Traduci

lunedì 24 dicembre 2012

...e pace in terra agli uomini di buona volontà! Chiamata alla riconciliazione dal Patriarca Gregorios

 
 

 Ave Maria in aramaico

 
 
 
Lettera di Sua Beatitudine Gregorios III, Patriarca di Antiochia e di tutto l'Oriente, di Alessandria e di Gerusalemme,

Per la festa della Natività di nostro Signore Gesù Cristo, Dio e Salvatore, 2012



 
Natale: chiamata alla riconciliazione
La Natività di nostro Signore Gesù Cristo, ritorna ancora una volta, in un clima di terrore, guerra, morte, abbandono delle case, emigrazione e  distruzione. Nonostante ciò, siamo determinati a cantare l'inno degli angeli nella notte di Natale , che ci chiama a glorificare il Creatore di tutti noi Dio: "pace sulla terra e buona volontà e gioia per tutti".
L’inno degli angeli nella notte di Natale è l'inno della riconciliazione tra Dio e gli uomini e le donne. La riconciliazione è il progetto di Dio per i suoi figli sulla terra. Nella notte di Natale, gli angeli hanno cantato questo inno, proclamando il contenuto del Vangelo: "Gloria a Dio nell'alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà." (Lc 2, 14)
Questo inno contiene davvero le espressioni di base del messaggio di Gesù Cristo, è un Vangelo in breve - una sintesi utile che rivela a chiunque voglia meditare su di esso dimensioni splendide, vasti orizzonti, visioni e spazi di luce e di bellezza, che ci permette di sperare una società più giusta, fraterna, solidale, un futuro comunicativo per l'umanità, aprendo la strada per la convivenza, il dialogo, il rispetto, l'accettazione degli altri e della loro dignità; alla carità.
Questo è il vero futuro dell'umanità, in cui Dio stesso è la grande buona novella per tutte le persone, nella molteplicità delle loro tendenze, le denominazioni, i partiti e paesi. Tutti sono figli e figlie di Dio, amico degli uomini, che è venuto sulla terra e si è fatto carne ed è nato nel tempo, in un punto particolare della storia e della geografia, in una piccola grotta nella piccola città di Betlemme, perché Egli ha tanto amato il mondo affinchè tutti i figli e le figlie della terra abbiano la vita e possano averla in abbondanza. (Gv 10, 10) Questa è la festa della Natività, la nascita del Vangelo. Questo è il Natale, la nascita del Vangelo! E' un invito per la riconciliazione, come l'apostolo Paolo dice: "[Cristo] è la nostra pace, colui che ha fatto dei due uno, e ha abbattuto il muro di separazione tra noi, avendo abolito nella sua carne l'inimicizia ..." (Efesini 2 : 14), e quindi dandoci il ministero della riconciliazione.
 
Visita di Sua Santità  in Libano: chiamata alla riconciliazione
I discorsi del Papa durante la sua visita in Libano (14-16 settembre 2012) ed i discorsi e gli atteggiamenti dei leader civili e religiosi hanno allo stesso modo confermato e considerato valori, valori di fede, libanesi, arabi, cristiani, musulmani e semplicemente universali evangelici valori umani. Questi valori possono comporre gli elementi di una carta spirituale per una vera e propria Primavera Araba, proclamando la salvezza al culmine delle crisi, guerre, rivolte, difficoltà, morti,  distruzione,  sentimenti di inimicizia,  vendetta ed egoismo che riempiono il nostro mondo arabo di sangue e diffondono davanti ai nostri occhi una nube di tristezza, sofferenza e dolore per milioni di nostri figli di diverse religioni e confessioni nei nostri paesi Arabi. Ciò rappresenta un pericolo reale per i nostri paesi, che sono giustamente chiamati la culla delle religioni e delle culture e persino la regione descritta nella Bibbia come il luogo del Paradiso dove Adamo ed Eva vivevano prima della loro trasgressione ed espulsione. Questo pericolo è in realtà la principale causa dell'emigrazione cristiana nell’ attuale tragico stato delle cose che minaccia la loro presenza e la convivenza musulmano-cristiana.
Sua Santità ha espresso il suo dolore per la situazione nella "regione che sembra sopportare dolori interminabili ... Perché la loro vita è così travagliata? Dio ha scelto queste terre, credo, per essere un esempio, per testimoniare di fronte al mondo che ogni uomo e ogni donna ha la possibilità di realizzare concretamente il suo desiderio di pace e di riconciliazione! "
Il Santo Padre ci ha ricordato i valori fondamentali del Vangelo: "Unità, d'altra parte, non è la stesso che uniformità ... [ma] il rispetto della dignità di ogni persona e la partecipazione responsabile di tutti ... L'energia necessaria per costruire e consolidare la pace esige pure che noi torniamo continuamente alle sorgenti della nostra umanità. ... Il nostro primo compito è quello di educare alla pace, al fine di costruire una cultura di pace ... la coesione sociale richiede il rispetto senza riserve per la dignità di ogni persona e la partecipazione responsabile di tutti nel contribuire al meglio dei loro talenti e capacità. ... L'efficacia del nostro impegno per la pace dipende dalla nostra comprensione della vita umana. Se vogliamo la pace, dobbiamo difendere la vita! Questo approccio ci porta a rifiutare non solo la guerra e il terrorismo, ma ogni attacco alla vita umana innocente, agli uomini e alle donne come creature volute da Dio ".
 
La via della riconciliazione è la via del Vangelo, l'ancora di salvezza
Vorrei rivolgermi ai miei concittadini nel mondo arabo, in particolare ai veri rivoluzionari, per dire loro che le loro giuste richieste sono anche dei cristiani, che le esprimono in maniera non violenta.
Non vogliamo essere manipolati da nessuno; nessuno ha il diritto di speculare su di noi, richiuderci in una fazione, armarci , o indurci ad adottare questo o quell’ atteggiamento. Noi siamo per richieste di riconciliazione e giustizia.  La logica del Vangelo, il metodo, i principi di comportamento, di spiritualità e di cultura, il pensiero evangelico di Gesù ispira la Chiesa in tutti i suoi atteggiamenti ed azioni.

Ho preso questo come punto di partenza nella mia condotta e ho intrapreso diverse iniziative per vivere il Vangelo nelle difficili condizioni che la regione sta vivendo. Ho fatto un tour europeo, visitando le capitali, ha partecipato a congressi, ha dato interviste, ha incontrato gli statisti arabi e non arabi cristiani e altri provenienti da vari paesi, anche alcuni che non condividevano il mio punto di vista.
Alla fine di tutto ciò, ho concluso che l'unico vero modo per uscire dalla crisi attuale del mondo arabo - in particolare in Siria, Libano, Egitto, Giordania, Palestina e così via - è la riconciliazione. Il 30 agosto 2012, avevo pubblicato un articolo intitolato "Per la Siria, la riconciliazione è l'unica possibilità di salvezza," e si è diffuso in tutto il mondo, presso cattolici e altri cristiani, i capi di stato arabi e gli altri,  istituzioni non governative (ONG ), parlamentari,  celebrità varie e così via.
In questo articolo ho descritto come la missione della Chiesa, fondata sul Vangelo, è un ministero di servizio della riconciliazione.
 


L'importanza della Riconciliazione
Ecco la mia analisi dell'importanza della Riconciliazione in tutti i settori. Comunque la situazione in Siria si sviluppi, la riconciliazione è l'unica ancora di salvezza, oggi e domani.
La riconciliazione evita parzialità verso alcun gruppo particolare.
La riconciliazione fa un appello che è altrettanto equilibrato per tutti i gruppi.
La riconciliazione è importante per curare le ferite, superando inimicizia e odio e per costruire ponti di dialogo sociale, religioso e politico.
La riconciliazione è importante per la ricostruzione di pietre e di carne, per la comunione, per riconquistare la normalità della vita, sostenere i poveri, i rifugiati e tutti quelli colpiti dalla catastrofe.
La riconciliazione è importante per la ripresa del dialogo tra le comunità, l'accettazione degli altri e il rispetto reciproco.
La riconciliazione è importante per riportare l'amore in ogni casa, città, paese, partito e persona.
La riconciliazione è importante come una missione globale. Siamo tutti chiamati a prendervi parte, a livello locale, nella regione Araba e nel mondo.
La riconciliazione è la via per il futuro di tutta la regione e non solo per la Siria. Questo si può dire della realtà intra-Araba, Arabo-Europea, Arabo-(Israele) Ebrea  e Cristiano –Musulmana, per la riconciliazione in tutto il mondo.
La riconciliazione è l'essenza del Vangelo e il contenuto di tutte le dottrine cristiane: Trinità, Incarnazione e  Redenzione.
La riconciliazione ha quindi una dimensione globale. Non è solo legata alla crisi siriana o di altri nella regione. Il futuro dell'umanità è in gioco. Come ci dice il Vangelo, Gesù è morto per "riunire in uno i figli di Dio che erano dispersi." (Giovanni 11: 52)
(...)
 
Invito alla preghiera
Al termine di questa lettera, alzo le mie mani in preghiera fervente perchè le luci di Natale possano dissipare le nubi nere che coprono il cielo dei nostri paesi.
Prego Gesù Bambino per tutti coloro che sono caduti vittime della situazione attuale, in particolare tutti i nostri parrocchiani e parenti! Che Dio elargisca su di loro la sua abbondante compassione e amore!
 Prego specialmente per i terrorizzati, i rifugiati, gli sfollati, orfani, vedove, malati, gli  immiseriti e i dubbiosi, che Dio possa dare loro speranza, forza e coraggio! Lo chiedo a lui soprattutto per i miei concittadini siriani, nella Siria ferita  e nei paesi legati ad essa, in particolare il nostro caro Libano, vacillante, diviso, lacerato dall'interno e dall'esterno. Anche la Giordania è esposta a gravi pericoli. La Palestina è stata martirizzata per 64 anni, martire per le sue divisioni interne e le divisioni del mondo Arabo e del mondo intero, dove il diritto internazionale non conta per niente; e per Israele, che non sa che la sua salvezza è nel mondo arabo e non altrove .

Chiediamo che preghiere speciali siano innalzate nelle nostre chiese in tutto il mondo per la pace e la riconciliazione. Pregando per la pace in Medio Oriente, noi preghiamo per la pace e la sicurezza di tutto il mondo, perché siamo sicuri che la pace in Medio Oriente e la promozione della giustizia e della legalità, in particolare per quanto riguarda il conflitto israelo-palestinese, sono fattori per la pace per il mondo intero e risolveranno molti dei problemi del Medio Oriente. Abbiamo sottolineato tutto questo  nel nostro discorso al Santo Padre, Benedetto XVI, durante la sua visita in Libano nel mese di settembre 2012.


Palestina: uno Stato

Dio ha ascoltato le nostre preghiere: la comunità internazionale ha ascoltato il nostro appello e l'appello del popolo palestinese e ha votato a favore per dare allo Stato palestinese lo status di osservatore non membro  alle Nazioni Unite, il 29 novembre  giornata internazionale di solidarietà con il popolo palestinese. E' stata una giornata storica, e ci auguriamo che questo passo da parte della comunità internazionale possa essere un passo verso una coraggiosa, duratura  pace nella regione e nel mondo.
 
Appello al mondo
Ancora una volta, chiediamo la cessazione delle armi e del ciclo della violenza. Salvate gli esseri umani dalla distruzione e dall’omicidio.
Basta con le armi! Basta con la guerra! Basta con la violenza, l'uccisione reciproca, le divisioni e ostilità! Fate largo alla riconciliazione.

"Non temere, piccolo gregge" (Lc 12, 32)

Una forte parola di questo Vangelo, ripetuta addirittura 365 volte nella Bibbia, il numero dei giorni nell'anno, ci è rivolta : "Non temere, piccolo gregge." Gesù ci dà così di giorno in giorno una dose del Vangelo, il nostro pane quotidiano, perché non abbiamo paura.

Il piccolo gregge è stato il tema principale del mio intervento (l'11 ottobre, 2012) nel Sinodo Romano. Ho sottolineato il fatto che Gesù ha dato al piccolo gregge un ruolo importante per il bene del gregge grande, in modo che il significato della presenza, il ruolo, e la missione di questo piccolo gregge nel mondo arabo, dove Gesù e il cristianesimo sono nati, sia in atto con e per il gregge grande, e porti l'annuncio più bello che la terra abbia mai sentito, e che gli angeli hanno annunciato nella notte di Natale. "Vi annunzio una grande gioia! ... A voi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore "(Luca 2, 10-11). Gesù è nato per noi! Il Vangelo è nato!
Non temere, piccolo gregge! Vivi con coraggio, la forza, la gioia, l'entusiasmo, l'ottimismo, la visione, la luce nel buio di questi giorni.
Siate portatori della chiamata del Vangelo di Gesù rivolta a voi "Siate luce, siate sale, siate lievito."

Insieme, cantiamo nelle nostre chiese, cappelle, monasteri, istituzioni, riunioni, incontri e case, "Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace, buona volontà verso l’uomo" (Lc 2, 14)

Buona Festa! Felice Anno Nuovo!
+ Gregorios III, Patriarca di Antiochia e di tutto l'Oriente, di Alessandria e di Gerusalemme
Estratto tradotto da FMG, testo completo:
http://www.pgc-lb.org/eng/gregorios/view/Christmas-Letter-2012

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie