Traduci

lunedì 29 ottobre 2012

Una voce dalle Chiese dell'apocalisse: ORA PRO SIRIA INTERVISTA MADRE AGNES-MARIAM DE LA CROIX

Il 20 ottobre, promosso da Aiuto alla Chiesa che Soffre, si è svolto a Roma l’incontro con il Patriarca  Gregorios III Laham:  «Mussalaha. I cristiani siriani e il ministero della riconciliazione». Vi ha partecipato Madre Mariam - Agnès de la Croix, superiora del monastero di Qara e coordinatrice del gruppo di supporto del movimento Mussalaha (in arabo «riconciliazione»), movimento popolare interconfessionale e multietnico.

La Madre ha accettato di rispondere, con grande franchezza, alle domande di ORA PRO SIRIA  in una lunga intervista che pubblichiamo in due parti.



1) Quali sono le motivazioni che hanno spinto Lei, una religiosa, ad impegnarsi in questa campagna di informazione sulla Siria?

Ho dedicato la mia vita a Gesù Cristo e all’instaurarsi del Suo Regno, che è un Regno costruito sull'amore della Verità, e dove la verità  ci rende liberi, se la vogliamo accettare e seguire con tutto il  cuore. Dire la verità di ciò che viviamo in Siria è stato l'inizio del mio viaggio e della mia lotta. Questo approccio non è politico, ma etico. Esso non  risponde al bisogno di affermare un certo modello di società piuttosto che un altro, ma per denunciare  gli abusi che vengono occultati dalla comunità internazionale e dai media.

Ho notato che semplicemente il raccontare i fatti così come li viviamo  ha suscitato inquietudine e  ha causato  reazioni  da parte di  alcuni  per i quali la  promozione  di posizioni ideologiche  passa prima della realtà sul terreno, o di altri per i quali la realtà è a tal punto quella presentata dai media che qualsiasi altra narrazione, anche quella dei testimoni oculari, appare a loro come una menzogna o una cospirazione contro la democrazia.
Sapete bene che la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni. Un'ideologia è intrinsecamente perversa quando  dimentica la realtà per creare una realtà alternativa plasmata  a misura dei propri  interessi.  Aggirare la realtà con la creazione di una realtà alternativa si chiama "manipolazione delle masse." Chi ne viene interessato  subisce una "alienazione". Ho sperimentato il dolore di tali situazioni e, naturalmente, sono stata sempre più spinta dalla mia coscienza e dal mio impegno religioso a dare la mia testimonianza pacatamente, sapendo che è, in ultima analisi, per difendere gli innocenti e i piccoli, quelli di cui nessuno parla e che non interessano  a nessuno, perché non fanno parte del mercato politico.
Sì, ho accettato di dare la mia testimonianza e continuerò a farlo avendo cura di  non esprimere giudizi affrettati.
Continuo a credere nella buona volontà della comunità internazionale e spero che con una testimonianza credibile i cuori si volgano in favore del Vero e del Bene, e  ricevano  la forza di lavorare per la giustizia, anche a costo di una perdita di alcuni interessi momentanei. E’ un'utopia credere che sia lecito  che gli  interessi delle grandi potenze siano pagati con il sangue degli innocenti. Credo che questa epoca sia finita. Siamo nell'era della globalizzazione e digitale. L’opinione pubblica non si lascia ingannare e non può essere rinchiusa nella propaganda di massa.
2 Perché secondo lei, ogni posizione sugli eventi in Siria viene ricondotta a un PRO o CONTRO Assad?
 E ' interessante notare che anche nell’ agire in modo fraudolento  gli uomini usano i concetti di bene e di male. Infatti, l'inclinazione  al bene è profondamente radicata nel cuore della persona umana. In luogo di proporre esplicitamente un male morale alla gente, si trucca questo male presentandolo come un bene. In ogni guerra mediatica, la strategia è quella di screditare l'avversario da sconfiggere. E così accade che il presidente siriano, un anno prima della rivolta, era considerato dai media come una persona compita , tanto  che la Regina d'Inghilterra lo aveva anche ricevuto a un suo tè  pomeridiano  in compagnia della moglie.
Improvvisamente i media hanno mostrato un ritratto in bianco e nero. Da una parte i "manifestanti pacifici, che - sia detto en-passant-, sono confusi con tutto il popolo siriano"  mentre non sono la maggioranza,  e dall'altra un regime oppressivo  assetato di sangue. Questo ritratto binario, manicheo, è un metodo di manipolazione delle masse. Ricordiamo che i media non sono un pulpito di buona condotta, né una  scuola di valori, tanto meno un riferimento morale. Ma la loro attrazione è tale che molte persone recepiscono l' immagine,  accompagnata da un discorso semplicistico,  come loro Credo perché hanno fame di una Causa. E quale migliore Causa che l’espellere un dittatore  rimanendo comodamente seduti nella propria poltrona?
Abbiamo sperimentato la censura di un sistema che, mentre assicura la promozione della democrazia e della libertà di opinione, diventa totalitario. Questo abuso è in contrasto con i diritti umani e sfigura il volto del mondo occidentale. L'impossibilità di formulare un parere diverso da quello che viene offerto come norma da seguire e da pensare. Ho parlato un giorno di "prêt à penser",  "pronti a pensare."
La situazione in Siria è molto complessa ed è per questo che siamo stati costretti a parlare  a questo proposito: ci sono gruppi  - che sostengono di appartenere all'opposizione - che terrorizzano la popolazione, distruggendo le infrastrutture di Stato, mettendo in pericolo le zone residenziali e saccheggiando il patrimonio culturale. Noi siamo testimoni di questi gruppi che abbiamo nominato nel novembre 2011 "bande armate non identificate".
Oggi tutti hanno riconosciuto questi personaggi. Si tratta di mercenari finanziati da Arabia Saudita e Qatar. Secondo la rivista americana "The Economist" ci sono più di 2000 gruppi che operano in Siria, la maggior parte sono legati ad Al Qaeda, ai Fratelli Musulmani e ai salafiti. Non sono venuti per instaurare  la democrazia, ma la legge coranica in nome di Allah. Essi sfruttano la religione per scopi politici.  Essi danno un'immagine negativa dell'Islam.
E 'un dovere per noi di parlare e di nominare gli aggressori, chiunque siano quelli che  mettono in pericolo la popolazione civile e la vita di innocenti. Oggi gli esperti dicono la rivoluzione è stata deviata  favorendo un conflitto settario e confessionale. E 'un peccato. Ieri il grande  oppositore  Nabil Fayyad ha scritto un tono drammatico  sulla stampa araba: "No, non è la mia rivoluzione".
Cosa dire dopo questo?
3 Nei commenti seguiti all'incontro  di presentazione di Mussalaha, è stato scritto che la posizione  della Chiesa è dettata dalla preoccupazione di non scontentare Assad che altrimenti effettuerebbe ritorsioni sui cristiani.  Noi siamo certi che è semplicemente in nome del Vangelo che voi vi muovete, e che osate gridare quale sia il BENE del Paese. Perché lo sguardo dei Vescovi cristiani, che affermano che non è con la rivoluzione che si libera l'uomo, non viene ascoltato? Quale è l'equivoco di fondo che muove quei cristiani per cui la priorità assoluta, costi quel che costi, è la Democrazia  e la “Lotta di liberazione dalla tirannia”?
Pensate che la gerarchia cattolica in Siria e il suo leader siano dei minorati  o degli ostaggi che hanno bisogno di uno sponsor o un salvatore che parla per loro? Ecco un bel modo per deviare la voce autorevole di un responsabile.
Sua Beatitudine il Patriarca  inizia il suo appello per la Riconciliazione con una citazione di San Paolo per mostrare che si tratta di un messaggio spirituale e Sua Santità Papa Benedetto XVI, in Libano, chiedendo la Riconciliazione come la via di soluzione  in Siria, ha chiamato  i cristiani ad essere ciascuno nel proprio ambiente un "servo della Riconciliazione". I nostri pastori non ci chiamano a una posizione di sottomissione ad un regime, ma ad una posizione di fedeltà al messaggio di Cristo che ci insegna ad amare i nostri nemici e a pregare per coloro che ci perseguitano. La riconciliazione è la via perché essa mette fine all’ odio e  insegna l’amore a colui che si presenta  o che io credo essere il mio nemico.
 E' per la paura del regime di Assad? Questa accusa è ridicola. La Chiesa non ha paura di nessuno ed è indipendente da qualsiasi autorità politica. La Chiesa dice, spesso ad alta voce, quello che crede essere la verità e la giustizia.
D'altra parte, è vero che oggi la Chiesa riceve minacce e che sono spesso attuate, ma provengono dagli insorti. Per non ripetere gli eventi già noti (come ad esempio l'esodo di 150.000 cristiani a Homs e la zona circostante a causa dell'invasione di queste aree da parte dei ribelli e mercenari stranieri) notiamo che sono i quartieri cristiani che sono più spesso oggetto di attacchi armati : ieri un'autobomba a Bab Touma e l’incendio presso la Chiesa dell'Annunciazione a Midane, la settimana scorsa il bombardando delle aree cristiane di Aleppo ha causato undici morti, poi omicidi e sequestri giornalieri dell’ elite cristiana. Nonostante questo i nostri pastori rifiutano di parlare di persecuzione, ma di pressioni per costringere i cristiani ad essere più concilianti con l'opposizione armata.
Conosciamo il regime e il suo aspetto dittatoriale. Le sue azioni non ci sorprendono. Ma che una opposizione ufficialmente presentata come promotrice  dei diritti umani, della democrazia e della libertà, agisca con violenza ancor più sanguinosa rispetto al regime, questo è ciò che sciocca.
L’appello delle Gerarchie della Siria è chiaro.  Si esprimono a partire da un piano spirituale e invitano a  resistere a un messianismo falso. La teologia della liberazione ha degli aspetti  che ogni etica cristiana deve adottare come opzione preferenziale per i poveri e la lotta contro l'ingiustizia. Ma la Chiesa mette in guardia contro l'adozione della lotta politica al posto di combattimento spirituale.  Sono piani diversi, di  dimensioni diverse.
Il cristiano in generale e il clero come gli operatori pastorali in particolare (religiosi, laici impegnati) non sono chiamati a promuovere alcuna  agenda politica come se avesse uno scopo salvifico. Si sta mescolando i generi. Il soprannaturale si occupa di "cose di lassù" e della "conversione dei cuori" che si verifica, naturalmente, negli atti quotidiani di giustizia,  carità,  compassione e con la presa di posizione coraggiosa a favore dei poveri,  dei piccoli, gli oppressi, i diseredati.  E’ la direzione quel che cambia tutto. Lo faccio nel nome di Gesù Cristo? Allora è la Sua Salvezza Eterna ciò che mi interessa ed è da lì che  traggo ispirazione,  dalla Sua Parola scritta e dalle  ispirazioni del suo Spirito Santo per agire in favore della dignità della persona umana, al fine di promuovere la giustizia e la pace. Ciò non ha nulla a che fare con la lotta proletaria, quali che siano le nobili intenzioni di coloro che vi si dedicano .
I diritti umani non si limitano a un sistema politico o economico.
L'uomo non può accedere a tutti i suoi diritti  che se gli si riconosce un destino trascendente che supera il mondo che passa. C'è un modo per decapitare la condizione umana nel non farne altro che una questione politica, economica o sociale. Questo è ridurre la dimensione umana  ad uno dei suoi componenti: ad esempio il consumo, nella prospettiva economica. Ero in un grande congresso europeo. Si parlava solo di prosperità economica, era noioso e utopico, avendo, in filigrana, la terribile crisi dell'euro.
Sursum corda! Come cristiana io sono impegnata nella Città terrena, ma tengo gli occhi in alto, a Gerusalemme, la città che scende dal cielo, che è mia Madre. Questo è il mio progetto di vita, che mi riempie di speranza e di gioia. Il Regno di Dio mi riempie e mi rende felice fino al midollo della mia vita passeggera. Ne sono testimone rispettosamente, senza cercare di imporlo a nessuno. Ma io dico che è un dono da condividere con tutti gli uomini di buona volontà e non posso resistere al desiderio di farlo.
D'altra parte la democrazia sta davvero garantendo nel modo migliore i diritti dell’uomo? Anzitutto: sono stati  capiti ed elencati tutti? Che cosa, per esempio, circa il diritto alla vita fin dal concepimento dell'embrione? E se avessero applicato la legge dell'aborto sulla mia vita? L’avrei vissuto come un omicidio anti-democratico. Ci ho riflettuto, e lo dico ad alta voce che, se mia madre o mio padre o il medico avessero deciso di abortirmi  l’avrei sentito  come un omicidio. Perchè io apprezzo infinitamente la vita che mi è stato dato di vivere. Oppure i bambini senza ragione non hanno diritti?
Parliamo dei diritti di Dio. Se Egli esiste - e ci sono miliardi di persone per cui esiste-  Gli spetteranno bene dei diritti, almeno come a noi??? Tuttavia, i Suoi diritti vengono ignorati dalle nostre società democratiche.
E ' evidente che l’opinione pubblica benpensante  impone dei punti di vista che non sono quelli di tutti. E ciò è anti-democratico.
Noi cristiani, abbiamo una domanda  fondamentale: quando l'uomo usa il suo "diritto" per  espellere Dio dalla vita personale, sociale e politica cosa succede ? Si tratta di una liberazione  evidente? O è una alienazione strisciante?
Possiamo fare un esame di coscienza onesto, una autocritica sana e benefica delle nostre società che hanno deciso di sradicare Dio dalla sfera pubblica? Quali risultati? Non oso, io non sono un esperto. Ma quando vengo in Europa, non posso dire che tutto va per il meglio nel migliore dei mondi. Ma questa è un'altra questione.

Ma di che tipo di democrazia stiamo parlando? E perché, giacchè questa è la democrazia, il mondo intero si immischia di imporre con il ferro e fuoco la sua opinione al popolo siriano, che nella sua maggioranza è messo a tacere da oppressione, isolamento e ostracismo proprio da questi pseudo-combattenti  per la libertà e la democrazia?
Io credo che una vera democrazia inizia con il diritto di autodeterminazione di un popolo. Un referendum è una conditio sine qua non. Elezioni  libere  altrettanto. Chi si preoccupa  di sentire dire dal popolo siriano quello che pensa? La democrazia può anche diventare un cavallo di Troia per far passare progetti che nulla hanno a che fare con l'effettiva liberazione di un popolo. Guardate in Iraq, meditiamo sulla Libia.
il seguito dell'intervista nel prossimo post....

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.