Traduci

venerdì 2 marzo 2012

Il Consiglio di sicurezza interviene sulla crisi siriana

Dall' Osservatore Romano del 3 marzo 2012

Chiesto l’accesso alle zone dei combattimenti

DAMASCO, 2. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha espresso disappunto per il fatto che non sia stato ancora concesso alla responsabile degli aiuti umanitari dell’Onu, Valérie Amos, l’accesso in Siria, e ha pertanto sollecitato le autorità di Damasco a provvedere. «I membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite richiedono alle autorità di Damasco che l’accesso di Amos sul territorio siriano venga concesso immediatamente e senza ostacoli» si legge nella dichiarazione del Consiglio.

I Quindici deplorano il rapido deterioramento della situazione umanitaria, in particolare il numero crescente di civili coinvolti, la carenza di cibo e di servizi sanitari disponibili, soprattutto nelle zone maggiormente interessate dagli scontri, come Homs, Hama, Deraa e Idlib. I Quindici richiedono inoltre l’accesso immediato, pieno e libero degli operatori umanitari, per garantire assistenza alla popolazione, e invitano il Governo siriano a collaborare pienamente con l’Onu e le altre organizzazioni umanitarie per consentire l’evacuazione dei feriti provenienti dalle zone colpite.

Intanto, oggi l’Ue ha annunciato che preparerà «ulteriori misure restrittive mirate contro il regime» siriano. La politica delle sanzioni proseguirà «fino a quando continueranno le violenze e gli abusi dei diritti umani» assicurano i Ventisette. Il premier britannico, Cameron, ha dichiarato che il Governo siriano «deve rispondere di crimini contro l’umanità perché responsabile della repressione nel Paese». La cosa fondamentale è «riunire gli elementi di prova e avere un’immagine della situazione in maniera che questo regime criminale risponda dei suoi atti».

Il ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi di Sant’Agata, ha dichiarato che «la priorità in Siria è quella di portare aiuti a una popolazione che soffre».

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie