Traduci

lunedì 1 dicembre 2014

Turchia, rifugio inospitale per i cristiani residenti e rifugiati provenienti dall'Iraq e dalla Siria.

vita da profughi a Istambul
  Zenit.org,  Roma, 28 novembre 2014 - 
Sébastien de Courtois, Aiuto alla Chiesa che soffre

  Dall'inizio della guerra in Iraq nel 2003, e soprattutto dopo lo scoppio della guerra in Siria nel 2011, la Turchia è diventata il percorso di passaggio o la destinazione,  per centinaia di migliaia di profughi. Molti Cristiani di Iraq e Siria, e molti giovani, persone single, disposte a correre grossi rischi. Ai primi di novembre, una nave che trasportava immigrati clandestini provenienti dalla Turchia alla Bulgaria è affondata poco dopo l'ingresso nel Bosforo, nel suo  cammino verso la Bulgaria.
  La maggior parte dei rifugiati finisce in Istanbul, l’enorme  metropoli in grado di ospitare molte persone.
"E 'difficile sapere esattamente quanti cristiani ci sono, dal momento che né l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) nè le stesse Chiese  tengono alcune conteggio delle persone secondo l'appartenenza religiosa. Diamo il benvenuto a tutti coloro che sono nel bisogno e vengono da noi ", racconta  monsignor François Yakan, vicario patriarcale per i Caldei in Turchia, ad  “Aiuto  alla Chiesa che Soffre”.

 Molti rifugiati sognano di iniziare una nuova vita in Europa o in America. Ma ciò può richiedere molto tempo. Nel frattempo, in Turchia per i profughi non esiste il diritto ufficiale di lavorare.
"A volte bisogna aspettare anni, e questo è terribile per le famiglie che sono state divise e disperse in varie parti del mondo. Non posso trovare la soluzione a tutte le situazioni ", dice il vescovo, che lavora a stretto contatto con le Nazioni Unite, il governo turco e con  le organizzazioni umanitarie internazionali e locali.

 I principali paesi che offrono i visti sono USA, Canada e Australia. L'Europa ha chiuso i battenti, se non in circostanze del tutto eccezionali, come è successo questa estate (2014) quando la Francia e la Germania hanno aperto le loro  frontiere ai cristiani e yazidi espulsi da ISIS da Mosul e da altre città della piana di Ninive.

 Amer Bahnan è arrivato da Mosul con la sua famiglia. E’  qui da 18 mesi. "La vita era diventata impossibile per la mia famiglia in Iraq. Sono andato prima in Siria, poi in Libano e  infine sono venuto in Turchia ".  Amer aveva subito quattro operazioni  al cuore.

"Abbiamo vissuto per le strade dal 2008 ... Non sappiamo dove andare. In Iraq siamo stati privati di tutto, derubati; non abbiamo più  casa; né denaro, nè dignità,  niente. "

La maggior parte dei rifugiati vive in periferia, appena fuori la città, stipati in blocchi di appartamenti in affitto, che condividono tra diverse famiglie, spesso in condizioni antiigieniche. Una donna racconta la sua storia: "Sono vedova e ho cinque figli. 16 mesi fa siamo partiti da Duhok. L'ambasciata americana ha appena respinto la mia domanda.". Adesso vuole provare ad andare in Canada, dove  già vivono altri suoi fratelli. Nessuno della sua famiglia è rimasto in Iraq.

  I residenti Cristiani non sono in migliori condizioni
chiesa di Urfa
 Si ritiene che siano solo 100.000 i cristiani che vivono in permanenza in Turchia, una piccolissima frazione del totale di 75 milioni di abitanti del paese, che per la stragrande maggioranza sono musulmani sunniti. La percentuale della popolazione cristiana era molto più alta, ma la quantità è caduta durante il genocidio armeno e l’ omicidio di massa dei cristiani siriaci ortodossi tra il 1895 e il 1915, quando milioni di fedeli perirono. Ancora oggi, ci sono migliaia di chiese e monasteri sparsi in tutto il paese, molti dei quali in rovina e abbandonati.

 Oggi i cristiani in Turchia sono considerati 'stranieri' nel proprio paese, anche se c'è libertà di culto. Negli ultimi anni sono stati uccisi diversi sacerdoti cattolici e protestanti. Hrant Dink, giornalista turco di origine armena, ha subito la stessa sorte. Difensore del riconoscimento del genocidio armeno, e attivista per i diritti delle minoranze in Turchia,  è stato assassinato nel 2007. Una parte importante dell'opinione pubblica in Turchia sta ancora considerando i cristiani col sospetto di voler destabilizzare il paese.

 E’ in questo contesto che  Papa Francesco compie la sua visita pastorale in questo paese, dal 28 al 30 novembre. Certamente uno dei suoi obiettivi sarà quello di attirare l'attenzione sul passato cristiano turco, come testimoniano le città di Efeso e  Antiochia, che hanno  giocato un ruolo chiave nella vita e nella missione di S. Paolo. Inoltre il Pontefice rafforzerà ulteriormente le relazioni con il mondo ortodosso con l’ incontro con il Patriarca Ecumenico Bartolomeo.
______________________________________________________
  Sébastien de Courtois scrive per Aiuto alla Chiesa che Soffre Fondazione della Santa Sede che fornisce assistenza ai sofferenti e perseguitati della Chiesa in oltre 140 paesi.

http://www.zenit.org/en/articles/turkey-is-not-a-welcoming-home-for-christians-neither-residents-nor-refugees

http://www.aed-france.org/actualite/turquie-etre-un-refugies-chretiens-dirak-a-istanbul/

Francesco incontra i profughi: condizioni intollerabili, basta guerre


Istanbul, l'opera dei Salesiani per i rifugiati


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie