Traduci

venerdì 6 settembre 2013

Adonis , il calcolo dei cinici e i cristiani di Maloula che scrivono al Congresso


Impossibile negare l’orrore dinanzi a quelle immagini strazianti di corpi ammucchiati: donne, uomini e bambini uccisi silenziosamente dai gas. Come sempre davanti a ogni morte violenta, a ogni strage, vi è un moto di ribellione e un senso di impotenza. Ma la realtà della politica internazionale è molto più cinica e complicata dei sentimenti immediati; l’orrore per la strage chimica nei pressi di Damasco – sulla quale ancora non si sono pronunciati gli ispettori dell’Onu – fa velo a considerazioni più prosaiche e meno nobili.

Perché la sorte dei milioni di civili e dei profughi intrappolati fra le opposte violenze sembra meno rilevante nelle cancellerie internazionali rispetto alla vera posta in gioco: che non è solo l’abbattimento o la difesa di Assad, ma la frantumazione dell’asse geopolitico iraniano e l’indebolimento dell’arco sciita, cresciuto come visibilità e potere negli ultimi decenni. Questo è l’obiettivo in Siria dei Paesi a maggioranza sunnita, in particolare quelli del Golfo: isolare l’Iran, evitare la stabilizzazione dell’Iraq a guida sciita, far crollare il principale alleato di Teheran, ossia la Siria, e indebolire la libanese Hezbollah. Da parte iraniana, vi è la volontà di resistere all’attacco, incuneandosi fra le divisioni politiche dei sunniti, indeboliti dal disastro della transizione politica post primavera araba.

È uno scontro sistemico che prescinde dalla realtà del singolo Paese e che rischia di durare molto a lungo, trascinando nel gorgo dell’instabilità tutto l’assetto del Medio Oriente post-1918. Come avvenuto per le guerre di religione europee, alla fine del conflitto geopolitico fra sciismo e sunnismo, l’intero panorama politico regionale potrà mutare fortemente.

Non vi è molto che la comunità internazionale possa fare per bloccare questa deriva di polarizzazione interna all’islam. E molto poco possono fare anche gli Stati Uniti, la cui perdita di prestigio e di influenza nella regione è avvenuta con una rapidità impressionante. Ma certamente, un attacco limitato e abborracciato come quello che si propone Washington non porterà alcun miglioramento. Il sospetto è che ci si stia orientando a "tirare un colpo" contro la forza militare di Assad perché le cose sul campo non vanno affatto bene per gli insorti. Dopo due anni di guerra civile, infatti, il regime bathista di Damasco non solo non è crollato, ma ha ripreso l’iniziativa militare.

Un attacco contro le sue basi aeree servirebbe a "ribilanciare le forze sul terreno". E, con tutta probabilità, a rendere ancora più devastante e brutale il conflitto. Del resto, diversi analisti americani e israeliani lo hanno detto senza giri di parole che nascondessero il loro feroce cinismo: più a lungo in Siria si scontrano senza prevalere Assad, l’Iran e Hezbollah, da una parte, e i fanatici islamisti e qaedisti, dall’altra, tanto meglio sarà per noi. Certo, non meglio per la popolazione siriana, né per quella libanese – il cui fragile Stato rischia sempre più di essere trascinato nel gorgo del conflitto – o per tutti gli abitanti della regione, seduti sull’orlo del vulcano.

Ma il preannunciato bombardamento franco-statunitense rischia di fare un’altra "vittima collaterale": la speranza di una ripresa dei negoziati sul nucleare con l’Iran. Il neo-presidente Rohani si sta muovendo con prudenza per superare i tanti ostacoli interni che impediscono un compromesso con l’Occidente sul programma atomico. Sono già partiti i segnali sotto traccia di questa disponibilità; ma un bombardamento Usa della Siria spazzerebbe via ogni canale di dialogo. E forse, a qualcuno, interessa soprattutto questo.
Dinanzi a questo scenario, allora, l’unica via sensata e possibile è quella di una ripresa dell’iniziativa politica internazionale. E l’avvio di negoziati sulla Siria che includano tutti gli attori. Senza preclusioni. Ciò aiuterebbe molto di più la popolazione siriana di quanto non possano fare i missili "intelligenti" – ma privi di ogni credibile strategia politica – che Washington promette di lanciare.

http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/siria-il-calcolo-dei-cinici.aspx


Lettera degli abitanti di Maloula: «I terroristi esigono che ci convertiamo all’Islam»

Gli abitanti di Maloula, villaggio a prevalenza cristiano conquistato ieri dalle forze ribelli, scrivono al Congresso Usa: «Quello che attende i cristiani delle nostre città nelle mani di terroristi come al-Nusra è terrificante»



TEMPI, 6 settembre 2013




Signore e signori,

permetteteci di farvi sapere quanto avvenuto oggi nella nostra città di Maloula, prima di ricordarvi dell’importanza di questa città. Alle quattro del mattino, ora di Damasco, i gruppi armati del cosiddetto “Esercito siriano libero”, i terroristi di Jabhat al-Nusra e gli assassini dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante hanno attaccato la nostra città, pacificamente situata nella provincia di Qalamoun. Poi hanno saccheggiato monasteri, chiese, trafugando le loro icone storiche, prima di esigere da tutti gli abitanti di convertirsi all’islam.

Sì, ecco cosa è successo all’alba di questo giorno nella nostra piccola città di Maloula. I gruppi armati si sono diffusi dappertutto, esponendo tutta la loro artiglieria in piazza dopo aver bloccato tutti gli accessi ai luoghi santi.


Questi atti criminali, questi saccheggi sistematici delle città cristiane, questo terrorismo che colpisce gli abitanti fa parte di un piano globale che ha lo scopo di cacciare i cristiani dalle loro terre d’origine. Ecco cosa stiamo vivendo ora che lo Stato è ancora forte. Cosa succederà quando non sarà più così, una volta che l’esercito degli Stati Uniti ci avrà bombardato?

Quello che attende i cristiani delle nostre città e villaggi, nelle mani di organizzazioni terroriste come Jabhat al-Nusra, è semplicemente terrificante. Possiamo forse sperare che tutte le terribili aggressioni subite dai monasteri e dalle chiese dalla cristianità – come a Ghassanieh, a San Simeone, a Homs – finiranno per risvegliare la coscienza del mondo perché riconosca il crimine terrorista commesso ai danni della Siria?
Noi non elencheremo neanche i massacri perpetrati in tutte le città e i villaggi dove abitano quelle che voi chiamate “minoranze”, perché li conoscete già nei dettagli!
Signore e signori, permettete che vi ricordiamo la storia di Maloula, che risale a migliaia di anni fa: all’epoca armena, quando dipendeva dal regno di Homs, all’epoca romana, quando si chiamava Celeokoboles, all’epoca bizantina, quando a partire dal IV secolo è diventata il centro di un episcopato di prima importanza durato fino al XVII secolo.
Permetteteci di parlarvi del Monastero di San Sergio , costruito nel VI secolo d.C. secondo la semplice architettura dell’epoca dei primi martiri. San Sergio era uno dei cavalieri di origine siriana giustiziato sotto il regno di re Maximanus nell’anno 297 d.C. Questo è una monastero che è rimasto intatto fino ad oggi!

Permetteteci di parlarvi del Monastero di Santa Tecla, dove sono conservati i resti della santa, figlia di un principe seleucide e cresciuta da san Paolo. Un luogo ben visibile da tutta la piccola città e dove l’acqua sarà per sempre “acqua benedetta”. Un luogo sorto davanti alla caverna dove lei si è rifugiata dopo essere sfuggita alla persecuzione dei romani. Un luogo che da allora è rimasto un simbolo della spiritualità e una testimonianza della vita dei santi. Qui i religiosi si prendono anche cura di tutti i pellegrini che vengono da ogni parte del mondo. Da lì si possono contemplare i rifugi rudimentali dove i primi cristiani hanno digiunato, meditato e pregato. Questo a riprova che Maloula è una città monastica dove si prega Dio il giorno come la notte.
Tutto questo è Maloula. Un luogo celebre meta di pellegrinaggi, dove una spaccatura nella montagna si riempie e si svuota dell’acqua in funzione delle stagioni, e dove i pellegrini sono venuti a cercare la benedizione, la guarigione e la purezza fin dalla notte dei tempi.

Gli abitanti di Maloula


http://www.tempi.it/siria-lettera-maloula-terroristi-islam
testo originale : Al-tayyar



Rinnoviamo l’invito a firmare l’appello per fermare l’intervento.




giovedì 5 settembre 2013

"E' molto difficile accettare che un Paese che si considera cristiano in una situazione di conflitto non possa concepire altro che l'azione militare"

  "Credo che l'intervento militare che si sta preparando costituisca un abuso di potere"

Intervista al Padre Generale della Compagnia di Gesù, Adolfo Nicolás, sulla drammatica situazione in Siria, le prospettive di un intervento straniero e la promozione della pace. 


Il Santo Padre ha lanciato un appello fuori del comune a favore della pace in Siria. Qual è la sua opinione in proposito?  Non ho l'abitudine di fare commenti su questioni di carattere internazionale o politico. Ma in questo caso siamo di fronte a una situazione umanitaria che va oltre i limiti che normalmente mi farebbero restare in silenzio. Devo ammettere che non capisco che diritto abbiano gli Stati Uniti o la Francia ad agire contro un Paese in un modo che senza dubbio aumenterà le sofferenze di una popolazione che ha già sofferto abbastanza. La violenza o le azioni violente, come quella che si sta preparando, sono giustificabili unicamente come ultimo tentativo e in modo tale che solamente i colpevoli ne subiscano il danno. Nel caso di un Paese ciò è chiaramente impossibile e quindi mi sembra completamente inaccettabile. Noi gesuiti appoggiamo al 100% l'azione del Santo Padre e ci auguriamo con tutto il cuore che l'annunciato attacco contro la Siria non abbia luogo.

Ma il mondo non ha la responsabilità di fare qualcosa contro chi abusa del potere contro il suo stesso popolo, come nel caso di un governo che in un conflitto usa armi chimiche? Qui si tratta di tre diversi aspetti, che conviene separare con chiarezza. Il primo ha a che fare con il fatto che ogni abuso di potere deve essere condannato e rifiutato. E, con tutto il rispetto per il popolo degli Stati Uniti, credo che l'intervento militare che si sta preparando costituisca un abuso di potere. Gli Stati Uniti d'America devono smettere di comportarsi e reagire come il fratello maggiore del quartiere del mondo.  Questo porta inevitabilmente all'abuso, molestia e bullismo sui membri più deboli della comunità.
Il secondo è che se c'è stato l'uso di armi chimiche abbiamo comunque l'obbligo di mostrare chiaramente al mondo intero che un gruppo del conflitto e non l'altro le ha usate. Non è sufficiente che qualche membro del governo del Paese che intende intervenire emetta un verdetto di colpevolezza. Bisogna che dimostrino al mondo che è così, senza dubbi, affinché il mondo possa fidarsi di loro.  Questa fiducia oggi non c'è e sono già iniziate le speculazioni su altri motivi degli Stati Uniti per il previsto intervento.
E il terzo è che i mezzi considerati adeguati per punire l'abuso non danneggino le stesse vittime del primo abuso, una volta dimostrato che esso sia avvenuto. L'esperienza passata ci insegna che questo è praticamente impossibile (anche se chiamiamo le vittime con l'eufemismo di "danno collaterale") e il risultato è l'aumento delle sofferenze per il popolo innocente e estraneo al conflitto.  Tutti sappiamo che la grande preoccupazione dei Saggi e dei Fondatori Religiosi di tutte le tradizioni e culture era "come ridurre la sofferenza umana"? E' molto preoccupante che in nome della giustizia si pianifichi un attacco che aumenterà la sofferenza delle vittime.

Non è troppo duro con gli Stati Uniti? Non credo. Non ho mai avuto pregiudizi verso questo grande Paese e attualmente lavoro con alcuni gesuiti statunitensi la cui opinione e collaborazione tengo in grande considerazione. Mai ho avuto sentimenti negativi verso gli Stati Uniti, un Paese che ammiro molto per diversi motivi, tra cui l'impegno, la spiritualità e il pensiero. Ciò che più mi preoccupa è che proprio questo Paese, che io ammiro sinceramente, sta sul punto di commettere un grande errore. E potrei dire lo stesso della Francia: un Paese che è stato un vero leader in spirito, intelligenza, che ha contribuito notevolmente alla civilizzazione e alla cultura e che ora è tentato di condurre di nuovo l'umanità verso la barbarie, in aperta contraddizione con tutto quello che esso ha significato per molte generazioni. Che questi due Paesi si uniscano adesso per una decisione così oltraggiosa che suscita la rabbia di tanti Paesi nel mondo.  Non abbiamo paura dell'attacco, ci spaventa la barbarie verso cui siamo condotti.

Perché parlare così adesso? Perché il pericolo è adesso.  Perché il Santo Padre sta prendendo provvedimenti straordinari per renderci consapevoli dell'urgenza del momento.  L'aver dichiarato il sette settembre giorno di digiuno per la pace in Siria è una misura straordinaria e noi vogliamo unirci a lui.  Possiamo ricordare che in un passaggio del Vangelo quando i discepoli non riescono a liberare un giovane da uno spirito malvagio, Gesù gli dice: "Questa specie di spirito si può cacciare solo con la preghiera e il digiuno". Per me è molto difficile accettare che un Paese che si considera, almeno nominalmente, cristiano in una situazione di conflitto non possa concepire altro che l'azione militare e con essa portare il mondo nuovamente alla legge della giungla.

Gregorio III : un attacco e per noi sarà la fine


da Il Sussidiario - 3 settembre '13
INT. di Pietro Vernizzi

“Ma più la guerra! Mai più la guerra!”. Ha esordito così ieri mattina il Papa Francesco sul suo account di Twitter, mentre monsignor Mario Toso, responsabile del dicastero Giustizia e Pace del Vaticano, sottolineava: “La via di soluzione dei problemi della Siria non può essere l’intervento armato. La violenza non ne verrebbe diminuita. C’è, anzi, il rischio che deflagri e si estenda ad altri Paesi. Il conflitto in Siria contiene tutti gli ingredienti per esplodere in una guerra di dimensioni mondiali”. Un appello che non ha per ora trovato ascolto Oltralpe, dove il premier francese Jean-Marc Ayrault ha annunciato che presenterà in Parlamento i documenti riservati dei servizi segreti che dimostrerebbero le responsabilità di Assad nell’utilizzo delle armi chimiche contro i civili. Ma per il patriarca cattolico di Antiochia con sede a Damasco, Gregorio III Laham, “da due anni e mezzo la Siria sta attraversando una tragedia umanitaria senza fine: quasi 100mila vittime, 2 milioni di bambini senza una casa, 450mila cristiani in fuga, 8 milioni di rifugiati. Il Paese è già un inferno e un intervento occidentale peggiorerà ulteriormente la situazione”.

Che cosa ne pensa dell’opzione militare verso cui starebbe propendendo Barack Obama?
Sono del tutto contrario, così come mi oppongo a qualsiasi violenza, a qualsiasi utilizzo delle armi e a qualsiasi conflitto. Non posso che unirmi all’appello del Santo Padre, che ha ribadito: “Mai più guerra”. L’Europa si adoperi per risolvere i problemi della Palestina, anziché creare ancora più scompiglio in Siria. Noi siriani siamo già vittime e il Paese è già un inferno, senza bisogno di un intervento che peggiorerebbe ancora la situazione.

Che cosa accadrà quindi se Obama metterà in atto i suoi piani?
Ci saranno ancora più vittime e avremo una guerra regionale che coinvolgerà anche il Libano, dove si contano già milioni di rifugiati siriani. Per non parlare dell’eccidio dei cristiani arabi, cui oggi ad Amman sarà dedicato un congresso con il Re di Giordania, Abdallah II. Anche in Iraq di recente si sono verificati diversi attentati, insomma l’intero Medio Oriente è in fiamme e si è trasformato in un inferno.

Obama ha dichiarato che intende intervenire per mettere fine alle uccisioni di civili
Obama può rimanere a casa sua. La Siria è uno Stato indipendente, non siamo i vassalli dell’America. Se l’Occidente e gli altri Paesi stranieri smetteranno di interferire con le nostre questioni interne, la situazione tornerà a migliorare. In Siria cristiani e musulmani, sciiti e sunniti, sono vissuti insieme in modo pacifico per oltre 1.400 anni.

Oggi però quella convivenza pacifica sembra un sogno lontano…
Il motivo è che ogni giorno Regno Unito, Francia e Belgio finanziano le bande armate che scorrazzano nel nostro Paese, mentre basterebbe che le potenze straniere smettessero di dividere il popolo siriano. Il vero problema sono i finanziamenti che non finiscono alle opposizioni politiche, ma ai banditi e ai criminali del mondo intero che sono venuti in Siria per fare la guerra.

Se la guerra non è la soluzione, quale via d’uscita vede per il conflitto siriano?
Il mondo intero organizzi una grande campagna per preparare la Conferenza di Ginevra II, in modo da trovare insieme una soluzione che si basi su pace, riconciliazione e dialogo. Il Santo Padre ha sottolineato chiaramente che è questa l’unica strada da seguire. La Conferenza era prevista per lo scorso giugno, ma è stata rimandata di mese in mese. Il mondo gioca con la Siria mentre qui si continua a morire.

La Conferenza di Ginevra II non si è tenuta perché Assad sta vincendo la guerra, e quindi non ha voluto sedersi al tavolo delle trattative …
Non è vero. Il governo siriano è pronto in ogni momento a dialogare e a partecipare alla Conferenza di Ginevra. Il motivo per cui i colloqui non si sono tenuti è che manca un’opposizione unita e con un programma chiaro. Le bande armate hanno preso il sopravvento su qualsiasi altra forma di dissenso, e firmare un accordo di pace con Al Qaeda sarebbe impossibile per qualsiasi governo.

Il Papa ha indetto una giornata di digiuno per sabato 7 settembre. Come valuta questa iniziativa?
Si tratta di un’iniziativa magnifica. Il mio Patriarcato sta preparando una lettera per i fedeli greco-cattolici di tutto il mondo per chiedere loro di partecipare alla preghiera e al digiuno indetti dal Papa. Tutte le Chiese siriane sono chiamate a unire i loro sforzi e ad accogliere i fedeli dalle 19 alla mezzanotte, consentendo loro di pregare e di cantare per la pace.

http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2013/9/3/SIRIA-Gregorio-III-patriarca-cattolico-un-attacco-e-per-noi-sara-la-fine/423896/


Mgr Grégoire III : Stoppez les livraisons d’armes en Syrie !

Le patriarche Grégoire III Laham d’Antioche, primat de l’Eglise melkite catholique de Syrie fustige toutes les nations qui livrent des armes à son pays. Il confie dans un communiqué adressé à l’AED que, selon lui, les conséquences de ces livraisons d’équipements militaires sont « largement plus dangereuses » que la mise en œuvre d’armes chimiques.
http://www.aed-france.org/actualite/mgr-gregoire-iii-stoppez-les-livraisons-darmes-en-syrie/


 "Ci chiediamo come siamo riusciti in Siria ad attraversare la "linea rossa" ...

No to foreign military intervention in Syria

Appeal of H.B. Gregorios III Patriarch of the Melkite Greek Catholic Church
President of the Assembly of the Catholic Hierarchy in Syria

http://www.pgc-lb.org/eng/gregorios/view/No-to-foreign-military-intervention-in-Syria

mercoledì 4 settembre 2013

Un appello che tocca tutti gli uomini di buona volontà: "Si alzi forte in tutta la Terra il grido della pace"

"Vogliamo un mondo di pace, vogliamo essere uomini e donne di pace " (tweet di Papa Francesco)




 padre Samir Khalil Samir: 
 In realtà, il Papa riassume ciò che ogni persona ragionevole pensa: la guerra porta guerra, la violenza suscita violenza e non finirà mai. Meglio il dialogo anche se faticoso, anche se ognuno deve fare dei passi verso l’altro e deve rinunciare ad una parte di ciò che vede come giusto. 
Meglio questo che una guerra; già ci sono più di 100 mila morti, non si può ancora pianificare più guerra nella speranza che porti pace. È impossibile, perché in Siria adesso le due parti si trovano ad un punto tale di odio reciproco che ognuno teme di poter cedere e così di sparire, essere ucciso insieme alla comunità e i suoi seguaci. Non c’è altra soluzione che la preghiera ed il digiuno, come dice il Vangelo e come ha detto il Santo Padre, nella dimensione dell’umanità che ha un po’ di spiritualità. E dall’altra parte, c’è il dialogo: è stato pianificato per la settimana prossima un dibattito con delle possibili concessioni mutue. Il negoziato è l’unica via. Che sia difficile è cosa certa. L’altra via sarebbe sterminare tutti gli oppositori. L’unica via quindi è il negoziato, ovvero la presenza di un “arbitro”: la Comunità internazionale – rappresentata dall’Onu e da alcuni Paesi non tutti dello stesso “campo” – che propone cose ragionevoli, soluzioni che non vanno totalmente da una parte o dall’altra. Ogni parte sceglie i suoi rappresentanti più “ragionevoli”, più aperti all’altro ed una commissione internazionale fa da guida. Io non conosco altra soluzione. 

Testo proveniente dalla pagina del sito RadioVaticana:  http://it.radiovaticana.va/news/2013/09/03/bombardamenti_a_damasco_mentre_mosca_rileva_missili_nel_mediterraneo:/it1-725152


Il Gran mufti desidera essere a San Pietro a pregare col Papa per la pace in Siria: musulmani e altri gruppi si uniscono all’appello

     leggi suhttp://www.fides.org/it/news/53425-ASIA_SIRIA_Il_Gran_mufti_desidera_essere_a_San_Pietro_a_pregare_col_Papa_per_la_pace_in_Siria_musulmani_e_altri_gruppi_si_uniscono_all_appello#.UiXsSG1H7wo

Lettera del Gran muftì di Damasco al Papa: “Lavoriamo insieme per la pace”

Nel testo della missiva, pervenuto all’Agenzia Fides, il muftì definisce l’appello di Papa Francesco “figlio delle leggi celesti”, lodando l’iniziativa di “pregare per la pace in Siria” come “buona e per il bene per l'umanità”. 
“Sua Santità – recita il testo – la ringraziamo per questo appello di grande umanità, basato sulla fede, a digiunare e pregare insieme Dio Onnipotente perché possa portare pace sulla terra e proteggerci dal potere del male e dell'oppressione”. 




Intellettuale musulmano: Pregheremo con il Papa per la pace in Siria

Ridwan Al-Sayyd, professore di islamistica a Beirut, invita la comunità internazionale ad ascoltare le parole del Papa. La Giornata di preghiera per la pace in Siria "un'occasione per aprire le porte a una soluzione pacifica del conflitto. Un'azione armata in Siria farà esplodere una guerra in tutto il Medio Oriente".

   leggi suhttp://www.asianews.it/notizie-it/Intellettuale-musulmano:-Pregheremo-con-il-Papa-per-la-pace-in-Siria-28911.html



Medico islamico: seguiamo il Papa e alziamo la voce contro la guerra

Per Izzeldin Abuelaisch, famoso in tutto il mondo per il suo libro "Io non odierò", non basta parlare di pace. "Ogni uomo deve agire seguendo l'esempio di papa Francesco. La crisi e l'odio presenti in Medio Oriente sono una conseguenza di un mondo che ha dimenticato i suoi valori".

   leggi suhttp://www.asianews.it/notizie-it/Medico-islamico:-seguiamo-il-papa-e-alziamo-la-voce-contro-la-guerra-28919.html



Il rabbino amico del Papa: le guerre portano altre guerre

«Sono profondamente convinto di una cosa. Quello che non si risolve con il dialogo resta irrisolto. Non ci sono altri mezzi. Le soluzioni raggiunte con la guerre portano nel breve a nuovi conflitti. Perché implicano l’annullamento dell’altro. Il dialogo, invece, crea incontro, attraverso un progressivo arretramento dei due contendenti dalle loro posizioni originarie. La morte genera morte. La parola dà vita. Nella Genesi, il rapporto tra Dio e l’uomo inizia con il “disse” pronunciato dal creatore verso la sua creatura. A nessun’altra, prima, Dio si era rivolto in questo modo». Sono parole di Abraham Skorka, rabbino molto noto nella comunità ebraica argentina e amico personale del Papa, intervistato sull’Avvenire del 4 settembre riguardo alla crisi siriana.
«Sono profondamente convinto di una cosa. Quello che non si risolve con il dialogo resta irrisolto. Non ci sono altri mezzi. Le soluzioni raggiunte con la guerre portano nel breve a nuovi conflitti. Perché implicano l’annullamento dell’altro. Il dialogo, invece, crea incontro, attraverso un progressivo arretramento dei due contendenti dalle loro posizioni originarie. La morte genera morte. La parola dà vita. Nella Genesi, il rapporto tra Dio e l’uomo inizia con il “disse” pronunciato dal creatore verso la sua creatura. A nessun’altra, prima, Dio si era rivolto in questo modo». Sono parole di Abraham Skorka, rabbino molto noto nella comunità ebraica argentina e amico personale del Papa, intervistato sull’Avvenire del 4 settembre riguardo alla crisi siriana.
«Sono profondamente convinto di una cosa. Quello che non si risolve con il dialogo resta irrisolto. Non ci sono altri mezzi. Le soluzioni raggiunte con la guerre portano nel breve a nuovi conflitti. Perché implicano l’annullamento dell’altro. Il dialogo, invece, crea incontro, attraverso un progressivo arretramento dei due contendenti dalle loro posizioni originarie. La morte genera morte. La parola dà vita. Nella Genesi, il rapporto tra Dio e l’uomo inizia con il “disse” pronunciato dal creatore verso la sua creatura. A nessun’altra, prima, Dio si era rivolto in questo modo». Sono parole di Abraham Skorka, rabbino molto noto nella comunità ebraica argentina e amico personale del Papa, intervistato sull’Avvenire del 4 settembre riguardo alla crisi siriana.



Guerra in Siria, Emma Bonino con Papa Francesco: "Probabile digiuno per soluzione politica"

   leggi suhttp://www.huffingtonpost.it/2013/09/02/emma-bonino-siria-digiuno-papa-francesco_n_3855937.html?utm_hp_ref=italy



Fausto Bertinotti: " La fede del Papa è il desiderio di pace del nostro popolo"

“Il grido del Pontefice è qualcosa che muove dal profondo dell’umano e tocca tutti, credenti o non credenti, e coglie un’istanza molto profonda che si leva dalle parti migliori del mondo . Vale dunque per tutti.”




ADESIONE DELLA RETE NO WAR ALL'APPELLO DI PACE DI PAPA FRANCESCO:


La Rete No War, impegnata da due anni e mezzo in iniziative di pace tese ad impedire la guerra, prima in Libia e poi in Siria, iniziative condotte spesso in assoluta solitudine e nel silenzio se non nell'ostilità di molti mass media e forze politiche, trova un grande conforto nelle parole dell'appello di pace del Papa.
Il "grido di pace" ed il motto del Papa "MAI PIU' LA GUERRA", espresso in termini chiari e niente affatto ambigui, e senza ombra di riserve mentali; il suo invito al dialogo ed alla riconciliazione tra le parti nel sanguinoso e tragico conflitto siriano senza accenni a precondizioni, discriminazioni o accuse prive di prove lanciate solo come pretesto da chi vuole la guerra;  il Suo invito ad assistere i profughi e le altre vittime della guerra senza strumentalizzazioni, ci trovano pienamente d'accordo.
Raccogliamo quindi l'appello del Papa ed invitiamo anche altre organizzazioni pacifiste a farlo; ci impegniamo a proseguire con rinnovato vigore nella nostra azione contro la guerra, contro le bugie che alimentano la guerra, ed a favore di un percorso di pace basato sulla trattativa tra le parti senza precondizioni e discriminazioni

LA RETE NO WAR - ROMA

Preghiere per Maloula sotto attacco!

La comunità cristiana di Maloula lancia una domanda accorata di aiuto ai cristiani di tutto il mondo



"Friends, brothers and sisters unite our prayers and our praise for the Monastery of Maloula in Syria the cradle of Christianity. At this time it is under the dominion of evil but us that we are children of God we are conquerors in Christ Jesus" (messaggio da Maloula, 4 settembre 13)


L'intervento USA consegnerà la Siria cristiana a costoro?



Gruppi terroristici Takfiri che ieri hanno attaccato Maloula stanno bruciando e stracciando le meravigliose icone e invitano la gente a lasciare la loro religione cristiana per Islam !



Nei giorni scorsi, informazioni giunte direttamente da membri della comunità musulmana in Ma'loula informavano che un imminente attacco di elementi armati di al-Nosra , affiliati ad al-Qaeda, su questo antichissimo villaggio, era in fase di preparazione.

Se Aleppo era il simbolo dello sviluppo economico della Siria, Maaloula è il simbolo di una Siria unita e tollerante , come questo Paese è stato prima dell'avvento della "rivoluzione" .

A Ma'lula, situata a 20 km da Sednaya, siamo di fronte a due minoranze completamente integrate che vivono insieme e non fianco a fianco: una minoranza religiosa e delle minoranze linguistiche. Greco-cattolici, greco- ortodossi e musulmani  condividono il villaggio in armonia e cristiani e musulmani parlano arabo e siriaco nel proprio  dialetto detto " siriaco di Ma'loula" , essendo nient'altro che un "dialetto aramaico" molto vicino, se non identico, al dialetto galileo che Cristo ha parlato.

Il mondo intero assisterà impassibile alla scomparsa di questo antico borgo noto fin dal XII secolo, i cui abitanti non hanno mai fatto male a nessuno?

Non vedremo un  Paese occidentale, apparentemente democratico, alzarsi in piedi e intervenire in modo che non accada il genocidio dei cristiani in Siria, nel silenzio delle nazioni?
Permetterà un'aggressione che porterà al potere in Siria i fondamentalisti?



Il teologo Georges di Cipro parlava di Ma'loula già nel XII secolo. Yaqut al-Rumi menziona sotto il nome di Gherud غرود.

Iscrizioni greche, il gran numero di tombe, edifici dal periodo bizantino a Ma'loula , mostrano l'importanza del borgo.


La geografia della Ma'loula è pittoresca: i lati del villaggio sono protetti da due pareti strette e inaccessibili, mentre l'ingresso principale rivolto verso est è difeso da due enormi rocce che si ergono come fortezze e poste sulla sinistra della strada.

Il villaggio si situa su un gigantesco anfiteatro a gradinate le cui case sono stipate una sopra l'altra e si aggrappano al picco centrale. Strade tortuose e una via collinare che percorre trasversalmente il posto in ogni direzione, da una terrazza, attraverso una casa, tra-crossing, per perdersi finalmente in una situazione pianeggiante. Un labirinto dove solo i locali conoscono il loro orientamento.


Le chiese si moltiplicano in Ma'lula. Ci sono in primo luogo quelli dei conventi San Sergio e Santa Tecla. Poi quelle del villaggio di S. Elia e S. Leonzio, oltre a diverse piccole cappelle. Sono luoghi di luoghi di culto e di rara bellezza artistica.

Per saperne di più su questo splendido paese per il quale non cessiamo di versare lacrime di fronte agli attacchi da parte dei fondamentalisti islamici, è possibile consultare le seguenti fonti:

http://oraprosiria.blogspot.it/search/label/Maaloula


Leggi anche :

Siria, attacco islamista alla culla del cristianesimo

di Giorgio Bernardelli

...... Un nuovo mistero doloroso per i cristiani della Siria; nuove lacrime che non possono non entrare nella preghiera di questi giorni per la pace. 
E non si può non sottolineare come proprio mentre il Papa rinnova il suo appello alla riconciliazione - e questo messaggio viene ascoltato con attenzione anche da tanti musulmani in Siria - gli islamisti, al contrario, prendono di mira un villaggio su una montagna che è simbolo di convivenza. Tentando ancora una volta di cancellare l'identità più profonda della Siria. 
Anche Maloula - a volerla guardare bene - è una «linea rossa» superata. E non certo la prima di questo genere. Sarebbe bello, prima o poi, sentire che cos'hanno da dire in proposito i grandi del mondo che continuano a considerare solo un aspetto di questa tragedia.

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-siria-attacco-islamista-alla-culla-del-cristianesimo-7213.htm


Il Patriarca melkita: appello per salvare Maaloula, luogo sacro per i siriani

“Da due anni e mezzo portiamo la croce, siamo pellegrini in un via Crucis. L’attacco a Maaloula è una ferita profonda, è una vetta della nostra sofferenza, per il valore storico, culturale e spirituale che il luogo ha per tutti i siriani”. 


 Message des habitants de Ma’loula aux respectables membres du Congrès américain...

martedì 3 settembre 2013

E se la verità sulle armi chimiche fosse un'altra?


Siria: i gas (forse) erano proprio dei ribelli

da La Bussola Quotidiana - 3 settembre 2013
di Gianandrea Gaiani

Nonostante in tutto il mondo la crisi siriana sia al centro dell’attenzione pochi media hanno diffuso una notizia che dovrebbe risultare invece di grande interesse soprattutto per dipanare la matassa intorno all’origine e all’impiego del gas nervino che il 21 agosto ha ucciso un numero imprecisato di persone nei sobborghi di Damasco. Con una serie di interviste alcuni ribelli siriani appartenenti a gruppi islamisti attivi nel settore di Ghouta hanno ammesso che sono stati loro i responsabili del massacro di civili che Washington e parte della comunità internazionale vorrebbe attribuire ad Assad.
Le armi chimiche sarebbero state fornite ai miliziani dal loro “sponsor”, l’Arabia Saudita attraverso i servizi d’intelligence guidati dal principe Bandar bin Sultan. La “fuga di gas” sarebbe da attribuire all’inesperienza dei miliziani a maneggiare armi chimiche che in ogni caso è probabile avessero ricevuto per creare un incidente a pochi chilometri dall’hotel che ospitava i tecnici dell’Onu esperti proprio in armi chimiche creando così un casus belli. Il reportage firmato da Dale Gavlak (che collabora da anni con l’agenzia Associated Press con corrispondenze da Amman) e Yahya Ababneh il 29 agosto non è certamente di quelli che passano inosservati.  Stranamente non apparso sul sito dell’AP ma sul giornale on line Mintpressnews. Per quale ragione? Le fonti non erano considerate affidabili o la notizia era “troppo esplosiva” per essere diffusa da una delle principali agenzie di stampa del mondo? Il report sul campo è stato effettuato da Yahya Ababneh che ha parlato con i ribelli e i famigliari delle vittime mentre Dale Gavlak ha raccolto la documentazione e fatto il lavoro di ricerca. Le diverse testimonianze parlano chiaro, i ribelli nascondono in moschee e case private le armi, anche quelle chimiche ma a causa dell’inesperienza avrebbero commesso un errore fatale liberando il sarin. Un errore subito dopo sfruttato a fini propagandistici realizzando i video con i quali viene accusato il regime.

   continua qui la letturahttp://www.lanuovabq.it/it/articoli-siria-i-gas-forse-erano-proprio-dei-ribelli-7201.htm



Siria, ribelli: «Abbiamo fatto esplodere noi per sbaglio le armi chimiche». Il reportage che nessuno cita


http://www.tempi.it/siria-ribelli-armi-chimiche-ghouta-reportage



Testimonianze siriane a Ghuta: sono stati i ribelli, riforniti dall’Arabia Saudita, a usare armi chimiche
Le prove ci sono, ma contro i “ribelli”
di Dale Gavlak, Yahya Ababneh


http://www.mintpressnews.com/witnesses-of-gas-attack-say-saudis-supplied-rebels-with-chemical-weapons/168135/

http://www.ossin.org/crisi-siriana/le-prove-ci-sono-ma-contro-i-ribelli.html


I ribelli siriani ammettono che il Sarin è responsabilità loro, si è trattato di un incidente

Il costo della ricostruzione della Siria: 73 miliardi di dollari

A Damasco tra macerie e paura. "Ma qui dei gas non c'è ombra"

Le testimonianze raccolte dal nostro cronista, unico reporter italiano nell'area del presunto attacco chimico: "Le bombe sono un incubo. Eppure la storia del sarin..."

da Il Giornale - 03/09/2013
di Gian Micalessin
......
Malek, un regista sulla sessantina seduto sul balcone di un appartamento affacciato su piazza Khouri tira le tende, mostra finestre e tapparelle trasformate in colabrodo. «Io nella vita faccio il regista sono abituato a cercar di capire quel che mi succede attorno. Qui ogni notte vedo e sento i bombardamenti dei ribelli. Vedo anche quelli dell'esercito che risponde. Quando il tutto sale d'intensità scappo in cantina per salvare la pelle. Di gas non ne ho mai visto l'ombra. Eppure vivo in prima fila. Se faccio due passi e arrivo a quell'angolo riesco a scorgere le case e le strade di Jobar. Tutta questa faccenda mi sembra perfettamente in linea con la politica di Obama. Lui è un presidente assai bravo a predicare, ma assai poco attento a guardare cosa succeda veramente sulla faccia della terra. Si sforza di credere alla faccenda dei gas perché si sposa bene con la sua strategia. Lui sta dalla parte dei ribelli e li usa per i suoi scopi. Ma mi fa veramente ridere quando minaccia di bombardarci per salvare il popolo siriano. Là davanti a Jobar combattono tunisini, afghani, ceceni, turchi e al qaidisti nemici dell'America. Qui invece vivono solo siriani. Siriani di tutte le fedi e di tutte le etnie come è sempre stato qui in Siria negli ultimi cinquant'anni. Ma per lui il vero popolo siriano è quello venuto dall'estero. Quello che ci spara addosso da Jobar».

http://www.ilgiornale.it/news/esteri/damasco-macerie-e-paura-qui-dei-gas-non-c-ombra-laltra-verit-947253.html


«Si fermi il rumore delle armi». Appello contro l’intervento militare in Siria : firma anche tu!


Sottoscrivete l’appello di Tempi, Ora pro Siria e Cultura Cattolica contro l’intervento militare in Siria. Il testo con le firme sarà inviato ai parlamentari italiani e al ministro degli Esteri 

lunedì 2 settembre 2013

Aleppo: Questa lettera sarà un annuncio di morte?


Lettera da Aleppo n. 13 (26 agosto 2013) 

dai Maristi Blu 

Coloro che vivono in Siria e  tutti coloro che seguono da vicino le notizie sanno molto bene che dalla Siria non giungono ormai altro che annunci di morte: bambini, adulti, giovani, donne, uomini... Tutti sono minacciati, attaccati, intrappolati, assassinati, rapiti, uccisi e massacrati...

Niente, non una buona notizia, non una notizia che porti un barlume di speranza, non una parola... niente, niente altro che l'ombra della morte che afferra e vince i corpi e le anime...

Le nostre cerimonie sociali sono i funerali...

I nostri luoghi di incontro sono chiese o moschee...

Le nostre preghiere sono per i morti...

I nostri saluti: "Allah yrhamna" "che Dio abbia misericordia di noi"...

Bisogna dipingere un quadro così scuro, una visione di paura e di vergogna affinchè  altri abbiano pietà di noi?

Fino a quando noi potremmo resistere? Perché continuare a rimanere nel paese? E cosa ci aspetta domani? Quale sarà il nostro destino? Dove sarà la nostra prossima destinazione? Come proteggere i nostri bambini? Dove andare con le nostre persone anziane o i malati? Quelli che sono fuggiti dall'inferno sono più felici di noi? Chi ha permesso che noi dobbiamo sopportare l'orrore? Chi è il mandatario? Perché noi? Perché questa ostinazione a trasformare l'uomo e la donna che siamo in oggetto di uccisione?
Come abbozzare una parola di speranza? Dove trovare le parole di consolazione?
Quale abito scegliere oltre che quello del lutto?
Quali  lacrime versare diverse da quelle dell'addio?
Addio mio paese, Addio my Darling, addio mio amore, Addio mio figlio, Addio mia figlia, Addio papà, Addio mamma...
Siamo diventati una parola d'Addio?

Sabato, 10 agosto, l'odio e la violenza hanno raggiunto i Maristi Blu con un duro colpo togliendo la vita al Dottor Amine, un vero Marista, un impegnato, un uomo del servizio e della bontà. Il Dr Amine rientrava ad Aleppo dopo un breve soggiorno presso i suoi figli. Rientrava nel paese per i suoi pazienti e per coloro che avevano bisogno di lui. Per lui e per molti altri uccisi ciecamente e gratuitamente, il nostro cuore di Maristi sanguina...
proclamata la "Repubblica Islamica d'Irak e di Syria" nel settore orientale  dello "Stato di Aleppo"






Sempre più il popolo innocente e impoverito paga assai caro il prezzo del blocco internazionale e locale. La città di Aleppo continua ad essere divisa... L'unica prospettiva degli abitanti è di sapere se si può oggi rifornire di pane, di acqua, di alimenti deperibili, di latte per bambini... Va detto che il domani non è più nel nostro immaginario... È solo l'oggi. Domani è talmente lontano e può essere così diverso che esso non esisterà più per molti di noi.

Abbiamo davanti altri grandi problemi: l'inverno e il rientro a scuola. Si avvicinano rapidamente... Coloro che erano rifugiati nelle scuole pubbliche dovranno lasciare il posto,  spostarsi di nuovo, partire...
I genitori hanno paura a mandare i figli in classe... E che sicurezza è garantita a loro? Se un mortaio viene a cadere su una delle scuole... Se le strade sono bloccate...

Davanti a questo quadro desolante, i Maristi stanno lottando per rimanere, per quanto possibile, un'oasi...
Persone vengono da noi per condividere la loro preoccupazione, chiedere consiglio, calmare i loro corpi e le loro menti, sapere che è ancora possibile fare affidamento su qualcuno... Alcuni ci mettono più di due ore per arrivare.
I 40 bambini del progetto "Imparare a crescere" finalmente prendono 3 settimane di vacanze. Ciò consentirà alle insegnanti di respirare, formarsi e aggiornarsi per affrontare un nuovo anno scolastico... Al fine di aiutare i genitori a organizzare questo tempo di vacanze, abbiamo proposto due giorni di formazione.


I giovani del progetto « Skill’s School » continuano... Stanno preparando una festa per celebrare la fine delle attività estive con i loro genitori.
Perchè l'orizzonte non sia completamente chiuso, e quindi conservino fiducia in giorni migliori, abbiamo lanciato un nuovo progetto... Così: 'Imparare inglese' è iniziato! Esso riguarda la dozzina e più di adolescenti che sono alloggiate presso i Maristi...

Domenica scorsa,i Maristi Blu hanno condiviso la gioia della celebrazione della comunione solenne. Una dozzina di bambini sfollati dal quartiere di "Jebel el Saydeh".
 Anche se gli alimenti sono sempre più rari (olio, formaggio e latte sono quasi inesistenti e, se si trovano, sono a prezzi esorbitanti), ci sforziamo di continuare a fornire settimanalmente o mensilmente ceste di cibo per i progetti "Sallet el Jebel", "Orecchio di Dio" rivolti agli sfollati.
Abbiamo aggiunto nei cestini di cibo anche il pane che altrimenti sarebbe disponibile per le famiglie solo dopo una lunga attesa, a volte un giorno intero davanti alla panetteria in interminabili code a rischio di essere feriti da arma da fuoco o colpi di mortaio.
Il progetto 'Vittime di guerra' continua a salvare vite innocenti che soffrono le conseguenze di questa follia.

Vogliamo terminare con l'augurio che ha formulato Papa Francesco durante l'angelus di domenica 25 agosto 2013: 
"Fermare il rumore delle armi in Siria".

Fr. Georges SABE per i Maristi Blu


Aleppo è tagliata fuori dal mondo


Aleppo | 1 settembre 2013 

 In un momento in cui il mondo intero punta gli occhi e le orecchie  verso l'America , la Francia e il Regno Unito, il cui leader lusingano il proprio ego facendo finta che saranno i salvatori dell'umanità e del popolo siriano , Aleppo è assediata dai ribelli e da al- Djebhat Nosra che minacciano tutto ciò che non è musulmano nella città. 
Questo pomeriggio , siamo riusciti a raggiungere il nostro corrispondente locale che ci ha informato che tutte le comunicazioni, tranne che per la linea telefonica fissa, sono bloccati con il resto del mondo. Acqua e cibo disperatamente carenti, il chilo di pane che il nostro corrispondente è stato in grado di procurarsi questa mattina è vecchio di una settimana. La popolazione in loco è molto scoraggiata e vuole che le cose cambino , anche a costo di un conflitto più ampio .

Nel frattempo, le potenze occidentali cercano la coalizione che aiuterà ad aggiungere più morti ai morti  già causati.Un grande panico si è impadronito dei cristiani di Aleppo perchè quattro giorni fa i mercenari di Djebhat al- Nosra hanno conquistato la città di Khanasser che era l'unico passaggio per il rifornimento di cibo , farina, olio , ecc .... ed era anche l'unica strada sotto il controllo dell'esercito che permetteva di recarsi in altre città .
A questa grande preoccupazione, si uniscono le minacce degli 
interventi esteri 

degli Stati Uniti e turchi .

Ad Aleppo i panifici sono chiusi per mancanza di farina e olio , le verdure sono scomparse dal mercato , l'acqua è diventata scarsa e interruzioni di corrente si ripetono più e più volte. Pregate!Pregate , pregate, pregate costantemente per sostenere i nostri fratelli di Aleppo. 

E per quelli fuori della Siria: che esprimano la loro insoddisfazione verso la politica dei loro governi farisei.
Quanto a voi fratelli e sorelle che non avete lasciato Aleppo, pur nel mezzo di ansia e di panico siate fiduciosi nel Signore , perchè , voi e tutti noi discepoli di Cristo in Aleppo e altrove, noi continueremo un giorno la nostra vita al di là della gioia totale di essere salvati da Dio , il nostro Dio , il Dio vero .


Omelia di Mons. Jean- Clement Jeanbart , Arcivescovo greco- cattolico di Aleppo  

25 agosto 2013

"Mi fa male il cuore nel vedere :

 
1 - il fuoco della guerra consumare il nostro paese attraverso morte e distruzione .

 
2 - sugli schermi televisivi, altri innocenti massacrati dai barbari .

 
3 - il numero dei nostri martiri crescere ogni giorno.

 
4 - l'ipocrisia dei paesi che pensavamo essere " civilizzati " che, mentre lamentano l'ingiustizia e la morte dei siriani, allo stesso tempo sostengono i ribelli, fornendo loro armi e denaro .

 
5 ° - l'indifferenza dei capi di Stati che pretendono anche di essere i difensori dei diritti umani , sostenitori del dialogo, della riconciliazione e della pace .

 
6 - l'evidenziarsi dei veri obiettivi del conflitto nella ricerca di interessi economici e politici che sono stati camuffati da "parole d'ordine della democrazia" e che in realtà sono costati più di 100.000 vite .

 
Nonostante tutti questi problemi , la nostra fede nell' avvento del nuovo giorno , pieno di speranza , non si dissolve . Non disperiamo , perché il fine della nostra vita è il regno di Dio e non la morte sulla terra .

 
Ma il mio cuore anche 

si allieta 

nel vedere che:

 
1 - i nostri cittadini resistono e sopportano  la morte dei loro cari , la fame e la perdita dei loro beni . Essi credono fermamente che non durerà . I cristiani sono attaccati alla vita e continuano a superare tutti gli ostacoli .

2 - Il futuro promette una nuova pagina e la fine del conflitto con il fallimento della congiura internazionale , della disinformazione e delle bugie , attraverso la resistenza e la "consapevolezza" del popolo e alla fedeltà dell'esercito .

 
3 - la maggioranza dei siriani ha dimostrato al mondo la sua lealtà verso la patria , rifiutandosi di lasciare il suo paese .

 
Tuttavia,  coloro che bussano alle porte dei consolati e delle ambasciate dei paesi occidentali rischiano di essere delusi perché pensano che il cielo è lì , ma è solo un miraggio .

 
Tradotto e riassunto da Claude Zerez


Aleppo consacrata al Cuore Immacolato di Maria 




ZENIT-  22 Agosto 2013 - 

I vescovi cattolici di Aleppo hanno consacrato il 15 agosto, Solennità dell’Assunzione, la città siriana al Cuore Immacolato di Maria. Come ha raccontato un testimone, l’evento ha mobilitato il convento carmelitano di Nostra Signora di Siria e i cattolici dei vari riti. Su iniziativa di sacerdoti e laici di Aleppo, la statua della Madonna della Pace ha compiuto il giro di tutte le chiese e parrocchie della città a partire da fine giugno. In ogni chiesa è rimasta tre giorni. 
Provenendo dalla Cattedrale latina, vicina al monastero, la statua mariana è arrivata al convento delle suore carmelitane domenica 4 agosto, alle ore 19. Secondo il programma, l’effige è rimasta al monastero fino alla tarda mattinata di mercoledì 7 agosto. Canti, rosari e preghiere si sono susseguiti per tutta la durata della permanenza della statua. La comunità carmelitana e i suoi amici hanno aggiunto “con grande fiducia” le loro intenzioni a tutte quelle già affidate al Cuore Immacolato della Vergine. Il triduo che ha preceduto la Solennità dell’Assunzione è stato caratterizzato da un programma speciale. In tutta la città, il lunedì è stato riservato ai sacerdoti, il martedì ai religiosi e il mercoledì ai laici. Ogni giorno, sono state organizzate delle cerimonie penitenziali che hanno dato ai fedeli la possibilità di confessarsi e dei momenti di preghiera comunitaria.Da parte loro, le monache carmelitane hanno osservato, il lunedì, un intero giorno di digiuno. Martedì hanno invece recitato insieme il rosario e mercoledì si sono raccolte per un giorno in adorazione eucaristica.

La mattina del 15 agosto, la Messa è stata celebrata da mons. Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo e presidente della Caritas Siria. La cerimonia della consacrazione della città è stata preceduta da una breve processione con la statua della Vergine Maria, portata dalla Chiesa latina alla cattedrale siro-cattolica, dedicata all'Assunzione della Vergine Maria.
La solenne Messa è stata celebrata alle ore 18.30. La consacrazione di Aleppo è avvenuta in seguito, con la lettura del Vangelo della Visitazione, un'omelia e canti tradizionali arabi. E' seguita poi un'altra processione all’interno della Chiesa, accompagnata dal canto delle Litanie della Beata Vergine. Infine l'assemblea ha pronunciata la preghiera di consacrazione.La cerimonia è stata presieduta da quattro vescovi cattolici di Aleppo: greco, armeno, siriaco e caldeo. Non hanno potuto partecipare altri due vescovi cattolici, ovvero quello latino, dimessosi pochi mesi fa per motivi di salute, e quello maronita, attualmente in Libano, sempre per motivi di salute. La presenza dei quattro presuli è stata percepita come una grande grazia per tutti, poiché mostrava la comunione dei cattolici dei diversi riti di Aleppo. 
Preghiere speciali sono state sollevate al cielo per i due vescovi ortodossi (greco e siriaco), rapiti nell’aprile scorso, di cui non si hanno più notizie. La partecipazione alla cerimonia è stata molto sentita e molto numerosa, tanto che nella cattedrale non c’era posto per tutti. Molti sacerdoti, religiosi e suore hanno accompagnato i loro vescovi. 
L'evento, ha riferito il testimone, è stato “un soffio di speranza e di fiducia che è passato in tutti i cuori”, e ha aggiunto che anche i musulmani hanno accolto la processione “con grande rispetto”. “Possa nostra Madre in tutti far germogliare nei cuori un vero desiderio di pace, ancorata nell’amore del Signore”, ha auspicato la fonte, "ci rallegriamo molto per la prossima consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria da parte di Papa Francesco, il 13 ottobre prossimo". Le monache carmelitane si sono unite spiritualmente alla celebrazione, recitando il rosario all’ora della consacrazione, alle 19.30. 
La comunità carmelitana di Aleppo ha inoltre un legame molto speciale con quella del Fayum, in Egitto, dove la situazione continua a peggiorare.

Il 10 aprile scorso, mons. Audo aveva descritto a Fides la difficile situazione ad Aleppo. “Si va avanti alla giornata", aveva detto. "Ho l'impressione che le persone sono sempre più spossate. Sono tutti divenuti poveri e ognuno è alla continua ricerca di qualcosa da mangiare per sè e per la propria famiglia. Per le strade di Aleppo si vedono le persone che girano senza posa con le buste in mano, cercando un po' di pane”, aveva raccontato il presule.

(A cura di Anita Bourdin)

Foto: syrcata.org











domenica 1 settembre 2013

L'appello del Papa all'Angelus : "Mai più la guerra!". Una giornata di digiuno e di preghiera per la pace.

Sala Stampa Santa Sede:

Quest’oggi, cari fratelli e sorelle, vorrei farmi interprete del grido che sale da ogni parte della terra, da ogni popolo, dal cuore di ognuno, dall’unica grande famiglia che è l’umanità, con angoscia crescente: è il grido della pace! E’ il grido che dice con forza: vogliamo un mondo di pace, vogliamo essere uomini e donne di pace, vogliamo che in questa nostra società, dilaniata da divisioni e da conflitti, scoppi la pace; mai più la guerra! Mai più la guerra! La pace è un dono troppo prezioso, che deve essere promosso e tutelato.


Vivo con particolare sofferenza e preoccupazione le tante situazioni di conflitto che ci sono in questa nostra terra, ma, in questi giorni, il mio cuore è profondamente ferito da quello che sta accadendo in Siria e angosciato per i drammatici sviluppi che si prospettano. 
Rivolgo un forte Appello per la pace, un Appello che nasce dall’intimo di me stesso! Quanta sofferenza, quanta devastazione, quanto dolore ha portato e porta l’uso delle armi in quel martoriato Paese, specialmente tra la popolazione civile e inerme! Pensiamo: quanti bambini non potranno vedere la luce del futuro! Con particolare fermezza condanno l’uso delle armi chimiche! Vi dico che ho ancora fisse nella mente e nel cuore le terribili immagini dei giorni scorsi! C’è un giudizio di Dio e anche un giudizio della storia sulle nostre azioni a cui non si può sfuggire! Non è mai l’uso della violenza che porta alla pace. Guerra chiama guerra, violenza chiama violenza!

Con tutta la mia forza, chiedo alle parti in conflitto di ascoltare la voce della propria coscienza, di non chiudersi nei propri interessi, ma di guardare all’altro come ad un fratello e di intraprendere con coraggio e con decisione la via dell’incontro e del negoziato, superando la cieca contrapposizione. Con altrettanta forza esorto anche la Comunità Internazionale a fare ogni sforzo per promuovere, senza ulteriore indugio, iniziative chiare per la pace in quella Nazione, basate sul dialogo e sul negoziato, per il bene dell’intera popolazione siriana.
Non sia risparmiato alcuno sforzo per garantire assistenza umanitaria a chi è colpito da questo terribile conflitto, in particolare agli sfollati nel Paese e ai numerosi profughi nei Paesi vicini. Agli operatori umanitari, impegnati ad alleviare le sofferenze della popolazione, sia assicurata la possibilità di prestare il necessario aiuto.

Che cosa possiamo fare noi per la pace nel mondo? Come diceva Papa Giovanni: a tutti spetta il compito di ricomporre i rapporti di convivenza nella giustizia e nell’amore (cfr Lett. enc. Pacem in terris [11 aprile 1963]: AAS 55 [1963], 301-302). Una catena di impegno per la pace unisca tutti gli uomini e le donne di buona volontà! E’ un forte e pressante invito che rivolgo all’intera Chiesa Cattolica, ma che estendo a tutti i cristiani di altre Confessioni, agli uomini e donne di ogni Religione e anche a quei fratelli e sorelle che non credono: la pace è un bene che supera ogni barriera, perché è un bene di tutta l’umanità.
Ripeto a voce alta: non è la cultura dello scontro, la cultura del conflitto quella che costruisce la convivenza nei popoli e tra i popoli, ma questa: la cultura dell’incontro, la cultura del dialogo; questa è l’unica strada per la pace.

Il grido della pace si levi alto perché giunga al cuore di tutti e tutti depongano le armi e si lascino guidare dall’anelito di pace.

Per questo, fratelli e sorelle, ho deciso di indire per tutta la Chiesa, il 7 settembre prossimo, vigilia della ricorrenza della Natività di Maria, Regina della Pace, una giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, in Medio Oriente, e nel mondo intero, e anche invito ad unirsi a questa iniziativa, nel modo che riterranno più opportuno, i fratelli cristiani non cattolici, gli appartenenti alle altre Religioni e gli uomini di buona volontà.
Il 7 settembre in Piazza San Pietro - qui - dalle ore 19.00 alle ore 24.00, ci riuniremo in preghiera e in spirito di penitenza per invocare da Dio questo grande dono per l’amata Nazione siriana e per tutte le situazioni di conflitto e di violenza nel mondo. L’umanità ha bisogno di vedere gesti di pace e di sentire parole di speranza e di pace! Chiedo a tutte le Chiese particolari che, oltre a vivere questo giorno di digiuno, organizzino qualche atto liturgico secondo questa intenzione.

A Maria chiediamo di aiutarci a rispondere alla violenza, al conflitto e alla guerra, con la forza del dialogo, della riconciliazione e dell’amore. Lei è madre: che Lei ci aiuti a trovare la pace; tutti noi siamo i suoi figli! Aiutaci, Maria, a superare questo difficile momento e ad impegnarci a costruire ogni giorno e in ogni ambiente un’autentica cultura dell’incontro e della pace. Maria, Regina della pace, prega per noi!

L'America ha "il cuore pesante"


da Il Sussidiario - 1 settembre 2013
di Riro Maniscalco, New York City


"Con le mie mani non potrò  mai fare giustizia". Grande verità. Dolorosa verità.

Ascoltando Obama pochi minuti fa questo verso di Claudio Chieffo è la prima cosa che mi veniva in mente. La seconda è … ma è la "giustizia" che Obama cerca  invocando un intervento armato contro il regime siriano? Che cosa lo ha  veramente animato in questa ostinata ricerca di un intervento armato?

Sembra incredibile - non credibile, da non credere - che ancora una volta gli  Stati Uniti stiano per fare un passo del genere. Il nostro Presidente, Nobel per  la pace, cerca il consenso del Congresso (visto che quello del mondo non lo  trova) per colpire Assad. Uno "strike" il cui esito certo, l'unico esito certo, sarà un incremento dell'odio che mezzo universo nutre per gli Stati Uniti.
Comunque dovrà prima strappare il consenso - per nulla scontato - del suddetto  Congresso. Non solo i Repubblicani si opporranno, ma probabilmente anche una  significativa rappresentanza di Democratici si troveranno in difficoltà. Da una  parte sappiamo troppo poco di quel che sta veramente succedendo. Non siamo neanche certi di chi abbia usato i gas. Dall'altra l'America ha il "cuore pesante", affaticato ed intristito da tutte queste guerre, azioni militari, o comunque le si voglia chiamare.
Perché dobbiamo intervenire?
Perché? Cos'è che non sappiamo e non capiamo (e che Obama sa e capisce)?

Qualche sera fa un ex generale, ragionando come una persona "normale", citava la  "storia":  "Sapevamo che lo Scià manovrava un regime corrotto e crudele. Abbiamo  appoggiato i ribelli e ci siamo ritrovati Komehini e quelli che l'hanno seguito.   Sapevamo che Gheddafi era un dittatore spietato, abbiamo sostenuto i suoi nemici  e la Libia è peggio di prima.  Sapevamo che Mubarak governava con sinistra  violenza, abbiamo sostenuto la Muslim Brotherhood e vediamo in che condizioni è  oggi l'Egitto".
I "sapienti" della Cnn lo hanno crocifisso sul posto. E adesso, in questo momento, quegli stessi "sapienti" si chiedono solo se il Congresso avrà il fegato di appoggiare la "potente e coraggiosa" richiesta di Obama.
Sarebbe stata "potente e coraggiosa" se l'avesse fatta il guerrafondaio Bush? 

Quanto dolore c'è nel mondo, quanto bisogno di aiuto da parte di fratelli uomini  che hanno avuto un destino più amichevole, quanto bene possono fare gli Stati  Uniti ad una infinità di paesi e popoli. Possibile che non troviamo nulla di  meglio che lanciare interventi armati? Possibile che non capiamo che una cosa del genere non potrà giovare a nessuno e che chiamerà ancora più spargimento di  sangue, in Siria come in chissà quanti altri paesi?
I film western hanno smesso da un pezzo di dipingere i cowboy come "i buoni" e  gli indiani come "i cattivi". Sembra che in Siria invece ancora esistano i buoni e i cattivi.

"Con le mie mani non potrò mai fare giustizia". Qualcuno lo spieghi al Presidente.