Traduci

martedì 22 novembre 2016

Verso la liberazione finale? No alla proposta De Mistura

Nella Conferenza Stampa, il Ministro degli Esteri siriano Al-Moallem ha sottolineato che De Mistura ha parlato di "amministrazione autonoma" nella parte orientale di Aleppo, cosa  categoricamente rifiutata dal Governo.

"In effetti, gli abbiamo detto che siamo d'accordo sulla necessità di far sì che i terroristi siano mandati fuori dalla parte orientale di Aleppo, a prescindere dalle nostre differenti valutazioni circa i loro numeri, ma non ha alcun senso  lasciare che 275.000 dei nostri concittadini rimangano ostaggi di 5- 6 o 7mila militanti. Nessun governo al mondo lo accetterebbe ", ha aggiunto al-Moallem.

"E' possibile che le Nazioni Unite vogliano premiare i terroristi che stanno continuando a sparare proiettili su Aleppo Ovest che causano la morte di migliaia di persone e il ferimento di tanti altri?" , ha detto al-Moallem.
«E oggi un missile è stato sparato sulla scuola al-Furkan , uccidendo 11 studenti . Ha senso premiarli? Inoltre, i terroristi hanno anche bombardato il Palazzo di Giustizia, la Facoltà di Giurisprudenza e al-Bassel Hospital. Quei terroristi non hanno un deterrente morale ", ha aggiunto.
Il ministro ha ribadito che l'idea di "auto-amministrazione" è totalmente respinta "perché mina la sovranità nazionale della Siria e dà un premio per il terrorismo", aggiungendo:
"La Siria ha dato tre opportunità di tregua per evacuare i residenti dai quartieri orientali di Aleppo, ma le organizzazioni terroristiche non hanno permesso loro di uscire attraverso i corridoi sicuri, e hanno bombardato i corridoi con colpi di mortaio e hanno impedito ai civili di uscire nonostante tutti i preparativi effettuati dal Governatorato di Aleppo per garantire la loro uscita in modo sicuro ".
Il ministro ha continuato dicendo che:
 "Sono state date loro più di una possibilità e non le accettano, e ora si parla di dimostrazioni locali circa magazzini alimentari che sono tenuti dai terroristi che stanno vendendo cibo sul mercato nero per la nostra gente di Aleppo orientale."
"Anche ai convogli umanitari è stato impedito di entrare dai mortai. Pertanto, credo che sia il dovere dello Stato siriano di salvare i cittadini dall' essere ostaggi ", ha detto al-Moallem.

"Quando de Mistura stava parlando di un cessate il fuoco, gli abbiamo chiesto garanzie da parte dei paesi che sostengono i terroristi, ma ha detto che non ci sono tali garanzie",  aggiungendo "Non abbiamo visto nulla che aiuti una ripresa del dialogo intra-siriano ... forse [egli] è in attesa di una nuova amministrazione degli Stati Uniti o di un nuovo segretario generale delle Nazioni Unite. " ...

Rispondendo alla domanda di SANA sulle aspettative della Siria circa una nuova amministrazione degli Stati Uniti, al-Moallem ha sottolineato che "E' troppo presto per parlare degli slogan sollevati durante la campagna elettorale ... Nessuna persona onesta che ha esaminato le politiche della scorsa Amministrazione l'ha vista correggere i suoi errori",  aggiungendo: "Quello che vogliamo dalla prossima Amministrazione non è solo di smettere di sostenere i gruppi armati , ma anche di frenare i paesi regionali noti per sostenerli. ".

Circa lo svolgimento di una conferenza che raccolga la"opposizione interna" con figure di "opposizione esterna" a Damasco, al-Moallem ha detto:
"Diamo sempre il benvenuto a qualsiasi riunione siriano-siriano, lontana da intervento straniero, al fine di tenere il dialogo sul futuro, quindi, diciamo che se questa conferenza si terrà a Damasco l'accogliamo, e se si terrà a Ginevra, diremo benvenuto."

Rispondendo ad una domanda sullo spingere i terroristi da Aleppo a Idleb, al-Moallem ha detto:
"Noi non li spingiamo a Idleb, ma il loro centro di comando è lì, ed è un governatorato che confina con la Turchia, il che significa che il loro punto di raccolta logistico e umano è in Idleb, in ogni caso, se scelgono un luogo diverso da Idleb, a noi non importa. ".

  "Non abbiamo alcun dubbio che le nostre forze armate vinceranno la battaglia di Aleppo, e la decisione della dirigenza è che la situazione in Aleppo ritorni alla normalità, e che le nostre famiglie nei quartieri orientali siano liberate da quei terroristi che prendono i civili come scudi umani ".



Una lettera ISIS nel 2013, "per informazioni, visita la nostra sede nell'ospedale dei bambini" .. in Est Aleppo! 


Verso la liberazione finale?


Qara, 18 novembre 2016 
No, non ci siamo ancora, ma ad Aleppo la "madre di tutte le battaglie" è in preparazione. Per la prima volta, dall'inizio di questa guerra ingiusta contro la Siria, possiamo chiederci: ci sarà l’attesa liberazione finale di Aleppo e di tutta la Siria?.  Il presidente Siriano sarà in grado – in un prossimo futuro - di tenere un discorso televisivo alla popolazione da Aleppo per – prima di tutto -commemorare, ringraziare e pregare per le centinaia di migliaia di martiri siriani caduti in questa guerra? Per questo, ci vuole prima la chiusura ufficiale dell'era di Hillary Clinton, cioè, la fine dell’ossessione americana per il controllo dell’intero pianeta. I paesi che la Hillary classificava come nemici, sono stati ridotti nel caos o isolati o puniti. Invece i paesi che lei classificava come amici sono stati promossi. Il 28 ottobre 2016 la Russia è stata espulsa dal Consiglio dei diritti umani dell'ONU, mentre l’Arabia Saudita ha ricevuto un secondo mandato di ufficio. Praticamente nessuno ha protestato. Il 15 novembre, la delegazione saudita per la 3 ° Commissione dell'ONU per la promozione e la tutela dei diritti umani, ha fatto una proposta per una risoluzione in cui è stato denunciata "la situazione dei diritti umani in Siria" (approvata con 116 voti a favore, 15 contrari, 49 astenuti). Ebbene, queste sono situazioni che provocheranno un giorno la caduta totale della Commissione dei diritti umani dell’ ONU, nello stesso modo che l’Americano medio ora ha protestato contro la corruzione dell’élite votando chiaramente per Trump. Al paese (l’Arabia Saudita) in cui le persone valgono meno di animali, è stata concesso - come procuratore generale sul livello venerabile mondiale – di criticare il paese (la Siria) che ha il più alto livello di sviluppo nell' intero mondo arabo anche in materia di uguaglianza e rispetto dei diritti umani. Che rimane della credibilità di tali organizzazioni internazionali? Un giorno tutto questo finirà male! 
In ogni caso, il rappresentante siriano permanente all'ONU ha espresso una risposta schiacciante.. (Bachar al-Jaafari: Quando il terrorista diventa il difensore degli diritti umani, diventa possibile che lo SI presieda le operazioni di mantenimento della pace dell' ONU..., mondialisation.ca, 17 novembre 2016. In francese: Quand le terroriste devient le défenseur des droits de l’homme, ildevient possible que l’EIIL préside les opérations de maintien dela paix de l’ONU..., mondialisation, ca.17 novembre 2016).)

Nel frattempo, la portaerei russa Admiral Kuznetsov è ancorata in Siria per aiutare la distruzione delle scorte armate, le fabbriche di armi e i laboratori di armi chimiche dei terroristi e  liberare il paese dai jihadisti. I cittadini sono pregati di evacuare questa zona e gli ospedali sono forniti di materiale extra. Martedì 15 novembre sono stati fatti bombardamenti, nelle quali sono stati eliminati una trentina di combattenti di al-Nusra, tra cui il comandante Abul Baha al-Asfari. L'intera operazione di liberazione di Aleppo è ora nelle mani della Russia, che attualmente ha installato una zona no-fly per evitare le azioni illegali dell'occidente e i loro vassalli contro la Siria.

Continuiamo a sperare, lavorare e pregare per la pace definitiva in Siria.

Padre Daniel Maes

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.