Traduci

martedì 8 novembre 2016

La presenza francescana in Siria



Siria,  il paese dove infuria la guerra ormai da oltre cinque anni: i conventi francescani in questo paese, in situazione di guerra, che funzione hanno oggi? Pare che tanta gente in Occidente non abbia idea che ci siano dei cristiani in Siria e nemmeno dell'esistenza dei Frati Minori in quel paese islamico.


Durante il tempo dei crociati tra 1099 -1291 D.C. , religiosi combattenti arrivarono in Siria per proteggere i castelli sorti in quel tempo, gli “Ospedalieri” a differenza di quelli Templari che assunsero il tempio di Salomone in Gerusalemme come base della loro sede, un altro ordine di religiosi - i frati minori fondati da Francesco di Assisi (1182 – 1226 D.c) - arrivò a Dumiat in Egitto a incontrare il governatore il Re el-Kamel figlio del Re el.Adel ayubida fratello di Saladino. Gli storici arabi proclamarono questi religiosi 'frati della corda', in considerazione della corda che si mettono intorno al bacino che contiene i tre nodi simboli della povertà, castità e obbedienza; nei secoli la presenza di questi frati rimase in Siria fino ai giorni nostri, mentre il primo convento di frati ad Aleppo fu fondato nel 1859 nella zona di Aleppo vecchia, in seguito con l’incremento demografico e il numero crescente dei cristiani fu costruita una parrocchia grande dedicata a S. Antonio nel centro moderno di Aleppo.
Per realizzare questo progetto, racconta un anziano, fecero come i frati in occidente che giravano di città in città con una scatola in mano chiedendo offerte. Attualmente ad Aleppo ci sono tre conventi di frati francescani mentre altri tre sono a Damasco, inoltre alcuni in diverse città siriane. I frati di questi conventi sono gente del posto, non ci sono fra loro frati dell’occidente, questi fratelli locali hanno vissuto la guerra, e a conseguenza della tragica situazione condividono la sofferenza con la gente, quotidianamente aiutandoli col distribuire la borsa alimentare e l’acqua e pure un aiuto materiale per comprare il carburante a riscaldare la casa e tanto altro tutti giorni..

In uno dei conventi che vive sotto il controllo dei ribelli non si possono suonare le campane e le donne vanno a sentire la messa velate e tutto viene svolto a bassa voce; in un altro convento di zona diversa pure conquistata dai ribelli il frate del convento ha aperto le porte a quelli fuggiti accogliendo tutti pure essendo di diverse religioni , senza distinzioni il frate procura il cibo per i rifugiati con grave rischio, quindi il frate è stato rapito più volte e poi liberato grazie ai mediatori del posto.
Queste sono alcune delle vicende dei frati francescani in Siria e il loro modo semplice e coraggioso di affrontare la vita durante questa guerra.

Essi seguono le orme dei frati di san Francesco che già nel 1800 diedero la loro testimonianza fino al martirio in terra siriana: ricordiamo i Martiri Francescani di Damasco, un gruppo di 11 martiri dei musulmani, uccisi per la fede il 10 luglio 1860; di essi sei erano Padri Francescani Minori, due erano Fratelli professi Francescani e tre erano fratelli di sangue laici maroniti. Sono conosciuti come ‘Beati Martiri di Damasco’ .


Sempre a Damasco, riposa padre Tommaso da Calangianus, esperto in farmacopea, che divenne famoso per aver curato migliaia di bambini, a prescindere dalle distinzioni etniche e religiose ; fu ucciso con “omicidio rituale” per mano di ebrei, tanto che l’epigrafe mortuaria, fatta incidere sulla tomba in italiano e arabo, testimonia:  “D.O.M. Qui riposano le ossa del padre Tommaso da Sardegna assassinato dagli ebrei il 5 febbraio nell’anno 1840”.
Nella chiesa dei francescani di Terra Santa, a Bab Tuma, il ricordo delle violenze subite sopravvive in due lapidi: una, dedicata al cappuccino padre Tommaso e l’altra ai frati minori.

        
testo di 
Joseph Mistrih 

La croce francescana
È formata da quattro croci ed è il simbolo di quattro stati 'crociati':
Antiochia
Edessa 
Tripoli
Il regno di Gerusalemme

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.