Traduci

martedì 14 aprile 2015

Grido da Aleppo: basta con la distruzione e la desolazione! Basta essere un laboratorio per armi di una guerra devastante!

«Ovunque spavento, terrore, distruzione», la testimonianza del parroco di Aleppo




Terrasanta.net, 14  aprile 2015
di Carlo Giorgi

«È stato un massacro, una catastrofe, un atto omicida: bombardare con missili così potenti edifici in cui ci sono bambini, famiglie, gente che sta dormendo!». 

Fra Ibrahim Sabbagh, parroco latino di Aleppo, in Siria, suo malgrado è abituato ai bombardamenti. Ma descrive l’ultimo di cui è stato testimone, quello avvenuto nella notte tra venerdì e sabato scorso, come qualcosa di inaudito. Per la prima volta, infatti, l’artiglieria dei ribelli ostili al presidente Bashar Al Assad avrebbe bombardato il quartiere di Suleimaniye con missili Grad, dalla potenza distruttiva superiore a quelli usati fino ad ora, lasciando sul campo almeno 9 vittime e decine di feriti.

«Dopo il bombardamento, alla mattina presto, sono andato nel quartiere devastato», racconta fra Ibrahim. «Sono entrato nelle case, ho pregato con chi pregava... Ovunque c’era spavento, terrore, distruzione. Sono stato in una casa in cui due genitori stavano pregando e mi sono messo a pregare con loro... Solo dopo mi sono reso conto che aspettavano di conoscere la sorte dei due figli, sommersi dalle macerie, al piano superiore…».

Oltre che causare morti e feriti, il bombardamento di sabato ha prodotto pesanti ripercussioni di tipo psicologico: la potenza di fuoco, inaspettata, ha fatto pensare a molti cittadini di Aleppo che si sia vicini alla disfatta delle forze governative e all’arrivo in città del fronte islamista, come è già capitato in numerose regioni della Siria e dell’Iraq. A molti il bombardamento è sembrata la conferma che l’epicentro della guerra si sia spostato ad Aleppo e che qui si stia combattendo la battaglia decisiva per il controllo di tutta la Siria. Ciò ha causato la fuga precipitosa di molte delle famiglie fin qui rimaste: almeno 700 hanno abbandonato il quartiere di Suleimaniye, rifugiandosi nelle città costiere di Latakia e Tartus o in casa di amici, in quartieri vicini di Aleppo.

«Da parte nostra abbiamo avuto dei danni alla succursale della parrocchia – racconta fra Ibrahim –, e stiamo lavorando per sistemare i danni e tornare a celebrarvi la messa, per dare un segno di speranza ai cristiani. Ma a chi domanda se il nostro convento è stato colpito o danneggiato, rispondiamo che questa è l’ultima cosa a cui pensiamo! Noi pensiamo alla vita della gente; la cosa importante è la vita delle nostre famiglie! Siamo convinti che in alcuni momenti della storia la Chiesa può vivere anche senza gli edifici di pietra, la cosa importante è che ci sia una Chiesa fatta di uomini resi vivi dalla resurrezione di Gesù. Questo è sufficiente per riprendere a vivere».

La Custodia di Terra Santa, è presente ad Aleppo con quattro frati, che gestiscono una parrocchia nel quartiere di Azizieh (attiguo al quartiere bombardato di Suleimaniye) e un collegio (nel quartiere di Tour de Ville, all’ingresso della città). Considerata la situazione attuale, con un tragico e continuo precipitare degli eventi, i frati hanno deciso di trasformare il collegio di Terra Santa – oggi in una zona ancora relativamente tranquilla – in un luogo di accoglienza permanente, per famiglie di profughi.

«Ma l’accoglienza nel nostro collegio di Terra Santa è già cominciata – racconta fra Ibrahim –: un ospizio gestito dalla San Vincenzo de Paoli ci ha chiesto di farci carico dei suoi ospiti che non sanno dove andare…; domenica sono fuggiti dal loro quartiere e li abbiamo ricevuti noi: sono venti anziani e dieci infermieri. Poi stiamo dando accoglienza al clero: al momento ospitiamo un vescovo melchita con un suo sacerdote, fuggiti dalla loro zona; ma siamo disponibili a dare ospitalità a tutti i sacerdoti che potranno aver bisogno».
---
Fra Ibrahim Sabbagh, 44enne siriano di Damasco, era per studio in Italia fino allo scorso anno. Si è offerto di tornare in patria anche per collaborare con i suoi confratelli nell’assistenza spirituale e materiale ai fedeli. Ha lasciato Roma per la Siria nel novembre scorso. Prima di partire ha spiegato cosa lo spinga in questo breve video .





Il grido dei capi delle Chiese di Aleppo


Terrasanta.net | 14 aprile 2015

Riceviamo e rilanciamo dalla Siria, questo Comunicato stampa del Consiglio dei capi delle confessioni cristiane ad Aleppo, stilato ieri dopo giornate di aspri bombardamenti sulla città, avvenute la scorsa settimana, proprio in prossimità della Pasqua ortodossa che si è celebrata il 12 aprile, seguendo il calendario gregoriano delle Chiese d’Oriente.


Resurrezione del Salvatore o sepoltura dei fedeli?

Durante la settimana della Passione redentrice e dei giorni di Pasqua, la nostra città e il nostro popolo hanno sofferto un dolore intenso, una profonda angoscia e sconforto, la notte in cui sono stati presi di mira i quartieri civili della città con granate a razzo la cui capacità distruttiva non avevamo mai sentito e visto prima d’ora!
Siamo andati e abbiamo visto e abbiamo pianto: corpi estratti dalle macerie, brandelli attaccati alle pareti e sangue mescolato al suolo della patria! Decine di martiri di ogni religione e confessione, feriti e mutilati, uomini e donne, anziani e bambini. Abbiamo ascoltato il pianto delle vedove e i lamenti dei bambini e abbiamo visto il panico sui volti della gente.

Dal profondo della sofferenza e della grande angoscia, facciamo appello, gridando, alle persone di retta coscienza, nel caso ci sia qualcuno disposto ad ascoltare:  basta con la distruzione e la desolazione! Basta essere un laboratorio per armi di una guerra devastante! Siamo stanchi! Chiudete le porte della vendita di armi e fermate gli strumenti di morte e la fornitura di munizioni. Siamo stanchi!

Che cosa volete da noi? Ditecelo! Perché siamo stanchi!

Volete che restiamo: feriti e umiliati, mutilati e privati di ogni dignità umana?

Oppure che ce ne andiamo con la forza, e siamo distrutti manifestamente?

Ma noi vogliamo vivere in pace, cittadini onesti insieme agli altri figli di questo paese.

Noi non abbiamo paura del martirio, ma rifiutiamo di morire e che il nostro sangue sia il prezzo di un fine sospetto e meschino.

Noi rifiutiamo che vi sia la “Aleppo dei martiri” ma vogliamo che resti la “Aleppo al-Shahbah (letteralmente «la grigia», dal tipico colore dei suoi edifici - ndt)”, testimone della tenerezza, dell’amore e della pace, del perdono e del dialogo. Aleppo la città, il gioiello prezioso sulla corona del nostro Paese, la Siria, con tutte le sue componenti e la sua diversità di civiltà, culturale, religiosa e confessionale.

La misericordia ai nostri martiri, la guarigione ai nostri malati, la tranquillità nell’animo dei nostri figli e la sicurezza e la pace a tutti i nostri cittadini.
13 aprile 2015
(traduzione dall'arabo a cura della redazione)




Asianews, 14/04/2015 
.....
I vescovi cattolici hanno lanciato un appello alla comunità internazionale, perché intervenga a fermare il conflitto. Tuttavia, aggiunge il vicario di Aleppo, è proprio la comunità internazionale, sono le potenze in campo (Stati Uniti, Arabi Saudita, Turchia, Francia che forniscono armi, combattenti, addestramento militare e ideologico) che “soffiano sul conflitto e forniscono armi sempre più pesanti e letali ai combattenti”. 
“Abbiamo pianto nel vedere le sofferenze negli occhi della gente - racconta mons. Georges - i molti corpi sotto le macerie delle case crollate. Solo nella parte cristiana abbiamo già seppellito 12 persone, di cui quattro della stessa famiglia. Ma ci sono ancora diversi corpi sotto le macerie, oltre che diversi feriti gravi e temiamo che il bilancio si possa aggravare nelle prossime ore”. 
“Siamo stanchi della guerra, non mandate più armi” è l’appello del prelato, secondo cui è in atto “un progetto mirato” per “sradicare i cristiani” dalla Siria, dall’Iraq, dal Medio oriente. “Bombe e missili - aggiunge - non sono fatti per stuzzicare, ma per uccidere” e per far crollare il mosaico di convivenza e sentimenti comuni che era la Siria prima della guerra, dove cristiani e musulmani “vivevano uniti e senza tensioni di natura confessionale”. 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie