Traduci

sabato 29 novembre 2014

Mons. Audo sollecita Papa Francesco a sollevare la questione della fornitura di armi in Turchia


By Sarah MacDonald
Catholic News Service

  Il presidente della Caritas-Siria ha lanciato un appello a Papa Francesco perchè usi il suo  viaggio  del 28-30 novembre in Turchia per sollevare la questione della fornitura continua di armi che sono inviate attraverso il confine turco alle fazioni ribelli nel nord della Siria .

  Parlando al Catholic News Service a Dublino a fine novembre, il vescovo caldeo cattolico Antoine Audo di Aleppo ha avvertito che non ci potrebbe mai essere  una soluzione al conflitto siriano con la forza militare, come quasi quattro anni di violenza hanno dimostrato.

Si stima che quasi 200.000 persone  sono morte finora nel conflitto siriano. Secondo l'agenzia dei rifugiati delle Nazioni Unite , UNHCR, 9,3 milioni di persone in Siria hanno bisogno di assistenza. Ci sono 6,5 milioni di sfollati interni siriani e altri 2,5 milioni di rifugiati siriani nei paesi confinanti.

  "Aiutateci a realizzare la pace in Siria. Tutti stanno perdendo in questa guerra, ma tutti vinceranno con la pace e la riconciliazione. Aiutateci a trovare di nuovo la bellezza della convivenza",  ha supplicato il vescovo.

  Il sessantottenne presule è nato e continua a vivere in Aleppo, che si trova a soli 25 chilometri dal confine con la Turchia.

  Il vescovo, come molti in Siria, ritiene che gli Stati Uniti, la Russia, la Cina, l'Arabia Saudita, Turchia e Iran devono smettere di vendere armi alle varie fazioni coinvolte nel conflitto.

  Ha avvertito che la mancata promozione della pace e della riconciliazione potrebbe far sì che il conflitto giunga alle porte dei paesi occidentali.

Aleppo era un tempo una metropoli fiorente e uno dei centri più religiosamente variegati della regione. Tuttavia, gli estesi bombardamenti e i combattimenti brutali strada per strada tra i vari gruppi ribelli e le forze governative di Assad l'hanno ridotta a una parvenza di se stessa.

  "Con la guerra abbiamo perso tutto. La morte è diventata una cosa normale. Non vi è alcun valore della vita umana", spiega il Vescovo Audo . La città ha visto più di 3.000 morti da questo gennaio.

  "La povertà è ovunque, non c'è elettricità, non c'è acqua e nessun lavoro. Anche la classe media è povera, ad Aleppo. Medici e ingegneri vengono da me per chiedere un sacchetto di cibo. Ora anche vedere una mela è qualcosa di molto speciale," continua il Vescovo Audo .

 La popolazione cristiana di Aleppo prima del conflitto era di 150.000 suddivisa in 11 comunità.

  "Eravamo sei vescovi Cattolici, tre vescovi Ortodossi, e due denominazioni Protestanti -. Arabe e Armene. Avevamo tutti le nostre aree, ma ora tutto questo è distrutto. Più della metà della popolazione cristiana ha lasciato Aleppo..."

  "E' particolarmente triste per noi vedere i giovani che lasciano la Siria e vanno in Europa, Stati Uniti, Canada e Australia. Non possono rimanere con l'insicurezza, con la crisi economica e la mancanza di lavoro. Ognuno è diventato povero. Se non abbiamo la pace tutti i cristiani lasceranno il paese. Questa è la sfida ", ha avvertito.

Alla domanda se le radici del conflitto sono religiose, il Vescovo Audo ha risposto a CNS, "un sacco di terroristi stanno usando il nome della religione". Ha citato l'influenza dell'Arabia Saudita e dei petrodollari sunniti da un lato, e degli sciiti iraniani dall'altro, che si contendono la leadership del mondo arabo e musulmano.

  "Quindi ciò è religioso se si vuole chiamarlo religioso ... ma di un tipo religioso che è ideologico e politico.  Nell'Islam è tutto mescolato insieme, non fanno distinzione tra religione e politica come  nelle società secolari d'Europa.  Abbiamo questo stesso problema all'interno della Siria ", ha spiegato.

  Ha aggiunto che l'80 per cento del popolo siriano è sunnita, e molti degli elementi più estremisti hanno cercato assistenza dall' Arabia Saudita e dalla Turchia nel loro obiettivo di costituire uno Stato islamico retto con la legge della Sharia.

  Il vescovo ha detto che lo Stato Islamico mira a diffondere la violenza e la paura e terrorizzare la gente, ma ha aggiunto, "Non hanno alcun futuro come uno Stato islamico".

Il  Vescovo Audo ha detto che vede i cristiani come mediatori tra l'Occidente laico e il mondo islamico.
"Sono convinto che il Cristianesimo Orientale ha un grande ruolo da svolgere in Siria e in Medio Oriente, perché è in grado di dialogare con il mondo islamico, perché noi abbiamo un credo".
L'esodo permanente dei cristiani è dannoso non solo per il cristianesimo stesso, ma per quelle società in Medio Oriente che attualmente tendono a non distinguere tra politica e religione".

 Il Vescovo Audo ha affermato che egli crede che il cristianesimo ha un ruolo da svolgere nel fornire una comprensione più sfumata di cittadinanza e una maggiore accettazione delle differenze politiche e religiose.

  Esprimendo la sua preoccupazione per il Metropolita siro-ortodosso Gregorios Yohanna di Aleppo e il Metropolita greco ortodosso Paul Yazigi di Aleppo, che sono stati rapiti nell' aprile 2013 nel nord della Siria, ha detto, "Spero che non siano morti, ma la nostra situazione è così complicata all'interno della Siria - - Temo molto per loro ".

  Per ora, il Vescovo Audo ha detto che progetta di rimanere in Aleppo.
... "Aleppo è la mia città dove sono nato, dove sono cresciuto e ho studiato. Tutta la mia famiglia è di Aleppo. Più volte mi è stato chiesto quando me ne andrò da Aleppo, ma non voglio lasciare Aleppo - è il mio paese. Qui vivo e qui morirò con la mia gente ", ha detto.

http://www.catholicnews.com/data/stories/cns/1404958.htm

Francesco chiama la Turchia a collaborare per la pace


 

Nel suo discorso alle autorità politiche, il Papa auspica che da Ankara possa partire un cammino virtuoso per invertire la conflittualità che coinvolge tutto il Medio Oriente


Papa Francesco in Turchia: “Bandire ogni fondamentalismo e terrorismo”

Francesco ha rivolto il suo sguardo anche ai “gravi conflitti” che persistono in particolare in Siria e Iraq dove “la violenza terroristica non accenna a placarsi. Si registra la violazione delle più elementari leggi umanitarie nei confronti dei prigionieri e di interi gruppi etnici; si sono verificate e ancora avvengono gravi persecuzioni ai danni di gruppi minoritari, specialmente, ma non solo, i cristiani e gli yazidi: centinaia di migliaia di persone sono state costrette ad abbandonare le loro case e la loro patria per poter salvare la propria vita e rimanere fedeli al proprio credo”. 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie