco si riassume in queste parole:" Io offro la mia vita con gioia " e il Padre ha accolto  il suo martirio nel suo monastero di S. Simeone Stilita a Ghassanié domenica 23 giugno,  in condizioni barbariche e oscure, per mano di un gruppo estremista islamico.

Le lettere dell’offerta

Prima lettera del 18 giugno 2012:  "Monsignore," Barekh Mor "(espressione siriaca in uso  che significa" Benedici, o Signore "), siamo in pericolo.  Non possiamo né lasciare il villaggio nè  entrarvi. Hanno attaccato  chiese e insegne religiose. Ogni giorno uno di noi scompare.  Non so quando verrà il mio momento.  Comunque, io sono pronto a morire; e che la mia Chiesa  ricordi  che ho offerto  la mia vita con gioia per ogni cristiano di  questo amato Paese. Pregate per me. "

Lettera del 20 febbraio 2013:. «Monsignore," Barekh Mor ".  Gli avvenimenti precipitano  e penso che siamo entrati in una fase decisiva della nostra lotta.  Dopo aver bruciato la chiesa greca (bizantina) e distrutto il santuario mariano dei Latini, hanno saccheggiato tutto e distrutto il mio convento e quello dei protestanti. Hanno fracassato e bruciato tutti i simboli religiosi del villaggio e imbrattato con bestemmie contro la nostra religione. Cercano di sopprimerci, ma qualsiasi cosa facciano, non  potranno nulla contro la nostra fede fondata  sulla Roccia di Cristo . Voglia  Dio che Egli ci conceda la grazia di provare l'autenticità del nostro amore per Lui e per gli altri. Siate certi che io  offro la mia vita con tutto il cuore per il bene della Chiesa e la pace nel mondo e soprattutto nella nostra amata Siria ".

Lettera del 17 marzo 2013: «Monsignore," Barekh Mor ". I giorni passano lentamente e ogni giorno è più scuro rispetto al precedente.  Si avvicina il tempo in cui dovremo cercare un luogo di rifugio contro i bombardamenti.  Di notte, cerchiamo di rimanere  svegli per paura di coloro per i quali tutto ciò che porta il nome di Cristiano  è un anatema. Eppure, nonostante tutte queste tenebre, io percepisco la presenza misteriosa del sole. Tutto ciò che io spero da Dio  è che la Sua Presenza sia vittoriosa sulle tenebre che fan sì che siamo arrivati ​​a questo. Preghi  per noi ".


Padre Francesco di Gesù Bambino è nato nel 1964 , da  Antoine Mourad, e Muna Salloum. Ha avuto cinque sorelle e un fratello che morì giovane. È stato ordinato diacono il 17 gennaio 1999 e sacerdote il 30 maggio 1999. Ha presentato la "Regola dei Fratelli di San Simeone Stilita" il 1 ° settembre 1998. Il 27 agosto 2010 è stato inaugurato il monastero di San Simeone Stilita a Ghassanié.


Dalle Cronache del Monastero della TRAPPA di LATROUN


Come molte persone, e davvero tanta gente, abbiamo appreso con grande dolore dell'assassinio di Padre Francesco MOURAD. Il suo martirio avvenne domenica  23 giugno in  Ghassanieh nel convento francescano, dove era fuggito per l’ intensificazione delle ostilità. Padre Francesco non è estraneo  a Latrun, tutt'altro. Di famiglia cattolica armena araba, è nato a Banias (Siria) il 19 marzo 1964, con il nome di Jabra o Gaby. Egli venne in  Libano, entrò in contatto con i Trappisti, entrò a Latrun il 7 Maggio 1987, è diventato un novizio con il nome di Francesco, ha lasciato il monastero il 15 febbraio 1988. Entrò nel noviziato francescano  e vi fece la professione temporanea. Uscì e tornò a Latrun il 16 gennaio 1992 quindi, dopo un anno di noviziato, ha emesso i voti semplici il 2 febbraio 1994. Ci ha lasciato il  28 Ottobre 1994. Fu ordinato sacerdote dal vescovo siro cattolico di Hassaké e fondò un monastero a nord-ovest di Aleppo; ha sempre  mantenuto legami forti con i Francescani. Nell'agosto del 1999 egli scrisse all’ Abate Dom Paolo di Latrun: "Tu sai che io non dimentico Latrun, perché è lì che la  mia vocazione si è radicata. Se ho avuto la grazia dell'ordinazione sacerdotale è anche grazie alle preghiere della comunità di Latrun. Ogni volta che celebro  la Messa io offro anche per  Latrun .... Mi affido alla preghiera dei fratelli di Latrun con tutti i miei fratelli. P. Francesco di Gesù Bambino ".
Dato il deterioramento della situazione si rifugiò nel convento francescano di  Ghassanié. E’ diventato sempre più consapevole  del pericolo e lui diceva di essere pronto ad offrire la sua vita, come ha detto in tre lettere al vescovo Hindo:  "... Che la mia Chiesa ricordi che ho dato la mia vita con  gioia per ogni Cristiano di questo caro paese "(كل يوم يختفي واحد منا, ولا ادري متى يأتي دوري. في كل الأحوال أنا نستعد للموت, ولتتذكر كنيستي انني قدمت حياتي بفرح من أجل كل مسيحي في هذا البلد الحبيب .... صلوا من أجلنا. () إنني سأقدم حياتي بكل طيب خاطر من أجل الكنيسة والسلام في العالم, وخصوصا من أجل بلدنا الحبيب سوريا "). 

Queste parole non sembrerebbero l’ eco del testamento di  Christian de Chergé ?

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie