Traduci

mercoledì 16 gennaio 2013

Ultime, tristi, notizie dalle Monache Carmelitane di Aleppo



Mercoledì 16 Gennaio 2013 ore 15

        Infine, Internet è tornato dopo due settimane di sospensione ...
Ultime notizie, molto tristi. Ieri, due esplosioni violente si sono verificate appena fuori del Carmelo (per chi conosce il sito, si trova all'incrocio di fronte al Convento di Gesù Operaio prima delle suore di Madre Teresa e del Vescovado latino). Per noi, il danno è abbastanza significativo: una cinquantina di finestre rotte e vetri quasi interamente andati. Nella cappella, le due finestre ai lati del tabernacolo si sono rotte e il grande cancello di ferro dell’ingresso letteralmente strappato e gettato dentro. Abbiamo trovato pietre dappertutto, anche nei chiostri in basso. Grazie a Dio, noi abbiamo avuto solo un lavoratore che lavorava con noi in casa che è rimasto ferito e ustionato. Ci auguriamo che  non sia troppo grave. Noi non sappiamo ancora il numero delle vittime o la causa dell'attacco. Siamo profondamente ferite. Grazie per pregare con noi per tutte le vittime.!

          Ultime notizie : ore 16 del pomeriggio

Infine: l'attentato è stato rivendicato da un gruppo di "Qa'ida" proprio nel giorno in cui avrebbe dovuto iniziare la sessione degli esami universitari ...
Sarebbero due missili inviati sull'Università. Il numero delle vittime sale a oltre 200, con innumerevoli feriti. L’ Università ospitava un gran numero di famiglie sfollate, c'è una gran folla in questo quartiere, oltre agli studenti.
Una grande prova per le nostre sorelle vicine di « Jésus Ouvrier » : una delle sorelle, suor Rima (anni quaranta) è scomparsa. Dovrebbe essersi trovata di fronte al convento al momento dell'esplosione. Ma non c'è modo di trovare alcuna traccia di lei, né tra i morti né tra i  vivi. Questo è un colpo molto duro per tutti noi che ci sconvolge, tanto più che le Sorelle avevano già dovuto lasciare un altro convento di Aleppo, nel quartiere povero e pericoloso di Midan (e tutto ciò che c’era nella casa è stato devastato...) ; e ormai erano solo in due al « Jésus Ouvrier », non avendo potuto aprire quest'anno il pensionato delle studentesse. Suor Paola poverina piange tutte le lacrime che ha in corpo .... Ha dovuto rifugiarsi nella casa delle nostre vicine, le Suore del Verbo Incarnato.
 

              Carissimi amici,
              Ci scusiamo per questa lettera collettiva, ma questo è l'unico modo per noi di arrivare a voi .... prima della Quaresima che sarà ben presto quest'anno! Siamo molto "handicappate" per le interruzioni di corrente e la connessione internet! Per più di una settimana sono stata bloccata,  ed ero già in ritardo! E non c'è ancora internet. Ho tuttavia preparato questo messaggio per ringraziarvi tutti per le vostre preghiere ferventi per la Siria e per la nostra comunità. Siamo molto toccati da quanto prendete a cuore la nostra prova. Questa è una grande consolazione per noi. E credetemi, la nostra gratitudine va a ciascuno di voi personalmente. Perciò coloro che ci hanno scritto ci perdoneranno di non rispondere in modo personale. Nella nostra preghiera, hanno tutti e ciascuno un posto molto speciale!

 -Troverete allegata una circolare che vi darà qualche notizia di qui. Da allora, la situazione purtroppo non è migliorata, ma noi vorremmo mantenere la speranza ....

                Grazie per continuare a portarci nel vostro cuore e nella preghiera. Questo è il più grande aiuto che ci potete offrire. Vi presentiamo i nostri migliori auguri per un santo anno nella Fede e nella Speranza (senza dimenticare la Carità che le unisce  e illumina!)

                Sr A-Françoise de la Nativité, a nome della Priora e di ciascuna

La "Primavera Araba" di Aleppo

Cari amici, 
Soltanto un paio di righe per raccontarvi che stiamo bene però che sono già tanti i giorni senza elettricità, senza telefono né collegamento a internet. Abbiamo perso il conto dei giorni senza questi servizi! 
Fa tanto freddo e in questi giorni addirittura ha iniziato a nevicare.

Ieri è esplosa una bomba alla Università di Aleppo, molto vicino a casa nostra. Le vittime e i feriti sono stati tante. Ricordatevi di loro nelle vostre preghiere.

Vi lasciamo un caro saluto e vi chiediamo che continuiate a pregare perché la guerra finisca.

Padri e Suore missionari IVE ad Aleppo.

È salito ad almeno 82 morti accertati e a oltre 160 feriti il bilancio del duplice attentato dinamitardo che in pieno giorno ha colpito l'Università di Aleppo, massima istituzione culturale nella Siria settentrionale: lo ha reso noto il governatore della seconda città siriana, Mohamed Wahid Akkad, il quale ha confermato che le esplosioni sono state due. Sembra siano avvenute in un'area intermedia tra i dormitori studenteschi e la sede della facoltà di Architettura. "È stato un attacco terroristico, che ha preso di mira gli studenti nel loro primo giorno di esami", ha aggiunto Akkad. Dopo mesi di furibondi combattimenti quotidiani, il confronto tra lealisti e insorti nella capitale economica del Paese è giunto a un punto morto, e ciascuna fazione ne controlla soltanto una parte: l'ateneo si trova comunque nel territorio presidiato dall'Esercito governativo

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/siria-bombe-a-università-aleppo.aspx


martedì 15 gennaio 2013

PROFUGHI PERCHE'


Si susseguono in questi giorni le struggenti notizie relative alle miserevoli condizioni dei rifugiati siriani nei campi profughi in Giordania, in Turchia e in Libano. Ci provoca ad una riflessione il titolo dato da "Il Sussidiario.net" ad una bella testimonianza del volontario della ONG Italiana AVSI che opera in un campo profughi siriano in Libano: "I bimbi che fuggono da Assad vanno a scuola nel Sud del Libano" ...

 


PROFUGHI
Durante la guerra nella ex Jugoslavia mi sono recato diverse volte nelle regioni orientali della Croazia per portare a destinazione aiuti umanitari (medicinali, viveri, generatori elettrici...) che consegnavamo ai parroci di alcuni villaggi posti lungo il fiume Sava, fiume che segna il confine con la Bosnia Erzegovina. Uno dei ricordi più vivi di quei giorni è quello dell'arrivo dei profughi dalla Bosnia che attraversavano il fiume su grossi barconi e sbarcavano in terra croata per fuggire dagli orrori della guerra che, in quei giorni drammatici, infuriava in molte città bosniache.
Due particolari mi avevano allora colpito più di tutto. Il primo: il silenzio. Malgrado sui campi a fianco della sponda del fiume si ammassassero centinaia e talvolta migliaia di persone non si sentivano né grida né rumori. Per ore l'unico suono percepibile era lo sciabordio dell'acqua che sbatteva contro il legno dei grossi barconi. Il secondo: lo sguardo dei vecchi. Non vi era odio, come nei giovani, né disperazione come in molte donne, direi che vi era solo stupore. Si intuiva una domanda che però nessuno poneva: “perchè? Perchè mi avete costretto a lasciare la mia casa, i miei campi, le mie abitudini, i ricordi di sessanta, settanta anni di vita? Non sapete che troncando così le mie radici mi avete condannato ad una sorte peggiore della morte?”.
A me, legatissimo come sono ai luoghi dove sono nato, alla mia casa, ai miei animali ed al mio orticello, quegli sguardi, quelle interrogazioni mute, ma di una eloquenza impressionante, provocavano un'angoscia che ancora adesso non è svanita. Questa è la ragione per cui mi sento particolarmente coinvolto, anche emotivamente, ogni volta che sento parlare di profughi. Perchè so quale spaventosa tragedia umana si nasconde dietro questa parola che noi pronunciamo con troppa facilità. Per questo mi sento particolarmente indignato quando vedo qualcuno letteralmente sfruttare a scopi politici e propagandistici la tragedia di chi è stato costretto a  fuggire dalle proprie case per cercare rifugio in un'altra città o, peggio, in un Paese straniero.
Purtroppo è quello che invece sta succedendo in Siria.
Centinaia di migliaia di persone sono fuggite dai loro villaggi e sono ospitate in approssimativi centri di accoglienza all'interno del Paese o nella nazioni confinanti, in particolare Turchia e Giordania. Le ragioni per cui sono fuggite sono le più diverse: molti sono famigliari dei rivoltosi che temono le vendette delle forze di sicurezza, altri sono Cristiani e Alauiti cacciati dalle loro case dalle bande di integralisti e di salafiti, altri ancora semplicemente fuggono le violenze della guerra. Per i mass media occidentali però tutti sono utilizzati esclusivamente come argomento di polemica contro il Presidente Assad, come se fosse stato lui a volere la guerra che sta distruggendo la Siria e che forse alla fine segnerà anche la sua sorte. Questo è il solo aspetto che viene colto da molti organi di informazione, compresi, ma non è una sorpresa, quelli cosiddetti cattolici. Invece di preoccuparsi a come lenire (e soprattutto abbreviare) le sofferenze dei profughi sono invece impegnatissimi a studiare come utilizzarli nella guerra di propaganda scatenata a sostegno di una delle parti in guerra.
Mi ricordo un episodio della guerra in Kossovo. Allora i cattivi per definizione erano i Serbi ed i buoni gli Albanesi, in difesa dei quali gli aerei Nato stavano sganciando tonnellate di bombe su tutto il territorio della Repubblica di Serbia. Un giornalista (mi pare, ma non ci giurerei, di RAI 1) chiese ad alcuni profughi cosa stavano facendo di così tremendo i Serbi per provocare la fuga di tante persone. “Ma quali Serbi” fu la risposta “ noi stiamo scappando perchè gli aerei della Nato bombardano le nostre case”.
Bisognerebbe imparare, davanti a tragedie come quelle dei profughi, a mettere da parte polemiche e propaganda, ed a pensare ad una sola cosa: aiutarli.
Mario Villani



GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO
 Angelus del Santo Padre:
 "Cari fratelli e sorelle! Celebriamo oggi la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Nel Messaggio di quest’anno ho paragonato le migrazioni ad un «pellegrinaggio di fede e di speranza». Chi lascia la propria terra lo fa perché spera in un futuro migliore, ma lo fa anche perché si fida di Dio che guida i passi dell’uomo, come Abramo. E così i migranti sono portatori di fede e di speranza..."

 



Migliaia di bambini profughi siriani costretti a vivere al freddo in accampamenti precari


4/1/2013 Agenzia Fides

A Dalhamieh, un piccolo villaggio della Valle della Bekaa, circa 30 chilometri ad est di Beirut, i rifugiati siriani sono sparsi in un accampamento informale dove le tende si moltiplicano di giorno in giorno. Fino a qualche giorno c’erano 698 persone, tra queste 86 bambini con meno di 2 anni, giunti dalla Siria senza niente e che ora si trovano a dover far fronte alle rigide temperature invernali. Le tende sono fatte di cartone, plastica e sassi e non sono sufficienti per il clima rigido della zona. Quando piove l’acqua filtra all’interno, i piccoli per proteggere le gambe dal fango quando camminano mettono ai piedi buste di plastica. Secondo le ultime statistiche dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, i profughi registrati o in attesa di registrazione in Libano sono oltre 160 mila. Tuttavia, il numero reale è notevolmente superiore visto che molti per timore preferiscono non registrarsi. Nelle regioni libanesi del Nord e Bekaa si calcolano circa 35 mila bambini siriani con meno di 14 anni che vivono in condizioni meterologiche estreme. La priorità è mantenere i piccoli al caldo, al sicuro e sani. La scorsa settimana circa 270 rifugiati sono stati ricoverati in ospedale. C’è anche il pericolo di epidemie di epatite e colera. Le latrine sono inondate e non ci sono i mezzi per mantenere strutture igieniche adeguate. Nel piccolo villaggio di Adous stanno aumentando i ricoveri negli ospedali. ...

http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=40684&lan=ita









I Vescovi maroniti: l'afflusso dei profughi dalla Siria rischia di destabilizzare il Libano 

Agenzia Fides 10/1/2013

Beirut . L'ospitalità verso i profughi che fuggono dalla Siria dilaniata dalla guerra è un atto meritorio che va incentivato. Ma con l'aumento inarrestabile del numero dei rifugiati crescono anche le insidie alla stabilità politica e all'ordine sociale “che il Libano non è in grado di sostenere”. Così ieri, nella consueta riunione mensile convocata preso la sede patriarcale a Bkerké, il Sinodo dei Vescovi maroniti ha preso atto dell'inquietudine che attraversa il Paese, i cui fragili equilibri sono messi a dura prova dalla crisi economica e dagli effetti della guerra civile nella vicina Siria. I Vescovi maroniti hanno anche auspicato che le forze politiche trovino un accordo proficuo e ampiamente condiviso per varare una nuova legge elettorale, denunciando nel contempo il rischio di paralisi e di collasso a cui porterebbe inevitabilmente il perdurante accaparramento in chiave privata o settaria delle istituzioni nazionali.
Nel comunicato finale, pervenuto all'Agenzia Fides, l'Episcopato maronita affronta con avveduto discernimento pastorale i nodi politici e istituzionali della crisi libanese, richiamando tutti a servire la pace in quella parte del mondo - il Medio Oriente - “che Dio ha scelto per rivelare il mistero della salvezza e della redenzione”. I Vescovi della più rilevante comunità cristiana libanese esaltano le iniziative caritatevoli messe in campo a favore dei profughi provenienti dalla Siria. Ma esprimono anche inquietudine “per l'aumento quotidiano del numero dei rifugiati, e tra loro per la presenza dei palestinesi. I soccorsi umanitari, che esigono la convergenza di tutti gli sforzi – osserva il sinodo maronita - esigono anche, accanto all'empatia, che l'autorità libanese prenda le misure necessarie affinché l'ospitalità offerta ai profughi tenga conto delle minacce politiche, sociali e connesse con la sicurezza che il Libano non è in grado di sostenere”.

http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=40735&lan=ita


L'Arcivescovo Maroun Lahham: apriamo le nostre chiese ai profughi siriani del campo di Zaatari


Amman (Agenzia Fides) 12/1/2013

 Davanti alla catastrofe umanitaria che incombe sul campo profughi di Zaatari – dove le tempeste di neve e la pioggia gelida negli ultimi giorni hanno spazzato via centinaia di tende – l'Arcivescovo Maroun Lahham, Vicario patriarcale per la Giordania del Patriarcato latino di Gerusalemme, apre le porte delle chiese e dei complessi parrocchiali per accogliere i rifugiati siriani. “Tutte le nostre chiese e le sale parrocchiali, a partire dai locali del centro Notre Dame de la Paix di Amman – dichiara all'Agenzia Fides – sono pronte a accogliere i nostri fratelli siriani cristiani e musulmani, finora tenuti nel campo di Zaatari. Ci prenderemo cura di tutti quelli che riusciremo a ospitare”.
Proprio ieri, alcuni rappresentanti della comunità assira legati all'Assyrian Human Rights Network avevano chiesto di aprire le porte delle chiese presenti in Giordania per accogliere i profughi di Zaatari, dove le piogge torrenziali e il gelo di questi giorni – riferisce l'appello – avrebbero già causato alcune vittime tra i bambini, gli anziani e le donne. L'appello era stato sottoscritto anche da esponenti dell'opposizione siriana, come l'attivista curdo Abdul Basit Sida e il businessman siriano Adib Shishakly, residente in Arabia saudita.
Nei giorni scorsi, il direttore di Caritas Giordania Wael Suleiman, contattato dall'Agenzia Fides, aveva auspicato la chiusura del campo profughi di Zaatari, dove le tormente hanno reso insostenibili le già precarie condizioni di vita, provocando rivolte tra i 60mila profughi che vi si trovano ammassati. I profughi siriani che hanno trovato rifugio in Giordania sono già oltre 280mila. L'Arabia Saudita ha annunciato ieri di aver stanziato 10 milioni di dollari in loro favore, per finanziare iniziative d'emergenza davanti alle ulteriori difficoltà provocate dal maltempo.
I profughi siriani registrati dall'Onu nei Paesi del Medio Oriente sono più di 600mila. Secondo le proiezioni fornite dall'Onu, se il conflitto continuerà, da qui a giugno diventeranno oltre un milione.  

http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=40752&lan=ita


domenica 13 gennaio 2013

Estorsione, settarismo si diffondono nella Siria settentrionale senza legge

La perdita di controllo del regime siriano sulle zone settentrionali ha creato un vuoto di potere che alimenta estorsione e  settarismo, esponendo i civili ai criminali e agli estremisti: il racconto dei residenti e degli attivisti. I Cristiani in trappola



 Una preoccupazione di molti dei residenti sono i posti di blocco presidiati da milizie armate di appartenenza sconosciuta.
  "Siamo passati attraverso molti punti di controllo dell’ Esercito Siriano Libero (FSA) nei villaggi sulla strada da Homs a Hama senza alcun problema. Ma fuori Saraqeb, ci siamo ritrovati in un posto di blocco strano", ha detto un testimone a AFP, dando il suo nome solo come "Mark ".

 "Di solito la ricerca dei ribelli è per i soldati, ma questa volta era diverso. Tre uomini armati sono saliti a bordo del bus e ha detto ai cristiani di alzare la mano."
 A nove uomini cristiani, tra cui sette armeni, è stato ordinato di scendere dal bus, mentre gli uomini armati controllavano i Documenti di Identità, secondo Mark, che è stato scambiato come assistente del conducente e risparmiato dagli interrogatori.
A un uomo curdo che ha cercato di intervenire "Scendi. Sei troppo con Bashar ", hanno detto , riferendosi al presidente siriano Bashar al-Assad.
 Mark, 26 anni, ha detto che un uomo barbuto che indossava un abito tradizionale è salito a bordo del bus e ha ordinato alle donne senza velo per coprire i capelli, chiamandole puttane.
 "Indicò una donna che indossava una croce e le disse di consegnarla. L'ha afferrata e ha cominciato a  calpestarla."
 A quel punto una donna velata è intervenuta: "Figlio mio, non abbiamo mai usato parlare o pensare in questo modo in Siria. Queste persone sono i nostri vicini e non hanno nulla a che fare con la politica.".
 "Tu non conosci queste persone. Sono kuffar (infedeli)," ribatté.
 Dal suo punto di osservazione, Mark ha detto di aver visto gli uomini armati fermare un altro autobus e tirare fuori due donne per i capelli.
 Un attivista siriano per i diritti, che ha parlato a condizione di anonimato temendo ritorsioni, ha detto che gli uomini armati erano membri della formazione estrema islamista Al-Nusra .
 "Al-Nousra è responsabile. Hanno preso gli uomini perché erano cristiani e il curdo, perché ha protestato per quello che stavano facendo." 


Il giorno dopo, un uomo sulla sessantina è stato liberato e inviato a Aleppo, malmenato, per garantire un riscatto di 3,3 milioni di lire siriane ($ 48.000 / € 37.000), solo per avviare i negoziati per la liberazione degli uomini rimasti.
 Gli fu detto che gli ostaggi, tra cui suo figlio, sarebbero stati uccisi se la richiesta non fosse stata soddisfatta.
 Una fonte informativa nella comunità armena di Aleppo ha detto che i negoziati erano in corso per ottenere il rilascio del gruppo, che a loro avviso si otterrà da Jund Allah, o "soldati di Dio", che è vicino a Al-Nousra.
 Gli uomini sono stati trattenuti in Taftanaz, a circa 15 chilometri (nove miglia) a nord di Saraqeb, ha detto l'attivista per i diritti.
 Gli osservatori dicono che, mentre l'estorsione è diventata dilagante in Siria, anche il settarismo è in ascesa in un paese a maggioranza sunnita nettamente diviso dal regime al potere, che è dominato dalla comunità di minoranza alawita di Assad.
 L'attivista per i diritti ha detto che i combattenti islamici stanno diventando sempre più influenti nelle zone di fuori del controllo del regime. "Queste persone sono molto pericolose per la rivoluzione siriana, perché non capiscono cosa sia la democrazia. Non è per questo che sono qui ... vogliono solo combattere la kuffar". Ha previsto uno scontro tra la FSA e Al-Nusra frontale, il gruppo dominante islamista, nelle prossime settimane.
 Altri dicono che, mentre una dimensione islamista esiste, non deve essere sopravvalutata, soprattutto quando appare a fianco della criminalità.
 "Alcuni gruppi armati sono rivoluzionari, altri gruppi armati sono solo criminali, e alcuni rivoluzionari usano metodi criminali," ha detto l’attivista della opposizione Abu Hisham di Aleppo alla AFP.
 "Non si tratta di religione, questo è business", ha detto un membro della comunità armena di Aleppo. "Sanno che i cristiani hanno il denaro e pagheranno", ha detto, parlando in condizione di anonimato, aggiungendo che Saraqeb è noto per i sequestri di persona. "Chiaramente c'è un colore islamista nella rivoluzione, ma questa non è tutta la storia."
 Dopo gli attacchi contro posti di blocco dell'esercito regolare in Saraqeb , è apparso un video pubblicato su Internet per mostrare l’esecuzione dei soldati che si erano arresi da parte dei combattenti dell'opposizione
 Per i siriani ordinari, la distinzione tra ladri e islamisti è irrilevante.

Maria, una vicina di casa di uno degli ostaggi dei bus, ha detto che stava progettando di lasciare Aleppo prima del rapimento. "Non riesco a dormire la notte a causa del rimbombo dei colpi di mortaio. Ho programmato di andare a Latakia (sulla costa), ma dopo il rapimento ho paura di viaggiare ovunque."
 Anche la strada per l'aeroporto di Aleppo è troppo rischiosa. "Siamo intrappolati in una prigione."



Una comunità cristiana intrappolata e ridotta allo stremo a Nord di Aleppo

Circa mille fedeli cristiani, fra greco-ortodossi e cattolici latini, sono intrappolati nel piccolo villaggio di Yaakoubieh, tutto cristiano, a Nord di Aleppo. Ridotti allo stremo, senza cibo, senza elettricità, in mancanza dei beni di prima necessità, si trovano nel bel mezzo di pesanti combattimenti fra forze lealiste e gruppi di opposizione. Sono impossibilitati a lasciare il villaggio e “sono in condizioni disastrose, dove rischiano l’estinzione”.
.......
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=40737&lan=ita

Le minacce  si estendono anche ai tre sacerdoti  del villaggio,  Padre Jallouf, parroco cattolico di Qnayeh,  Padre Rizk, sacerdote greco-ortodosso di Jdaydeh ed il curato armeno-ortodosso di Ya'coubieh.


venerdì 11 gennaio 2013

Il Vescovo di Hassaké : Il nostro grano saccheggiato e venduto ai turchi

Appelli dell'Arcivescovo Hindo al Premier irakeno al-Maliki e alla Fao

 Due appelli urgenti sono stati rivolti alla Presidenza della Fao - l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, con sede centrale a Roma – e al Primo Ministro irakeno, Nuri al-Maliki, con la richiesta di un intervento immediato davanti all'emergenza umanitaria che sta stritolando centinaia di migliaia di siriani nella regione di Jazira, nell'Alta Mesopotamia siriana. 

Agenzia Fides 2/1/2013 
 A richiamare di nuovo l'attenzione su uno dei tanti versanti oscurati del dramma siriano è l'Arcivescovo Jacques Behnan Hindo, titolare della arcieparchia siro-cattolica di Hassaké-Nisibi: le cose si aggravano in fretta, e la situazione – avverte l'Arcivescovo siriano - “potrebbe presto diventare catastrofica”.
Nel testo dell'appello alla Fao, inviato anche all'Agenzia Fides, il deterioramento delle condizioni di sopravvivenza della popolazione dell'area è delineato nei dettagli. All'inizio dell'inverno, ogni attività economica appare paralizzata. Le strade per i rifornimenti in direzione ovest sono interrotte da più di un mese, e ciò provoca il progressivo esaurimento dei beni di prima necessità e un aumento vertiginoso dei prezzi di tutte le derrate. 

La mancanza di carburanti impedisce il riscaldamento delle abitazioni e ha portato al blocco totale di tutte le attività agricole, proprio mentre inizia la stagione della semina. “I silos di grano - riferisce in particolare l'Arcivescovo Hindo - sono stati saccheggiati e il frumento è stato venduto a commercianti turchi che lo hanno convogliato in Turchia, sotto lo sguardo dei doganieri turchi. Il nostro grano è stato venduto a un prezzo molto basso”. La regione di Jazira era rinomata per la produzione di grano di ottima qualità. Nei decenni scorsi, a prelevare sottocosto il frumento pregiato dell'area, erano le politiche agricole del governo centrale di Damasco. 

Oltre al grano saccheggiato, l’Arcivescovo Hindo denuncia la progressiva scomparsa di altri prodotti vitali, come il latte per i bambini e le medicine, a partire dagli antibiotici. L'unica rotta di collegamento con l'esterno rimane la strada internazionale diretta in Irak, che collega l'Alta Mesopotania siriana a Mossul. Nel testo del suo secondo appello, rivolto al Premier irakeno Al-Maliki, Monsignor Hindo pone al leader politico del Paese confinante una richiesta concreta: “Vi preghiamo di soccorrerci il più in fretta possibile, inviandoci 600 cisterne di carburante, 300 cisterne di benzina e alcune tonnellate di farina”. L'Arcivescovo siriano, nel messaggio inviato anche a Fides, accomuna le sofferenze vissute adesso dal suo popolo con quelle che gli iracheni hanno provato nel loro recente passato: 
Noi - scrive Monsignor Hindo ad al-Maliki - soffriamo ciò che ha sofferto il popolo irakeno per l'imposizione dell'embargo. Le prime vittime sono stati i bambini. Voi avete provato nei vostri corpi, nelle vostre anime e nei vostri bambini, tutta l'ingiustizia che ne deriva. Perché ad essere punito è solo il popolo, e non il governo. Gli Stati così pongono i loro interessi al di sopra degli interessi degli uomini, e anche al di sopra dei diritti che Dio ha su ciò che è opera Sua”.
La regione di Jazira, con i centri urbani di Kamishly e Hassakè (capoluogo dell'omonimo governatorato) contava un milione e mezzo di abitanti, ai quali dall'inizio della guerra civile si sono aggiunti almeno 400mila profughi provenienti da Aleppo, Homs, Deir-Ez-Zor e Damasco.


giovedì 10 gennaio 2013

L’Arcivescovo Nassar: “A Damasco profughi palestinesi costretti all'esodo, come la Sacra Famiglia”

In questi giorni del tempo di Natale “non è insolito vedere famiglie palestinesi aggirarsi per le strade di Damasco. Genitori con in braccio i bambini, seguiti da altri figli più grandi che si portano dietro pacchi e bagagli. Lacrime negli occhi delle donne, rabbia negli occhi degli uomini, tristezza negli occhi dei bambini”.


Agenzia Fides 8/1/2013

Damasco -  In un messaggio inviato all'Agenzia Fides, l'Arcivescovo di Damasco dei Maroniti, Samir Nassar, delinea il doppio dramma dei profughi palestinesi travolti dalla guerra civile siriana, paragonando il loro penoso vagare a quello vissuto da Gesù, Giuseppe e Maria. “Migliaia di palestinesi - riferisce l'Arcivescovo - hanno dovuto lasciare i campi nei quali vivevano dal 1948”. Alcuni cercano di raggiungere il Libano. Ma per la gran parte, il secondo esodo si trasforma presto nell'angosciosa ricerca di un qualsiasi rifugio di emergenza nei centri urbani, a partire da Damasco.
Nella desolazione del momento, l'Arcivescovo Nassar descrive con commossa gratitudine l'arrivo nella capitale siriana del nuovo Patriarca greco ortodosso, Ioann X Yazigi: “in un tempo in cui tutti stanno lasciando la città, il nuovo Patriarca greco ortodosso Yohanna X è arrivato a Damasco il 20 dicembre, giorno della festa di Sant'Ignazio di Antiochia, del quale lui è successore... I suoni delle campane si mischiavano con le esplosioni dei bombardamenti”. In mezzo a segni così contraddittori, il Patriarca – fa notare monsignor Nassar “è accorso per essere in mezzo al suo popolo che vive nel tumulto da 22 mesi, per confermare la loro fede, la loro missione, la loro identità e testimonianza, invitando nel tempo di Natale tutti al perdono, alla riconciliazione e al dialogo, unici strumenti di pace in un Paese straziato dalla violenza”.

http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=40706&lan=ita


Il direttore della Caritas Giordania: rivolta nel campo di Zaatari, devastato dalla tormenta; per fuggire i profughi scelgono di tornare in Siria


Agenzia Fides 9/1/2013
Le tempeste di neve, vento e pioggia gelida abbattutesi sul Regno hashemita hanno avuto effetti devastanti sul campo profughi di Zaatari, nel deserto giordano, dove vivono ammassati in una situazione sempre più intollerabile 50mila dei rifugiati fuggiti dalla guerra civile siriana. “Le tormente - riferisce all'Agenzia Fides Wael Suleiman, direttore di Caritas Giordania - hanno distrutto almeno 500 tende del campo. In mezzo al deserto, i profughi vivono una condizione ormai insostenibile, in cui c'è da diventare pazzi. Non abbiamo ancora notizie di morti, ma certo in molti si sentiranno male e avranno bisogno di essere curati. Alcuni hanno ripreso la via della Siria. Preferiscono i rischi di un Paese dilaniato della guerra alla prospettiva di veder morire i propri bambini nell'inferno del campo profughi”.
Dopo tre giorni di pioggia e neve, il fango ha travolto le tende che ospitano i rifugiati, comprese quelle dove vivevano bambini e donne incinte. Nel pomeriggio di martedì 8 gennaio, alcuni profughi esasperati hanno attaccato con pietre e bastoni il personale dell'Onu e delle organizzazioni locali coinvolto nella gestione del campo. “La situazione è esplosiva. Da tempo sosteniamo che il campo di Zaatari andrebbe chiuso. Ma l'apertura di una nuova struttura nell'area di Zarqa, data sempre per imminente, viene di volta in volta rinviata” spiega a Fides Suleiman.

La Caritas, che non è coinvolta nella gestione diretta del campo di Zaatari, davanti alla drammatica situazione climatica ha distribuito negli ultimi giorni coperte, stufe e cibo caldo a 30mila famiglie di profughi. Ma le iniziative di soccorso messe in campo in Giordania appaiono in affanno davanti a un'emergenza umanitaria che si dilata di giorno in giorno. “Se parliamo con quelli del governo - racconta a Fides il direttore di Caritas Giordania - ci dicono che la questione dei rifugiati non è di loro competenza diretta. Se andiamo dai funzionari dell'Onu, ci dicono che le risorse sono limitate e non si può operare meglio di così. Intanto le cose peggiorano, e rischia di saltare tutto”. I siriani espatriati in Giordania sono più di 280mila. E la cronicizzazione del conflitto lascia prevedere un nuovo afflusso massiccio di profughi nei primi mesi del 2013 appena iniziato

http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=40725&lan=ita

mercoledì 9 gennaio 2013

" I CRISTIANI PAGANO IL PREZZO DELLA PRIMAVERA ARABA"

MONS. CHACOUR (ISRAELE):  “Siamo profondamente preoccupati per l’avvenire della Chiesa in Siria. I cristiani di lì hanno davanti lo stesso avvenire di quelli iracheni, dispersi e spariti. Chiedo a tutto il mondo cristiano di avere un’attenzione speciale all’avvenire della chiesa siriana, è dalla Siria che il cristianesimo si è diffuso”



S.I.R. 8 gennaio 2013

Da Betlemme, dove questa mattina ha incontrato i vescovi europei ed americani dell’Holy Land Coordination in visita alle comunità locali, è mons. Elias Chacour, arcivescovo di Akka, San Giovanni d'Acri, Tolemaide dei Greco-Melkiti (Israele), a lanciare un appello per i cristiani di Siria. In una dichiarazione resa al Sir, l’arcivescovo afferma che “i cristiani mediorientali stanno passando momenti difficili. Stiamo pagando il prezzo di questa primavera araba, che lo vogliamo o no”. “I cristiani – sottolinea - sono in pericolo di dispersione ma non di sparizione, noi resteremo qui. Ma in quanti resteremo?”. 
Riferendosi in modo particolare alla Siria mons. Chacour ricorda che con Assad “i nostri fratelli siriani vivevano molto bene, rispettati. Non avevano certo libertà di espressione come tutti i siriani, ma quantomeno si sentivano a casa. Ora ci si chiede: se Assad cade, cosa ne sarà dei cristiani oppure, se Assad rimane al potere sarà possibile per lui governare un popolo che gli si è rivoltato contro? Questo è il vero dilemma”. 
Quartiere cristiano di Bab Touma, Damasco
 La situazione peggiora giorno dopo giorno e dalla Siria arrivano sempre più richieste di aiuto, come quella del patriarca greco-cattolico melkita di Damasco, Gregorios III Laham: “Ci ha scritto chiedendo aiuto per i cristiani siriani, servono soldi e accoglienza. Io speravo di poter accogliere mille, duemila siriani, avrei aperto le nostre case, le nostre scuole, le nostre chiese ma non si può farli entrare in Israele, è impossibile”. 
Da qui l’appello al mondo cristiano ad avere attenzione al futuro della Chiesa siriana. Mons. Chacour non rinuncia, poi,  a dare una stoccata alla comunità internazionale che, afferma, “ha preso posizione contro il regime di Assad ancora prima che la crisi cominciasse. È per questo che i Paesi arabi del Golfo hanno pagato i volontari per andare a combattere contro il regime siriano. I problemi in Siria sono cominciati a causa degli stranieri. La comunità internazionale, se si considerano paesi come l’America e l’Europa, ha deciso di stare contro il regime, il perché non si sa. Assad non è peggio di tanti altri regimi. Egli sarebbe stato pronto ad aprirsi di più se non del tutto alla democrazia. Gli Usa, però, non sono con lui e per questo è necessario che cada”.

http://www.agenziasir.it/pls/sir/v4_s2doc_A.a_pagina_tipo

ritaglio da "LA STAMPA" 9 gennaio 2013



martedì 8 gennaio 2013

Dove andranno i Cristiani? In Arabia Saudita??

Il patriarca latino di Gerusalemme: cristiani del Medio Oriente sul Calvario



La situazione è sempre più difficile per i cristiani in Medio Oriente: è quanto afferma il patriarca latino di Gerusalemme Fouad Twal, che lancia un appello alla solidarietà internazionale verso queste piccole minoranze religiose mediorientali. In questo contesto non si ferma l’esodo dei cristiani. Sulla situazione, ascoltiamo il patriarca Twal al microfono di Luca Collodi:RealAudioMP3

R. – La situazione è peggiorata. D’altra parte, tra gli aspetti negativi dell’anno 2012, noi abbiamo registrato anche numerosi attacchi vandalici contro chiese e conventi cristiani, atti compiuti da musulmani ed israeliani. Abbiamo sempre denunciato i fatti presso le autorità israeliane, sottolineando l'importanza di promuovere una corretta educazione. Io mi chiedo come mai queste persone sono state educate a odiare l’altro. E’ un problema di educazione dei bambini, nelle scuole. E’ vero che anche le autorità israeliane hanno condannato tali atti però, al di là delle parole, non ho visto un seguito e questi colpevoli non sono stati fermati.


D. - Il patriarcato latino di Gerusalemme guarda con preoccupazione anche alla situazione siriana e ai profughi...

R. – In passato io dicevo che noi di Gerusalemme siamo la Chiesa del Calvario, ma ormai tutto il Medio Oriente è chiesa del calvario, anzi la situazione in Siria è peggiore della nostra. Noi non possiamo dimenticare la Siria, non possiamo dimenticare i nostri cristiani che vivono lì. Non possiamo tacere. La violenza in se stessa è da condannare. Poi la cosa peggiore in Siria è l’incognita di quello che verrà dopo. Non sappiamo quello che verrà dopo. C’è un piano internazionale per cambiare la situazione, ma su ciò che verrà dopo c’è sempre un silenzio totale. Sarà peggio? Non lo so … C’è l’esempio dell’Iraq, l’esempio dell’Egitto, di fronte a noi ... e ora la Siria: sarà la stessa cosa, chiaramente. Noi, certo, speriamo che non sarà lo stesso, magari! Ma cambiare tanto per cambiare non serve né ai diritti umani, né al rispetto della persona, né alla pace in medio Oriente!

D. – Nel territorio del patriarcato latino di Gerusalemme - quindi pensiamo anche alla Giordania - ci sono profughi siriani. Voi che cosa state facendo?

R. - Non posso dimenticare la Giordania che è il polmone del patriarcato. La maggioranza dei nostri preti viene da lì, la maggioranza dei seminaristi viene da lì. La Giordania è finora l’unico Paese dove c’è stabilità e dove i cristiani e i non cristiani possono rifugiarsi. E’ il caso di tanti iracheni, tanti siriani, è il caso di tanti egiziani che vengono a cercare lavoro, sono tutti da noi in Giordania … La mia domanda, che non è bella è: ma se capita qualche cosa in Giordania, dove vanno questi cristiani? In Arabia Saudita? Dove andiamo? Sì, sono preoccupato.

D. – L'Anno della Fede quale Chiesa trova in Medio Oriente?

R. – Quest’anno dobbiamo sottolineare bene la nostra fede, perché francamente ne abbiamo bisogno, considerando il contesto in cui viviamo, che è difficile, complicato: abbiamo bisogno di più fede per poter resistere alle difficoltà e continuare e dare testimonianza con più entusiasmo.
http://it.radiovaticana.va/news/2013/01/03/il_patriarca_latino_di_gerusalemme:_cristiani_del_medio_oriente_sul_ca/it1-652500



I frati della Custodia: "Se dobbiamo morire è meglio morire in chiesa che a casa". Nonostante le sofferenze, i cristiani non hanno perso la fede 


Non sono rassicuranti le notizie che giungono dalla Siria. Padre Halim, frate libanese della Custodia di Terra Santa e ministro regionale della Regione San Paolo, segue con apprensione l’evolversi della situazione. E’ quanto riferisce lo stesso religioso, in stretto contatto con i confratelli siriani, ai microfoni del Franciscan Media Center. Nel riferire la situazione che stanno vivendo i cristiani nella guerra civile - riporta l'agenzia Sir - il francescano afferma: “i cristiani dicono sempre di non avere altra speranza se non in Dio. Nessuno li può salvare se non un miracolo dall’alto. Un frate mi ha detto che la gente ha visto che le chiese - nonostante tutte queste difficoltà - durante la messa e le celebrazioni eucaristiche sono piene. E qualche volta anche di più dei tempi normali”. Motivo di così tanta affluenza sta nella frase riferita da padre Halim: “Se dobbiamo morire è meglio morire in chiesa che a casa. E quindi nonostante tutto c’è ancora uno spiraglio di fede, di gente che tenta ancora e ha una fede forte in Dio. É solo lui che potrebbe salvarli. Il Principe della Pace di cui celebriamo il Natale, che porti la pace nei cuori di tutti i siriani, che ci sia la pace dappertutto”. (R.P.)

lunedì 7 gennaio 2013

Santo Padre agli Ambasciatori: "Rinnovo il mio appello affinché in Siria le armi siano deposte e quanto prima prevalga un dialogo costruttivo "

Sala stampa della Santa Sede

Alle ore 11 di questa mattina, nella Sala Regia del Palazzo Apostolico Vaticano, il Santo Padre Benedetto XVI ha ricevuto in Udienza i Membri del Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede per la presentazione degli auguri per il nuovo anno.



Il Vangelo di Luca racconta che, nella notte di Natale, i pastori odono i cori angelici che glorificano Dio e annunciano la pace sull’umanità. L’Evangelista sottolinea così la stretta relazione fra Dio e l’anelito profondo dell’uomo di ogni tempo a conoscere la verità, a praticare la giustizia e a vivere nella pace (cfr Giovanni XXIII, Pacem in terris: AAS 55 [1963], 257). Oggi si è indotti talvolta a pensare che la verità, la giustizia e la pace siano utopie e che esse si escludano mutuamente. Conoscere la verità sembra impossibile e gli sforzi per affermarla appaiono sfociare spesso nella violenza. D’altra parte, secondo una concezione ormai diffusa, l’impegno per la pace si riduce alla ricerca di compromessi che garantiscano la convivenza fra i Popoli, o fra i cittadini all’interno di una Nazione. Al contrario, nell’ottica cristiana esiste un’intima connessione tra la glorificazione di Dio e la pace degli uomini sulla terra, così che la pace non sorge da un mero sforzo umano, bensì partecipa dell’amore stesso di Dio. Ed è proprio l’oblio di Dio, e non la sua glorificazione, a generare la violenza. Infatti, quando si cessa di riferirsi a una verità oggettiva e trascendente, come è possibile realizzare un autentico dialogo? In tal caso come si può evitare che la violenza, dichiarata o nascosta, diventi la regola ultima dei rapporti umani? In realtà, senza un’apertura trascendente, l’uomo cade facile preda del relativismo e gli riesce poi difficile agire secondo giustizia e impegnarsi per la pace.
Alle manifestazioni contemporanee dell’oblio di Dio si possono associare quelle dovute all’ignoranza del suo vero volto, che è la causa di un pernicioso fanatismo di matrice religiosa, che anche nel 2012 ha mietuto vittime in alcuni Paesi qui rappresentati. Come ho avuto modo di dire, si tratta di una falsificazione della religione stessa, la quale, invece, mira a riconciliare l’uomo con Dio, a illuminare e purificare le coscienze e a rendere chiaro che ogni uomo è immagine del Creatore. Se, dunque, la glorificazione di Dio e la pace sulla terra sono fra loro strettamente congiunte, appare evidente che la pace è, ad un tempo, dono di Dio e compito dell’uomo, perché esige la sua risposta libera e consapevole.
Per tale ragione ho voluto intitolare l’annuale Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace: Beati gli operatori di pace. E’ anzitutto alle Autorità civili e politiche che incombe la grave responsabilità di operare per la pace. Esse per prime sono chiamate a risolvere i numerosi conflitti che continuano a insanguinare l’umanità, a cominciare da quella Regione privilegiata nel disegno di Dio, che è il Medio Oriente. 
Penso anzitutto alla Siria, dilaniata da continui massacri e teatro d’immani sofferenze fra la popolazione civile. Rinnovo il mio appello affinché le armi siano deposte e quanto prima prevalga un dialogo costruttivo per porre fine a un conflitto che, se perdura, non vedrà vincitori, ma solo sconfitti, lasciando dietro di sé soltanto una distesa di rovine. Permettetemi, Signore e Signori Ambasciatori, di domandarvi di continuare a sensibilizzare le vostre Autorità, affinché siano forniti con urgenza gli aiuti indispensabili per far fronte alla grave situazione umanitaria. 
Guardo poi con viva attenzione alla Terra Santa. In seguito al riconoscimento della Palestina quale Stato Osservatore non Membro delle Nazioni Unite, rinnovo l’auspicio che, con il sostegno della comunità internazionale, Israeliani e Palestinesi s’impegnino per una pacifica convivenza nell’ambito di due Stati sovrani, dove il rispetto della giustizia e delle legittime aspirazioni dei due Popoli sia tutelato e garantito. Gerusalemme, diventa ciò che il Tuo nome significa! Città della pace e non della divisione; profezia del Regno di Dio e non messaggio d’instabilità e di contrapposizione! Rivolgendo poi il pensiero alla cara popolazione irachena, auguro che essa percorra la via della riconciliazione, per giungere alla desiderata stabilità.
In Libano – dove, nello scorso mese di settembre, ho incontrato le sue diverse realtà costitutive - la pluralità delle tradizioni religiose sia una vera ricchezza per il Paese, come pure per tutta la Regione, e i cristiani offrano una testimonianza efficace per la costruzione di un futuro di pace con tutti gli uomini di buona volontà. 

