Traduci

martedì 28 gennaio 2014

Liberare gli ostaggi, salvare la Siria!

Appello comune alla Conferenza internazionale di Ginevra II sulla Siria da Sua Beatitudine il Patriarca Giovanni X di Antiochia e di tutto l'Oriente e da Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia



Il 26 gennaio 2014, Sua Beatitudine il Patriarca Giovanni X di Antiochia e di tutto l'Oriente e Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia hanno  fatto una dichiarazione congiunta indirizzata ai partecipanti alla Conferenza Internazionale di Ginevra II sulla Siria. I partecipanti alla Conferenza sono i rappresentanti delle parti in conflitto e la comunità mondiale . Il testo della dichiarazione è riportata qui sotto .

Noi Primati delle Chiese ortodosse fraterne , la Chiesa di Antiochia e la Chiesa russa , ci siamo incontrati a Mosca per portare ancora una volta testimonianza dell'amore in Cristo, amore che le nostre Chiese hanno conservato intatto attraverso i secoli e che si rivolge a tutte le persone , indipendentemente dalle loro nazionalità , religione o opinioni politiche .

Oggi le nostre comuni preghiere vanno al popolo siriano a lungo sofferente sottoposto a prove senza precedenti . La  terra , in cui musulmani e cristiani hanno convissuto per secoli , è stata riempita dalle lacrime di coloro che lamentano la morte dei loro parenti e amici e che sono stati portati lontano dalle loro case . La calamità che è piombata su una terra precedentemente pacifica non risparmia né i vecchi né i bambini , né musulmani né cristiani . Nessun cuore può rimanere indifferente alla tragedia orribile in Siria .

In questi giorni , la Svizzera ospita una conferenza internazionale che ha riunito i rappresentanti al tavolo negoziale delle parti in conflitto e la world community .  Rivolgiamo il nostro ardente appello ai partecipanti alla riunione , chiedendo loro di esercitare ogni sforzo possibile per porre fine allo spargimento di sangue e riportare la pace nel benedetto paese siriano.

Chiediamo ai partecipanti alla Conferenza internazionale di Ginevra II Siria di opporsi a qualsiasi manifestazione di estremismo per porre fine alla intolleranza e alla politica degli ultimatum . E ' solo il dialogo fraterno e libero all'interno della società siriana che può aprire la strada a una soluzione pacifica .



Ancora una volta , facciamo appello per l'immediato rilascio dei Cristiani che sono stati presi in ostaggio nel conflitto armato .
 I Metropoliti Paolo e Youhanna Ibrahim , gerarchi cristiani di Aleppo , sono  tenuti prigionieri da molti mesi . 
Da oltre un mese , le suore del Convento di S. Tecla nell'antica Maaloula sono pure tenute in ostaggio .
 Facciamo appello a tutte le parti di mostrare umanità e misericordia come prova della loro intenzione di seguire la via del ristabilire pace e  prosperità in Siria .

L’entità  del disastro spinge noi , Primati delle due Chiese ortodosse , all’appello a tutte le persone di buona volontà e a chiedere loro di aiutare coloro che soffrono nei campi profughi o di fronte alla miseria dopo aver perso le loro case e mezzi di sussistenza .

E ' necessario fermare la distruzione di inestimabili siti culturali e religiosi del patrimonio di cui la terra siriana è così ricca.  La loro distruzione è un crimine contro le generazioni future .

Noi crediamo che il Misericordioso Signore mostrerà la sua misericordia al popolo della Siria e rafforzerà e benedirà coloro che si sforzano di riportare la pace e la prosperità in questa terra antica e santa .


IL PATRIMONIO DELLA SIRIA IN ROVINA: FOTO DI UNA CATASTROFE 



   -READ:   http://www.theguardian.com/world/2014/jan/26/syria-heritage-in-ruins-before-and-after-pictures

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.