Traduci

venerdì 6 luglio 2018

Pulizia etnica e persecuzione di Yazidi e Cristiani ad Afrin, Siria nord-occidentale


Estratto dal Report di un gruppo di missionari umanitari (FBR) che si recano in Siria per fornire assistenza medica e altri aiuti umanitari, costruire parchi giochi in aree precedentemente occupate dall'ISIS e condividere l'amore di Gesù. 
Si tratta di una squadra di 17 persone; cinque medici e operatori originari della Birmania, tre volontari americani,  coordinatori curdi, iracheni e siriani e una famiglia. Entrati in Siria dall'Iraq, si sono recati a Raqqa, Tabqa, Deir ez-Zor, Ayn Issa, Membij, Kobani, Qamishli, Tel Tamir, Hasakah e le aree circostanti.


Nel gennaio 2018, l'Esercito Turco, insieme a elementi dell'Esercito Libero Siriano (FSA) che in quest'area sono composti da gruppi musulmani radicali e da alcuni resti dell'ISIS, ha lanciato una campagna aerea e terrestre dalla Turchia contro la città e l'area di Afrin, una delle poche zone pacifiche della Siria. I curdi avevano tenuto a bada l'ISIS durante tutta la guerra e Afrin, che storicamente era per l'80% curda con un'antica popolazione cristiana e Yazidi, era diventata un rifugio per migliaia di fuggitivi curdi e arabi di diversi gruppi e fedi. La Turchia ora sta procedendo ad una pulizia etnica di proporzioni enormi in Afrin. Il governo turco ha condotto questo assalto per annientare i curdi delle YPG e bloccare il loro accesso al Mar Mediterraneo. Considera i curdi una minaccia alla sicurezza turca e non ha avuto riguardo per i Cristiani o gli Yazidi. Il governo turco sostiene anche l'FSA contro il governo siriano ed Afrin è diventata una base per l'FSA. Un nuovo regno di terrore è sceso su Afrin.
Attacchi congiunti di turchi e FSA hanno spazzato via oltre 200.000 curdi, oltre a 35.000 Yazidi e 3.000 Cristiani dai loro villaggi e città. Le loro case sono state espropriate da migliaia di islamisti radicali portati dalla Siria meridionale e occidentale, che sono stati a loro volta cacciati dalle loro posizioni dall'Esercito Siriano. Anche gli abitanti Musulmani originari che non si sono sottomessi alla legge della Sharia e all'FSA hanno dovuto fuggire. Dalle interviste, l'unica chiesa nella città di Afrin è stata saccheggiata, bruciata all'interno e poi occupata da due fazioni di miliziani.
Cristiani fuggiti da Afrin
A Kobane e in una nuova chiesa cristiana di 20 credenti, abbiamo incontrato due famiglie cristiane che sono fuggite da Afrin quando l'FSA e l'esercito turco l'hanno invasa. Dopo il servizio di culto, abbiamo parlato con i Cristiani di Afrin, una madre e suo figlio di 18 anni, Baran, suo genero e sua figlia incinta. Erano fuggiti da Afrin appena l'FSA e i Turchi avevano assalito la città e la regione, uscendo e salvando a malapena le loro vite. La madre ci ha detto che c'erano più di 3000 Cristiani che vivevano ad Afrin, ma adesso quasi tutti sono fuggiti. Conosce solo due persone rimaste: suo marito che era troppo malato per camminare e un altro uomo ferito durante gli attacchi.
Mentre tratteneva le lacrime, raccontava: "Sono cristiana. Mio marito era troppo malato per uscire e fuggire [con noi] e ora si nasconde in Afrin. Ho solo mio figlio e mia figlia rimasti con me e nient'altro al mondo. Potete aiutarci? Grazie per essere venuti a trovarci e per l'aiuto che ci avete dato. Preghiamo con voi per la risposta di Dio e confidiamo in Lui.”
L'FSA e i Turchi hanno invaso Afrin in una serie brutale di attacchi di fanteria, sostenuti da artiglieria, elicotteri da combattimento e jet-caccia. Centinaia di civili sono stati uccisi e case distrutte. Molte delle forze curde YPG sono state uccise e gli altri costretti a ritirarsi. L'FSA e i turchi hanno circondato, uccidendo e saccheggiando. Le persone hanno cercato di fuggire.
"I nostri peggiori timori sono stati confermati quando è stata instaurata la legge della Sharia, le case saccheggiate e le persone che hanno resistito messe a morte. Noi Cristiani e la maggior parte dei 35.000 Yazidi siamo fuggiti, temendo un annientamento simile a quello avvenuto a Sinjar, in Iraq ", ha continuato la madre. Ha continuato poi raccontandoci come una donna sia stata catturata dall'FSA, violentata e poi uccisa e un video poi inviato al marito della donna.
"Anche mia nipote, una bambina piccola è stata uccisa", ci ha detto. "Il suo nome era Riven Khandofan Hamdoush ed è stata uccisa vicino a noi nel villaggio di Kafarganeh. Il villaggio si trova ai margini della città di Afrin. Il 27 aprile 2018, quando la piccola giocava per strada, fu uccisa a colpi di arma da fuoco quando le fazioni islamiche litigavano tra loro sulla proprietà. Ecco la sua foto." "Siamo molto tristi e ci sentiamo senza speranza, ma rimaniamo vicini a Gesù e mettiamo la nostra speranza in Lui. Io ero musulmana, ma quattro anni fa mi sono stancata e ho chiesto a Gesù di aiutarmi. La maggior parte della mia famiglia è ancora musulmana ma questo non li ha risparmiati dagli attacchi. Mia nipote che è stata uccisa era musulmana con genitori musulmani".
Militanti del FSA nelle loro posizioni a nord di Manbij.
La chiesa del "Buon Pastore" in Afrin
Il figlio Baran ha continuato raccontandoci della chiesa di Afrin: "La Chiesa del Buon Pastore è stata occupata dall'FSA e dall'esercito turco. Le fazioni armate dell'occupazione turca combatterono tra loro per il controllo e la confisca della chiesa. I combattimenti che hanno avuto luogo tra le due fazioni di "Sultan Murad" e l'"Esercito dell'Est" si sono conclusi con un accordo tra le due parti sulla spartizione dell'edificio della chiesa e degli edifici circostanti e dei suoi beni. Hanno bruciato l'interno della chiesa e hanno scritto i nomi delle loro fazioni sui muri esterni. Prima dell'arrivo dell'FSA e dei turchi, oltre 250 famiglie cristiane erano ancora nel centro della città di Afrin e nei villaggi circostanti. Prima che Afrin fosse sopraffatto, il prete della chiesa, il Rev. Valentin Hanan, ha rilasciato una dichiarazione angosciata alla comunità internazionale dopo l'inizio dell'attacco turco ad Afrin. Ha chiesto l'urgente protezione internazionale dei credenti in Afrin e la cessazione dei bombardamenti turchi. Ha detto: "In questo momento siamo sottoposti a pesanti bombardamenti e le fazioni islamiche promettono di entrare nella regione e noi come chiesa chiediamo anzitutto al Signore la protezione e poi ai fratelli di pregare e aiutarci".
Dei circa 3.000 Cristiani nell'area di Afrin, il reverendo Hanan ha detto che c'erano 190 famiglie nel centro della città di Afrin, 45 famiglie nella zona di Gendressa e 15 famiglie nella zona di Maabtli. Ora che l'occupazione è completa, non sono rimasti quasi più Cristiani. "
Gli Yazidi di Afrin raccontano gli orrori che hanno affrontato.
In questa missione di soccorso, abbiamo incontrato alcuni degli Yazidi che erano fuggiti da Afrin quando l'FSA e i turchi hanno attaccato. C'erano 68 famiglie che vivevano tra le macerie di un villaggio cristiano abbandonato vicino a Tel Tamir. La chiesa, una volta magnifica, è stata distrutta dall'ISIS e tutti i Cristiani sono spariti. Una volta che l'ISIS è stato sconfitto qui l'anno scorso, ai Cristiani proprietari di edifici, molti dei quali sono attualmente fuori dalla Siria, è stato chiesto se gli Yazidi potessero rimanere nelle loro case. Hanno risposto che gli Yazidi erano benvenuti nel villaggio e così gli Yazidi si sono trasferiti, scegliendo tra le case meglio conservate, rattoppando buchi nei tetti e nei muri.
Uno degli uomini Yazidi ci ha detto: "Non c'è modo di rimanere di nuovo in Afrin. L'FSA ha fatto sapere che ci avrebbero fatto lo stesso che è stato fatto dall'ISIS al popolo Yazidi di Sinjar. Avrebbero ucciso tutti gli uomini e schiavizzato le donne. Abbiamo dovuto fuggire. Perché nessuno ci ha aiutato? Non sono state sufficienti le morti di migliaia di Yazidi a Sinjar e in altre parti dell'Iraq? Dov'era l'America? Dov'era il mondo? Abbiamo perso tutto e non possiamo tornare indietro. Migliaia di musulmani provenienti dall'esterno dell'area vi si sono installati e ci hanno preso casa e terra. Cosa ne sarà di noi? "
Avevamo i cuori spezzati e annuimmo con simpatia. Poi uno degli uomini Yazidi disse: "Questo potrebbe farti arrabbiare, ma dovresti sapere che noi tutti incolpiamo l'America per questo". Ho pregato per capire come rispondergli e ho detto: "L'America non ha fatto questo. Non dobbiamo incolparla degli attacchi e delle vostre perdite."   L'uomo aprì la bocca per rispondere ma io continuai: "Ma dobbiamo incolparla di non averli fermati, mentre avremmo potuto farlo. Lo abbiamo lasciato accadere e non abbiamo fatto nulla per fermare l'FSA e i Turchi. Non abbiamo dato l'aiuto necessario alle persone che sono fuggite. Mi dispiace molto. Per favore perdonaci e prega per noi. L'America non è Dio né è il diavolo. Siamo persone. Le persone non possono risolvere ogni problema, ma possiamo rispondere a quelli che abbiamo di fronte come possiamo. L'America è in Siria, sarebbe stata in grado di aiutare e non l'ha fatto. Mi dispiace. Per favore prega che il Governo Americano cambi le sue idee e vi aiuti. Ci sono molti in America che vi hanno a cuore e siamo stati mandati qui da loro ".
Potevo sentire il dolore che queste persone provavano e l'evidente disperazione della situazione. Potevo vedere il dolore nei loro occhi.
La disperazione e l'impotenza non possono peggiorare più di così. Non dimenticherò mai le lacrime della donna Yazida che mi ha parlato dei suoi ulivi. Era stata un'ingegnere civile di successo e quando i suoi tre figli crebbero e divennero indipendenti, iniziò la sua fattoria di olio d'oliva. Mi ha raccontato di come i suoi alberi fossero come i suoi figli. Mi ha detto del dolore che stava provando. I suoi alberi si sentivano come suoi figli e così quando è fuggita le sembrava che stesse abbandonando i suoi figli a essere incendiati e ridotti in cenere. Il mondo non ha fatto nulla per salvare i suoi alberi. E non ha fatto nulla per salvare lei o i suoi figli ....
Dave, famiglia e squadre.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.