Il Papa su Twitter:

Citta' del Vaticano, 7 gennaio. (Adnkronos) - 
''Vi chiedo di unirvi a me nella preghiera per la Siria, affinche' il dialogo costruttivo prenda il posto dell'orribile violenza''. E' quanto ha scritto il Papa in un nuovo tweet diffuso questa mattina dopo il discorso tenuto di fronte al corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede. 

sabato 5 gennaio 2013

Da Qara: In laude di Brahimi e di tutti i veri colloqui di pace

Cari tutti,
a quanti ci chiedono della nostra incolumità: al di fuori resta di tanto in tanto molto pericoloso, ma noi rimaniamo provvisoriamente al sicuro dentro il nostro Monastero.


Qara 1 gennaio 2013
Subito dopo la Santa Messa di Santo Stefano riceviamo la notizia che vi è una interessante intervista da seguire su Almayadeen. Questo trasmettitore è apparentemente dissociato  dal network Jazeera in Qatar ed è ora domiciliato in Iran. Si sta trattando della questione di come il Natale viene celebrato quest'anno in Siria.  Mostrano: poca gente per le strade di Damasco, il Patriarca, un deputato della Siria, un uomo dell’ "opposizione" che proclama: nessuna violenza ma vogliamo la pace, e la madre Agnes-Mariam. Le loro testimonianze sono di un grande impatto.
Quest'anno Natale è celebrato, ma in modo tanto diverso. Sia i Patriarchi come i leader musulmani hanno invitato a  vivere le Feste di Natale, ma in modo meno esuberante e contribuendo in tal modo a soccorrere la gente e le famiglie colpite e in questa guerra , in particolare i cristiani che soffrono a Homs, Quousseir, Aleppo.
Tutti hanno dato una forte testimonianza di unità, in particolare i musulmani, che dicono che nella Costituzione non c'è "Maggioranza" e "Minoranza", che l'Islam non è la religione della Siria e che in Siria non vi è "guerra di religione" e ritengono che i cristiani di Siria non possono andare via. Tutti parlano di una cospirazione dell’Occidente.

A uno dei musulmani è stato chiesto: quanti musulmani ci sono ora  in Siria?, e lui ha risposto: 18 milioni. Quando gli è stato chiesto: quanti cristiani ci sono? egli ha risposto ancora: 18 milioni. Noi siamo sempre stati insieme, ha detto, e abbiamo sempre celebrato insieme Natale e Capodanno. Solamente adesso ci tocca portare la sofferenza di vedere i quartieri cristiani devastati. Ma attraverso il dialogo e la pace l’unità della Siria si potrà recuperare.

In questa Domenica abbiamo ricevuto una notizia particolarmente gratificante da Qara. Due settimane fa ci avevano chiesto di pregare per il rilascio di ufficiali cristiani rapiti in Qara, e di un farmacista. I rapitori avevano chiesto un milione di Lyre siriane,  altrimenti la famiglia avrebbe avuto indietro solo la testa. Abbiamo recitato tutti i giorni intense preghiere. Dopo una settimana i rapitori hanno chiesto  solo la metà. Che era comunque inaccettabile. Continuiamo a pregare e oggi veniamo a sapere che  l'uomo è stato rilasciato, sano e salvo. D'altra parte ci è giunta una nuova richiesta di preghiera urgente per la liberazione dei quartieri cristiani Mhardeh sopra Hama.

L’ Eucaristia della sera è particolarmente dedicata per il lavoro del mediatore di pace Lakhdar Brahimi, che in Damasco sembra avere buoni contatti con l'opposizione moderata. Nel frattempo, noi preghiamo per fermare l'esplosione di violenza che "Gli amici della Siria" in questo momento vogliono scatenare.  
Nel suo discorso di Natale anche Benedetto XVI chiede dialogo e una soluzione politica. Questo è così lontano dai sogni di America,  Europa e le roboanti "soluzioni" degli "Amici della Siria" , che sembrano portare solo il caos. Noi offriamo l'Eucaristia ogni giorno per una svolta nei negoziati per una soluzione politica, per Brahimi, che ottiene da noi grande fiducia.
Sì, c'è speranza per la Siria.

L'Occidente vede in tutta la sua cecità già da 20 mesi "la fine imminente del governo siriano" e "la fuga di Bashar al-Assad". La realtà è diversa. Non appena verrà confermata l'amministrazione di Obama II al Senato, sarà messo sul tavolo il piano di pace per la Siria nel Consiglio di Sicurezza. I boss della NATO che erano contro il piano di pace sono stati messi da parte. 
Viene discusso questo mese come eventualmente possano essere dispiegati i "caschi blu" in Siria. 
Anche se la Francia e l'Inghilterra si erano veementemente opposte al piano di pace, non possono far altro che seguire in ciò l'America . Esse hanno tentato senza successo di cambiare il piano di pace di Brahimi.
E poi ci sono anche gli "uomini in campo": i guerrafondai. Gli jihadisti di Hamas, fedeli a Khaled Mechaal, hanno cercato di prendere il campo di Yarmouk, ma sono stati espulsi dall'esercito, solo dopo però essere riusciti a provocare danni.
Ora provano a far qualcosa dentro e fuori Damasco.
Lasciatemi ammettere nel frattempo che tra l'esercito siriano ci sono molte difficoltà. Se i giovani vedono giornalmente amici che uccidono e muoiono, e inoltre sanno che i loro coetanei che si battono contro la Siria molto spesso vengono pagati più di loro, la tentazione di passare dall'altra parte può essere grande. Più dura è la guerra, maggiore è la tentazione.

Detto questo, parliamo ora della gallina occidentale dalle uova d'oro della rivoluzione siriana: il Libero Esercito Siriano. Questo non è un esercito, non è libero e non certo siriano, ciò che già si sapeva.
Sono terroristi provenienti da ogni dove, drogati e  pagati dagli sceicchi degli stati del petrolio.
Dei distretti, borghi e città, che si suppone siano già sotto il loro controllo, solo la
devastazione è visibile, mentre la popolazione stessa a poco a poco riprende una convivenza pacifica.

Ora bisogna solo aspettare il momento che gli alleati occidentali si sveglino e non sostengano questo oscuro club di terroristi ... per il bene del popolo siriano e per la pace nel mondo.
O, con le parole di una delle persone più informate: l'Esercito Libero Siriano continuerà a brillare per un pò come una stella morta.
Voilà, e ora è il momento per i veri colloqui di pace.


Perciò per ora cercherò di smettere con i miei scarabocchi politici per cercare di dare tutte le opportunità al reciproco dialogo. I miei commenti chiaramente non cambieranno i dialoghi, soprattutto perchè sono scritti per entrambe le parti in una lingua incomprensibile...
Tuttavia, voglio esprimere la mia solidarietà a tutti gli uomini di buona volontà, da ogni angolo o da ogni storia, che vogliono contribuire alla pace in Siria.
Per più di venti mesi ho scritto abbastanza. E il nostro grido di soccorso è solo diventato più forte. 
 
Se in Occidente ancora non si sa che cosa sta realmente accadendo, allora non si vuole saperlo.
Io sono stato abbastanza chiaro. Ed era giusto così, anche se non me lo si è chiesto.
L' occidente "cristiano" (America, Europa, completata dalla Turchia) con i suoi amici paesi terroristi del Golfo (Arabia Saudita e Qatar) deve sospendere questo lavoro diabolico.
Che risolvano i loro "casini" nelle loro nazioni prima!
Allora ci sarà molto presto la pace e voi sarete di nuovo benvenuti qui.
Nel frattempo continuate a pregare e lavorare per la giustizia e la riconciliazione, verità e dialogo.
E io da parte mia, cercherò di non scrivere per un pò questi commenti.


Signore Gesù, benedici il Presidente e i membri del governo della Siria.
Benedici i Presidenti, i capi di Stato e di Governo di tutti i Paesi.
Benedici tutti i membri dell'opposizione.
Benedici il popolo siriano, e soprattutto le famiglie che sono state fortemente colpite da questa guerra. Lascia che i morti condividano la Tua misericordia.
Benedici tutti i cittadini del mondo.
Benedici le chiese cristiane e tutti i quartieri in Siria pesantemente colpiti.
Benedici tutti i Cristiani in Oriente e Occidente, cosi' che comprendano il loro compito in questo mondo e lo facciano con coraggio.
Signore, abbi pietà di me (da recitare 40 volte).

A tutti un benedetto 2013!

Padre Daniel  Maes, Qara

Syrie : l'Envoyé de l'ONU et de la Ligue arabe fait part d'options limitées pour parvenir à une sortie de crise



parvenir à une sortie de crise



Le Représentant spécial conjoint des Nations Unies et de la Ligue des États arabes en Syrie, Lakhdar Brahimi.
31 décembre 2012 – « Je suis incapable de voir une issue en dehors des deux possibilités suivantes : soit une solution politique qui réponde à leurs aspirations légitimes est acceptée de tous les Syriens, soit la Syrie se transforme en enfer. »Ces propos ont été tenus par le Représentant spécial conjoint pour les Nations Unies et la Ligue des États arabes pour la Syrie, Lakhdar Brahimi, lors d'une conférence de presse donnée dimanche au Caire, dernière étape d'une série de déplacements au Moyen-Orient et ailleurs, dans le cadre des efforts qu'il déploie afin de trouver une solution politique négociée pour mettre fin au conflit qui déchire ce pays.« Les gens parlent d'une Syrie divisée en une myriade de petits états à la manière de la Yougoslavie. Absolument pas ! Ce n'est pas ce qui va se passer. Ce qui va se passer, c'est une 'somalisation' du pays, avec l'émergence de chefs de guerre et un peuple syrien persécuté […] », a prévenu M. Brahimi
.........


giovedì 3 gennaio 2013

« Che in Europa si sappia bene che cosa sta succedendo qui e per colpa di chi. Questa è soprattutto una guerra di commercio. Siamo nella nuova colonizzazione. »

La testimonianza da Aleppo di mons. Giuseppe Nazzaro

 
  Buio e freddo avvolgono Aleppo dove la notte la temperatura scende a sotto lo zero. Mancano elettricità e riscaldamento e a farne le spese sono soprattutto i bambini che si ammalano. Il rischio di morire per freddo e stenti è alto, soprattutto per chi vive nei campi profughi e per le strade perché a causa dell’embargo in Siria mancano anche le medicine. È una testimonianza drammatica quella che da Aleppo mons. Giuseppe Nazzaro Ofm, vicario apostolico di Aleppo dei Latini, racconta al Sir.
 
 
S.I.R. 3 gennaio 2013

Il prezzo della pace


Ci parli come è la situazione ad Aleppo: sappiamo che non c’è elettricità, che le famiglie vivono al buio e al freddo. È così, eccellenza? “Esattamente come sto adesso io. Siamo qui con il giaccone addosso e il cappello in testa per proteggerci dal freddo. La sera siamo completamente al buio ma anche durante il giorno non c’è elettricità. Ieri per esempio, non abbiamo avuto corrente dalle 3 e mezza di pomeriggio fino a questa mattina, quando è ritornata verso le 11 e mezza”.

E i bombardamenti…“Noi sentiamo le bombe da dove partono ma non sappiamo dove arrivano. Il problema qui è che chiunque prenderà il potere domani, prima di preoccuparsi di mettere a posto il Paese e ricostruire sulle macerie, dovrà fare i conti con gli animi che vivono di odio e di disperazione. Se non passano due o tre generazioni, qui ora la situazione è disastrosa”.

Come è la situazione per le strade?
“Per la strada bisogna fare giri incredibili per andare da un posto all’altro della città a causa dei blocchi dappertutto e i controlli per la sicurezza. Questa è la situazione”.

Sappiamo che i bambini a causa del freddo si stanno ammalando. È così?
“È normale. Tra l’altro siamo anche senza medicine. L’embargo che hanno voluto le Nazioni Unite oltre a togliere i viveri hanno privato la popolazione delle medicine. È chiaro che in una situazione del genere se nei campi dei rifugiati muore un bambino per il freddo, è normale visto che non ci sono neanche le medicine per curarlo.

Siamo tutti senza gasolio, senza riscaldamento, senza gas per cucinare, senza elettricità e senza pane, senza quindi i più elementari mezzi di sussistenza. Ma noi qui abbiamo ancora un tetto sopra la testa, che ci protegge. Chi vive invece sotto una tenda e peggio ancora per la strada, come fa a sopportare il freddo? Qui la notte la temperatura scende sotto lo zero. Mi chiedo se i signori che siedono al Palazzo di vetro, si pongono questo problema”.

Vuole lanciare un appello per la fine dell’embargo sulla Siria?
“Io lancio un allarme non soltanto per l’embargo ma per tutta la situazione che siamo obbligati a vivere oggi. I potenti della terra che l’hanno causata, la devono smettere, la devono finire. Noi stavamo benissimo. Vivevamo in pace. Ci hanno portato una guerra che è diventata guerra fratricida, che sta distruggendo un paese che era bellissimo, ricco di storia, ricco di civiltà. Ed ora è tutto distrutto. Sono fatti di una storia che si ripete in tutto il Medio Oriente. Guardiamo per esempio che cosa sta succedendo in Egitto”.

Ieri l’Alto Commissariato dell’Onu per i diritti umani ha fornito dei dati agghiaccianti sul conflitto siriano: 60 mila morti dal 15 marzo 2011 ad oggi. Che impressione le fanno questi numeri?
“L’alto Commissariato dell’Onu ha mai detto quanti sono stati i morti durante il conflitto in Iraq. Ci hanno sempre dato soltanto i numeri dei marines morti ma non hanno mai detto le migliaia e migliaia di iracheni civili morti. Che vuol dire, che in una guerra i civili sono solo carne da macello? Che non meritano di essere contati. Quando una bomba parte, crea distruzione e morte”.

In Italia, purtroppo, la gente si è abituata a questi “numeri”. Lei che cosa ha da dire?
“Quello che mi sta a cuore è che in Europa si sappia bene che cosa sta succedendo qui e in tutto il Medio Oriente e per colpa di chi. Questa è soprattutto una guerra di commercio. Siamo nella nuova colonizzazione che si traduce: ‘io vi do le armi, voi vi autodistruggete e poi vengo io a ricostruire tutto’. Ma poi tutto questo è pagato questo con la nostra vita”.

Ha un auspicio per il 2013 che comincia?
“Io non ho mai perso la speranza perché sono convinto che ci vuole un pizzico di buona volontà.

Prima o poi noi avremo la pace. Il giorno in cui arriverà la pace, sarà stata pagata a caro prezzo, al prezzo di tante vite umane che se ne sono andate via. E al prezzo di tanti animi distrutti e angosciati, pieni di odio e di vendetta l’uno contro l’altro”.
 

mercoledì 2 gennaio 2013

"Difendo il mio popolo e la verità sulla Siria": si alzano le voci fuori dal coro

 La dissoluzione dello Stato Siriano, continua a ripetere la deputata cristiana  Maria Saadeh, sarebbe un disastro per tutto il Medio Oriente e per le comunità religiose minoritarie che ci vivono.

Non ci sta Maria Saadeh a vedere la sua Siria dipinta come l’impero del male assoluto, non smette mai di impegnarsi di correre dove può per portare la sua parola di verità sulla situazione siriana.
Maria Saadeh: Si precipita a Beirut per incontrare la delegazione di Assadakah, una porta aperta verso l’Europa, una porta che non si vuole far aprire. Con la sua auto percorre la strada, per lei pericolosa, che congiunge Damasco a Beirut. Mostra tutto il coraggio di una donna che ha fatto della difesa del proprio Paese il suo modus vivendi. Fallita la sua missione e quella di due parlamentari siriani a Roma per incontrare le istituzioni italiane, a causa del diniego dei visti da parte del Ministro Terzi, ora il tentativo è quello di passare per Bruxelles. Non è facile, l’omologazione e la mistificazioni politica e mediatica sulla Siria sono fortissime, la campagna di menzogne continua a diffondersi per bocca dei politici e nei palinsesti televisivi. Non accettano nessun confronto in Occidente, vogliono sentire una sola voce, quella dei potenti, quella degli Stati Uniti, di Israele, del Qatar e della Turchia. Pur smentita nei fatti, la macchina del fango sul regime di Bashar al Assad non si ferma. Ora le armi chimiche! Una bufala clamorosa, dimostrata dai fatti e dalle testimonianze dei giornalisti, quelli ancora liberi, che in Siria ci vanno e raccontano. Quelli che non si capacitano del fatto che la verità possa essere mistificata in modo cosi palese. Quelli i cui servizi vanno in terza serata, mentre nei TG trasmettono i twitt dei terroristi. Maria Saadeh non smette di raccontare: “A Damasco non ci sono problemi, gli attacchi sono stati respinti all’esterno della città, certo cominciano a sentirsi gli effetti della guerra ed anche delle sanzioni, il popolo soffre, ma all’Occidente questo non interessa”.
Come al solito pragmatica e concreta, lei non ha mai difeso aprioristicamente il regime di Assad, anzi ha sempre contestato il predominio assoluto del partito Baath, tuttavia: “Una cosa è costruire un sistema democratico, altra è abbattere lo Stato. Lo Stato va difeso come principio assoluto, bisogna lavorare dall’interno per costruire regole democratiche, partecipazione e libertà. Non possiamo sprecare questa occasione”. “Il partito Baath per anni ha pervaso il tessuto sociale Siriano, si è sostituito allo Stato, ha creduto di poter fare le veci delle istituzioni, ha coltivato dentro di sé fenomeni di corruzione pesante, questo è tutto vero, ma per cambiare dobbiamo accettare la logica del pluripartitismo, proporre riforme interne, superare la supremazia del partito unico. Non possiamo accettare che questo accada con un intervento esterno, io difenderò fino alla fine il mio Paese, ed allo stesso tempo combatterò per ottenere le riforme”. Maria Saadeh, deputata eletta al Parlamento, manifesta tutta la sua forza di donna impegnata, quando racconta della sua Siria. “La Siria deve mantenere la sua laicità, non può cadere in mano agli integralisti sponsorizzati dal Qatar e dall’Arabia Saudita, la forza della Siria è il pluralismo religioso e l’integrazione fra i suoi componenti. La strategia occidentale è tesa ad indebolire il nostro Paese, prima di tutto perché nonostante la vicinanza geografica a Israele, ci siamo sempre schierati a favore del popolo palestinese, poi perché non accettiamo che si precluda il dialogo aperto con l’Iran, ed ancora per il nostro impegno di contrasto nei confronti delle interferenze esterne in Medio Oriente, inoltre gli interessi dell’industria bellica sono sempre in agguato e non potete immaginare quante armi sono state messe in campo dalle lobby americane in questa guerra. Una Siria debole e divisa fa più comodo all’Occidente e a Israele. I paesi del Golfo coltivano l’idea di dividere il nostro Paese, per realizzare dei piccoli emirati, cosi riducendo la sua forza”. Ecco il perché di tanta tenacia nel delegittimare l’attuale governo siriano”.Non si ferma mai Maria Saadeh, racconterebbe per ore la sua verità, il suo modo di vedere, la sua soluzione alla crisi siriana. Perché si parla di bombe, di armi, di conflitti, ma non si leva mai la voce di chi sostiene che la crisi siriana si può risolvere con il dialogo. Fra persone che vogliono confrontarsi e che hanno a cuore l’integrità statale e laica della Siria, gli altri sono solo i signori della guerra. Non ascoltare la voce di Maria Saadeh, non consentirle di portare in Occidente la propria parola è un grave errore, è come voler chiudere la porta di fronte alla verità, per alcuni è come mettere la testa sotto la sabbia per non vedere. Lei non si arrende e noi neppure nel farci interpreti delle sue parole ogni volta che c’è uno spiraglio di libertà che lo consente.
http://www.assadakah.it/dettaglio-attivita203/Maria-Saadeh-Difendo-il-mio-popolo-e-la-verita-sulla-Siria

L'Inviato Vaticano : la Nazione siriana ha il diritto di decidere il proprio destino



TEHERAN - L'ambasciatore del Vaticano in Libano Mons. Gabriele Caccia ha sottolineato che il popolo siriano è l'unico che ha il diritto di determinare il proprio destino, e ha accolto con favore il piano dell'Iran in sei punti per risolvere la crisi in Siria.

"La decisione finale sul destino politico della Siria deve essere fatta dal popolo di quel paese e attraverso un percorso democratico," ha detto Mons. Caccia in un incontro con il suo omologo iraniano Qazanfar Roknabadi a Beirut Lunedi.Ha descritto i colloqui e la soluzione politica come l'unico modo per risolvere la crisi in Siria, e ha sottolineato il ruolo costruttivo dell'Iran nella regione e il sostegno del Vaticano al piano in sei punti di Teheran per risolvere i problemi in Siria.Mons. Caccia ha anche sottolineato che l'aiuto finanziario e in armi offerto da alcuni Stati stranieri per i ribelli armati in Siria è inaccettabile.Lo ha detto dopo che l'esercito siriano ha annunciato Lunedi di avere sventato un attacco massiccio da parte di un gran numero di terroristi che cercavano di entrare in Siria attraverso il confine con la Giordania, e anche confiscate missili di fabbricazione israeliana e armi dei ribelli armati.L'esercito siriano ha confiscato ai terroristi missili anticarro e diversi apparecchi senza fili che sono stati fabbricati in Israele, secondo le notizie riportate sul sito Jahineh .L'esercito siriano ha impedito ai ribelli armati di attraversare il confine della Siria attraverso la vicina Giordania.Il giornale Washington Post, citando attivisti dell'opposizione e funzionari statunitensi e stranieri, ha riferito che i funzionari dell'amministrazione Obama hanno sottolineato che l'amministrazione ha ampliato i contatti con le forze di opposizione militari per fornire le nazioni del Golfo Persico con valutazioni di credibilità dei ribelli e comando e controllo delle infrastrutture.Secondo il rapporto, il materiale è stato accumulato a Damasco, a Idlib, vicino al confine turco, e in Zabadani al confine libanese.Attivisti dell'opposizione che qualche mese fa avevano detto che i ribelli erano a corto di munizioni hanno riferito a maggio che il flusso di armi - la maggior parte acquistati sul mercato nero nei paesi limitrofi o da elementi in passato appartenenti alle forze armate siriane - è notevolmente aumentato a seguito della decisione di Arabia Saudita, Qatar e altri stati del Golfo Persico di fornire milioni di dollari nel finanziamento, ogni mese.
http://english.farsnews.com/newstext.php?nn=9107132143



Addio alle archeologie siriane

Nel caos della guerra civile, il patrimonio archeologico siriano sta scomparendo pezzo dopo pezzo oltreconfine, favorendo così fortune personali o finanziando il conflitto. "E' molto simile a quanto accaduto in Iraq", ha detto al Financial Times un uomo coinvolto nel contrabbando delle opere d'arte.
Così si finanziano i ribelli siriani

 MADRE MARIE-AGNES  DENUNCIA: RIBELLI HANNO DECAPITATO UN CRISTIANO E DATO I PEZZI AI CANI

Si era appena sposato e sua moglie stava per partorire, ma questo non ha salvato Andrei Arbashe, un giovane cristiano, all'inizio di questo mese, da un destino orribile ...per mano di ribelli che combattono il regime del presidente Bashar al-Assad .
"Lo hanno decapitato, tagliato a pezzi e dato in pasto ai cani", ha detto Agnès-Mariam de la Croix, madre superiora del Monastero di San Giacomo il mutilato tra Damasco e Homs.
Dimenticate la narrativa consueta sulla primavera araba in merito a masse calpestate che affrontano le forze del male: il conflitto siriano sembra essere entrato in una fase più tenebrosa, in cui i ribelli stanno commettendo atrocità contro civili innocenti. Non è di buon auspicio per la pace.
Le persone che hanno fatto a pezzi Arbashe non sembra avessero bisogno di molto più di questo motivo: suo fratello era stato sentito lamentarsi che i ribelli si comportano come banditi ...
Conclude Madre Marie-Agnes : « Il sostegno dell’Occidente agli insorti islamisti è uno scandalo al mondo libero e democratico ».